Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
CITTADINANZA EUROPEA

Nelle scuole europee la cittadinanza è intesa così

Una carrellata sui principali orientamenti della politica educativa per la promozione della cittadinanza in Europa

di Simona Baggiani
06 Giugno 2005

Banca Dati DiaNella misura in cui la scuola rappresenta una delle principali istituzioni per la socializzazione, estremamente importante analizzare come la politica educativa di ogni paese promuove, attraverso il proprio sistema scolastico, la cittadinanza responsabile.

Nel vasto campo coperto dagli obiettivi e dal contenuto delleducazione alla cittadinanza, si possono distinguere tre aspetti tematici chiave da cercare di sviluppare negli alunni: cultura politica, pensiero critico e partecipazione attiva.

Dalla recentissima indagine comparativa della rete Eurydice, "Citizenship Education at Schools in Europe", emerge che tutti i paesi europei dichiarano di promuovere questi concetti alcuni come priorit attraverso la legislazione in materia educativa, libri bianchi, piani di azione e decreti, ecc. E quasi ovunque in Europa gli alunni/studenti sono guidati nel sistema scolastico attraverso un percorso basato su questi tre obiettivi delleducazione alla cittadinanza.

Nel Land tedesco del Nord Reno Vestfalia, per esempio, larticolo 1 della Erstes Gesetz zur Ordnung des Schulwesens (Prima Legge sullOrdinamento del Sistema Scolastico), prevede ci che segue: I giovani devono essere educati in uno spirito di umanit, di democrazia e di libert, in un obiettivo di tolleranza e di rispetto per le convinzioni degli altri, di responsabilit per la preservazione dellambiente naturale. () I giovani dovrebbero potere e volere dimostrare che possono servire con successo la comunit, la famiglia, la professione, gli individui e lo Stato.

In Finlandia, la legislazione sullistruzione di base del 1998, sottolinea che lobiettivo delleducazione descritto nella presente legge consiste nel sostenere lo sviluppo degli alunni come individui con senso umanitario e membri etici e responsabili della societ. In seguito, un decreto del governo emanato dal ministro dellEducazione nel 2001 stabilisce che l'"obiettivo delleducazione di sostenere lo sviluppo degli alunni per divenire individui armoniosi e dotati di un ego sano, membri di una societ e capaci di esercitare unopinione critica sul loro ambiente sociale e naturale. Alla base, sta il rispetto per la vita, la natura e i diritti umani, cos come lapprezzamento dello studio e del lavoro personale proprio e altrui.

interessante notare come certi paesi nordici come lEstonia, la Finlandia, lIslanda e la Norvegia includano il rispetto della natura tra gli elementi da promuovere nel quadro dello sviluppo della cittadinanza responsabile degli alunni.

Pochi paesi stabiliscono un legame esplicito tra leducazioneLimmagine  stata realizzata nellambito del Progetto Comenius 1 ART OF LIVING: Arte ed Educazione. E' stata gentilmente concessa dallautore Massimo Presciutti, insegnante del V Circolo Didattico di Firenze da una parte e la religione e/o il cristianesimo dallaltra.

In Germania, l'articolo 1 della Erstes Gesetz zur Ordnung des Schulwesens (Prima Legge sullOrdinamento del Sistema Scolastico) del Land del Nord Reno Vestfalia comprende il rispetto di Dio come uno dei principali obiettivi dellistruzione.

Secondo la legge scolastica islandese, i metodi e le pratiche educative devono essere caratterizzati dalla tolleranza, dalletica cristiana e dalla cooperazione democratica.

Nel preambolo alla legge sulleducazione norvegese del 1999 si legge che: La scuola primaria e secondaria inferiore contribuisce, in collaborazione e in accordo con la famiglia, a dispensare agli alunni uneducazione cristiana e morale. () Listruzione secondaria superiore contribuisce ad elargire le conoscenze e la comprensione dei valori elementari cristiani e umanisti, leredit culturale nazionale, le idee democratiche e un modo di pensiero e di lavoro scientifico.

Preparare i giovani cittadini a partecipare in maniera costruttiva alla societ nazionale ed europea uno dei principali obiettivi della riforma educativa dei nuovi Stati membri dellUE, in particolar modo dei paesi ex-socialisti. Tutti i paesi dellEuropa orientale sottolineano, infatti, limportanza di rafforzare la forza di integrazione e la coesione sociale nel paese.

Nella Repubblica ceca, il Programma nazionale di sviluppo delleducazione pone, per esempio, laccento sul rafforzamento della coesione della societ, sul sostegno alla democrazia e la preparazione della cooperazione tra societ europee e globali.

In Lettonia, i Concetti dello sviluppo delleducazione (2002-2005) tentano di realizzare dei cambiamenti nel sistema educativo in maniera da promuovere la formazione di una societ democratica e socialmente integrata.

In Lituania, la Strategia nazionale dellistruzione per il 2003-2012 definisce la missione dellistruzione nei termini seguenti: aiutare lalunno a comprendere il mondo contemporaneo, ad acquisire una competenza culturale e sociale e a diventare una persona indipendente, attiva e responsabile, volitiva e capace di imparare costantemente, che costruisca la propria vita e contribuisca a costruire quella della sua comunit.


 
Articoli correlati

Learning by doing!
di Erica Cim (17 Giugno 2013)

Il Festival d'Europa 2013
di Francesco Vettori (05 Aprile 2013)

Personalizzare l'istruzione, pensandola al "Noi"
di Silvia Dell Acqua (12 Ottobre 2009)

L'Europa si incontra in chat
di Laura Franceschi (08 Giugno 2007)

Lagenzia Nazionale Socrates e i suoi 12 anni di attività
di Francesco Vettori (24 Ottobre 2006)

Leducazione alla convivenza civile: il ruolo della scuola
di Alessandra La Marca (30 Maggio 2005)

Il concetto di cittadinanza in Europa
di Simona Baggiani (12 Maggio 2005)

Sitografia europea ragionata dal catalogo Perine
di Silvia Panzavolta (14 Luglio 2004)

Non profit e cittadinanza europea
di Elisabetta Mughini (28 Giugno 2004)

Cittadinanza europea attiva e solidale
di Stefania Fuscagni (25 Giugno 2004)

Cittadinanza europea, cittadinanza universale
di Gianluca Torrini (21 Giugno 2004)

Educazione alla cittadinanza democratica
di Simona Baggiani (21 Giugno 2004)

Cittadinanza europea: un processo che valorizza le diversità
di Leonardo Bartoletti (08 Giugno 2004)

I giovani, la Cittadinanza e il concetto di popolo europeo
di Leonardo Bartoletti (08 Giugno 2004)

I giovani e la cittadinanza europea
di Leonardo Bartoletti (08 Giugno 2004)