Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STRATEGIE COMUNICATIVE

I Creative commons e la filosofia dei commoners

Un tentativo di coniugare diritti e libert, creativit e sicurezza

di Silvia Panzavolta
09 Gennaio 2008

Se da una parte Internet ha cambiato il nostro modo di lavorare, comunicare e studiare, dallaltra ha reso pi labili alcune protezioni e alcune garanzie di sicurezza, in particolare per quanto riguarda la protezione del diritto dautore e il diritto dellutente di conoscere i termini per l'utilizzo delle risorse online. 
Di questo aspetto si occupa unorganizzazione no-profit a livello internazionale chiamata Creative Commons, nata nel 2002 per iniziativa di alcune prestigiose personalit come Lawrence Lessig, professore di diritto allUniversit di Stanford, e Hal Abelson, professore di informatica e ingegneria presso il Dipartimento di ingegneria Elettrica e informatica del MIT (Massachussets Insitute of Technology).
Dal 2003 in poi, liniziativa ha riscosso un tale successo che le licenze, inizialmente espresse in lingua inglese, vengono tradotte dallinglese in molte altre lingue e adattate al sistema giuridico di molti paesi a livello mondiale. Attualmente, i paesi per i quali la licenza stata adattata sono Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Cile, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Israele, Italia, Giappone, Sud Corea, Malesia, Messico, Olanda, Polonia, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Taiwan, Inghilterra, Galles e Scozia e in molti altri sta per essere introdotta.
Creative Commons offre un sistema flessibile di protezioni e libert per autori, artisti e creativi. Superando la logica del diritto d'autore tradizionale ("tutti i diritti riservati"), il progetto ha messo a punto un diritto d'autore particolare, fondato sul principio "alcuni diritti riservati" (detto "copyleft" in opposizione, appunto, al copyright tradizionale). Esistono sei tipologie di licenze a protezione del diritto dautore e dellopera dingegno, declinate a seconda di come lautore decide di condividere lopera (es. scopo commerciale, distribuzione, sviluppo ecc.). Le licenze esprimono i diritti e i doveri di chi utilizza il materiale e sono una combinazione delle 4 principali clausole, riportate di seguito.

 

Attribuzione: devi riconoscere la paternit dell'opera all'autore originale;

 

Non commerciale: non puoi utilizzare quest'opera per scopi commerciali;

 

          Non opere derivate: non puoi alterare, trasformare o sviluppare quest'opera;

 

         Condividi allo stesso modo: se alteri, trasformi o sviluppi quest'opera puoi distribuire l'opera risultante solo per mezzo di una licenza identica a questa.

 

Le risorse a cui si possono applicare le licenze Creative Commons sono sia online sia offline e composte da qualsiasi tipologia di supporto (audio, video, testo, immagini, materiali educativi, interattivi ecc.). Alla conferenza annuale dei commoners (i sostenitori dell'iniziativa Creative Commons), a Dubrovnick (giugno 2007), come esempio di applicazione delle licenze CC ad opere dell'ingegno offline, stato mostrato anche il progetto di uno spazio espositivo per una mostra d'arte che si terr a Rio de Janeiro e che l'autore, un architetto, ha deciso di condividere, appunto, sotto licenze Creative Commons. Altri potranno, dunque, utilizzare tale progetto per allestire lo stesso spazio espositivo nella loro citt, senza dover pagare un centesimo.

Ogni licenza descritta secondo tre diversi codici:

1) il linguaggio giuridico, con particolare riferimento al sistema giuridico del paese in questione. Per lItalia, lente che ha curato ladattamento delle licenze il l'Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell'Informazione e delle Telecomunicazioni (IEIIT) del Consiglio Nazionale delle Ricerche;
2) il linguaggio parlato, in pratica una traduzione del linguaggio giuridico per coloro che non sono familiari con i termini legali. Le clausole sono anche segnalate attraverso una simbologia molto semplice e facile da ricordare;
3) il linguaggio macchina, per cui si pu associare in modo automatico la licenza scelta al proprio lavoro e senza dover conoscere il linguaggio di programmazione. In pratica, Creative Commons mette a disposizione degli autori sistemi di marcatura delle risorse in modo tale che anche una persona non esperta sia in grado di inserire la licenza duso nel momento in cui crea la risorsa online. Unapposita pagina del sito italiano di Creative Commons spiega come fare. In figura 1, lo script in RDF (Resource Description Framework) che pu essere inserito dallamministratore del sito in modo da visualizzare il logo Creative Commons associato alle proprie risorse ed essere quindi individuato dai motori di ricerca.

 Figura 1 Visualizzazione dello script in RDF da inserire nel codice HTML della risorsa

Le licenze italiane Creative Commons si articolano sulla base delle 4 clausole fondamentali, comprendendo anche delle combinazioni di esse. Quelle previste per il contesto italiano sono le seguenti:

 Attribuzione 2.5
 Attribuzione - Non opere derivate 2.5
 Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5
 Attribuzione - Non commerciale 2.5
 Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5
 Attribuzione - Condividi allo stesso modo 2.5

Come si vede, la clausola "Attribuzione", ossia il nome dell'autore, deve sempre essere associata alla risorsa creata in quanto, nella giurisprudenza italiana, la paternit dell'opera un diritto inalienabile. In pratica, l'autore di un'opera conserver sempre il suo ruolo di creatore dell'opera e in nessun modo potr cederla. Rispetto, invece, alla copia, alla distribuzione e allo sviluppo dell'opera, l'autore pu effettuare diverse scelte (tenere per s i diritti, cederli ad un intermediario per scopi commerciali, cederli in parte, come nella logica CC).
Il sito Creative Commons mette a disposizione una comoda maschera di ricerca alla Google che esplora tutto il web alla ricerca di risorse associate a licenze CC. In figura 2, uno screen shot della funzionalit suddetta. Questo possibile proprio perch le licenze CC sono comprensibili anche dalla macchina e quindi ricercabili separatamente dal resto delle risorse online non CC. Nell'esempio abbiamo cercato la parola "school" (evidenziato in arancione) in Flikr, utilizzando il metamotore CC.

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Figura 2 La maschera di ricerca predisposta dal sistema CC per trovare sul web tutte le risorse associate a licenze Creative Commons. Esempio di ricerca con la parola "school". 

Di seguito offriamo una panoramica di siti contenenti risorse di varia natura (file audio, video, testo, immagini ecc.), generalmente messe a disposizione da enti o soggetti pubblici.

RISORSE EDUCATIVE

home page del sito OER

  • OER (Open Educational Resources),  un ambiente di condivisione di risorse educative per la scuola (dalla primaria alla secondaria superiore) e per luniversit. Ognuno pu utilizzare e modificare le risorse offerte, nonch commentarle e descriverle secondo i propri parametri. Inoltre fortemente incoraggiata la partecipazione attiva da parte di docenti e studenti, i quali sono invitati a pubblicare e condividere le proprie risorse educative;
  • Sito del MIT (Massachussets Insitute of Technology), famosa universit americana, offre corsi, dispense ed altro materiale per studenti e ricercatori;
  • Learning Space, il portale curato dalla Open University, dedicato al libero scambio di materiale educativo;
  • PLOS, Public Library of Science, mette a disposizione materiale bibliografico full-text. possibile accedere ad articoli scientifici tratti da varie riviste e scaricarli gratuitamente;
  • Sidebars, periodico elettronico dedicato al mondo della formazione online, curato dal BCIT, Centro canadese che si occupa di apprendimento e insegnamento e cerca di promuovere le pratiche innovative nei contesti di apprendimento distribuito, http://online.bcit.ca/sidebars/index.htm;
  • Reusable learning, sito con contributi editoriali sul tema della riusabilit delle risorse educative;
  • Teslogiciels, sito francese che mette a disposizione pi di 500 software educativi liberamente scaricabili (sia per Windows sia per Linux)
  • Connexions, sito dell'Universit di Huston in cui possibile condivedere materiale ma anche modificarlo e crearlo grazie a particolari tool che vengono gratuitamente messi a disposizione dal progetto Connexions.

RISORSE MULTIMEDIALI

  • il sito di TV5, emittente televisiva internazionale, offre alcune delle sue numerose risorse sotto licenze CC. In particolare, la mediateca offre risorse utili allinsegnamento/apprendimento, quali suoni, immagini, video e piccole animazioni in Flash.

Screen shot TV5

 

 

 

 


 

 

 

 

 

MUSICA

 Home di cc mixter

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Jamendo, sito di musica scaricabile in formato per lettore mp3 e IPod;
  • SoundTransit, sito di brani musicali scaricabili in vari formati;
  • CCmixter, sito che mette a disposizione brani musicali, strumentali e non, sotto lincenze, che possibile scaricare sotto licenze CC.

Il progetto europeo MELT (Metadata Ecology for Learning and Training), cui INDIRE partecipa, ha lobiettivo di creare un portale europeo per laccesso gratuito alle risorse educative. Tutte le risorse del portale MELT saranno soggette a licenze Creative Commons incentivandone cos il riuso, in quanto lutente informato rispetto a quali diritti duso possieda sulla risorsa (distribuzione, modifica, copia ecc.). INDIRE intende condividere sia Learning Object sia Asset, ossia risorse per la didattica destrutturate ed utili alla creazione di nuovi oggetti da parte del docente. Gli asset che verrano forniti da INDIRE sono circa 18.000, tra fotografie, immagini darchivio e scansioni di materiale storico-archivistico presenti nella banca dati DIA. Per quanto riguarda i Learning Object, si proceder ad una selezione dei migliori oggetti creati per le piattaforme PuntoEdu, con particolare attenzione a quelli che meglio si adattano ad un contesto internazionale. Il portale MELT sar disponibile per tutte le scuole europee entro giugno del 2008.

LE LICENZE CC NELLA SCUOLA

La scuola un ambiente in cui molto materiale educativo viene prodotto. Docenti, esperti, ricercatori educativi sono spesso autori di materiali interessanti e ben fatti che potrebbero essere utili anche in altri contesti scolastici e culturali. Spesso tale materiale rimane congelato nei PC degli autori oppure, nella migliore delle ipotesi, pubblicato sul sito della scuola, senza peraltro specificare all'utente (altri docenti e scuole) quali usi ne possa fare. Nell'ottica di favorire un processo di condivisione, se si vuole di Knowledge Sharing, secondo la definizione espressa nella letterature sulla societ della conoscenza, l'adozione delle licenze CC rappresenta un buon punto di partenza. Un'altra considerazione riguarda l'utilizzo sempre pi diffuso di Learning Object, gli ormai celebri materiali educativi digitali il cui uso dovrebbe essere reiterato nel tempo, in contesti diversi e con la possibilit di adattare/sviluppare la versione iniziale a seconda dei bisogni educativi dei propri studenti. Ma come promuovere tale uso virtuoso senza prevedere un sistema di tutele e diritti che possa mettere il docente nelle condizioni di essere creativo e di sentirsi libero di usare, fare, disfare? I commoner sostengono, infatti, che in assenza di tale sistema, aperto ma giusto (fair, come si sforza di ripetere la Commissione Europea), la comunit educativa continuer ad essere titubante ed impacciata rispetto all'uso/riuso di tali artefatti. In definitiva, quindi, le licenze creative commons possono essere viste come una sorta di sfondo integratore in grado di catalizzare processi di uso, riuso e creazione (magari anche collaborativa) di materiali educativi, specialmente digitali. La scuola, nella sua autonomia, potrebbe decidere, ad esempio, che tutto ci che viene prodotto dal personale docente venga condiviso online con licenze CC.  

INDIRE AL SUMMIT ICOMMONS

 

Dal 14 al 17 giugno, Indire ha partecipato al summit di iCommons, tenutosi a Dubrovnick, cui partecipavano rappresentanti di tutto il mondo. ICommons un movimento filosofico e sociopolitico che si batte per il libero accesso alla cultura per tutti. In particolare, Indire ha preso parte alla sessione dedicata alleducazione (iCiC, iCommons-iCurriculum), condividendo con gli altri partecipanti le proprie iniziative, sperimentazioni e spunti di ricerca. Tra gli sponsor della conferenza, Google, Nokia e IBM.

Il resoconto della partecipazione alla conferenza iCommons 2007 disponibile in formato video.

Per commenti o domande si prega di rivolgersi all'autrice, all'indirizzo s.panzavolta@indire.it

 
Articoli correlati

Consulenza filosofica a scuola
di Isabel de Maurissens (16 Marzo 2012)

La necessità di una diversa consapevolezza metodologica
di Francesco Vettori (11 Novembre 2008)

L'italiano in Second Life
di Andrea Benassi (21 Ottobre 2008)

Emotional Bandwidth, un apprendimento ben valorizzato
di Maria Guida (20 Ottobre 2008)

A scuola di creatività nel virtuale
di Francesco Vettori (17 Ottobre 2008)

"Condividere allo stesso modo" in una prospettiva storica
di Giovanni Nulli (09 Gennaio 2008)

Uno scambio di risorse educative
di Jim Ayre (09 Gennaio 2008)

Che cosa vuol dire fare Leadership
di Leonardo Tosi (05 Luglio 2007)

E-tutor e ambienti di apprendimento
di Elena Mosa e Leonardo Tosi (13 Dicembre 2006)

La necessità di una nuova visione
di Giovanni Biondi (12 Dicembre 2006)

Dal design delloggetto alla progettazione dellesperienza
di Alessandra Anichini (29 Novembre 2006)

Al via i corsi della Italian University Line
di Indire (22 Settembre 2006)

Indire all'Expo del Capitale Umano e dell'Innovazione
di Gianluca Torrini (13 Marzo 2006)

Le tre fasi dell'era elettrica
di Fabio Giglietto (25 Gennaio 2005)

Indire rinnova la comunicazione e la presenta a Ferrara
di Francesco Proia (08 Ottobre 2004)