Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STRATEGIE COMUNICATIVE

Uno scambio di risorse educative

Qual il valore strategico dei Creative Commons nella societ dell'informazione e le loro applicazioni in ambito educativo?

di Jim Ayre
09 Gennaio 2008

Dia IndireSul finire del 2007 European Schoolnet (EUN) lancer uno scambio di risorse per l'apprendimento (LRE), un servizio che mira a dischiudere i contenuti educativi nascosti nei repository digitali in Europa e a condividerli con tutti i partner di LRE e i loro utenti. All'inizio LRE comprender approssimativamente 40.000 risorse e 125.000 asset per l'apprendimento, tutti resi liberamente utilizzabili dalle scuole sotto licenza Creative Commons. I Creative Commons sono uno schema di licenza del copyright riconosciuto a livello internazionale che i Ministri dell'Educazione e i singoli insegnanti stanno progressivamente impiegando, cos da distribuire risorse e chiarire agli altri come possono essere utilizzate.
Penso che, nel momento in cui siamo testimoni della pi grande esplosione delle tecnologie del Web 2.0 e di contenuti generati dagli utenti, non solo in campo educativo ma anche nella societ dellinformazione, le licenze Creative Commons offrano alle persone un modo relativamente semplice per condividere con gli altri i propri contenuti, pur continuando a mantenere su di essi un qualche grado di controllo.

Perch questo importante?

Nellambito del lavoro che sto compiendo per European Schoolnet legato allo sviluppo di un servizio di scambio di risorse per lapprendimento (Learning Resource Exchange) per le scuole, le licenze CC chiariranno agli insegnanti che cosa possono fare, e che cosa non, con i contenuti che troveranno in questo nuovo servizio. Prima di andare avanti con il concetto di scambio di risorse per lapprendimento, EUN (European Schoolnet) ha chiesto un parere legale circa la questione dei diritti di propriet intellettuale associati a tale iniziativa. Lopinione corrente era che unimpresa del genere avrebbe potuto essere foriera di problemi legali e che EUN non avrebbe dovuto rischiare il lancio di un portale in cui contenuti educativi aperti erano liberamente utilizzabili dalle scuole.
Comunque sia, applicare lo schema di licenza dei Creative Commons a tutte le risorse LRE, mentre certamente sicuro, ci ha permesso di procedere a un qualche grado di affidamento, come in tutto il mondo stanno facendo molte altre organizzazioni e repository di risorse per lapprendimento pu vedersi www.oercommons.org.

Quindi i Creative Commons sono una specificazione ben accetta e EUN (European Schoolnet) ha gi dato la prima attuazione su larga scala dei CC in Europa in riferimento alle risorse per lapprendimento per le scuole (coni progetti CALIBRATE e MELT).
Ad ogni modo, il lavoro di EUN in questambito mostra che la pratica dei CC ha i suoi problemi: a volte le licenze CC non sono correttamente intese dai loro utenti e occorre stabilire le best practices
su come si usano le loro differenti varianti.
Per esempio, oggi pare che molti Ministeri dellIstruzione quasi meccanicamente applichino alle proprie risorse una variante non-commerciale dei CC senza esser consapevoli che ci pu avere innumerevoli conseguenze negative (si veda, The Case for Free Use: Reasons Not to Use a Creative Commons).

Jim Ayre consulente educativo che lavora al Learning Resource Exchange per EUN (European Schoolnet).
 

Original in English

At the end of 2007, European Schoolnet (EUN) will launch a Learning Resource Exchange (LRE) for schools, a service designed to unlock the educational content hidden in digital repositories across Europe and share it among all partners of the LRE and their users. Initially the LRE will contain approximately 40,000 learning resources and 125,000 learning assets all of which are being made freely available to schools under Creative Commons licenses.

Creative Commons is an internationally recognised copyright licensing scheme that is being increasingly used by Ministries of Education and individual teachers so that they can distribute resources and make it clear to others how they can be used.

I think that, at a time when we are witnessing a major explosion in Web 2.0 technologies and user-generated content, not only in education but in the Information Society generally, CC licensing offers people a relatively easy way to share their content with others while still retaining some degree of control over it.
 
Why is it important? In the context of the work that I am doing for European Schoolnet related to developing a Learning Resource Exchange service for schools, CC licensing makes it clear to teachers what they can and cannot do with the content that they will find in this new service. Prior to moving forward with the concept of the LRE, EUN took legal advice concerning the IPR (intellectual property rights) issues associated with such an initiative. The conventional view was that such an undertaking might be fraught with legal problems and that EUN should not risk launching a portal in which open educational content is freely available to schools. However, by applying the CC licensing scheme to all LRE resources, while it is by no means foolproof, we have been able to proceed with some degree of confidence, as many other organisations and learning content repositories are doing all over the world - see www.oercommons.org
 
Creative Commons, therefore, is increasingly a well accepted specif ication and European Schoolnet (EUN), has already provided the first large scale CC implementation in Europe related to learning resources for schools (in the CALIBRATE and MELT projects). However, EUNs work in this area also reveals that implementing Creative Commons has some problems; CC licenses are sometimes not correctly understood by end-users and best practice needs to be established on how to use the different variants of CC. For example, currently many Ministries of Education seem, almost by default, to apply a non-commercial variant of a CC license to their resources, without being aware that this may have a number of possibly negative consequences. http://freedomdefined.org/Licenses/NC

Over the next few years EUN plans to work with Creative Commons International and its new ccLearn initiative that is specifically for educators so that both Ministries and teachers can better understand the potential of this simple but very powerful licensing scheme.

Jim Ayre is an educational consultant working for EUN on the LRE.
 
 



 
Articoli correlati

Consulenza filosofica a scuola
di Isabel de Maurissens (16 Marzo 2012)

La necessità di una diversa consapevolezza metodologica
di Francesco Vettori (11 Novembre 2008)

L'italiano in Second Life
di Andrea Benassi (21 Ottobre 2008)

Emotional Bandwidth, un apprendimento ben valorizzato
di Maria Guida (20 Ottobre 2008)

A scuola di creatività nel virtuale
di Francesco Vettori (17 Ottobre 2008)

I Creative commons e la filosofia dei commoners
di Silvia Panzavolta (09 Gennaio 2008)

"Condividere allo stesso modo" in una prospettiva storica
di Giovanni Nulli (09 Gennaio 2008)

Che cosa vuol dire fare Leadership
di Leonardo Tosi (05 Luglio 2007)

E-tutor e ambienti di apprendimento
di Elena Mosa e Leonardo Tosi (13 Dicembre 2006)

La necessità di una nuova visione
di Giovanni Biondi (12 Dicembre 2006)

Dal design delloggetto alla progettazione dellesperienza
di Alessandra Anichini (29 Novembre 2006)

Al via i corsi della Italian University Line
di Indire (22 Settembre 2006)

Indire all'Expo del Capitale Umano e dell'Innovazione
di Gianluca Torrini (13 Marzo 2006)

Le tre fasi dell'era elettrica
di Fabio Giglietto (25 Gennaio 2005)

Indire rinnova la comunicazione e la presenta a Ferrara
di Francesco Proia (08 Ottobre 2004)