Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ANALFABETISMO

Tanti analfabetismi anche oggi

La situazione italiana e le risposte a un problema che non si risolve ancora

di Bruno Schettini
19 Luglio 2005

Vorremmo conoscere alcuni dati quantitativi circa lanalfabetismo: quanti analfabeti ci sono in Italia e come sono distribuiti sia geograficamente che socialmente?

Prima di rispondere a questa domanda, bisognerebbe chiarire in partenza a quale tipo di analfabeta ci si vuole riferire. Molti studiosi, pur mantenendo il termine, affermano che esso risente del riferimento a condizioni storiche ormai mutate. Per altri non si tratterebbe elusivamente di eliminare un termine semanticamente obsoleto, ma di correggere una errata impostazione del problema: non ci si ritroverebbe di fronte ad individui che non posseggono codici (di lettura, scrittura), ma davanti a individui che sono incapaci di utilizzarli. Qualcuno ha definito ci analfabetismo di ritorno, altri preferiscono il termine illetteratismo
Per economia del discorso, stando solo alluso che se ne fa nella letteratura specializzata,  potremmo riferirci a:

  • alfabeti (individui a rischio alfabetico);
  • analfabeti/analfabetismo - di fatto - (coloro che non posseggono nessun titolo di studio e non sanno n leggere n scrivere);
  • illetterati/illetteratismo (condizione di un individuo che pur possedendo un minimo repertorio di lettura e scrittura, non in grado di utilizzare il del linguaggio scritto per ricevere o per formulare messaggi);
  • analfabeti di ritorno (coloro che sono esposti a rischio alfabetico verticale che comporta il regresso al titolo di studio inferiore quando esso non sia stato esercitato convenientemente per cinque anni);
  • semianalfabeti (possessori della sola licenza elementare che nella nostra societ significa non avere la pur minima possibilit di inclusione sociale, culturale).
  • Analfabeti funzionali (coloro che non sanno utilizzare le abilit di base per poter esprimere il loro diritto di cittadinanza.

Questo chiarimento di fondo, che andrebbe approfondito con accuratezza, essenziale per decidere anche del tipo di risposta che si intende dare.
Una cosa analizzare lanalfabetismo in Italia (e quindi chiedersi cos lanalfabetismo) altra cosa analizzare la distribuzione delle conoscenze attestate dal titolo di studio, altra cosa ancora analizzare la funzionalit delle conoscenze possedute.
Le ricerche Ials-Sials, per esempio, si interessano di quelli che potremmo definire analfabeti funzionali (anche se chiaramente, coloro che si situano al livello pi basso stabilito in queste ricerche  della funzionalit delle conoscenze possedute potrebbero essere ai limiti dellanalfabetismo vero e proprio).
Dai dati diffusi nel 1999 dal CEDE risulta che vi sono in Italia circa due milioni di persone ed hanno unet compresa tra i 16 e i 65 anni:  il 5,4 per cento della popolazione fra i 16 e i 65 che risultano analfabeti funzionali. Un totale di 2.080.000 persone.
Ma enormi ritardi nell'istruzione primaria sono presenti soprattutto nelle generazioni vissute prima del 1964. Se infatti fra gli italiani di et compresa tra i 16 e i 45 anni, il tasso di analfabetismo funzionale rientra nella media europea, per la fascia 46-65 la situazione drammatica: sono in tutto - secondo i dati del CEDE - un milione e quattrocentomila persone.
Il ritardo nellistruzione primaria, inoltre, sale vistosamente man mano che si scende da Nord a Sud e che si sale nelle classi det. Per i sedici-venticinquenni il dato nazionale sullanalfabetismo funzionale parla del 3,8 per cento del totale, con una distribuzione concentrata in Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna. Per la fascia det 26-35 anni la percentuale del 9,1 per cento, con punte massime in Piemonte, Toscana, Umbria, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna. Le cifre salgono (20,9 per cento) per gli italiani compresi fra i 36 e i 45 anni (particolarmente colpite Marche, Toscana, Campania, Abruzzo, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna). Ancora peggio per i 46-55enni fra i quali l'analfabetismo funzionale arriva a toccare il 29,9 per cento della popolazione. Ma problemi gravi esistono per coloro che hanno fra i 56 e i 65 anni, che la cui alfabetizzazione di base carente nel 36,2 per cento dei casi. Le regioni pi interessate: Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto, Marche, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Abruzzo, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Una ricerca sulla quale bisognerebbe puntare lattenzione, sempre per il cosiddetto analfabetismo funzionale, : ALL (All: Adult Literacy and Lifeskills. Letteratismo e abilit per la vita/popolazione 16-65 anni. Competenza alfabetica funzionale). Tale ricerca ha analizzato i seguenti ambiti di competenze: Prose literacy, Document literacy, Numeracy, Problem solving. 
Lavvio dellindagine ALL ha coinciso con lultimo round dellindagine IALS-SIALS cui lItalia aveva preso parte nel corso degli anni 1997-98.
Tre regioni, Campania, Piemonte e Toscana sono state prese a campione (la pubblicazione dei rapporti relativi alle quattro regioni ed alla provincia autonoma sar disponibile entro lautunno del 2005). [Si pu intanto vedere l'articolo correlato All: Adult Literacy and Lifeskills.]

La ricerca stata compiuta prendendo come riferimento cinque livelli:

  • LIVELLO 1: indica persone capaci di localizzare un pezzo di informazione che identica o sinonima di quella data nella consegna, ma in generale hanno difficolt nel fare inferenze di livello basso.
  • LIVELLO 2: indica persone che sono capaci di fare inferenze di livello non elevato identificando uno o pi pezzi di informazione e integrando o contrastando parti di informazione collocata in diverse sezioni di un testo che contiene solo pochi distrattori.
  • LIVELLO 3: induca persone che sanno fare inferenze di livello medio, partendo da informazioni, che sono collocate in diverse parti del testo e in diverse frasi o paragrafi, e integrando o contrastando le informazioni che si trovano nelle varie sezioni di un testo che contiene un certo numero di distrattori. Questo livello richiede di padroneggiare linformazione contenuta nelle varie tipologie di testi che nelle societ moderne si trovano nella vita di tutti i giorni.
  • LIVELLO 4/5: indica persone che raggiungono sono in grado di fare inferenze di livello medio alto basate sulla lettura di un testo, integrando o contrastando pezzi di informazione, tratti da testi relativamente lunghi che possono contenere anche molti distrattori.


Gli esperti considerano che la quota di popolazione adulta, che raggiunge il livello 3 di competenza, misurata su cinque livelli che vanno dal livello 1, limitatissime competenze, ai livelli 4/5, padronanza sicura, quella capace di rispondere efficacemente alle esigenze di vita e di lavoro del mondo attuale: solo il 20% della popolazione italiana raggiunge o supera questo livello.
Ora, c da dire che una prima analisi potrebbe essere compiuta proprio su coloro i quali si attestano al livello 1. Uno sguardo sui dati emersi dalle regioni interessate allindagine pilota, riferibili, per economia di discorso alla sola litteracy, mostrano come in Campania il 62,8% a rischio alfabetico, mentre in Piemonte il 50,5% e in Toscana il 54,6%.


Alcune considerazioni sui dati:

  • Prima di tutto si fa notare che il problema dellanalfabetismo un problema dellodierna societ della conoscenza che se da un lato promette, in una sorta di positivismo conoscitivo, stesse opportunit di istruzione e formazione per tutti, e riduzione dellanalfabetismo; dallaltro rischia di creare e perpetrare antiche e conosciute divisioni tra individui che posseggono il potere della parola (litteracy, numercy e soluzione di problemi) e altri che non possono inserirsi nei circuiti culturali, formativi, sociali, lavorativi;
  • In seconda battuta, c da notare che il rischio alfabetico non tout court lanticamera dellanalfabetismo vero e proprio. Questo significa che politiche delleducazione e strategie comunitarie dei paesi membri dellUE devono essere predisposte e progettate tenendo presente che il rischio alfabetico rimane tale se non si avr la capacit di riformare i sistemi formali di educazione/istruzione integrandoli con le vaste e ricche esperienze di educazione degli adulti che vanno ri-sorgendo in tutta Europa;
  • Bisogna, inoltre, riflettere sulla funzione della scuola elementare: leggere, scrivere e far di conti uno standard di competenza a cui tutti possono arrivare in un normale ciclo scolastico-curriculare o, piuttosto, una condizione che non pi garantita dagli stessi contenuti comunicati, dalle competenze progettate, dagli sforzi messi in atto dagli insegnanti? In parole diverse: la stessa scuola elementare in grado di fornire competenze di questo tipo che non si perdano o regrediscano nel tempo? Si esce dalla scuola elementare con le competenze minime per lalfabetizzazione? O, ancora, si esce dalla scuola media con i requisiti minimi per essere alfabetizzati in maniera funzionale, in modo tale da inserirsi attivamente nella vita sociale, culturale, lavorativa? La possibile perdita o regressione di queste competenze imputabile alla sola scuola di base o il problema risiede in una mancata implementazione di uneducazione/istruzione che duri per tutta la vita  e che in maniera permanente fa fare uso agli individui delle competenze di base?
  • In che modo lanalfabetismo diventata questione meridionale? Occorrerebbe investire di questo problema tutte le compagini politiche, sociali, sindacali in una sorta di rinnovato problema nazionale di cui, il Sud e le isole rappresentano un obiettivo, ma allo stesso modo una risorsa per tutte quelle potenzialit che possibile far emergere;
  • Inoltre, alcuni dati anche se non scientificamente validati, affermano che al Sud, pur essendoci pi disoccupati, essi, nella maggior parte, sono laureati. Al Nord, invece, a meno disoccupati fa riscontro una percentuale pi bassa, rispetto al Sud, di laureati. Cosa vorrebbe dire questo dato? Forse il problema sta nellintegrazione tra momenti di studio e momenti di lavoro, o per dirla in termini pedagogici, nella capacit politica (educativa) di non creare fratture tra mondo dello studio e mondi della vita, nel non separare temporalmente e situazionalmente, apprendimento formale, non formale e informale.

Su di un versante di analisi quantitative si situa anche la recente ricerca del prof. Saverio Avveduto che, rielaborando alcuni dati ISTAT (1), nota che a fronte di 3.699.000 italiani che possiedono un dottorato di ricerca, una laurea o una laurea breve, sta lenorme serbatoio dei nostri concittadini analfabeti, semianalfabeti o in possesso della sola licenza elementare: 22.529.000 italiani sul totale della popolazione di 57.474.000. Si tratta  di 39,2 italiani su 100 (2).

Disaggregando il possesso della licenza elementare/nessun titolo per quattro aree regionali: Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Meridione, si nota dalla tabella sottostante come  ancora una volta il Meridione, con oltre il 40% di evasori dalla Costituzione a pagare lo scotto pi alto dellarretratezza educativa del Paese (3) :

Aree Regionali
Popolazione in possesso di lic. elem./nessun titolo
Percentuale
Nord-Ovest
5.550 su 15.042
36,9
Nord-Est
4.144 su 10.618
39,0
Centro
4.170 su 11.091
37,6
Meridione
8.665 su 20.722
41,8
Italia
22.529 su 57.474
39,2

 

Regione
Dati assuluti in migliaia
Percentuale
Calabria
879
43,4 %
Puglia
1.761
43,3 %
Sicilia
2.155
42,8 %
Basilicata
263
43,8 %
Campania
2.325
40,4 %
Sardegna
638
39,0 %

Le riflessioni su questi dati pu riguardare un punto essenziale: il disequilibrio tra le diverse regioni italiane. Allora, occorre riflettere sul fatto che:

  • Occorrono, sicuramente, politiche delleducazione che si spingano al di l, altrove e con tempi diversi da quelli organizzati e isituzionalizzati dal sistema formale di istruzione/formazione. A riprova di ci le analisi dei dati ISTAT ci fanno riflettere  sulla situazione del capitale umano ad alta qualificazione nelle quattro aree regionali predette e le corrispettive disaggregazioni per le sei regioni meridionali a rischio. La Calabria registra la contraddittoria compresenza del tasso di laureati comparativamente pi alto (5,1%): pi alto, va notato, del Veneto (5,0%), della Valle dAosta (4,2%) e quasi pari al Piemonte (5,5%), e di quello ben corposo dei semianalfabeti (43,4%). La Basilicata ha il doppio saldo negativo del pi alto numero di semianalfabeti (43,8%) e del pi basso patrimonio di laureati (4,0%) della Penisola (4) ;
  • Occorre ripensare i cosiddetti corsi di alfabetizzazione per gli adulti proposti dai CTP. Ripensarli significa che accanto a quella che pu essere una proposta di mera alfabetizzazione culturale (leggere, scrivere e far di conti), occorre agire in vista di unofferta che sviluppi lautonomia, lo sviluppo della percezione di s, della propria autopercezione come individuo che si alfabetizza per una crescita personale e sociale non solo per riuscire funzionalmente a utilizzare queste pur fondamentali abilit di base.
  • Occorre proporre offerte di alfabetizzazione non come conseguimento di un titolo e, quindi, di un pezzo di carta, ma come occasione che crei vantaggi sociali, culturali, lavorativi, personali e di cura di s.


Un tema particolarmente importante oggi certamente quello dellEdA, delleducazione degli adulti in vista di un educazione che continua lungo tutto larco della vita: pu parlarci di quelle che Lei giudica le esperienze pi significative in questo senso?

Le esperienze pi significative definite da qualcuno solamente pratiche di EdA o buone pratiche o pratiche di eccellenza, nel caso in cui queste ultime rispondano ad alcuni criteri di validazioni condivisi e previamente stabiliti a livello nazionale ed europeo potrebbero essere ordinate o per problematica (a quale bisogno rispondono e con quale attivit/contenuto) o per fonte di produzione e realizzazione (istituzione o agenzia che eroga il servizio).
Secondo un ordine per problematiche, si  potrebbero segnalare, per economia di discorso, due diverse tipologie di esperienze. La prima legata a contesti formativi particolari e per i soggetti disagiati (detenuti, adulti bordeline, tossicodipendenti). Molte di queste esperienze partono dalla convinzione che lEdA debba svolgere una funzione emacipatoria globale e integrale: lEdA legata alla sola formazione professionale non riesce a dare risposte di senso alle domande dei soggetti adulti a cui ci si riferisce.
Questa tipologia di esperienze centra la sua attivit su un espresso lavoro di cura sulla persona perch questo tipo di intervento permette di sviluppare nei soggetti adulti il senso di autostima personale e conferisce una rivitalizzazione palese delle motivazioni di fondo aprendersi cura di se stessi per crescere in umanit.
La stessa offerta di lavoro da consegnare a questi soggetti, in questo modo, viene inserita in un percorso di formazione pi ampio, complesso e situazionato rispetto alla condizione del soggetto adulto. La sola offerta di lavoro, sganciata da una qualsivoglia attribuzione di senso da parte delladulto, rischia di essere avvertita come qualcosa di estraneo alla propria vita.
Al contrario, una qualsivoglia offerta di lavoro pu diventare veramente umanizzazione e entrare a far parte della vita di una persona solo se si punta a ricreare nellindividuo motivazioni di senso personali e progettuali.
tale processo che spinge a costruire un nuovo progetto di vita ed  questo il momento e il luogo che pu accogliere unofferta di lavoro. In questa prospettiva, anche ambienti formali di istruzione/formazione possono divenire luoghi in cui il formatore entra nella vita delle persone; situazioni vitali dove porre domande e sollecitare le risposte; processi di consapevolezza di s per interpretare e spiegare il mondo. Ecco, allora, che la stessa tipologia di esperienza pu realizzarsi con percorsi di formazione autobiografici; con altri legati alla discussione/tematizzazione della propria condizione di vita; altri ancora attraverso la creazione di laboratori protetti di scrittura creativa, dellespressivit
La seconda riferibile ad una tipologia di esperienze che, allontanandosi discretamente da una visione di EdA che punta alla riscoperta del significato per lesistenza nel senso umanistico del termine, pur tuttavia mantengono come filo  rosso delle loro attivit la restituzione di senso del proprio vivere. In questo caso si fa riferimento a quei percorsi di formazione di EdA in cui si tenta di promuovere atteggiamenti positivi verso il lavoro autonomo per la diffusione della cultura dellimprenditorialit. Allora, lo sviluppo delle attivit di questo tipo di esperienze punta s allo  sviluppo di  competenze specifiche, professionalizzanti, ma lo fa, prima di tutto non dimenticando quelle di tipo trasversale, sociali, umanizzanti, ma anche nella prospettiva di sviluppare senso di autonomia personale e collettiva individuale, collettiva e professionale. Ecco, allora che questi percorsi possono tradursi in una  vera e propria costruzione di piccole imprese; nella costituzione di cooperative sociali; nella formazione di gruppi di lavoro che analizzano i bisogni del proprio territorio di appartenenza per essere protagonisti dello sviluppo locale

Secondo un ordine per fonti, invece, possibile segnalare esperienze provenienti dalla dimensione formale e da quella non formale. La prima tipologia di esperienze riferibile allambito formale va individuata e riconosciuta nello sforzo istituzionalizzato e costante che viene profuso allinterno dei Centri Territoriali Permanenti (CTP). Qui possibile incontrare esperienze di diverso tipo: da quelle pi propriamente finalizzate allalfabetizzazione di base a quelle pi specificamente progettate per dare risposta al bisogno di utilizzo del tempo libero per prendersi cura di s e trasformare cos lotium in negotium. Sono, certamente, due estremi di una linea di formazione che, per, esprimono lenorme potenzialit che posseggono i CTP. Il problema quello segnalato per altro, a pi riprese da chi da anni lavora e si sporca le mani in questi stessi luoghi di formazione/istruzione di riuscire a trasformare i cosiddetti corsi di EdA in vere e proprie situazioni apprenditive capaci di in-formare di s tutte le dimensioni dellessere umano: formazione  alla cittadinanza; educazione alla salute; educazione alla cooperativit, insomma, tutte quelle espressioni che appaiono comprese nelle locuzioni lifelong learning e lifewide learning.
La seconda tipologia ha a che fare con quelle esperienze realizzate dallassociazionismo sociale. Si tratta di percorsi di formazione che privilegiano  la crescita dellindividuo in tutte le sue dimensioni; percorsi di associazioni, movimenti, comunit di uomini che propongono offerte formative, prevalentemente, espressioni di un bisogno, non solo di formazione, ma sociale, politicodi cittadinizzazione; percorsi che considerano lo stesso incremento e sviluppo dellalfabetizzazione in una visione che potremmo definire integrata, cio in una prospettiva in cui la stessa funzione alfabetizzante viene interpretata in direzione di una crescita umanizzatrice.
Ecco, allora che ci troviamo di fronte a contesti di formazione ambientale, alla legalit, alla cittadinanza attiva, alla salute, alla vita democratica, al recupero delle tradizioni locali (5).

Spesso si richiama una forma di analfabetismo definita informatica, per sottolineare il ruolo acquisito dalle nuove tecnologie e il loro potenziale di innovazione; Le chiediamo un suo giudizio circa limportanza degli strumenti digitali, come il computer e la rete internet, nel processo di insegnamento/apprendimento e il loro valore emancipatorio.
  

A proposito dellinterrogativo, quasi dobbligo richiamare che il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi in sessione straordinaria il 23 e 24 marzo del 2000, tra le numerose proposte della Commissione atte a risolvere il difficile problema occupazionale, individua come  competenze di base, da fornire lungo tutto larco della vita, le competenze in materia di: tecnologie dellinformazione, lingue straniere, cultura tecnologica, imprenditorialit e competenze sociali (6).
Il Memorandum sullistruzione e la formazione permanente, per parte sua, come documento della Commissione Europea pubblicato in risposta al Consiglio di Lisbona, sottolinea come  le tecniche di apprendimento basate sulle TIC offrano un grande potenziale di innovazione per i metodi di insegnamento e apprendimento; come i pedagogisti insistano sulla necessit di integrarle in contesti didattici e in una relazione Insegnante/Allievo in tempo reale per renderle pi pienamente efficaci; come le TIC rappresentino un mezzo formidabile per raggiungere popolazioni sparpagliate e isolate a costi relativamente contenuti; come lapprendimento online consenta a ciascuno di sfruttare al meglio il tempo di cui dispone, ovunque si trovi.
Bastano queste poche indicazioni per far affermare a chiunque che, indubbiamente, il grado di partecipazione di un individuo a quella che, impropriamente, viene definita societ della conoscenza sulla quale bisognerebbe compiere una vera e propria ricognizione semantica e concettuale viene oggi misurato dalla sua competenza/abilit/capacit di potere utilizzare con minore o maggiore abilit le tecnologie informatiche (7).
Se apprendere un processo che dura per tutto il corso della vita e se tale apprendimento ha la pretesa di costituirsi nella duplice prospettiva pedagogica espressa dai termini lifelong learning e lifewide learning, questo vuol dire che, nella loro totalit, gli strumenti digitali vanno analizzati con accuratezza dal versante pedagogico-didattico. Essi possono produrre, al contempo, inclusione sociale ed esclusione sociale.


Il problema sta nel riflettere, previamente, su alcuni elementi dirimenti.

Prima di tutto, il contesto in cui avviene lapprendimento/insegnamento. Molti pedagogisti parlano a proposito di ambiente tecnologico di apprendimento che implicherebbe un nuovo rapporto di comunicazione in cui al tradizionale rapporto tra alunni e insegnanti, si aggiungerebbe un terzo elemento di comunicazione costituito dalle tecnologie innovative stesse che condurrebbero ad un nuovo linguaggio, quello analogico, capace di ri-combinare i termini classici della relazione educativa.
Ora, se il contesto che si costruisce un contesto basato sul rapporto faccia a faccia in cui le nuove tecnologie assumono la funzione di strumenti di supporto per singole e determinate unit di apprendimento, ecco allora, che la portata di queste tecnologie pu rivestire e assumere una funzione particolare di strumento per lapprendimento. Pensare alluso degli strumenti digitali in assoluta solitudine, lasciando il formando, il discente solo davanti a ci che gli ermeneuti potrebbero considerare il nuovo mondo del testo digitale, potrebbe condurre ad uno svilimento se non addirittura allannullamento di ci che crea formazione ed educazione: la relazione. Quale relazione pu esistere tra un mondo del testo digitale, gi preconfezionato nei contenuti, nella metodologia e nella sua stessa funzione per la quale un testo, un contenuto agisce: quella interpretativa, di rielaborazione personale.
In secondo luogo, occorrerebbe chiedersi qual la fonte delle informazioni alle quali si pu accedere tramite gli strumenti digitali e chi seleziona e per quale scopo espresso o inespresso. La semplice informazione non tout court assimilabile alla conoscenza e, quindi, a situazioni formative. Per esserci formazione attraverso o con luso degli strumenti digitali occorrerebbe che si verificassero le condizioni proprie in cui si co-costruisce un set/setting formativo. Occorrebbe forse pensare, per realizzare contenuti di qualit, ad una sorta di authority pedagogica che valuti non i contenuti in s, ma il cosa pu produrre un tipo di contenuto messo in rete e quali situazioni apprenditive pu realizzare o non realizzare?
In terzo luogo, come segnalano molti studiosi di pedagogia e di tecnologie della comunicazione, luso del mezzo digitale pu provocare quello che viene definito lanalfabetismo di ritorno o meglio illitteratismo: il sapere leggere, scrivere e far di conto sono abilit che non vengono pi esercitate perch, appunto, le nuove tecnologie, per alcuni versi, permettono di farne a meno, per altri, addirittura di sostituirle senza chiedere nessuno sforzo di recupero di abilit di base che un tempo erano essenziali per poter vivere e comunicare.
In quarto luogo, occorrerebbe chiedersi se dietro lo sviluppo di modelli didattici innovativi propri dellE-Learning o, pi in generale delle TIC, auspicati dai documenti europei quali quello E-Learning. Pensare allistruzione di domani, vi sia la possibilit di valutare il valore e la consistenza di quelli che vengono definiti nuovi tipi di rapporti tra alunni e insegnanti.
Daltra parte, occorre stare molto attenti a quello che potrebbe essere considerato il totalitarismo tecnoscientifico per il quale conta solo la quantit e non la qualit, la celerit e non la durata, come recentemente hanno fatto notare Karl Popper e Edgar Morin. La formazione minacciata da esigenze cronometriche in cui sembra non vi sia tempo per la riflessione. Se non c investimento sulla riflessione, allora viene da chiedersi se non sia proprio questo lobiettivo sotteso alla formazione proposta oggi ai giovani e agli adulti, sotto le mentite spoglie delloccupabilit e della impiegabilit.
Ai nostri giorni, la formazione, per riprendere Ettore Gelpi, Paulo Freire e altri ancora, deve tornare ad essere un progetto politico in cui scienza, etica e la stessa politica lavorino per una cultura della comprensione e non soltanto per una cultura dellinformazione (8) .

Note:

(1) ISTAT, Forze di lavoro Media 2002 (25 Febbraio 2003, Collana Annuari), cit. in S. Avveduto, Volar zenzali, I.P.S., Roma 2004.

(2) Cfr. Avveduto S., Volar zenzali, I.P.S., Roma 2004.

(3) Ivi.

(4) Avveduto S., Volar senzali, cit.

(5) Su questo stesso sito, si segnala il Report del II Seminario Glocale su La formazione degli adulti alla cittadinanza. Esperienze e Misure di formazione a confronto (Capua, 29 marzo 2005).

(6) Consiglio Europeo di Lisbona,  Bruxelles, 23-24 Marzo 2000, par. 8. Si pu vedere anche http://www.europarl.eu.int/summits/lis1_it.htm

(7) Commissione delle Comunit Europee, Memorandum europeo sull'istruzione e formazione permanente, Bruxelles 2000, pp. 15-21. Si pu vedere memorandumeuropeo.pdf (279803), .

 

L'intervista a Bruno Schettini stata curata da Francesco Vettori, UfficioComunicazione, Indire

 

 

 

 
Articoli correlati

Ballando con il ripetente
di Isabel de Maurissens (21 Febbraio 2014)

Building bridges: SOS studenti
di Isabel de Maurissens (27 Giugno 2011)

Abbandono scolastico precoce: un problema per tutta lEuropa
di Fiora Imberciadori (14 Giugno 2011)

Il PON "Competenze per lo Sviluppo"
di Samuele Calzone (14 Giugno 2011)

La competenza di lettura a nove anni (parte II)
di Francesco Vettori (08 Marzo 2004)

Alfabetismo - analfabetismo della popolazione adulta: ineguaglianza delle opportunità
di Alessandra Anichini (26 Febbraio 2004)

Indagine Ials-Sials: le competenze della popolazione 4665
di Ials-Sials (26 Febbraio 2004)

Indagine Ials-Sials: le competenze della popolazione 26-65
di Ials-Sials (26 Febbraio 2004)

Indagine Ials-Sials: le competenze dei giovani di anni 16-25
di Ials-Sials (26 Febbraio 2004)

La competenza di lettura a nove anni (parte I)
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2004)