RODARI racconta RODARI

Le note biografiche che seguono sono state pubblicate come parte della "Nota introduttiva" a "Filastrocche in cielo in terra", Einaudi - Gli Struzzi, Torino 1982, decima edizione. Sebbene non siano firmate è molto facile riconoscere nel loro tono lo spirito e la mano di Rodari, di cui infatti vengono riportati anche alcuni pensieri, e possono essere considerate un vero e proprio ritratto autobiografico dello scrittore piemontese.

"Materia prima" Rodari bambino

Gianni Rodari nato a Omegna (Novara), sul lago d'Orta, il 23 ottobre 1920, da genitori lombardi, della Valcuvia. Dal decimo al trentesimo anno vissuto in Lombardia, tra il Varesotto e Milano. Questo gli permette di dichiararsi, caso per caso, piemontese o lombardo, giocando su due tavoli, come del resto fa per mestiere, lavorando contemporaneamente come giornalista (a Roma, nel "Paese Sera") e come autore di libri per bambini. I quali, a loro volta, appaiono spesso giocati su due tavoli: sono senza dubbio libri "per bambini", ma non manca chi li considera libri, tout court, capitati solo per qualche disguido nello scaffale della letteratura infantile.