NOTIZIE

21 maggio 2015

Scuola, ecco le materie più insegnate in Europa

Eurydice, la rete di informazione sull'istruzione in Europa, ha analizzato il curriculum delle scuole dell'obbligo nei vari Paesi

di Simona Baggiani


Una recente analisi comparativa di Eurydice, la rete di informazione sull’istruzione in Europa, evidenzia che le materie maggiormente insegnate nei curricoli delle scuole europee sono la lingua di istruzione (lettura/scrittura/letteratura), la matematica e le scienze, discipline che sviluppano competenze chiave fondanti per qualsiasi apprendimento futuro. Per questa ragione, infatti, il Consiglio dei ministri dell'UE ha stabilito per il 2020 l'obiettivo per tutti i Paesi membri di ridurre la percentuale dei giovani quindicenni con scarse competenze in lettura, matematica e scienze al di sotto del 15%.

La percentuale di tempo dedicato all'insegnamento di queste tre materie varia nelle scuole europee dal 50% al 60% del monte orario complessivo dei rispettivi curricoli, con casi limite, come per esempio quello francese, in cui si arriva al 70% del curriculum dedicato all'insegnamento relativo a queste tre aree disciplinari.

Per quanto riguarda, invece, la percentuale di tempo dedicata all’insegnamento di ciascuna di queste tre discipline, spicca il caso della Grecia che, più di qualsiasi altro Paese europeo, dedica un'ampia percentuale di ore del volume totale del curriculum delle scuole secondarie obbligatorie all'insegnamento della lingua di istruzione (quasi il 26%), limitando a circa il 10% l'insegnamento della matematica, delle scienze e delle lingue straniere. Una situazione simile, anche se meno pronunciata di quella greca, si osserva anche per l'Italia.

In numerosi Paesi europei, inoltre, una buona parte del tempo di insegnamento delle scuole secondarie obbligatorie è dedicato allo studio delle lingue straniere. In Finlandia, per esempio, lo studio delle lingue occupa un posto particolarmente rilevante nel curriculum degli ultimi anni delle scuole comprensive, così come l'insegnamento delle scienze, tant'è che il monte orario dedicato a ciascuna di queste due materie oltrepassa significativamente quello dedicato all'insegnamento della lingua di istruzione e della matematica (percentuale dell'orario di insegnamento minimo raccomandato per l'insegnamento di lettura/scrittura/letteratura, matematica, scienze e lingue straniere (livello secondario obbligatorio) - 2014/2015).

Infine, se il volume orario obbligatorio dei curricoli della scuola dell'obbligo in UE è stabilito, nella maggior parte dei casi, da una normativa emanata dalle autorità educative centrali (fatta eccezione per la Scozia e l'Inghilterra), la flessibilità nella scelta delle materie da insegnare è una caratteristica che contraddistingue quasi tutte le scuole europee. Ciò significa che le scuole/autorità educative locali, o gli studenti, hanno la possibilità di scegliere – nell'ambito di parametri definiti a livello centrale – un certo numero di materie da studiare come parte del curriculum obbligatorio.

Flessibilità curricolare nell'orario di insegnamento obbligatorio 2014/2015






Per approfondire:



vedi tutte le notizie
LOGO ALERT

'Teach different!': l'Indire a EM&MITALIA2015

I ricercatori dell'Istituto sono protagonisti (online e in presenza) della multiconferenza di Genova su e-learning e media education.

di Costanza Braccesi

Dieci anni di eTwinning in Italia, tutti i numeri dal 2005

Pi¨ che raddoppiati negli ultimi tre anni gli iscritti alla piattaforma europea di gemellaggi elettronici fra scuole.

di Elena Maddalena

eTwinning, ripartono i seminari regionali di formazione

Appuntamento nelle scuole di tutta Italia per gli incontri sulla community di gemellaggio elettronico fra le scuole d'Europa.

di Lorenzo Mentuccia

IUL: aperte le iscrizioni al Master di II livello per i Dirigenti Scolastici

Il corso Ŕ organizzato insieme a Indire, UniversitÓ degli Studi di Firenze e Associazione Nazionale Dirigenti.

di Luca Rosetti

IUL: aperte le iscrizioni al Master in 'Musica Primaria'

Ideato insieme al Conservatorio di Musica 'Luigi Cherubini' di Firenze per i futuri docenti della scuola primaria e dell'infanzia.

di Luca Rosetti
iscriviti a indireALERT

archivio numeri precedenti