Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

Lalfabetizzazione funzionale attraverso la riappropriazione dei linguaggi

La memoria al femminile: dalla stesura di una storia alla produzione di un video, cos i ragazzi del CTP "Solimena" scoprono la scrittura creativa

di Catia Cantini
12 Gennaio 2005

archivio diaSecondo la nota definizione di Gray, una persona alfabetizzata in senso funzionale quando ha acquisito le conoscenze e le abilit nel leggere e nello scrivere che la rendono capace di impegnarsi in modo efficace in quelle attivit in cui la lettura e la scrittura sono normalmente intese nella sua cultura o gruppo di riferimento (Gray W.S., The Teaching of Reading and Writing: An International Survey, UNESCO, Parigi, 1956).
Tralasciando le implicazioni di ordine culturale, la definizione pone in luce il tratto distintivo dellalfabetizzazione funzionale, ossia la sua stretta correlazione con la societ (con i valori, la cultura e il significato da essa attribuiti ai diversi saperi e alle diverse abilit), configurandosi, pertanto, come un aspetto educativo fondamentale. Non si pu negare che nellera della conoscenza, fondata sulla comunicazione e sulla trasmissione dei dati, lalfabetizzazione sia indispensabile per accedere alle informazioni e per poterle utilizzare. forse anche per questo che la popolazione adulta sembra avvertire, con sempre maggiore interesse, lesigenza di accrescere le proprie competenze in senso funzionale, con lobiettivo di padroneggiarle meglio e di saperle concretamente utilizzare nella vita di tutti i giorni, sia in ambito professionale che privato. Le iniziative formative offerte dal mondo della scuola per soddisfare i fabbisogni degli adulti sono diventate di conseguenza sempre pi numerose e articolate, grazie soprattutto al prezioso contributo offerto dai Centri Territoriali Permanenti, che rendono disponibile sul territorio nazionale unampia variet di corsi brevi e modulari. Sembra, quindi, opportuno dare visibilit ai casi di buone pratiche, in modo da condividere le esperienze positive che possono fornire interessanti spunti di riflessione.

Fra i molti casi significativi sparsi sul territorio, diamo oggi testimonianza del progetto di alfabetizzazione funzionale attraverso la riappropriazione dei linguaggi messo a punto dal CTP Solimena di Napoli. Il progetto, nato diversi anni fa, sta riscuotendo un largo consenso da parte della popolazione adulta locale, come emerso dalla manifestazione Sorrento ospita Napoli, che si tenuta lo scorso 21 giugno a seguito di una tavola rotonda in cui si discusso delle nuove frontiere delleducazione permanente. La storia del progetto trova le sue radici nel cuore stesso del territorio: Barra, uno dei quartieri difficili di Napoli, dove il disagio sociale opprime spesso tutti gli aspetti della vita quotidiana. Con lintento di facilitare la partecipazione alla societ civile, al mondo del lavoro e dellinformazione, gli insegnanti del Solimena hanno pensato di organizzare dei corsi di alfabetizzazione funzionale che migliorassero i mezzi espressivi della popolazione adulta attraverso la riappropriazione del linguaggio parlato e scritto. Lintenzione era di superare limpostazione tradizionale dellinsegnamento monotematico mediante interventi formativi pi sensibili ai reali fabbisogni degli adulti e aggiornati a teorie pedagogiche centrate sul valore della dimensione ludica nei processi di apprendimento. Del resto, la formazione, sempre pi orientata a facilitare lingresso nel mondo del lavoro, rischia talvolta di trascurare aspetti psichici fondamentali per lo sviluppo cognitivo dellindividuo, come il potenziamento dellautostima, la valorizzazione dellidentit e il senso di appartenenza ad un contesto socioculturale: tutti fattori che contribuiscono in maniera decisiva a creare le condizioni di una piena partecipazione alla societ civile.

archivio DIALa prima sperimentazione partita nel 1998, quando il prof. Enzo Giammarino e la prof.ssa Irene Pagano, sotto la guida del Preside Francesco Ciano, hanno collegato i singoli corsi nellambito di autentici percorsi formativi. Ancora oggi, in questi percorsi, discipline appartenenti ad aree diverse come linformatica, la lingua inglese, la storia dellarte, leducazione ambientale e la lingua italiana   sono integrate fra loro convergendo verso un unico obiettivo: sviluppare nel corsista la capacit di elaborare un prodotto finale.
Tra gli indirizzi proposti, spicca un corso di scrittura creativa che si rivolge agli adulti in cerca di una riqualificazione culturale e sociale. Lapproccio iniziale fondato sullaccostamento dei corsisti ad opere letterarie o cinematografiche introdotte dal tutor nellambito dei lavori di gruppo; successivamente i corsisti scrivono una storia per poi trasferirla su un supporto multimediale (la tecnica utilizzata quella del flashback). Con laiuto delloperatore il gruppo riscopre luso della lingua italiana e si avvicina agli strumenti informatici necessari allelaborazione del video, ampliando cos sia le competenze linguistiche, sia quelle informatiche. Mediante la creativit, viene stimolato lapprendimento in modo attivo e divertente, chiamando in gioco tutte le risorse dellindividuo: dal vissuto personale alla conoscenza del territorio. La scelta dei temi denota la volont di rispondere alle esigenze delle fasce deboli dellutenza locale, come ad esempio le donne, a cui era dedicata ledizione dell'anno passato (il tema delle storie era la memoria al femminile). Tra i corsisti si registrata una forte presenza di donne, spinte a rientrare in formazione anche dal desiderio di poter accompagnare pi adeguatamente leducazione dei figli.

Per valorizzare gli elaborati prodotti, la Provincia di Napoli ha indetto il concorso Una storia per un film che si concluso proprio durante la manifestazione di Sorrento con la proclamazione della storia vincitrice: La confessione di Nen. La storia divenuta un film, girato con attori di strada e proiettato in anteprima a Barra lo scorso novembre.
Nelle parole del prof. Enzo Giammarino lauspicio di estendere lesperienza a livello nazionale, in modo da promuovere il territorio nel suo complesso, dando impulso alle energie creative presenti in ogni comunit in una prospettiva di condivisione e di scambio.

 

Guarda "La confessione di Nen" versione WMV

Guarda "La confessione di Nen" versione RM 

Editing dei viedo online - Giovanni Nulli, Indire Comunicazione

 
Articoli correlati

Linee di tendenza del Sistema: landamento dei CTP nellultimo decennio censito
di Catia Cantini (02 Settembre 2009)

Una fotografia dell'educazione degli adulti
di Catia Cantini (15 Ottobre 2006)

L'abc dell'EdA: fra tradizione e cambiamento
di Catia Cantini (11 Dicembre 2004)

Cambiamenti e prospettive nell'Educazione degli Adulti
di Catia Cantini (11 Marzo 2004)

Descrivere e misurare nuove competenze
di Alessandra Anichini (08 Marzo 2004)

"Esperienze e vissuti: potenzialità sconosciute"
di Aureliana Alberici (01 Marzo 2004)

Il Seminario sulla Formazione permanente di Benevento
di Antonella Zuccaro (03 Dicembre 2003)

All: Adult Literacy and Lifeskills
di Alessandra Anichini (04 Ottobre 2003)