Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STRATEGIE COMUNICATIVE

Le tre fasi dell'era elettrica

Dall'analogico al quantico: un approfondimento al pensiero di Derrick de Kerckhove

di Fabio Giglietto
25 Gennaio 2005

Il 29 novembre 2004 lUniversit degli studi di Urbino Carlo Bo ha conferito una laurea ad honorem in sociologia a Derrick de Kerckhove.

Questo riconoscimento arriva allapice di una carriera costellata da prestigiosi incarichi accademici svolti in Canada, negli Stati Uniti e in Europa, soprattutto in Francia, Olanda ed Italia.
Nato in Belgio nel 1944 e formatosi culturalmente in Canada, lattuale direttore del McLuhan Program in Culture & Technology di Toronto, oggi comunemente considerato un guru della ricerca sullimpatto sociale dei nuovi media.

Durante la tradizionale lectio magistralis, de Kerckhove ha ripercorso le principali tappe dellevoluzione del proprio pensiero scientifico, a partire dallincontro con Marshall McLuhan, per giungere - in ultimo - a presentare le pi recenti riflessioni che negli ultimi anni sta appassionatamente sviluppando.

Il rapporto fra le tecnologie, la psiche umana e la cultura costituisce da sempre il tema centrale dei suoi studi. Dopo aver intuito prima ed approfondito dopo il ruolo della scrittura alfabetica sullo sviluppo della cultura occidentale, de Kerckhove ha progressivamente ampliato i propri interessi di ricerca allintero settore, da lui stesso poi battezzato, delle psicotecnologie: luso delle tecnologie, spesso considerate come meri strumenti, contribuisce a determinare uno specifico frame mentale e culturale che cambia il nostro modo di pensare e di guardare il mondo in modo pi profondo rispetto a quanto non si ritenga comunemente.

Linvenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg, ad esempio, ha posto le condizioni perch emergessero letture individuali delle Sacre Scritture. Questa novit ha, a sua volta, reso possibile la Riforma Protestante ed il sorgere della stagione dei lumi e delle rivoluzioni scientifiche.
Questo modo di riflettere ex-post sullimpatto di un medium sulla societ, pur essendo indubbiamente affascinante e non privo di argomentazioni a suo favore, stato spesso criticato per la sua natura unidirezionale.

Le tecnologie determinano mutamenti nella societ. Ma queste tecnologie non sono esse stesse ideate, sviluppate ed adottate in una specifica societ? I cambiamenti nella storia, soprattutto se delle proporzioni epocali come quelli che abbiamo ricordato, sono difficilmente imputabili ad un singolo fattore. Per tornare allesempio, la stampa non avrebbe potuto affermarsi se non vi fossero state alcune condizioni sociali specifiche come ad esempio lesistenza di un pubblico in grado leggere. Tecnologie e societ sono sempre in un rapporto di influenza reciproca.

Un'analoga relazione di co-determinazione esiste poi fra tecnologie e mente. Questo nuovo frame non si limita infatti a cambiare il nostro modo di percepire il mondo ma, facendo questo, contribuisce a modificare profondamente lo status antropologico dellessere umano. La nostra percezione del mondo passa, oltre che attraverso i nostri cinque sensi, anche attraverso le protesi psico-tecnologiche che usiamo quotidianamente. In questo senso il cyborg (una figura umana con impianti cibernetici) gi da tempo fra noi.

Archivio DIAFare esperienza del mondo attraverso uno schermo (quello della TV quanto quello del computer) ha uninfluenza sul nostro modo di conoscere che non solo quantitativa nel senso dei noti cambiamenti di scala nello spazio e nel tempo - ma anche qualitativa. La sensazione di prossimit determinata dalla connettivit pervasiva (dai cellulari ai computer collegati in rete) ci consente ogni giorno di fare esperienza in prima persona di quella dinamica sociale nota come globalizzazione. Lultimo impressionante esempio in questo senso ci viene dalla diffusione delle immagini del recente immane disastro avvenuto a fine dicembre nel sud-est asiatico.

Proprio in relazione a queste considerazioni di fondo, lo studioso canadese ha  presentato nel corso della sua lezione magistrale intitolata Il Quanto il messaggio, la propria distinzione in fasi dellera elettrica. Questa tripartizione riprende e sviluppa lidea di suddividere levoluzione della coscienza occidentale in tre momenti fondamentali tribale, moderno e globale - scanditi dallemergere di altrettante tecnologie della comunicazione: loralit, la scrittura e lelettricit.
Un esempio di coscienza propria dellera elettrica rappresentato dal fenomeno dei blog (diari pubblici in forma di ipertesto largamente diffusi su Internet). I blog, come dice de Kerckhove, sono lanima del cyborg. Sono, in altri termini, la trasposizione della nostra coscienza nello spazio virtuale. Si tratta di una implicita ammissione che parte della nostra persona esiste oggi in forma digitale.

In questo senso i collegamenti del nostro blog personale descrivono la nostra rete sociale ed i nostri interessi. Un diario personale per raccontare se stessi attraverso un sottile gioco di specchi che passa per la descrizione delle nostre relazioni con il mondo e con gli altri. Proprio questo focus sulle relazioni invece che sullio rende il blog diverso dalle tradizionali home page che descrivono al contrario lautore in modo diretto (in genere sono infatti composte dal curriculum vitae, da qualche massima e da qualche foto). Da una parte si dice io sono cos, dallaltra io la penso cos e si lascia al lettore le conclusioni. Non un caso, in questo senso, che molte aziende controllino il blog di un possibile candidato prima di assumerlo.

Non si tratta, come ovvio, di una assoluta novit. Di fatto quello che succede da sempre nei rapporti fra le persone. Difficilmente ci facciamo unidea degli altri solo sulla base di ci che essi dicono di essere. Per conoscere una persona meglio osservare nel tempo come si comporta con gli altri e come affronta le situazioni che la vita gli presenta.

La differenza , ancora una volta, il medium attraverso il quale queste relazioni si attuano. E tuttavia, poich - come diceva McLuhan in una delle sue massime pi conosciute - "il medium il messaggio, queste relazioni cambiano pelle quando avvengono attraverso un medium elettrico in modo analogico o digitale. Lelettronica digitale, ad esempio, consentir fra non molto tempo di memorizzare tutte le conversazioni di una vita su supporti non pi grandi di un portachiavi. Queste conversazioni, se lo si desidera si spera previo il consenso degli altri protagonisti del dialogo potranno essere facilmente condivise pubblicamente.

Nellambito di questa era elettrica - quella del telegrafo, del cinema, della televisione, della radio, del computer, di Internet e appunto dei blog - de Kerckhove distingue tre fasi:

  • la fase analogica
  • la fase digitale
  • la nuova e futuribile fase quantica.

Proprio lintroduzione di questa ultima fase legata allo sviluppo dei computer quantici e, pi in generale, alle recenti ricerche di fisica quantistica rappresenterebbe lultima e pi recente frontiera dellera elettrica.
Lo stesso de Kerckhove ha presentato un quadro che riassume cos questi passaggi.

Le tre fasi dell'era elettrica

L 'analogico

Il digitale

Il quantico

Muscolare

Cognitiva

Esistenziale

Calore, luce, moto

Estensione del corpo attraverso device elettromeccanici

Coscienze emergenti e connesse;

Obsolescenza del corpo che si riduce relativamente alle sue estensioni nello spazio digitale

Entit emergenti che si formano attraverso una prossimit pervasiva (un infinito numero di entit compresse in uno spazio zero)

Cyborg (pre-cyber)

Il confine dell 'interfaccia lo sfond o

Cyber (post-cyborg)

L' interfa ccia chiaramente evidente (muove dallo sfondo alla figura), diventando ubiqua e quindi obsolescente

Trascendente (post-cyber; cio nessuna distinzione nella realt fra cyber e fisico)

Sorveglianza

Dataveillance

Trasparenza emergente (il contrario della dataveillance )

L 'effetto di sfondo la non-realt; in aria, l'uomo diventa senza corpo

L' effetto di sfondo il controllo remoto; il nostro s digitale diventa la bambolina vodoo attraverso la quale siamo controllati e manipolati

Il misticismo un effetto di sfondo; il collegamento con una forma pi alta di coscienza che ha luogo nel plasma dell' esperienza simultanea

Identit pubblica; ad es. la celebrit come punto di inflessione dell 'obsolescenza della privacy )

Persona digitale; publicy (contrazione di public e privacy )

La/le identit emergenti come un attributo di una o pi affiliazioni tribali .

 

La fase quantica si presenta dunque con caratteristiche che amplificano e al tempo stesso invertono alcune delle tendenze proprie della fase digitale che stiamo vivendo. Il passaggio da una fase allaltra non mai una netta cesura, ma sempre un percorso graduale che vede per lunghi periodi convivere le diverse fasi.

Il cuore dellintuizione in quella che de Kerckhove chiama I-Theory. Cio il passaggio dalla materia allinformazione come unit di riferimento per la fisica e per le scienze cognitive. Il passaggio dallo studio delle molecole, allo studio degli atomi e da questo a quello dei quanti ha determinato per la fisica un crescere esponenziale del numero di elementi da studiare e controllare. Questa crescita si concretizzata, gi verso la fine del novecento, nello sdoganamento delle teorie della probabilit nel mondo della fisica. Proprio la fisica, regno della materia e roccaforte delle scienze esatte, ha dovuto introdurre nella propria cassetta degli attrezzi uno strumento (la meccanica quantistica) che consentisse di lavorare con sistemi complessi e non totalmente prevedibili. Anche nelle scienze esatte, con la teoria della relativit di Einstein, si fatta dunque strada lidea di una oggettivit che pu essere completa solo a partire da uno specifico punto di vista. Si tratta dellidea che il biologo cileno Humberto Maturana ha brillantemente definito come "oggettivit fra parentesi".

<Archivio DIACosa accadr quando queste idee diventeranno patrimonio del senso comune e si concretizzeranno in specifiche tecnologie come il computer quantistico?
Lo stesso de Kerckhove ha ammesso che lo sviluppo di questa intuizione richieder ancora diversi anni di ricerca per poter essere pienamente sviluppata.

Alcune linee guida e tecnologie di riferimento sono tuttavia evidenti:

 La fase quantica dellelettricit ci abituer a convivere con i paradossi per effetto di distinzioni che tendono a sfumare o a cambiare di significato. (presenza/assenza, lontano/vicino, io/loro, prima/dopo, virtuale/reale, pubblico/privato). Queste distinzioni saranno utili solo se collegate ad uno specifico punto di vista. Per fare un esempio gi oggi chiaramente comprensibile, le sensazioni che si provano durante una chat in un ambiente virtuale sono spesso assolutamente reali per il soggetto che le esperisce;

 Le realt costruite dallagire collettivo saranno una nuova forma di un potere. La principale funzione di Google, il motore di ricerca pi utilizzato per trovare le informazioni su Internet, consiste in realt, pi che nel cercare i documenti, nellorganizzarli. I documenti che appaiono per primi nella lista sono quelli che di fatto vengono effettivamente presi in considerazione dalla maggior parte degli utenti. Ma chi sceglie quali documenti appaiono per primi? Gli utenti stessi di Internet esprimendo le proprie preferenze con i link nelle proprie pagine. Il ragionamento il seguente: una pagina che ha molti link in entrata considerata una risorsa utile da molti utenti e viene dunque mostrata prima di altre nella lista. Il fatto che sia costruita dinamicamente dalla collettivit degli utenti non deve comunque fare dimenticare che la gerarchia delle pagine costituisce una forma di potere che, per di pi si applica alla conoscenza;

 Laccesso alla rete pervasivo render Internet ed i suoi servizi parte integrante della vita e delle attivit quotidiane. Gran parte delle nostre attivit sociali e di intrattenimento si svolgeranno attraverso Internet, a volte anche allinsaputa degli utenti stessi. Guarderemo la TV digitale attraverso Internet (IPTV) e  telefoneremo attraverso Internet (Voice over IP). Forse lo faremo in modo del tutto analogo a oggi con il telefono, la TV ed il telecomando. Quello che cambier sar la potenzialit connettiva (non solo dal broadcaster verso lutente ma anche da questultimo verso il broadcaster e, soprattutto, fra gli utenti che possono diventare di volta in volta broadcaster) dellinfrastruttura che staremo usando. Cambier solo il medium. Ma il medium, come noto il messaggio;

 I processi di apprendimento istituzionali dovranno definitivamente abbandonare la logica trasmissiva che caratterizza ancora fortemente le pratica didattica a dispetto delle teorie pedagogiche dominanti. In assenza di verit oggettive prive di parentesi ed indipendenti dai punti di vista lautorit del docente dovr essere conquistata costantemente sul campo e non semplicemente presunta o imposta.

Per chi volesse approfondire largomento, sul sito web della Facolt di Sociologia, disponibile la versione digitale in formato pdf della pubblicazione realizzata in occasione della cerimonia.

 

Articolo di Fabio Giglietto - blog: http://nextmedia.blogspot.com
Ricercatore LaRiCA Facolt di Sociologia Universit di Urbino Carlo Bo

 

Leggi un'intervista a de Kerckhove realizzata durante la sua presenza a Indire

Editing a cura di Gianluca Torrini, Indire Comunicazione
 

 
Articoli correlati

Consulenza filosofica a scuola
di Isabel de Maurissens (16 Marzo 2012)

La necessità di una diversa consapevolezza metodologica
di Francesco Vettori (11 Novembre 2008)

L'italiano in Second Life
di Andrea Benassi (21 Ottobre 2008)

Emotional Bandwidth, un apprendimento ben valorizzato
di Maria Guida (20 Ottobre 2008)

A scuola di creatività nel virtuale
di Francesco Vettori (17 Ottobre 2008)

I Creative commons e la filosofia dei commoners
di Silvia Panzavolta (09 Gennaio 2008)

"Condividere allo stesso modo" in una prospettiva storica
di Giovanni Nulli (09 Gennaio 2008)

Uno scambio di risorse educative
di Jim Ayre (09 Gennaio 2008)

Che cosa vuol dire fare Leadership
di Leonardo Tosi (05 Luglio 2007)

E-tutor e ambienti di apprendimento
di Elena Mosa e Leonardo Tosi (13 Dicembre 2006)

La necessità di una nuova visione
di Giovanni Biondi (12 Dicembre 2006)

Dal design delloggetto alla progettazione dellesperienza
di Alessandra Anichini (29 Novembre 2006)

Al via i corsi della Italian University Line
di Indire (22 Settembre 2006)

Indire all'Expo del Capitale Umano e dell'Innovazione
di Gianluca Torrini (13 Marzo 2006)

Indire rinnova la comunicazione e la presenta a Ferrara
di Francesco Proia (08 Ottobre 2004)