Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LINGUAGGI DELLA COMUNICAZIONE

Nuovi linguaggi: scrivere, leggere, interagire

Un'esperienza di relazione educativa dai portali di scrittura creativa

di Antonio Sofia
12 Novembre 2004

Alfa Omega, Corrado D'Ottavi, 1960. Immagine tratta da Dia, IndireLeggere, scrivere e far di conto.
Un tempo gli obiettivi della scuola erano impressi in queste tre azioni concrete e rassicuranti.
Ma con l'aumento delle conoscenze di carattere psico-pedagogico, e le conseguenti implicazioni tra sapere e saper fare, agli anni della scuola stato attribuito un valore ben differente.

Si compreso che, affacciandosi con la vita scolastica per la prima volta in societ senza i genitori, il bambino, la bambina, cercano di arrivare a definire la propria identit e di ottenere il riconoscimento della stessa al di  fuori della comunit familiare. Il momento dell'apprendimento  stato progressivamente scoperto come tempo organico della formazione e l'acquisizione delle conoscenze come trasmissione mai neutra, mai distinta dalle dinamiche psicologiche ad essa sottese.

Se queste sono le coordinate attraverso cui la scuola interpreta il suo ruolo, all'interno della scuola gli insegnanti si trovano a dover instaurare con gli alunni e gli studenti una relazione educativa non pi semplicemente fondata sulle tre istruzioni di cui sopra.
Di questa nuova figura si occupa costantemente la preparazione specialistica delle figure competenti all'insegnamento in ogni suo grado ovvero l'opera di riforma della scuola nelle sue metodologie, nelle sue strutture e istituzioni. Tuttavia possibile verificare un ulteriore cambiamento a conseguenza di questo primo intervento, gi sedimentato negli anni: cambiano gli obiettivi e le prassi della scuola, cambiano gli insegnanti, ma ancor pi risulta in divenire la percezione che gli studenti hanno dei loro insegnanti.

Parlano per noi, Corrado D'Ottavi, 1978. Immagine tratta da Dia, IndireIn questo senso l'utilizzo delle nuove tecnologie sembra avere l'effetto di avvicinare docente e discente, sempre pi spesso chiamati a intervenire in sistemi di formazione in rete dove  facile che si creino i presupposti di una comunicazione svincolata dalla formalit, dalla diffidenza connaturate a un rapporto implicitamente verticale.  
Oltre alle proposte che vengono dalle stesse strutture scolastiche, spesso rivolte ad arginare attraverso piattaforme online il fenomeno della dispersione scolastica, esistono gi nella rete situazioni in cui l'et, il ruolo, la stesso posizionamento nello spazio, non caratterizzano in maniera decisiva la relazione interpersonale in cui un ragazzo o una ragazza e un insegnante si possono trovare coinvolti: community, forum, chat, blog sono strumenti che si prestano a crearne le condizioni. Sono, possono essere e saranno, inevitabilmente luoghi della comunicazione di cui una gestione dell'insegnamento sensibile ed attenta dovr tener conto, senza cadere nell'equivoco formale e sostanziale che li releghi a surrogati tecnologicamente avanzati dello spazio classe.

Focalizzata su due dei tre precetti dell'antica relazione pedagogica, l'esperienza dei portali di scrittura creativa in rete pu essere utile come esempio di  comunicazione atta a decostruire e ridefinire la relazione pedagogica, in un'adozione coerente e matura dei nuovi linguaggi.
La possibilit di pubblicare in rete, consente all'atto dello scrivere di potersi completare nella lettura oltre i limiti empirici della disposizione editoriale e delle relazioni di tipo amicale o parentale.
Ma non in questo, o non soltanto in questo, la potenzialit innovativa di questa particolare forma di community: l'interattivit, la possibilit di avere commenti, consigli, indicazioni o solo confidenze rispetto ai frutti dello sforzo creativo, crea le premesse perch lo scrivere trovi in rete un contesto in cui scrittore e lettore si incontrino, maturino conoscenza e intraprendano una relazione educativa continuamente ribaltata nello scambio di informazioni, stimoli, prospettive.
In questi portali ( tra i pi organizzati OZOZ, Scrivi.com, Liberodiscrivere.it, Rifugio degli Esordienti) non  difficile incontrare insegnanti che richiedono, ricevono e apprezzano commenti ai loro scritti offerti da studenti appassionati di scrittura; cos come  pi facile per gli studenti riconoscere l'umanit trasognante di un adulto attraverso ci che ripone nell'intimit dei suoi sogni letterari. 

  


 




 

 
Articoli correlati

Il CoderDojo: come imparare una programmazione strutturata
di Mario Boninsegni (11 Dicembre 2014)

Al via le iscrizioni al corso "Didattica Digitale"
di G. Cannella, R. Carro, E. Mosa, L. Tosi (29 Febbraio 2012)

Che cosè la competenza digitale?
di Silvia Panzavolta (19 Ottobre 2010)

Il modello I-CLEEN
di Matteo Cattadori e Maddalena Macario (17 Maggio 2010)

3.0 verso il Web semantico: THINKERS WANTED!
di Silvia Dell Acqua (17 Febbraio 2010)

Dentro la Scuola: strumenti utili e motivazioni quotidiane
di Renato Montemurro (26 Maggio 2009)

Dove il libro non è il medium prevalente della conoscenza
di Francesco Vettori (29 Aprile 2009)

Francesc Pedró: per capire quel che sta accadendo
di Francesco Vettori (18 Aprile 2006)

Mai più una comunicazione "usa e getta"
di Gianluca Torrini (03 Gennaio 2006)

A un mese di distanza dalla morte di Mario Luzi
di Francesco Vettori (21 Marzo 2005)

Il valore della conoscenza, la forza della comunicazione
di Stefania Chipa (09 Febbraio 2005)

Cammina cammina
di Stefania Chipa (01 Gennaio 2005)

Strappate quella pagina
di Stefania Chipa (18 Novembre 2004)

Il registro comunicativo ritrovato
di Giovanni Nulli (21 Settembre 2004)

Bookcrossing: una biblioteca che gira per il mondo
di Annalisa Fiaschi (06 Agosto 2004)