Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LINGUAGGI DELLA COMUNICAZIONE

Francesc Pedró: per capire quel che sta accadendo

Una parola sui sistemi d'apprendimento

di Francesco Vettori
18 Aprile 2006

Francesc Pedr attualmente senior analyst presso il Centre for Educational Research and Innovation della Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD).

Lo spazio e il tempo dellapprendimento stanno cambiando, ma stanno cambiando anche linsegnare e gli insegnanti? E quali nuove pratiche contribuiscono a trasformare la didattica?

Penso che i pi concordino sul fatto che la maggioranza degli insegnanti faccia quel che pu per migliorare le proprie pratiche di insegnamento, pur entro i limiti del ragionevole. Il fatto che le autentiche innovazioni nellinsegnamento o gli autentici insegnanti che innovano arrivano a malapena a rappresentare il 10% della forza di insegnamento in tutto il mondo.
E la ragione non imputabile alla complessit delle tecnologie ma per un verso alla mancanza di un sistema di incentivi a favore degli insegnanti che promuovono innovazione e miglioramenti e per laltro alla mancanza di modelli di insegnamento pi flessibili. Venendo a mancare questi incentivi e guida, perch dovrebbero investire tempo e sforzi maggiori di quanto non sembri loro ragionevole?


Oggi a scuola si fa molta pi attenzione agli strumenti tecnologici con Internet e il computer in primo piano, eppure il comando pi usato per il computer rimane copia e incolla: come spiegare questo divario?

Dal mio punto di vista una questione di impegno e preparazione. Copia e incolla il modo pi facile per produrre un pezzo di qualcosa. Ma nessuno pu sostenere che cos facendo si scopra o costruisca conoscenza - semplicemente un modo di avere meccanicamente a che fare con linformazione, e non sostanzialmente. Hai ottemperato un compito/uno scritto, ma in realt non capisci che cosa vi hai messo tu - e quindi non impari nulla. Se questo fosse il solo modo per interagire con il computer e internet, dovremmo lasciarli perdere a meno di non puntare ad avere cittadini passivi. Dunque, il computer e internet dovrebbero stare in classe non solo al fine di usarli a compier compiti, ma anche perch questa la sola maniera grazie alla quale gli alunni possono imparare come usarli efficacemente e sapientemente - purch ci sia un insegnante che li accompagna in questo processo. Non sono soltanto strumenti, come carta e penna. Piuttosto essi sono dei dispositivi che mediano linformazione e soltanto un loro uso appropriato riesce a trasformare questa informazione in conoscenza.


Pensando alla compressione del tempo e dello spazio, per cui sembra non esserci abbastanza tempo e spazio per nulla, che cosa crede che gli studenti abbiano perso e guadagnato rispetto a qualche decennio fa, con cos tante occasioni di comunicazione?

Ci sono chiare prove che mostrano che le due maggiori perdite sono il gioco naturale, che interagisce con oggetti reali e altri bambini, e la comunicazione faccia a faccia - invece che via tastiera e schermo. Riguardo a ci, spesso citato che la gente trova pi facile comunicare per email o sms che di persona, poich non c bisogno di mostrar stessi come realmente si . Ma penso anche che di queste perdite la responsabilit non sia degli alunni ma nostra.
Per altro verso, gli alunni hanno molto guadagnato in termini di rottura delle barriere di spazio e tempo. Possono comunicare con altri giovani di tutto il mondo, tanto da cominciare a sentirsi veri cittadini del mondo che conoscono culture, problemi e speranze di altri posti. Hanno guadagnato un mondo sulla punta delle loro dita. E noi dovremmo aiutarli a far di questo il miglior uso, a partecipare attivamente alla creazione della societ della conoscenza e prevenirli dal diventare masse digitali invece di attori reali.




Di seguito la versione originale in inglese:

Space and time of learning are changing, but are teaching and teachers changing and what new practices are contributing in transforming learning?

I think that most people would agree that the majority of teachers do their best to improve their own teaching practices, but within the limits of what seems to be reasonable. The fact is that true innovations in teaching or true teacher innovators barely account for 10% of all the teaching force all over the world. And the reason is not related to the complexity of technologies, but to the lack of an incentive system for teachers fostering innovation and improvement on the one hand and to the lack of new and more flexible teaching models on the other. Lacking such incentives and directions, why should they invest more time and effort than what they think to be reasonable?


Today, within the school much more attention than in the past is paid to technological devices, with Internet and the Computer in foreground, still, the most employed command for the computer remains copy and paste: how to explain this gap?

In my view, it is a matter of effort and training. Copy and paste is the easiest way to produce a piece of something. But in doing this, no one can claim to discover or to construct knowledge it is simply a way to deal mechanically with information, and not substantially. You get the paper/assignment done, but actually you dont understand what is in it for you so, you dont learn at all. If this was the only way to interact with computers and the internet, we should get rid of them unless we were aiming to have passive citizens. Therefore, computers and the internet should be in the classroom not only to be used to complete assignments, but also because it is the only way by which pupils can learn how to use them effectively and wisely provided that there is a teacher accompaying them in this process. They are not merely tools, as paper and pencil are. Rather they are devices that mediate information and only an appropriate use can transform this information into knowledge.


Thinking at the time-space compression, for which it seems too that there is not enough time and space for anything, what do you believe students have lost and gained in comparisons to some decades ago, surrounded by so many opportunities for communication?

There seems to be enough evidence showing that the two main loses are natural playing, interacting with real objects and other children, and communicating face-to-face instead of via keyboards and screens. In this respect, it is often quoted that people find easier to communicate via e-mail or sms than in person, because they do not need to show themselves as they really are. But I think also that these losses are not the pupils responsibilities, but our own. On the other hand, pupils have also gained a lot in terms of breaking the barriers of space and time. They can communicate with other children all over the world, so they begin to feel like real citizens of the world who are acquainted with other places cultures, issues and hopes. They have gained a world at their fingertips. And we should be helping them to make the best use of this, to actively participate in the creation of a knowledge society and preventing them from becoming only digital audiences instead of real actors.

 


 
Articoli correlati

Il CoderDojo: come imparare una programmazione strutturata
di Mario Boninsegni (11 Dicembre 2014)

Al via le iscrizioni al corso "Didattica Digitale"
di G. Cannella, R. Carro, E. Mosa, L. Tosi (29 Febbraio 2012)

Che cosè la competenza digitale?
di Silvia Panzavolta (19 Ottobre 2010)

Il modello I-CLEEN
di Matteo Cattadori e Maddalena Macario (17 Maggio 2010)

3.0 verso il Web semantico: THINKERS WANTED!
di Silvia Dell Acqua (17 Febbraio 2010)

Dentro la Scuola: strumenti utili e motivazioni quotidiane
di Renato Montemurro (26 Maggio 2009)

Dove il libro non è il medium prevalente della conoscenza
di Francesco Vettori (29 Aprile 2009)

Mai più una comunicazione "usa e getta"
di Gianluca Torrini (03 Gennaio 2006)

A un mese di distanza dalla morte di Mario Luzi
di Francesco Vettori (21 Marzo 2005)

Il valore della conoscenza, la forza della comunicazione
di Stefania Chipa (09 Febbraio 2005)

Cammina cammina
di Stefania Chipa (01 Gennaio 2005)

Strappate quella pagina
di Stefania Chipa (18 Novembre 2004)

Nuovi linguaggi: scrivere, leggere, interagire
di Antonio Sofia (12 Novembre 2004)

Il registro comunicativo ritrovato
di Giovanni Nulli (21 Settembre 2004)

Bookcrossing: una biblioteca che gira per il mondo
di Annalisa Fiaschi (06 Agosto 2004)