Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
DOCENTI ALL'ESTERO

Come costruire l'integrazione culturale

I finanziamenti europei per i progetti interculturali. Una guida tra i programmi e i moduli di partecipazione

di Francesco Proia
08 Novembre 2004

Per un docente spiegare e far accettare le differenze culturali divenuto un obiettivo formativo principale, che non pu prescindere dai tradizionali insegnamenti.
La comprensione culturale, per, non pu basarsi unicamente - su lezioni isolate e promosse dalla coscienze personali degli insegnanti.

Archivio Dia, IndireL'Unione Europea, infatti, avendo intrapreso il pi grande allargamento della sua storia - con 450 milioni di Europei di diversa estrazione etnica, culturale e linguistica - prevede diversi piani d'azione a seconda dei diversi ambiti di intervento.
I principali strumenti di cui dispone l'Unione in questo campo sono i suoi programmi di finanziamento, e in particolare quelli nei campi dell'istruzione, della formazione e della cultura .

I programmi Socrates e Leonardo da Vinci investono complessivamente oltre 30 milioni di euro all'anno in azioni specificamente finalizzate all'integrazione culturale.

Orientarsi tra i diversi moduli, iscrizioni e requisiti daccesso pu risultare complesso se non chiaro il risultato che si desidera raggiungere.

Sar pi importante che mai che i cittadini, dai docenti agli studenti, abbiano le capacit necessarie per capire i loro vicini e comunicare con loro.
  
Uno dei principali ostacoli, per esempio, per una reale integrazione sicuramente la reciproca comprensione: la lingua, infatti, il primo ponte da costruire in una comunit interculturale.

Lingua, non a caso, il titolo di un programma per la promozione dellapprendimento delle lingue e della diversit linguistica.
L'obiettivo chiave di questo progetto consiste nell'estendere a tutti i cittadini i vantaggi dell'apprendimento delle lingue.
Le conoscenze linguistiche sono infatti parte integrante delle competenze fondamentali che ogni cittadino deve avere ai fini della formazione, dell'occupazione, degli scambi culturali e della realizzazione personale.

Allinterno di questo programma sono previsti, tre obiettivi e tre rispettive aree di intervento.

Per prima cosa si intende sensibilizzare i cittadini sulla realt multilinguistica dell'Unione e sui vantaggi che derivano dall'apprendimento delle lingue lungo tutto l'arco della vita.
Si vuole incoraggiare lo studio delle lingue, attraverso campagne di informazione, concorsi, premi, attestati di qualit studi e analisi rivolti al grande pubblico, ma anche a gruppi specifici come genitori o insegnanti.

Favorire l'accesso dei singoli all'apprendimento delle lingue , invece, la seconda area di intervento in cui sono previsti finanziamenti dallUnione Europea: progetti pilota, tra cui lo scambio d'informazioni e la creazione di reti tra centri risorse per l'apprendimento delle lingue, come i Club Linguistici, sono tra le attivit maggiormente apprezzate.

Lultimo obiettivo nel programma Lingua rivolto infine ai responsabili politici e ai funzionari pubblici di alto livello affinch promuovano lo scambio e la diffusione di informazioni tra i responsabili delle decisioni in materia di istruzione.

Il contributo comunitario varia sensibilmente da un progetto all'altro e sar, in ogni caso, un "cofinanziamento" dei costi previsti. E' necessario quindi che i promotori dispongano di altre risorse e ne indichino la provenienza nel modulo di candidatura.
La sovvenzione verr accordata all'istituto che coordina il progetto a livello transnazionale, il quale sar responsabile dell'intera gestione del progetto sia per quanto riguarda la realizzazione delle attivit che per quanto riguarda l'utilizzo dei fondi.
E' bene quindi che il coordinatore concordi fin dall'inizio con i partner il modo in cui ciascuno contribuir al progetto, la parte della sovvenzione che gli verr accordata e le risorse aggiuntive di cui potr disporre.

Naturalmente la lingua, non lunico strumento per promuovere lintegrazione culturale. Comenius, altro progetto allinterno del macro programma Socrates, mira a migliorare la qualit e a rafforzare la dimensione europea dellistruzione scolastica incoraggiando la cooperaione transnazionale tra le scuole e gli istituti che partecipano alla formazione degli insegnanti, promuovendo la mobilit e la coscienza interculturale del personale docente.

La Comunit Europea prevede un importo standard per la preparazione linguistica di insegnanti e alunni, per le attivit del progetto (carta, materiale per attivit scolastiche ed extra scolastiche, biglietti dingresso a musei, spese di trasporto, ecc.) e un importo variabile, che rappresenta un contributo alle spese di viaggio e soggiorno, lassicurazione e un indennit giornaliera massima per il personale.
Per accedere ai finanziamenti, il progetto proposto deve essere conforme ai criteri di eleggibilit e rispondere a una serie di quesiti allinterno della domanda di candidatura.

Naturalmente anche per gli studenti lUnione Europea prevede programmi mirati, infatti tra tutti i progetti di Socrates, Erasmus probabilmente il pi famoso. Diretto a migliorare la qualit e a rafforzare la dimensione europea dellistruzione superiore, questo promuove gli scambi transnazionali degli studenti.

Ma se dellErasmus molti sono a conoscenza, pochi sanno che il Parlamento e il Consiglio Europeo hanno presentato alla Commissione Europea una proposta, che supera i confini geografici europei: lErasmus World.Archivio Dia, Indire

Aver compreso la necessit di non porre confini allintegrazione culturale sicuramente un passo importante per una reale globalizzazione del sapere.

Se per lErasmus rivolto agli studenti universitari, esiste anche Giovent: un programma di educazione non formale che promuove progetti europei di mobilit giovanile internazionale di gruppo e individuale, l'apprendimento interculturale e le iniziative locali dei giovani di et compresa tra i 15 e i 25 anni.
I destinatari del programma sono i gruppi di giovani, le organizzazioni giovanili, gli animatori giovanili, le autorit locali, le organizzazioni operanti nel terzo settore, tutti coloro che lavorano con e per i giovani.

Per concludere la panoramica dei progetti finanziati dalla Comunit Europea necessario ricordare che prevista la possibilit di presentare un proprio progetto attraverso la sezione Azioni Congiunte.
Si tratta di attivit che, pur non rientrando nella sfera d'azione di SOCRATES, LEONARDO, GIOVENT, possono valorizzare la complementarit tra questi programmi.

Gli argomenti e le informazioni per partecipare sono comunicati tramite appositi Inviti per presentare le proposte, che la Commissione europea pubblica periodicamente.
Per la ricerca dei partner si pu utilizzare l'apposito Forum fornito da Eurodesk su incarico della Commissione.

Oltre ai programmi europei durante lanno possibile rintracciare progetti e concorsi, a livello nazionale o regionale, che promuovono lintegrazione culturale nella scuola.

Esiste, per esempio, una normativa del Ministero della Pubblica Istruzione, che regola gli scambi internazionali delle classe o lospitalit di studenti stranieri in Italia.

Inoltre per un confronto pi personale, un consiglio, uno scambio di materiale o un approfondimento, ci si pu rivolgere direttamente ai molti dirigenti scolastici, docenti e volontari che ormai hanno un'esperienza pluriennale.

 
Articoli correlati

Non sono presenti articoli correlati
di ( )