Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

Considerare lo sviluppo della LIM nel suo contesto olistico

Sintesi delle sessioni scientifiche parallele svoltesi al convegno RITWIT di Cambridge

di Giovanni Nulli
17 Luglio 2009

Considerare lo sviluppo della LIM nel suo contesto olistico la traduzione del titolo dellintervento dellaustraliano Mal Lee, docente e direttore generale di EdDirect, autore dei libri The Interactive board revolution e Leading a digital school, che si occupa ormai da diversi anni dellimpatto delle ICT nelle scuole australiane. Lee ha aperto il convegno evidenziando come il processo di integrazione dei nuovi media negli ultimi trenta-quaranta anni (anni in cui la parola rivoluzione stata gi utilizzata ed abusata, per lintroduzione dellaudiovisivo prima, del computer poi) sia avvenuto senza un effettivo cambiamento nella metodologia o nella struttura dellinsegnamento.
In virt di questa consapevolezza lautore ripropone adesso, con un significato diverso, il termine rivoluzione alla luce di un contesto di riferimento profondamente diverso rispetto al passato, che vede un processo diffuso di introduzione della LIM nelle classi di tutto il mondo e che mette in evidenza alcuni aspetti-chiave:

  • la LIM una tecnologia che nasce per la scuola e non una tecnologia introdotta a scuola a partire da altri settori professionali;
  • le aziende produttrici di tecnologia hanno il settore scolastico come mercato di riferimento con investimenti in ricerca e sviluppo orientati alle necessit di studenti e docenti;
  • si innesta su un substrato di innovazione digitale comunemente accettato, che vede negli studenti degli utenti inconsapevoli, ma fortemente influenzati dalle modalit comunicative dei nuovi linguaggi.

Per questi motivi secondo Lee ci sono ora le basi per costruire una reale rivoluzione, in quanto lutilizzo consapevole della lavagna digitale pu produrre una reale innovazione nel modo di fare scuola.
Ovviamente non tutti i partecipanti al convegno hanno mostrato una visione cos progressista della lavagna, ma tutti, in modi diversi, hanno concordato sul fatto che sicuramente necessario aiutare i docenti a confrontarsi con questo strumento. Pertanto necessario condividere dei modelli di lettura della tecnologia (che possano adattarsi il pi possibile a molteplici stili di docenza) e offrire adeguate opportunit di formazione per i docenti.

Ma quali dovrebbero essere gli argomenti di tale formazione? Quali competenze sviluppare? Come valutare lacquisizione di tali competenze?
Oltre alle sessioni strettamente seminariali, lorganizzazione dellUniversit di Cambridge ha previsto delle interessanti sessioni scientifiche e occasioni di confronto tra i partecipanti, durante le quali stato possibile conoscere pi direttamente il background di ognuno e discutere questioni specifiche. Di tali sessioni scientifiche e di tali dibatti vogliamo fornirvi di seguito un sintetico resoconto, raccogliendo per temi i principali interventi ed evidenziando per ciascuno di essi gli aspetti pi interessanti anche in rapporto al processo di diffusione delle LIM in atto in Italia.


LIM e testo multimodale

Lintervento di Carey Jewitt e Gemma Moss dellInstitute of Education dellUniversit di Londra parte da uno studio effettuato su tre classi per ognuno dei nove dipartimenti londinesi che hanno partecipato al progetto nazionale Schools Whiteboard Expansion Project (SWE)  rivolto alle scuole secondarie di secondo grado. Lo studio ha messo in evidenza sia limportanza delle aspettative dei docenti sulla tecnologia, sia la necessit che alcune affordances della tecnologia si aggancino ad approcci e modi di fare lezione che gi i docenti utilizzano. Infatti anche senza una formazione tecnica avanzata si ha un cambiamento della didattica nel momento in cui il docente riesce ad utilizzare la lavagna digitale allinterno di metodologie a lui familiari e consolidate.
Non luso della tecnologia in s a favorire tale cambiamento, sottolineano le relatrici, ma lintroduzione della lavagna digitale comunque unimportante opportunit in questo senso. Tale opportunit dovrebbe essere indirizzata verso un corretto obiettivo e non lasciata al caso: se lo studio sottolinea come alcuni docenti abbiano considerato positivamente luso della LIM visto nellambito di una riflessione sul proprio approccio metodologico, esso mette altres in evidenza come molti altri siano stati influenzati dal marketing delle aziende nel costruirsi unidea di uso della lavagna ed altri ancora abbiano finito per sotto-stimarne le potenzialit.
Ancora una volta, in definitiva, necessario mettere il docente in grado di capire che lo strumento favorisce uno sviluppo partecipato della lezione attraverso la costruzione di risorse multimodali. Lutilizzo del termine multimodale piuttosto che multimediale concentra lattenzione sulla forma del testo piuttosto che sul canale trasmissivo. Concentrando lattenzione sulla forma, sulla composizione del testo e sui linguaggi, piuttosto che sulla tecnologia, metodologicamente pi facile costruire una distinzione netta tra ci che squisitamente tecnico (che riguarda il funzionamento delle macchine e dei sistemi) e ci che invece pi strettamente attinente alla sfera linguistico-comunicativa e che dunque sta la base della metodologia della lezione.
Questottica favorisce una maggiore comprensione di ci che si sta facendo, piuttosto che una generica sensazione di aumento del livello di attenzione. Chiave di questa maggiore capacit di comprensione da parte degli studenti sembra proprio la costruzione condivisa di testi multimodali. Lindicazione finale delle due ricercatrici dunque quella di concentrare lintervento formativo rivolto ai docenti proprio sul saper utilizzare (leggere e scrivere) questo tipo di testi.

Il caso presentato dallequipe norvegese del Hedmark University College si incentra sulla lavagna solo in quanto parte di una pi ampia dotazione tecnologica che una classe pu avere. Lo studio si concentra su cosa pu essere costruito con le ICT focalizzandosi sulla definizione di testo multimodale. Esso si propone di verificare in che modo la costruzione da parte dei ragazzi di questa tipologia di testi (che viene considerata come una testualit propria delle ICT) possa migliorare i processi di apprendimento. In questa prospettiva i ragazzi vengono incoraggiati a sviluppare approcci creativi ai compiti e ad utilizzare in modo attivo le nuove tecnologie in fase di presentazione.
In questa ottica possibile individuare molteplici forme testuali di presentazione, come dimostra lesempio di un gruppo di alunni che hanno realizzato un cartone animato. Per la realizzazione di questo prodotto testuale, i tre ragazzi si sono divisi i compiti: uno ha fatto il lavoro tecnico di montaggio, gli altri due si sono occupati dello storyboard e della sceneggiatura, nonch la presentazione alla classe. Emerge anche in questo caso laspetto legato a un modo di scrivere proprio delle ICT, una testualit propria delle tecnologie digitali (e quindi anche della lavagna digitale) e della Rete che pu essere efficacemente definita come testualit multimodale e che richiede, in ultima istanza, lacquisizione di specifiche competenze di scrittura digitale.


LIM e formazione dei docenti neoassunti

Un altro punto che il convegno ha posto al centro dellattenzione stata la necessit di intervenire in modo sistematico sulla formazione dei docenti neoassunti.
Difficile fare comparazioni tra la situazione italiana e i casi illustrati relativi a Gran Bretagna ed Irlanda, perch molto diversi risultano i sistemi scolastici e le modalit di reclutamento dei docenti; tuttavia interessante evidenziare singoli aspetti emersi in alcuni  interventi delle sessioni parallele.

Nel caso presentato da Mark Winterbottom e James de Winter della Facolt di Pedagogia dellUniversit di Cambridge, stata riportata unesperienza relativa alla creazione di una guida interattiva per lutilizzo delle ICT nella didattica delle scienze.
Sono state scelte cinque tecnologie considerate di base (podcasting, mobile learning, digital video, videogiochi e consoles, luso del wiki) per ognuna delle quali stato individuato un docente esperto in ogni scuola partecipante. Con laiuto di ricercatori universitari i docenti partecipanti al progetto sono stati invitati a scrivere la guida in modo collaborativo, stimolando la discussione e invitando a considerare le reazioni degli studenti. Inoltre i ricercatori hanno contestualizzato la scrittura dei docenti allinterno del panorama della letteratura scientifica sul tema evidenziando in particolare le competenze di tipo linguisticotestuale (come si fa un montaggio, come viene costruita limmagine) che possono essere applicate ad una molteplicit di tecnologie.

Laltra esperienza (realizzata con il supporto dellUniversit di Limerick) riguarda lIrlanda ed ha impegnato ventotto docenti neoassunti, formati tecnicamente per un mese sul software di una lavagna digitale ed invitati a preparare il file per una lezione per poi utilizzarlo effettivamente per fare lezione in una classe reale (tale lezione stata videoregistrata).
Il video prodotto stato discusso allinterno di un focus group dai partecipanti al progetto e dai ricercatori delluniversit, considerando sia lutilizzo tecnico della lavagna, sia la partecipazione della classe come fattori indicativi di valutazione sul lavoro svolto.

Un terzo  caso, incentrato sulluso della LIM nella didattica della matematica, che ha coinvolto docenti neoassunti stato presentato dallUniversit di Keele. Nellesperienza sono stati coinvolti sia ricercatori delluniversit, sia docenti di maggiore esperienza, per produrre un corpus di materiale ragionato e di esperienze in grado di rappresentare esempi di buone pratiche nellinsegnamento della matematica. Di particolare interesse risultato il taglio didattico e comunicativo con cui stato impostata lanalisi: il concetto centrale stato il passaggio da un utilizzo frontale ad uno dialogico della lavagna. Questo passaggio implica un cambiamento nella metodologia di insegnamento in cui la lavagna stimola il coinvolgimento diretto dei ragazzi e la costruzione di attivit con il loro apporto. Lesperienza presentata ha inteso produrre materiali trasferibili in grado di innescare un uso innovativo ed efficace della LIM per la didattica della matematica.


LIM e ristrutturazione comunicativa

Alcuni interventi hanno evidenziato come, nel momento in cui si attiva il collegamento tra utilizzo tecnico e metodologia, cambia lambiente di apprendimento: modificando le forme della comunicazione, si possono ristrutturare i ruoli tra gli attori di questa comunicazione.
Quindi lefficacia nellutilizzo della lavagna digitale legato a una ristrutturazione della comunicazione e del ruolo del docente e un intervento formativo dovrebbe permettere allinsegnante di prendere coscienza di questa ristrutturazione cos da renderlo regista (o direttore dorchestra) consapevole di ci che pu fare.

Lintervento di Steve Kennewell dellUniversit di Swansee (che ha visto la collaborazione di numerose scuole) ha proposto il tema della comunicazione in classe e del ruolo che la lavagna digitale ha nel ristrutturare queste dinamiche. Gi nel curioso titolo (Interactive whiteboard and all that jazz) emerge il parallelo tra la messa in atto di un processo educativo e la realizzazione di un pezzo di jazz. Lintervento mette in luce le competenze metodologiche e comunicative necessarie per far funzionare in modo efficace il processo educativo: seguendo la metafora il docente il direttore di una jazz-orchestra. Il kit tecnologico che comprende la lavagna (ma pu includere anche altra strumentazione tecnologica) assimilabile agli strumenti musicali dei musicisti, mentre il ruolo del docente/direttore quello di mettere in grado i diversi studenti/musicisti di realizzare tutti insieme la migliore lezione/performance, massimizzando il contributo di tutti in relazione alla preparazione di ognuno. Per fare questo sia il docente che il direttore devono conoscere le capacit dei diversi strumentisti/studenti, pianificare lattivit e fare in modo che gli strumentisti/studenti si preparino al meglio.
Sebbene nella musica/lezione il ruolo di tutti i partecipanti sia estremamente attivo e ci sia una sceneggiatura da seguire, lo svolgersi della lezione non pu essere strettamente determinato.
In questo cambio di prospettive il ruolo della lavagna digitale diventa un elemento fondamentale proprio perch il suo apporto comunicativo permette e favorisce il lavoro collaborativo.

La presentazione di Euline Cutrim Schmid ha riguardato un progetto tedesco di utilizzo della lavagna digitale per il potenziamento dellinsegnamento comunicativo dellInglese come seconda lingua.
Il progetto parte da presupposti pedagogici che inquadrano la classe come un luogo ricco di interazioni dove i ragazzi sono attivamente coinvolti in una negoziazione reciproca sui significati che apprendono. In che modo la lavagna digitale si pu inserirsi in questo contesto pedagogico? E con quale ruolo? A queste domande ha cercato di rispondere la ricerca presentata.
Nel presentare uno dei casi (tra gli strumenti per monitorare i casi seguiti erano previste in particolare forme basate sulla narrazione in prima persona dellesperienza da parte del docente) si metteva in evidenza come i docenti pi esperti riuscivano ad inserire pi efficacemente la lavagna digitale allinterno delle dinamiche comunicative della lezione di inglese seconda lingua. In particolare tali docenti, che avevano sviluppato una maggiore capacit di riflessione sul proprio metodo, riconoscevano nello strumento un supporto al loro modo di fare lezione, che ben si adattava a una situazione ricca di feedback comunicativi e addirittura la arricchiva con nuove interazioni comunicative.
Dalle parole del docente emergeva chiaramente il passaggio dal timore per i problemi tecnici al riconoscimento delle potenzialit della lavagna e in particolare alla consapevolezza che la lavagna permetteva di concentrare una serie di attivit che precedentemente era costretto ad effettuare con lutilizzo di diversi supporti (cartacei o audiovisivi).
La ricerca in definitiva ha messo in luce come questo approccio sociocognitivo allinsegnamento comunicativo della seconda lingua trovi nella lavagna digitale uno strumento utile che permette di sviluppare i presupposti che la metodologia gi utilizza nelle normali lezioni.

Lintervento coordinato dal Comite Regional Norte de Cooperacin con la UNESCO ha presentato un interessante studio comparato tra lutilizzo della lavagna digitale e la lavagna di ardesia. La ricerca ha utilizzato un modello che individua per la lavagna digitale una serie di cicli di tipo interazione risposta feedback, schema che non risultava applicabile alla lavagna di ardesia.
Analizzando le riprese delle lezioni sono stati messi in evidenza comportamenti del docente, o degli studenti, che nel flusso della registrazione erano poco importanti, ma ad una visione analitica fornivano prove importanti per completare ed arricchire il quadro teorico di partenza. Lutilizzo della lavagna digitale, oltre alla catena suddetta, stimolava nella classe un aumento di comportamenti comunicativi, collegati al contesto della lezione, ma non strettamente collegati a compiti assegnati, domande del docente o interventi diretti sulla lavagna: il caso, ad esempio, di una studentessa che, nellambito della lezione di Spagnolo in cui si narravano le vicende di un ragazzo invisibile, si gira verso un banco vuoto e saluta; o ancora di episodi di docenti che, nellambio della lezione aumentano luso di gesti che sottolineano (o ampliano) il contenuto di quanto avviene sulla superficie della lavagna.
Si tratta di gesti che nel flusso della lezione scompaiono, ma che ad una lettura analitica risultano sintomi di una modifica della situazione comunicativa della classe e quindi indici di una modifica dellambiente di apprendimento. Il relatore nellevidenziare a schermo tali elementi ha sottolineato come la catena lineare interazione risposta feedback funzionasse nellambiente classe come lenergia che alimenta ed innesca una reazione chimica, come lossigeno per la combustione: la catena aumenta le interazioni comunicative anche al di fuori della struttura che essa stessa propone. La classe si predispone ad un potenziale aumento di scambio di stimoli e informazioni.
E dunque necessario che il docente diventi consapevole di quanto avviene nellambiente sotto laspetto comunicativo in quanto auspicabile che tali interazioni possano essere dirette o stimolate dallo stesso docente (come un direttore dorchestra?) nellambito della propria metodologia di insegnamento.


LIM e tecnologie interattive in classe

Una interessante esperienza presentata da Adil Allawi e Steve Bunce e basata sulla collaborazione tra scuola, universit e software house ha visto una sperimentazione delluso di tavoli interattivi multi-touch per lapprendimento. Il software e lhardware hanno permesso a pi studenti (tre ciascuno con una stilo personale) di interagire contemporaneamente sulla superficie condivisa con un sistema di tracciamento che registrava le attivit svolte da ciascuno studente. Il software ha permesso di utilizzare la superficie interattiva attraverso molteplici modalit: una pulsantiera digitale trascinabile gestiva le funzionalit di ciascuna delle tre penne attivando di volta in volta la tastiera virtuale, il blocco note, i post-it mobili, permettendo interazioni contemporanee di webbing (prendere componenti o immagini da raggruppamenti diverse e metterle in relazione tra loro), sequencing (disporre in sequenza singole componenti), grouping (raggruppare in aree apposite).
Lattivit didattica sperimentata, mysteries, utilizzando la dotazione tecnologica descritta era incentrata su un apprendimento per problem-solving e prevedeva fasi di lettura e analisi, di raggruppamento di componenti (da mettere in relazione definendo il significato delle relazioni), di aggiunta di note o testi, di elaborazione di risposte comuni a problemi sottoposti al gruppo, fino alla fase finale di playback in cui il processo di creazione della conoscenza veniva ripercorso attraverso una apposita funzione (reflection tool). Tale strumento permetteva al docente di commentare, rielaborare e sintetizzare lattivit collaborativi svolta dai ragazzi.
Lesperienza presentata ha messo in evidenza una forma di apprendimento collaborativo basato sulluso di banchi interattivi condivisi da piccoli gruppi di studenti che hanno assunto un ruolo attivo in una attivit che sollecitava, sotto la guida del docente, lesternalizzazione del pensiero sulla superficie condivisa, la costruzione condivisa di significati, la riflessione su ci che si era fatto e la sintesi guidata degli elementi emersi dallattivit.

Una seconda esperienza che ha previsto la sperimentazione di tecnologie interattive in classe stata presentata da Steve Bunce e Anna Reid e si basata su un progetto promosso da BECTA e incentrato sulluso di console Nintendo DS e LIM per sviluppare modalit di apprendimento-per-scoperta in classe.
Lesperienza ha sfruttato la familiarit con cui determinate console, nate a scopo ludico, vengono utilizzate dagli studenti al di fuori della scuola e ha voluto sperimentarne un utilizzo didattico allinterno della classe. Lapplicazione utilizzata con le console Pictochat e ha permesso di connettere wireless tra loro sedici console (una per ciascuno studente) e inviare testo o disegni e forme a mano libera al gruppo. Pictochat stato utilizzato in modo collaborativo durante la lezione unitamente ad un visualizer (o document reader) che ha permesso di acquisire in tempo reale sulla LIM qualunque oggetto della realt, testo o immagine cartacea. In questo modo si sono sviluppate forme di sorytelling collaborativo, mappe mentali che hanno previsto luso del testo e della scrittura come veicoli di costruzione, di apprendimento delle lingue (il francese nel caso specifico dellesperienza presentata), forme di peer-reviewing tra gli studenti. Il docente ha potuto vedere istantaneamente i feedback della classe, fermando con lo strumento di cattura immagine i passaggi pi significativi nellinterazione di gruppo per farne argomento di discussione per la classe.
Si tratta dei primi utilizzi in ambito educativo che preludono a versioni pi avanzate della tecnologia in grado svilupparne maggiormente le potenzialit didattiche come nel caso del prossimo Nintendo Sharp Classroom che estender, tra laltro, le possibilit di connessione wireless.


LIM e software

Zsuzsanna PappVarga dellUniversit Eotvos Lorand ha presentato lesperienza di alcune scuole ungheresi nelluso del software Geogebra, un software gratuito con alle spalle anni di sviluppo e una community molto attiva di utenti e sviluppatori e utilizzato da una vasta comunit di docenti direttamente sulla lavagna digitale.
Proprio da questo punto di vista luso diffuso del software sulla LIM sta producendo una serie di stimoli e direttrici di sviluppo riguardanti il design dello stesso, che la comunit dei programmatori sta iniziando a sviluppare. A seguito di studi quali quello ungherese presentato, sar presto disponibile una release (sempre gratuita) di una versione del software per la matematica dinamica pi facilmente utilizzabile alla lavagna.

Una soluzione di software didattico commerciale disciplinare invece quello vede invece la collaborazione tra Hitachi e lUniversit di Cambridge. Per quanto abbiamo visto possiamo dire senzaltro che si tratta di un buon software didattico, che ben si adatta a un utilizzo sulla superficie della lavagna digitale. Potendo assistere ad alcune dimostrazioni personalizzate abbiamo avuto la possibilit di vedere allopera alcuni di questi software (in particolare quello per linglese seconda lingua, per la primaria, scienze per la primaria, letteratura inglese) che presentano una struttura modulare ed aggiornabile sia nei contenuti, che nelle funzionalit. Un tale tipo di architettura mostra un livello di maturit e potenzialit interessanti soprattutto in contesti che gi prevedono un utilizzo capillare e diffuso di risorse digitali nelle scuole: uno sguardo a un futuro non troppo lontano che presto potrebbe fare di questo tipo di software delle risorse per la didattica quotidiana.


Conclusioni

Gli interventi descritti e i temi trattati nelle sessioni scientifiche parallele ci permettono di concludere questo excursus in terra britannica evidenziando alcuni punti chiave che possiamo considerare estendibili e trasferibili anche al di fuori dei contesti specifici di riferimento delle singole esperienze:

  • la necessit di accompagnare lintroduzione delle ICT con interventi formativi rivolti ai docenti coinvolti nel processo, pena il fallimento di intere iniziative e di ingenti investimenti;
  • lesigenza di implementare modelli di formazione in grado di far acquisire gradualmente ed efficacemente competenze digitali che possano svilupparsi in riferimento allapproccio metodologico del docente, consentendogli in prima battuta di riconoscere la lavagna come strumento utile, in seconda battuta di massimizzarne le potenzialit;
  • lopportunit di preparare il docente a gestire una situazione pi ricca dal punto di vista comunicativo e meno determinabile, in grado di condurre ad un cambiamento dellambiente di apprendimento.

Dal punto di vista tecnologico, infine, sono numerosi i soggetti che si stanno muovendo per produrre software che facilitino linterazione alla lavagna, ovvero software pensati per essere utilizzati direttamente in classe, che parlano ad un utente collettivo. Anche i software stanno dunque diventando per la classe e non pi per il computer e, per dirla con Mal Lee, le condizioni di contesto stanno mutando e sembra prepararsi una vera e propria rivoluzione tecnologica della classe.


Bibliografia

 Buckingham D., Beyond Technology: Children's Learning in the Age of Digital Culture, Polity Press, 2007
 Jewitt C., Moss G., Cardini A., Pace, interactivity and multimodality in teachers' design of texts for interactive whiteboards in the secondary school classroom, in Learning, Media and Technology, 32:3, 303 317, Routledge, 2007
 Kennewell, S., Beauchamp, G., The features of interactive whiteboards and their influence on learning. Learning, Media and Technology, 32(3), 227-241, Routledge, 2007
 Lee M., Betcher C., The Interactive Whiteboard Revolution: Teaching With Iwbs, Australian Council for Educational Research, 2009
 Lee M., Winzenried A., Use of Instructional Technology in Schools, Australian Council for Educational Research, 2009
 Schmid E. C., Interactive Whiteboard Technology in the Language Classroom: Exploring New Pedagogical Opportunities, VDM Verlag Dr. Mller, 2009
 Schmid E. C., (in corso di stampa). The Pedagogical Potential of Interactive Whiteboards 2.0, in Thomas, M. (Ed) The Handbook of Research on Web 2.0 and Second Language Learning. IGI Global, USA.

 

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

I database digitali e la carta geografica
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Visible Thinking, Slow Learning
di Isabel de Maurissens (30 Gennaio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)