Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LEARNING OBJECTS

Learning object: storia di un oggetto in mutamento

Informazione qualunque differenza che generi differenze

di Valentina Tiracorrendo
05 Novembre 2004

Come noto luso dei L.O. trova la propria origine nel paradigma della programmazione Object Oriented usata nel settore informatico, in cui vengono creati Archivio Dia Indirecomponenti ("objects") indipendenti l'uno dall'altro, che possono essere riutilizzati in contesti diversi grazie al loro riassemblaggio di volta in volta nuovo; ma l'idea del L.O. nasce da un suggerimento di Reigeluth e Nelson che prendono ad esempio proprio gli insegnanti, i quali, accedendo per la prima volta ai materiali didattici, si trovano spesso costretti a scomporli in tanti pezzi che poi riassemblano adattandoli alle proprie esigenze d'insegnamento.
Il L.O. si configura quale intersezione nodale di due percorsi di ricerca evidentemente non paralleli: quello delle tecnologie per la didattica utilizzate ed utilizzabili nella didattica, con connotazione prevalentemente tecnologica, e le tecnologie didattiche che identificano invece un settore interdisciplinare di riflessione sui processi didattici.
Cercheremo quindi di ripercorrere brevemente i luoghi salienti di questi itinerari di studio per comprendere come lindividuazione, non ultima quella, in fieri, terminologica, del Lerning object costituisca il significativo risultato della condivisione delle esperienze di e-learning.
Le-learning, definita dalla Commissione Europea listruzione di domani, una nuova modalit di apprendimento resa possibile dalle tecnologie dellinformazione e della comunicazione. Con tale espressione si indica limpiego della tecnologia per progettare, distribuire, selezionare, amministrare, supportare e diffondere la formazione, realizzando percorsi formativi personalizzati.
Ci che oggi individuato con il termine e-learning si configura quale frutto della integrazione di due diversi campi di sperimentazione: la formazione a distanza (FAD) e levoluzione delle tecnologie della comunicazione. Concorrono a connotare il significato del termine e-learning, da un lato levoluzione delleducazione a distanza verso modelli didattici di tipo open, dallaltro la progressiva affermazione di modelli teorici ed epistemologici che propongono una formazione incentrata sulla personale costruzione dei saperi, dal costruttivismo alle teorie sullapprendimento attivo e coinvolto (active learning, engaged learning). Un ulteriore apporto proviene dalla cosiddetta psicologia umanistica (Fromm, Maslow, Rogers) che, nel proporre lassunto in base al quale gli esseri umani aspirano allautorealizzazione, ha portato quale conseguenza sul piano pedagogico e didattico un radicale cambiamento nellatteggiamento del docente, fino a modificare il proprio ruolo in quello di facilitatore.
Le tecnologie per la didattica intese in un primo momento come scienza dei mezzi, si sono concentrate sullo studio delle caratteristiche e delle possibilit dei vari mezzi audiovisivi, intesi come strumenti (hardware). Soltanto in un secondo momento si invece preso in considerazione il materiale didattico (software). L'attenzione, inizialmente centrata sulle caratteristiche della macchina, e sui suoi impatti nei processi formativi si estesa successivamente al processo di comunicazione uomo-macchina; verso la fine degli anni Sessanta i modelli di comunicazione sviluppati hanno iniziato ad essere considerati come componenti di un vero e proprio sistema didattico. Parallelamente gli aspetti tecnologici nello sviluppo delle interfacce uomo-macchina hanno comportato il passaggio dai terminali alfanumerici alla realt virtuale: le interfacce, caratterizzate per molti anni dallaspetto puramente testuale e da linguaggi con sintassi rigide, gradualmente hanno assunto l'aspetto organizzativo basato su finestre, men a tendina ed icone evocative. Oggi le interfacce sono diventate multimediali ed in fine virtuali: il computer  quindi crea una realt sua propria e non semplicemente sue rappresentazioni simboliche; e le funzionalit delle applicazioni, nel tempo, sono diventate accessibili anche per quanti non possiedono competenze tecniche. 
All'inizio degli anni Sessanta risalgono le prime elaborazioni di modelli di progettazione di interi corsi non orientati alla sola istruzione programmata.
Gradualmente si determinato il passaggio da istruzione programmata a programmazione dell'istruzione. Verso la fine degli anni sessanta si registra quindi un primo sostanziale ripensamento delle tecnologie per la didattica: non pi soltanto scienza dei mezzi ed istruzione programmata ma applicazione sistematica di conoscenze scientifiche (mediate dal campo della psicologia e della teoria della comunicazione) ai compiti pratici dell'educazione.
Questo processo emblematico della apertura della ricerca dai problemi microscopici legati a particolari aspetti del processo didattico a quelli macroscopici legati alla progettazione e valutazione di interi corsi e curricula.
Intelligenza artificiale e psicologia cognitiva nel tempo hanno infatti costruito modelli dello studente e della conoscenza sempre pi evoluti relativamente a diverse tipologie di conoscenza e a diversi contesti disciplinari. E questa estensione della conoscenza nel settore dei processi cognitivi costituisce il contributo pi importante dell'intelligenza artificiale alla didattica.
Il primo esempio di FAD, pu essere individuato nelle scuole per corrispondenza, nate gi nell'ottocento negli USA e in Canada, con il fine di fornire un'istruzione di base ed una preparazione professionale difficilmente acquisibili presso istituti di formazione, spesso assai distanti dai piccoli centri abitati, e basata sull'invio per posta di libri e dispense, e sullutilizzo di test per la verifica. Soltanto con la nascita del mezzo televisivo, sul finire degli anni cinquanta, si passati ai cosiddetti FaD "di seconda generazione" basati sull'uso di lezioni preregistrate su cassette audio e video e, in seguito, software didattici, CD-ROM, e-mail ed altri supporti. Quella in corso, detta FaD "di terza generazione, si avvale delle reti telematiche, sfruttando tutte le risorse dell'ICT (Information & Communication Technology) ed in continua evoluzione. In dieci anni si passati quindi dai corsi fruibili su supporti non in linea come il CD-ROM, ai corsi su siti web dedicati e, infine, alla suddetta "terza generazione" di formazione a distanza che si caratterizza per la natura intrinsecamente decentralizzata e modulare delle risorse reperibili su Web.
Lidea di raccogliere risorse digitali utilizzabili per la didattica risale ai primi anni novanta, suggerita dal presupposto di una scindibilit tra strategie didattiche e contenuto, il quale avrebbe potuto essere intercambiabile allinterno di un precostituito percorso di istruzione (Institutional Transaction Theory).
Il concetto di "oggetto di apprendimento" o "Learning Object" nato dalla necessit di nuovi  modelli modulari di rappresentazione della conoscenza e di descrizione dei contenuti condivisibili, proprio per superare il limite di una inefficace rigidit nellutilizzo di Internet come mero veicolo di pacchetti formativi precostituiti in ambienti software appositamente strutturati. Ci che distingue la "terza generazione" della FAD dalle precedenti infatti lo spostamento dell'attenzione dai contenuti erogati ai processi che realizzano l'apprendimento. Il concetto chiave intorno al quale ruotano tutti gli aspetti del processo quello dell'interazione, definibile come possibilit che ha il discente di intervenire in un percorso didattico ed essere a sua volta influenzato efficacemente. Il percorso che ha portato alla maturata condivisione di questi assunti teorici e metodologici nellambito della progettazione della didattica, e pi ampiamente della costruzione di modelli di rappresentazione della conoscenza, trova le sue radici nella storia recente di modelli teorici ed epistemologici dei quali andremo brevemente a ricordare le tappe salienti.Archivio Dia Indire Le prime macchine per insegnare di cui si ha notizia risalgono agli anni venti del Novecento e sono nate alla Ohio University per opera dello psicologo Sidney Pressey. Nel 1954 viene pubblicato il famoso articolo di Skinner "The Science of Learning and The Art of Teaching" che segn l'inizio di una fioritura di studi sull'istruzione programmata e sull'impiego di macchine nei processi di apprendimento. Larticolo suggeriva infatti un raffronto tra gli studi di laboratorio relativi alle modifiche comportamentali degli animali ed analoghe pratiche che avrebbero potuto migliorare l'educazione. Il comportamentismo stata infatti la prima teoria di riferimento della storia delle tecnologie didattiche; nata dalle ricerche sul condizionamento del comportamento animale sosteneva che l'apprendimento umano potesse essere influenzato attraverso il rinforzo positivo, ovvero le conseguenze positive alle azioni compiute. Secondo il comportamentismo quindi il condizionamento costituisce una componente della condotta umana che pu interagire con le attivit intellettuali astratte e che pu essere intenzionalmente e liberamente utilizzata dall'uomo .
Da allora il settore disciplinare della Educational Technology si sviluppato rapidamente soprattutto nel mondo anglosassone. In Italia invece il termine tecnologie didattiche compare solo agli inizi degli anni settanta a testimonianza di un interesse tardivo per questo settore di ricerca.
Nel corso degli anni sessanta viene elaborata una parallela rappresentazione strutturale del sapere, quella del cognitivismo, radicalmente opposta a quella comportamentista, che individua stadi progressivi nel processo di apprendimento configurando un nuovo approccio alla stessa psicologia dell'appredimento: nellambito della progettazione dei processi di apprendimento il cognitivismo individua un efficace campo di indagine piuttosto che nel conseguimento degli obiettivi, in quei fattori cognitivi che ne favoriscono il raggiungimento (per esempio atteggiamenti e stati mentali), mettendo a fuoco una serie di parametri qualitativi (trasferibilit, ricadute, connessione, significativit per il discente, etc.) oltre che quantitativi, quali elementi di valutazione di un progetto di apprendimento.
Una declinazione del cognitivismo, il costruttivismo, di cui Piaget riconosciuto uno dei principali teorizzatori, al concetto di un sapere oggettivo e sovrapersonale, derivante da un processo di travaso della conoscenza dalla mente del docente, o dalla macchina, a quella dello studente, sostituisce lidea di saperi individuali, per stadi progressivi, frutto di una interpretazione della propria esperienza, in base alla quale l'apprendimento visto come un processo attivo in cui il significato si sviluppa sulla base dell'esperienza. I principali aspetti del pensiero costruttivista possono essere sintetizzati nei seguenti punti (Merril, 1991):

  •  sapere come costruzione personale
  •  apprendimento attivo
  •  apprendimento collaborativi
  •  importanza del contesto
  •  valutazione intrinseca

Gi dalla fine degli anni settanta, attraverso la riscoperta degli ultimi studi di Vygotsky degli inizi degli anni Trenta, era emersa l'importanza dell'interazione con gli altri e con gli aspetti culturali e sociali dell'ambiente per lo sviluppo cognitivo e psicomotorio. Elemento cardine del Costruttivismo, l'apprendimento collaborativo, contestualizza i saperi individuali nella loro reciproca e costruttiva interazione. Lungo questo tracciato nel 1989 compare lespressione Situated Learning (Brown, Collins e Duguid) ad indicare una conoscenza intrinsecamente collegata all'ambiente; non oggettiva, ma soggettiva il cui processo di apprendimento pu verificarsi soltanto allinterno di quelle comunit che praticano tale conoscenza o in cui quella conoscenza inserita. Da questa concezione deriva anche il riconoscimento del limite di un insegnamento scolastico, i cui contenuti risultano spesso disgiunti dalle culture in cui sono naturalmente inseriti. Ne consegue inoltre che anche la valutazione dellapprendimento deve essere integrata con il processo stesso di costruzione della conoscenza e non invece costituire un attivit separata.
Oggi la ricerca volta tuttavia ad interpretare il costruttivismo in una molteplicit di contesti e domini di contenuti distinti, nellottica di un superamento delle semplificazioni e delle inadeguatezze di posizioni estreme ed inconciliabili che ne hanno limitato l'applicabilit alle situazioni di apprendimento reale. La ricerca si sta muovendo attraverso proposte locali. Nel settore della progettazione didattica molto difficile infatti assumere in toto i principi del costruttivismo ed ipotizzare lassenza di una qualche realt esterna, sostenendo che l'apprendimento sia una interpretazione personale del mondo; e che non ci possano essere categorie di obiettivi didattici indipendentemente dal dominio dei contenuti. Bisogna, come ci suggerisce Robert McCormick, operare una distinzione: Nella prospettiva del costruttivismo piagetiano, si ha apprendimento e creazione di conoscenza dalla risoluzione del conflitto cognitivo che si crea tra due interlocutori, risoluzione che Jean Piaget colloca a livello individuale. Nella prospettiva del costruttivismo sociale, invece, la risoluzione di questo conflitto una creazione sociale. [] Ma non la nuova tecnologia a creare una nuova visione dell'apprendimento e della conoscenza [] non basta dare a una comunit di apprendimento uno strumento che tecnologicamente risponde a principi collaborativi e del costruttivismo sociale per avere di per s un apprendimento sociale. Deve essere la comunit stessa che diventa promotrice di forme diverse di apprendimento e che solo successivamente, in un secondo momento, si dota e fruisce degli strumenti adeguati.
Per tornare ai Learning Objects va osservato quindi che lo stato attuale della ricerca ancora distante dal realizzare un sistema integrato ed intelligente in grado di costruire, in modo flessibile ed al contempo completo, moduli didattici su misura, attraverso i L.O.. Da un punto di vista educativo inoltre non si considera sufficiente giustapporre semplicemente moduli su moduli per costruire ununit didattica efficace, in quanto devono necessariamente essere ricostruiti nessi e riferimenti ai nodi strutturali di una rete di concetti riconosciuti, propri allargomento che si sta trattando, in modo da fornire una continuit funzionale agli obbiettivi educativi stabiliti.
Non c un parere condiviso sulla quella che deve essere lestensione di un oggetto didattico, se un singolo asset cio possa gi costituire un oggetto didattico oppure la parte atomica della molecola del L.O. . Altra questione aperta in merito alla esplicitazione del modello teorico di riferimento ed alle forme della sua comunicazione e localizzazione nei metadata; secondo alcuni possibile parlare di 'riuso' solo per gli asset, gli Oggetti pi granulari, decontestualizzati e quindi adattabili a diversi modelli teorici. Altri sostengono invece che oggetti didattici molecolari e pi in generale ambienti formativi dei quali viene esplicitato il modello teorico di riferimento non comportano un conflitto cognitivo riusati in diversi contesti o da diversi insegnanti. In questa ottica infatti la figura mediatrice dellinsegnante risulta imprescindibile, prefigurando una soluzione di blended learning, e il suo incontro con un modello teorico inconsueto, contenuto nel L.O., potrebbe risolversi in un valore aggiunto.Archivio Dia Indire

Bisogna nondimeno tenere conto che fino a qualche anno fa pochi erano ancora a conoscenza dell'esistenza di specifiche internazionali per i metadata e, sul fronte metodologico, si ignoravano spesso le stesse teorie di riferimento.
Nel biennio 2000/2001, in brevissimo tempo, nella comunit che gravita intorno all'e-learning si verificata una progressiva convergenza verso comuni riferimenti teorici, la decisa consapevolezza dell'utilit e della standardizzazione delle piattaforme, una crescente sensibilit verso gli ambienti di apprendimento supportati da Tutor, una comune tendenza a sfruttare i punti di forza del Blended Learning nel superamento di una rigida contrapposizione fra formazione a distanza e in presenza.
Insomma si riconosciuta la centralit dei contenuti e dell'utente come punto di riferimento delle proprie azioni.
Ma la stessa definizione di Learning Objects risulta ancora controversa, il termine ha assunto nel corso del tempo significati sempre pi ampi e la storia ben lungi dal terminare. Le difficolt di una partecipata terminologia relativa agli oggetti didattici sono sintomatiche del delicato rapporto, giocato sul filo del rasoio delle tecnologie, tra lesigenza di favorire distinti stili di apprendimento/formazione e listanza del riconoscimento di basi di conoscenze progettate condivisibili e riutilizzabili concretamente nel mondo reale.

di Valentina Tiracorrendo, Indire Comunicazione

Editing a cura di Francesco Vettori, Indire Comunicazione

 
Articoli correlati

Learning Object: dal dire al fare
di Massimo Faggioli (18 Luglio 2005)

La dittatura dei learning object
di Giovanni Biondi (16 Dicembre 2004)

Learning Object: parola agli insegnanti
di Antonio Sofia (10 Dicembre 2004)

Note di Antonio Fini sui Learning Object
di Francesco Vettori (03 Dicembre 2004)

Puntoedu, ambiente di apprendimento
di Silvia Martinucci (23 Novembre 2004)

Officina Puntoedu
di Giusy Cannella (23 Novembre 2004)

L.O.: messa a fuoco!
di Valentina Tiracorrendo (05 Novembre 2004)

Oggetto didattico, questo sconosciuto
di Marisa Trigari (05 Novembre 2004)

Costruire oggetti didattici con le banche dati Indire
di Silvia Panzavolta (20 Ottobre 2004)

Peer education: l'educazione tra pari che passa conoscenze
di Silvia Panzavolta (08 Ottobre 2004)

Oggetti Didattici: la valutazione degli insegnanti
di Silvia Panzavolta (29 Settembre 2003)

Come cambierà il tuo lavoro di insegnante con gli Oggetti Didattici?
di Francesca Sbordoni (29 Settembre 2003)

Learning Object, oggetti didattici per l'e-learning
di Silvia Panzavolta (01 Gennaio 2003)