NOTIZIE

04 giugno 2015

Indire affronta la sfida dell'eccellenza col modello EFQM

L'Istituto ha conseguito il Committed to Excellence 1 stella da EFQM Bruxelles, la Fondazione che guida le aziende nel miglioramento delle performance

di Costanza Braccesi


L'Indire ha intrapreso un percorso di miglioramento continuo secondo il modello EFQM (European Foundation for Quality Management), una fondazione no profit nata nel 1988 che ha come mission ispirare gli enti pubblici e le società private nel raggiungimento di un’eccellenza sostenibile, attraverso il coinvolgimento dei leader nell'apprendimento continuo e nello scambio di buone pratiche.

L'Indire è membro della fondazione e punta a essere un esempio per il settore pubblico in Italia. Al momento, Indire ha conseguito il Committed to Excellence 1° stella da parte di EFQM Bruxelles. Il modello EFQM, seguito e sviluppato già da migliaia di realtà pubbliche e private di successo in tutto il mondo, ha i seguenti valori e obiettivi: sviluppare fiducia, lavorare in partnership, coinvolgere il personale ed essere appassionati di eccellenza.

L'EFQM propone un quadro di riferimento che aiuta gli enti e le aziende a trasferire nella pratica i princìpi fondamentali dell'eccellenza, ovvero ciò che un'organizzazione fa, il modo in cui lo fa, gli obiettivi che raggiunge, insieme alla fondata certezza di poterli sostenere nel tempo. EFQM offre la possibilità di misurare e valutare le scelte strategiche, evidenziare i punti di forza e le aree di miglioramento, individuare le priorità di intervento, condividere le migliori pratiche con le altre organizzazioni. Per garantire la sostenibilità dei risultati, deve emergere con chiarezza come tutte le attività di un ente e le modalità in cui esse vengono condotte poggino su basi solide, siano gestite sistematicamente e vengano sottoposte a riesame e miglioramento continuo. Nel modello EFQM, l'azienda viene analizzata in base a molti elementi che vengono poi raggruppati in nove criteri principali, ciascuno con un proprio peso. Il voto ottenuto rispetto a ogni criterio contribuisce poi alla valutazione finale dell'azienda.

I criteri sono raggruppabili in due macroaree:

Fattori abilitanti, ovvero cosa fa l'azienda per raggiungere buoni risultati: leadership (intesa cultura e coinvolgimento dei vertici aziendali), gestione del personale, strategie, gestione delle risorse e collaborazioni, processi, prodotti e servizi.

Risultati, soddisfazione del personale (crescita, motivazione e coinvolgimento), soddisfazione del cliente, impatto sulla società, risultati economici e finanziari.

L'iniziativa di EFQM Italia potrà contare sul supporto di Telecom Italia, Bosch, Electrolux, Ricoh, Grundfos, Comer Industries, Pirelli, ENI, Università di Roma “Tor Vergata”, GSK e Indire.

EFQM apre in questi giorni a Milano un ufficio di rappresentanza, che sarà pienamente operativo dal mese di luglio, per aiutare le organizzazioni italiane nel percorso verso l’eccellenza sostenibile, condividere le buone pratiche e sviluppare iniziative nazionali con prodotti e servizi mirati.

Per informazioni: www.efqm.org

 

 

 

vedi tutte le notizie
LOGO ALERT

'Teach different!': l'Indire a EM&MITALIA2015

I ricercatori dell'Istituto sono protagonisti (online e in presenza) della multiconferenza di Genova su e-learning e media education.

di Costanza Braccesi

Dieci anni di eTwinning in Italia, tutti i numeri dal 2005

Pi¨ che raddoppiati negli ultimi tre anni gli iscritti alla piattaforma europea di gemellaggi elettronici fra scuole.

di Elena Maddalena

eTwinning, ripartono i seminari regionali di formazione

Appuntamento nelle scuole di tutta Italia per gli incontri sulla community di gemellaggio elettronico fra le scuole d'Europa.

di Lorenzo Mentuccia

IUL: aperte le iscrizioni al Master di II livello per i Dirigenti Scolastici

Il corso Ŕ organizzato insieme a Indire, UniversitÓ degli Studi di Firenze e Associazione Nazionale Dirigenti.

di Luca Rosetti

IUL: aperte le iscrizioni al Master in 'Musica Primaria'

Ideato insieme al Conservatorio di Musica 'Luigi Cherubini' di Firenze per i futuri docenti della scuola primaria e dell'infanzia.

di Luca Rosetti
iscriviti a indireALERT

archivio numeri precedenti