Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
INTERCULTURA

Quando scuola e istituzioni collaborano

Multicultura promessa, anzi promossa: le risposte di P. Ennio Brovedani sj, Direttore dell'Istituto Stensen di Firenze

di Francesco Vettori
18 Novembre 2005

Il Vostro Istituto "si propone di favorire la ricerca e il confronto tra le diverse culture": pu parlarci delle finalit che animano questa ricerca e di come riuscite a realizzarla?

Viviamo in un periodo storico caratterizzato, da un lato da un progressivo abbandono dei valori del passato, dall'altro, dall'affermarsi del pluralismo culturale, etnico e religioso. Il pluralismo di per s non costituisce una minaccia; al contrario, in quanto espressione della complessit della realt, rappresenta una preziosa risorsa. Ci che determinante la gestione del pluralismo che, se non accolto, pu effettivamente divenire un fattore di preoccupazione e di rigidit.
In funzione di questo contesto socio-culturale, che non solo progressivamente sviluppa il proprio pluralismo, ma che anche spinto a rapportarsi ai temi inediti del nostro tempo come le biotecnologie, l'equilibrio ecologico, ecc., l'Istituto opera per il confronto tra le diverse e nuove culture. In particolare l'Istituto cerca di favorire la ricerca pluridisciplinare proponendo dei percorsi d'informazione e riflessione su temi fondamentali che hanno particolare rilevanza e incidenza nelle nuove dinamiche antropologiche e sociali. I temi affrontati in questi ultimi anni nelle diverse edizioni del "Novembre stenseniano" sono esempi di possibili percorsi per contribuire alla promozione culturale e sociale. A sviluppare i percorsi sono stati chiamati docenti ed operatori credenti e non credenti, italiani e stranieri. Particolare attenzione stata rivolta ai giovani ed alle istituzioni formative. Nell'edizione del Novembre stenseniano 2005, d'accordo con un gruppo di scuole della Provincia di Firenze, con la SISS Toscana - sede Universit di Firenze - e i Dipartimenti universitari di Filosofia e di Scienze dell'Universit di Firenze, sono state organizzate delle sessioni mattutine specifiche per le scuole e gli specializzandi SSIS.

Avete a disposizione una sala cinematografica, una biblioteca, organizzate mostre, incontri, eventi che si rivolgono spesso ai giovani: quali sono a vostro parere i bisogni culturali emergenti, che cosa chiedono oggi alla cultura?

L'Istituto cerca di rispondere ad una esigenza significativa dei giovani di oggi, cio la disponibilit di un luogo di elaborazione culturale del sapere, che consenta di situare il sapere, nato dalle istituzioni di ricerca e produzione, su un orizzonte di senso e significato. Un altro criterio, cui l'Istituto si attiene, quello di lasciare autonomia ai giovani nelle loro esigenze di creativit e nello sviluppo delle loro attivit culturali. I giovani sentono il bisogno di autonomia nell'attivit di ricerca ed organizzazione degli eventi culturali per potersi misurare e confrontare con se stessi e con la realt.

Nel caso del dibattito su Evoluzionismo e Anti-evoluzionismo cui dedicata una vostra iniziativa, vorremmo capire le ragioni che vi hanno portato a scegliere laboratori didattici, un modo di insegnamento-apprendimento che incontra particolare favore.

Con la realizzazione dei laboratori didattici abbiamo inteso rispondere a due esigenze:

  • 1) Consentire al gruppo dei docenti che hanno partecipato al percorso sullevoluzionismo di riflettere ed approfondire congiuntamente il percorso seguito, allo scopo di individuare le implicazioni pi significative dellevoluzionismo. Tutto ci con lobiettivo di definire delle tracce di percorsi didattici che poi ciascun docente personalizzer in progetti coerenti con le proprie specifiche esigenze.
  • 2) Offrire al contesto della scuola della Provincia di Firenze i risultati, meglio una parte dei risultati, del percorso relativo allevoluzionismo. Questo come contributo alle attivit delle istituzioni scolastiche della nostra Provincia.

Il Vostro Istituto promuove una ricca attivit cinematografica molto apprezzata: che ruolo ha il cinema nel Vostro programma culturale e, ancor pi nello specifico, avete mai pensato ad un uso didattico degli audiovisivi?   

Il Cinema unattivit molto presente sia per tradizione che per struttura lauditorium infatti adibito anche a sala cinematografica secondo gli standard tecnici pi moderni. Limpostazione che viene data alla programmazione rispecchia il ruolo di proposizione e confronto di temi culturali e in particolare ogni singola rassegna, percorso o festival che organizziamo, ha una sua cornice tematica, un filo conduttore e un tema portante che poi viene sviluppato attraverso il doppio binario della visione e del dialogo con il pubblico. Praticamente ogni proiezione viene accompagnata da un commento, tassativamente successivo alla visione, per permettere il confronto tra pubblico e ospiti e per lasciare anche libera scelta allo spettatore di seguire o meno lapprofondimento. Tutti i film in questottica sono scelti per il loro alto valore contenutistico, comunicativo o artistico. Anche eventuali prime visioni e programmazioni continuative sono frutto di scelte consapevoli e indipendenti dai compromessi del mercato. Lattivit punta soprattutto a coinvolgere i pi giovani in unaffinit tra coloro che organizzano e una buona parte di pubblico.
Ci sono anche attivit prettamente indirizzate alle scuole e organizzate in collaborazione con insegnanti e istituti scolastici, ancora limitate, perch riteniamo che sia un campo troppo delicato per proporre, come fanno molti cinema, proiezioni continue senza un adeguato suppporto. Finora i lavori sono stati indirizzati soprattutto alle scuole secondarie, con stage, lezioni, proiezioni guidate e alla presenza dei registi. Per lanno 2006 prevediamo un incremento di questo tipo di offerta con una preparazione specifica e varie collaborazioni, confidando in un sostegno da parte soprattutto della pubblica amministrazione.

 

 
Articoli correlati

2008, anno europeo del dialogo interculturale
di Giovanna Spagnuolo (20 Febbraio 2008)

Lintegrazione scolastica degli alunni immigrati in Europa
di Simona Baggiani e Erika Bartolini (20 Febbraio 2008)

La via italiana all'intercultura
di Vinicio Ongini (20 Febbraio 2008)

La conferenza europea INFO
di Alessandra Missana (10 Dicembre 2007)

La conferenza europea CROMO
di ANSAS Nucleo Regionale Friuli Venezia Giulia (16 Ottobre 2007)

MedTwinning: un ponte multimediale sul Mar Mediterraneo
di Silvia Dell Acqua (27 Novembre 2006)

Una WebBottega per la pace
di Lanfranco Genito (28 Febbraio 2006)

Voglia di comunicare, volontariato e scuola
di Francesco Vettori (04 Maggio 2005)

The seeds of change
di Edoardo Malagigi (09 Marzo 2005)

Tra accoglienza e innovazione
di Maria Ranieri (27 Aprile 2004)

Benchmarking Adult Literacy in North America
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2004)

Competenza alfabetica funzionale
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2004)

Indagine Ials-Sials: competenze della popolazione non nativa
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2004)

Integrazione tra culture diverse: una questione aperta
di Patrizia Lotti (24 Settembre 2003)

La didattica come luogo di mediazione interculturale
di Patrizia Lotti (11 Settembre 2003)