Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
RIFORMA

De Marchi e l'approccio umanistico alla selezione docenti

Memorandum di De Marchi"Progetto-Pilota per la Sperimentazione dellApproccio Umanistico nella Selezione e Formazione dei Docenti e nellInsegnamento"

di Luigi De Marchi
10 Settembre 2003

Questo  un documento del professor Luigi De Marchi a seguito dell'Assemblea Plenaria dei 320 esperti del Miur, riunita a Fiuggi nel febbraio del 2003
 

 

All'attenzione del Ministro Moratti e del Sottosegretario Aprea
 
Progetto-Pilota per la Sperimentazione dell'Approccio Umanistico nella Selezione e Formazione dei Docenti e nell'Insegnamento
 
Considerazioni preliminari
 
   Da mezzo secolo, ormai, la Scuola italiana oggetto d'una serie infinita di riforme i cui risultati, peraltro, sono stati e restano molto scarsi. Perch ?
   Secondo il Centro Culturale per la Rivoluzione Liberale, la ragione principale di questo bilancio fallimentare sta nel fatto che tutte le forme via via tentate o attuate hanno sempre e solo rimescolato o aggiornato il bagaglio nozionistico via scaricato sulle spalle dei docenti e degli studenti.
   Secondo il Centro Culturale per la Rivoluzione Liberale, la ragione principale di questo bilancio fallimentare sta nel fatto che tutte le forme via via tentate o attuate hanno sempre e solo rimescolato o aggiornato il bagaglio nozionistico via scaricato sulle spalle dei docenti e degli studenti.
    Ma, come ha detto di recente il Ministro Moratti, un rinnovamento vero della Scuola italiana impossibile senza un miglioramento del rapporto interpersonale tra docenti e docenti e tra docenti e studenti. Questo miglioramento promuover infatti un obiettivo al tempo stesso pi semplice e pi ambizioso di quelli perseguiti dalle riforme nozionistiche: sviluppare e valorizzare nei giovani la passione per la cultura e la ricerca come strumenti preziosi per l'autorealizzazione della persona e l'umanizzazione della societ.
    Ma come? E' la nostra stessa esperienza personale a indicarcelo. Tutti conserviamo nei nostri ricordi scolastici, insieme ad una galleria di volti anonimi o minacciosi, una o due figure d'insegnanti cordiali e affascinanti che hanno saputo farci sentire, nelle loro magiche ore di lezione, la gioia di apprendere, di esprimerci e di essere ascoltati davvero. Quali erano le qualit specifiche di questi insegnanti ?
    Non certo l'erudizione nozionistica che molti altri insegnanti noiosissimi possedevano magari in misura molto maggiore.
    Erano le qualit che la Psicologia Umanistica, strumento prezioso di ogni vera Rivoluzione Liberale, insegna da sempre ad individuare e sviluppare: l'autenticit, l'intelligenza emotiva, l'ascolto empatico, la creativit, l'indipendenza intellettuale, la disponibilit verso gli altri.
       
   Questa dunque la sola riforma capace di rinnovare la Scuola italiana (come del resto ogni altra scuola d'ogni altro paese): una riforma relazionale che miri ad assicurare, ai nostri bambini e ai nostri giovani, nuovi insegnanti ricchi d'intuizione, creativit ed empatia e quindi capaci di sviluppare queste stesse doti nei loro allievi, nell'interesse di questi ultimi e della societ in generale. Una riforma, insomma, ispirata ai criteri della Psicologia Umanistica.
    Naturalmente il nostro Centro non si nasconde le difficolt e gli ostacoli che la situazione esistente frappone a questa riforma. Ma la gravit della situazione esistente non deve distrarre i riformatori autentici dalla risoluta volont di risanare la Scuola italiana.
    Certo, finora la selezione del personale docente avvenuta secondo i vecchi criteri nozionistici, ma ci non vieta sicuramente di avviare nuove selezioni sperimentali secondo i criteri della Psicologia Umanistica test  evidenziati, n di avviare corsi o seminari di aggiornamento finalizzati a sviluppare nel personale esistente i nuovi principi e metodi umanistici di insegnamento, di ascolto e dialogo empatico con gli allievi, d'incoraggiamento alla loro creativit e indipendenza intellettuale.
 
 
Prof. Luigi De Marchi

 

 
Articoli correlati

Il rilancio dellIstruzione e formazione tecnica superiore
di Alessandra Lazazzara (06 Agosto 2004)

Aumenta la domanda di personale formato e specializzato
di Alessandra Lazazzara (06 Agosto 2004)

Valutazione didattica e riforma dell'istruzione
di Francesco Vettori (08 Giugno 2004)

I sei elementi chiave della riforma dell'istruzione americana
di Stefania Chipa (04 Giugno 2004)

La riforma della scuola. Stato, attuazione e prospettive
di Isabel de Maurissens (17 Maggio 2004)

Nuove modifiche alla riforma dell'università
di Silvia Vecci (09 Settembre 2003)

Il Mediatore scolastico in Svizzera
di Patrizia Lotti (09 Settembre 2003)