Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ARCHIVI E BANCHE DATI

Gestione Progetti PON Scuola

Uno strumento flessibile per la gestione integrata dei processi formativi

di Laura Papa
09 Febbraio 2007

Nel 2000 a Lisbona il Consiglio europeo si riunito per discutere e definire obiettivi e strategie operative per sostenere la crescita economica, loccupazione e la coesione sociale allinterno dellUnione nel contesto specifico della societ dellinformazione e della conoscenza e nella prospettiva di una mobilit professionale e di studio. Con la finalit quindi di migliorare la qualit e il livello delloccupazione, sono stati formulati in questa occasione gli obiettivi che ciascuno Stato avrebbe dovuto mettere al centro delle proprie politiche in materia di istruzione e formazione:

- migliorare la qualit e l'efficacia dei servizi e dell'offerta di istruzione e formazione; 
- agevolare l'accesso a tutti ai sistemi di istruzione e formazione; 
- aprire al mondo esterno i sistemi di istruzione e formazione.

Nellimpegno politico per poter rispondere alle istanze di Lisbona, lItalia si scontrata con il secolare squilibrio economico e sociale tra il Settentrione e il Mezzogiorno. Sei regioni del Sud dellItalia sono state quindi incluse tra le aree arretrate per le quali lUnione Europea ha predisposto un piano di contributi (il Quadro Comunitario di Sostegno) volto a finanziare interventi di sviluppo e di promozione, perch tutti i paesi membri potessero cominciare a definire e ad applicare una politica comunitaria muovendo da una situazione di partenza condivisa. Il programma che ha riguardato direttamente le sei regioni in questione (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna) stato il Programma Operativo Nazionale obiettivo 1 La Scuola per lo Sviluppo amministrato dal Dipartimento per listruzione e finalizzato in modo primario allinnalzamento della qualit e allinnovazione del sistema di istruzione e formazione nel Mezzogiorno.

La prima programmazione ha finanziato, per una durata di sei anni (2000-2006), con due distinte tipologie di fondi strutturali (Fondo Sociale EuropeoFSE e Fondo Europeo di Sviluppo RegionaleFESR) oltre 37.000 progetti per lo pi di tipo formativo presentati da scuole pubbliche di vario grado per ampliare la loro offerta formativa. Larticolo 9 del regolamento dellautonomia (DPR 275/1999), infatti, introduce lampliamento dellofferta formativa quale strumento che le istituzioni scolastiche, individualmente o in rete fra loro, possono realizzare tenendo conto del contesto culturale, sociale ed economico delle realt locali. Il Programma Operativo Nazionale opera per sua natura su questarea dellextracurriculare che costituisce uno spazio potenziale di ricerca educativa, dimpegno e sfida per linnovazione didattica.

Le aree tematiche di interesse sono:
- definizione e promozione di nuove competenze di base nelle tecnologie dellinformazione e nellapprendimento delle lingue;
- diffusione della cultura dimpresa;
- strategie contro la dispersione scolastica;
- percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS);
- istruzione permanente (lifelong learning);
- pari opportunit.

Ogni area tematica con le proprie caratteristiche, le proprie linee strategiche e i propri obiettivi ha trovato una traduzione programmatica nelle misure/azioni in cui si articola il PON.

LAutorit di gestione, nella sua attivit di indirizzo e di controllo del PON, si posta lobiettivo primario di sviluppare un sistema completo e integrato per tutte le attivit previste di informazione, monitoraggio, rendicontazione, controllo, gestione della spesa, anche al fine di sottoporre la spesa pubblica al monitoraggio della sua efficienza finanziaria e amministrativa e alla valutazione della sua efficacia. nato cos il sistema Partecipa al PON che, coinvolgendo a vari livelli tutti gli attori del processo di monitoraggio (scuole, nuclei di valutazione, USR, Autorit di gestione), ha consentito la costruzione di buone prassi procedurali e comportamentali e la disponibilit di dati affidabili e significativi capaci di costituire un valido supporto alle decisioni collegate alla programmazione delle risorse ma anche alla qualit degli interventi, configurandosi come vera e propria azione di sistema.

Fin dallinizio, lidea progettuale di base prefigurava per la costruzione di un sistema che fosse capace di incidere sul miglioramento della qualit della gestione complessiva della scuola, sostenere processi di governance, anche attraverso sistemi di reti telematiche, e offrisse lopportunit di documentare e verificare gli aspetti qualitativi di tutte le sue attivit fino a diventare uno strumento gestionale e didattico disponibile per ogni scuola.

Far tesoro delle azioni intraprese, condividendole, memorizzandole e offrendole alla conoscenza, allo studio e allutilizzazione di insiemi pi ampi di operatori delleducazione per promuovere la crescita non solo individuale dei beneficiari dei corsi, ma di comunit di pratiche del mondo delleducazione e della formazione: questo lobiettivo fondamentale dello sviluppo del sistema GestioneProgetti PON Scuola. Si tratta di un sistema informatico interattivo per la gestione integrata e organizzata delle informazioni del ciclo di vita di un progetto formativo e la documentazione on line delle sue fasi, pensato come unazione di sistema promossa dallAutorit di gestione del PON scuola, per rafforzare e migliorare il sistema istruzione nelle regioni dellobiettivo 1.

Il progetto punta ad accrescere la qualit dei percorsi formativi offerti attraverso la razionalizzazione, lorganizzazione e lamplificazione dei flussi di informazione e documentazione, nonch a diffondere le buone prassi nella gestione dei processi di apprendimento. Fornisce inoltre allAutorit di gestione opportunit di conoscenza e monitoraggio che sono alla base degli interventi di sostegno, controllo funzionale e valorizzazione dei processi in atto, nonch della programmazione per il futuro. Il sistema informatico GestioneProgetti si configura infatti come strumento a sostegno della governance del sistema dellistruzione e della formazione, come anche della qualit del processo formativo per lo sviluppo del singolo individuo. Nello specifico stato ideato e costruito con gli obiettivi di promuovere la qualit nella gestione organizzata delle informazioni e sviluppare lattivit di documentazione finalizzata alla ricerca e favorire la partecipazione attiva, la comunicazione, la conoscenza e la condivisione nel processo formativo.

Il software online Gestione Progetti PON Scuola costituisce uno spazio organizzato facilmente accessibile e consultabile in grado di costruire una memoria comune in cui confluiscono le informazioni utili per la realizzazione e la fruizione di ciascun percorso di formazione e per attivare momenti di studio e attivit di ricerca e riflessione sulle Azioni e le Misure PON Scuola. Il sistema si configura per gli enti sul territorio, la scuola e lAutorit ministeriale come uno strumento di supporto per la gestione dei progetti del PON Scuola adatto a sostituire, nel tempo, le procedure tradizionali di amministrazione. Pu infatti essere definito come un contenitore strutturato e funzionale di informazioni relative alle persone e alle attivit.

il luogo in cui vengono inseriti i dati dei corsisti e di tutti gli operatori coinvolti nei progetti come anche il calendario delle lezioni, la registrazione delle assenze, lattivit didattica e di verifica svolta: lorganizzazione informatica del software consente di trovare rapidamente sia il dettaglio che il riepilogo delle informazioni e di stampare documenti necessari come il registro delle presenze, il progetto formativo, lattestato finale. Inoltre il software on line e registra a sistema le informazioni nel momento in cui vengono inserite. Questo comporta una notevole rapidit di aggiornamento, in modo che, ad esempio, i corsisti possano essere al corrente in tempo reale non solo del calendario delle lezioni, ma anche degli obiettivi che raggiungono durante lo svolgersi del loro percorso formativo; allo stesso modo gli esperti hanno la possibilit di seguire landamento del percorso e di aggiornare le informazioni relative alla loro attivit. Utilizzando questo software, la scuola ha in ogni momento a disposizione i dati utili per conoscere lo stato di sviluppo del corso e i risultati ottenuti fino a quel punto.

Essere un contenitore strutturato e funzionale significa anche offrire la possibilit di archiviare i materiali di carattere formativo che vengono prodotti durante il progetto, attraverso una funzione di upload predisposta per caricare nel sistema i documenti in formato elettronico nelle aree di descrizione delle attivit o dei prodotti realizzati. In questo senso, il software GestioneProgetti PON Scuola costruisce un vero e proprio sistema di documentazione su alcuni dei temi fondamentali del PON Scuola: le prove di accesso e selezione, il bilancio di competenze, i materiali didattici, le metodologie didattiche, le verifiche, le professionalit impiegate, i prodotti dei progetti, ecc. La documentazione su questi temi basilare per condurre ricerche che possono avere delle ricadute sullintero sistema nella prospettiva dello sviluppo e della crescita della scuola. In particolare, un occasione, attraverso la gestione di esperienze formative avanzate sviluppate allinterno delle varie misure/azioni nei diversi campi, per offrire agli operatori del mondo della scuola dei glossari di riferimento, degli standard di raccolta dati, dei modelli innovativi di strumenti per la valutazione. 

Il software  GestioneProgetti PON Scuola stato pensato inoltre come uno strumento di lavoro e di comunicazione, ponte tra la scuola e il territorio, tale da consentire a tutti gli attori di un percorso formativo, ciascuno nel proprio ruolo e secondo le proprie responsabilit, di partecipare alla vita del progetto in ogni momento della giornata e da qualunque luogo. infatti possibile condividere, con i corsisti e fra i corsisti, con gli operatori e fra gli operatori, documenti che pur non essendo materiali prodotti per la didattica si ritengano comunque interessanti ai fini del percorso formativo; possibile inviare e-mail ad un gruppo (corsisti, operatori, componenti del gruppo operativo di progetto, ecc) o ad personam, inviare lorario delle attivit ai docenti, ecc. possibile realizzare a stampa quadri sinottici delle attivit o delle loro caratteristiche adeguate alle diverse esigenze di conoscenza degli utenti, cos ad esempio i corsisti, o le loro famiglie, possono ottenere a richiesta un semplice promemoria delle presenze dellallievo, o avere una dettagliata certificazione delle competenze acquisite a seguito del percorso formativo.

La sezione amministrativa dellistituto potr essere supportata nella rendicontazione del progetto allAutorit di gestione attraverso delle sintesi che suddividono automaticamente, a seconda della misura/azione, le varie attivit secondo le voci di spesa prescritte nelle certificazioni economiche dei progetti del PON-scuola (spese per le persone, spese di accompagnamento, spese di sistema). importante sottolineare che si tratta di uno strumento flessibile, capace di descrivere le situazioni reali che possono verificarsi. possibile quindi, su segnalazione degli stessi utenti, apportare al software quelle modifiche che si ritengano necessarie per una migliore gestione dei progetti.

Possiamo dunque concludere affermando che il progetto di gestione e documentazione on line dei progetti PON Scuola rappresenta un investimento di ampia portata a vantaggio del sistema scolastico nel suo complesso promovendo, oltre alluso diffuso delle nuove tecnologie, la cultura della qualit, della partecipazione, della trasparenza, della condivisione e avviando, grazie alla documentazione, un processo di capitalizzazione delle pratiche prodotte e sperimentate nel PON Scuola finalizzate a promuovere lapprendimento per tutto larco della vita.

 
Articoli correlati

Una storia narrata in classe
di Raffaella Calgaro (08 Luglio 2014)

Dalla scelta delle fonti all'attività laboratoriale
di Francesco Vettori (01 Luglio 2014)

Sostenere un'attività didattica: la parola agli studenti
di IV E LOGISTICA Istituto "G.CHILESOTTI" Thiene (01 Luglio 2014)

Classi 2.0, storie di mondi possibili
di Silvia Panzavolta (14 Gennaio 2013)

Raccontare percorsi didattici con la documentazione generativa
di Raimonda M. Morani (11 Luglio 2011)

Usare materiale didattico realizzato in altri Paesi
di Silvia Panzavolta (20 Aprile 2011)

Un Convegno pieno di idee su di una fonte storica malgré soi
di Marisa Trigari (05 Ottobre 2007)

Il portale Fisqed al Convegno "Quaderni di Scuola"
di Marisa Trigari (15 Settembre 2007)

Un sistema per conservare "il processo"
di Caterina Orlandi (09 Febbraio 2007)

Cultura di rete, cultura della qualità
di Claudia Chellini (09 Febbraio 2007)

Gold Train 2006, la sperimentazione del progetto
di Isabella Medicina (05 Febbraio 2007)

Dimmi come documenti e ti dirò chi sei
di Elisa Macherelli (13 Novembre 2006)

Scuola di razza
di Juri Meda (22 Maggio 2006)

Indicare, descrivere e comunicare risorse online
di Silvia Panzavolta (18 Agosto 2005)

Gold Train: un progetto per la diffusione delle buone pratiche nella scuola
di Antonella Turchi (29 Aprile 2005)