Questo sito è graficamente più gradevole se visto con un browser (Internet Explorer, Netscape, Opera ecc) che supporta gli standard web, anche se è accessibile con qualsiasi browser o dispositivo internet.

logo DIADia - home

BANCADATIndire

Banca dati di Immagini per la Didattica
logo indireIndire


Enti fornitori

In accordo con le finalità generali del progetto DIA sono stati contattati archivi fotografici, fondazioni, musei e altri enti, pubblici e privati, per ottenerne immagini didatticamente significative da inserire nella banca dati.

BFMF: Biblioteca dei Frati Minori Francescani di Firenze

Ente di appartenenza Ordine dei Frati Minori – Provincia Toscana

Direttore P. Paolo Fantaccini

Indirizzo Via A. Giacomini, 3

CAP e città 50132 Firenze

Stato Italia

Telefono 055-572713


Sito web www.ofmtoscana.org/htm/biblioteche01.htm#bp
            http://opac.comune.fi.it/easyweb/w2001/index.php?scelta=campi&&biblio=RT10BF&lang=
            (catalogo on line della Biblioteca)

eMail biblio.antico@ofmtoscana.org

ALTRE NOTIZIE

La biblioteca è costituita da un fondo antico e un fondo moderno. Mentre quest’ultimo è andato naturalmente incrementandosi con acquisti di monografie e riviste fin dal momento della costituzione del nuovo convento francescano in via Giacomini (1929), il fondo antico strutturalmente si è composto anch’esso in quel periodo, ma affonda le sue radici nel passato e in territori diversi. La formazione della biblioteca dei libri antichi è cominciata quando i frati iniziarono a sentire l’esigenza di salvaguardare un patrimonio considerevole oramai in pericolo. La chiusura di molti conventi toscani, le condizioni spesso disagiate di biblioteche conventuali di campagna, i numerosi furti, avviarono quel lento processo di concentrazione dei fondi librari verificatosi anche per altri ordini religiosi. La sede della Provincia Toscana dei Frati Minori in via Giacomini venne così individuata come il luogo “rifugio” dove raccogliere l’eredita libraria dei conventi chiusi o non più abitati. I volumi iniziarono dunque ad arrivare alla biblioteca attraverso trasferimenti in massa o, in altri casi, si scelse di traslocare solo una parte del fondo, cioè i volumi più preziosi: manoscritti, incunaboli e cinquecentine. Attualmente il patrimonio della biblioteca è costituito da oltre 70.000 volumi di cui circa 15.000 appartengono al fondo antico.