Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LINGUAGGI DELLA COMUNICAZIONE

Cammina cammina

La fotografia racconta 150 anni di storia italiana dei diritti dellinfanzia

di Stefania Chipa
01 Gennaio 2005

I bambini e i loro diritti.

Una conquista recente in alcuni paesi e un traguardo ancora da raggiungere in molte altre regioni della terra.
Una mostra fotografica a Firenze ripercorre questo difficile cammino lungo 150 anni di storia dellinfanzia italiana, dalla fine dellOttocento fino ai giorni nostri.

Organizzata dalla Fondazione per la storia della fotografia Fratelli Alinari e dallIstituto degli Innocenti, in collaborazione con Giotto Fila, la mostra ospitata allinterno dellIstituto degli Innocenti, ente che dal 1419 il luogo dei fanciulli per eccellenza.
Unistituzione nata per stare a fianco dei bambini pi sfortunati cos da garantire loro il rispetto del diritto fondamentale a vivere la propria esistenza; un ente che ha rappresentato in Italia una delle prime affermazioni di una societ consapevole delle proprie responsabilit nei confronti dellinfanzia.

Entrando nel Salone Brunelleschi, lungo i cui spazi affrescati si snoda il percorso espositivo, si viene immediatamente colpiti dagli occhi, centinaia di piccoli occhi che raccontano attraverso le loro espressioni la difficile storia dei loro diritti: il diritto a vivere amati in una famiglia, a crescere in salute, il diritto alleducazione e al gioco.

Diritti che nel mondo vengono per la prima volta riconosciuti in epoca assai recente, il 20 novembre 1989, quando lAssemblea Generale delle Nazioni Unite ha varato la Convenzione internazionale dei diritti dellinfanzia. Nella Convenzione si compiuto un passo molto importante, ricorda Lucia Nencioni, giornalista dellIstituto degli Innocenti e autrice di uno dei saggi pubblicati allinterno del catalogo: i bambini (con questo termine intendendo i minori di 18 anni) vengono per la prima volta considerati soggetti di diritto, ossia detentori di diritti sociali.Bambini che giocano, Archivio Dia Indire

LItalia ha ratificato laccordo nel 1991, ma ci che pi colpisce il fatto che a tuttoggi due stati, che si trovano in opposte condizioni in quanto a processo democratico e condizione economica, la Somalia e gli Stati Uniti, non hanno ancora ratificato la Convenzione. (leggi la storia della Convenzione)

A partire dal 18 giugno 2004 i diritti dei bambini hanno trovato un nuovo spazio: quello allinterno della Costituzione Europea che riconosce la tutela dei diritti dei minori come uno degli obiettivi interni e internazionali principali (artt. 3.3 e 3.4).

La mostra aiuta a fare il punto, snodandosi attraverso i quattro percorsi tematici dei diritti, Una Famiglia per cominciare, Crescere sani, Giocare che passione!!, Tante cose da imparare, e racconta scenari ormai lontani e avvenimenti recenti, storie di diritti negati e diritti conquistati, immagini di sofferenza e scene di affetto tra generazioni, corpi di adolescenti piegati dal lavoro, ma anche felicemente affaticati dalle attivit sportive, giovani menti alla ricerca di modi nuovi per sbarcare il lunario e intelligenze vive impegnate nelle fatiche scolastiche.

Alla scuola e al diritto allistruzione dedicata unampia sezione della mostra che documenta scene di vita scolastica e scatti rubati alle colonie estive, alle visite di istruzione, allo studio individuale.

Quaderno, 1936, Fondo Materiali Scolastici IndireLa fotografia e la scuola: uno stretto binomio. Non appena diventa obbligatoria infatti proprio la scuola a fare largo uso della fotografia per immortalare, al termine di ogni anno scolastico, volti e espressioni della vita di classe. La fotografia esce dalle sale di posa e acquista una spontaneit nuova, si fa strumento democratico che ritrae tutti, senza alcuna distinzione, perch tutti, in fondo, sono uguali di fronte allobiettivo.

E testimone dei tempi e strumento individuale della memoria (come scrive Charles-Henri Favrod nel saggio contenuto allinterno del catalogo).
Ritrae fatti, ma anche stati danimo. E quando esce dagli archivi e viene mostrata al pubblico riesce ad intrecciare i mille fili delle memorie individuali in una grande memoria collettiva che racconta il tempo e ad esso sopravvive.


La mostra rimane aperta fino al 16 gennaio 2005.
Prevede iniziative particolari a favore dei bambini ai quali sono dedicati laboratori didattici e un itinerario espositivo costruito su misura, per stimolarli ad osservare le fotografie sotto differenti punti di vista, ad individuare nuove chiavi di lettura, a giocare con le immagini.
Le scuole della Toscana, inoltre, ogni sabato mattina possono raggiungere gratuitamente Firenze a bordo dei treni del Trasporto Regionale.




Cammina, cammina. 150 anni di fotografie di bambini nelle Collezioni Alinari

Istituto degli Innocenti, Piazza Santissima Annunziata, 12 - Firenze
fino al 16 gennaio 2005

Orario
luned-venerd: 9,00 > 18,00
sabato: 10,00 > 22,00
domenica e festivi: 10,00 > 19,00

Informazioni e prenotazioni
tel 055 2395200
fax 055 2382857
e-mail info@alinari.it

 

 
Articoli correlati

Il CoderDojo: come imparare una programmazione strutturata
di Mario Boninsegni (11 Dicembre 2014)

Al via le iscrizioni al corso "Didattica Digitale"
di G. Cannella, R. Carro, E. Mosa, L. Tosi (29 Febbraio 2012)

Che cosè la competenza digitale?
di Silvia Panzavolta (19 Ottobre 2010)

Il modello I-CLEEN
di Matteo Cattadori e Maddalena Macario (17 Maggio 2010)

3.0 verso il Web semantico: THINKERS WANTED!
di Silvia Dell Acqua (17 Febbraio 2010)

Dentro la Scuola: strumenti utili e motivazioni quotidiane
di Renato Montemurro (26 Maggio 2009)

Dove il libro non è il medium prevalente della conoscenza
di Francesco Vettori (29 Aprile 2009)

Francesc Pedró: per capire quel che sta accadendo
di Francesco Vettori (18 Aprile 2006)

Mai più una comunicazione "usa e getta"
di Gianluca Torrini (03 Gennaio 2006)

A un mese di distanza dalla morte di Mario Luzi
di Francesco Vettori (21 Marzo 2005)

Il valore della conoscenza, la forza della comunicazione
di Stefania Chipa (09 Febbraio 2005)

Strappate quella pagina
di Stefania Chipa (18 Novembre 2004)

Nuovi linguaggi: scrivere, leggere, interagire
di Antonio Sofia (12 Novembre 2004)

Il registro comunicativo ritrovato
di Giovanni Nulli (21 Settembre 2004)

Bookcrossing: una biblioteca che gira per il mondo
di Annalisa Fiaschi (06 Agosto 2004)