Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

Saper usare la LIM. Aspettative e bisogni dei docenti in formazione

Formazione e supporto ai docenti nel Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali

di Tania Iommi e Laura Parigi
17 Luglio 2009

Con l'inizio  del nuovo anno scolastico, il Piano per la diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali promosso dal MIUR entrer nella sua fase pi operativa. Le scuole secondarie di I grado che a gennaio hanno scelto di partecipare all'iniziativa potranno iniziare ad utilizzare la tecnologia con gli studenti.

La presenza della LIM nelle aule porter molti docenti a confrontarsi con la tecnologia. La nuova lavagna sar facile da utilizzare? Avr ricadute positive sull'apprendimento e il coinvolgimento degli studenti? Come dovr essere utilizzata? Cambier il modo di pensare, progettare e realizzare la lezione? Se si, come? Quali risorse, strumenti e contenuti si potranno utilizzare in classe? Dove potremo reperire questi contenuti? La LIM servir per tutte le discipline o solo per le materie che gi fanno uso di computer e software nel laboratorio di informatica? Sar uno strumento davvero utile per innovare la didattica?
Queste e molte altre domande accompagneranno la sfida che la LIM pone alla scuola : portare le ICT fuori dall'aula speciale trasformandole in risorse normali che, come il libro di testo o la cartina geografica, possano essere integrate nella didattica in classe. La LIM, in questa prospettiva di innovazione, una condizione di innesco, uno degli strumenti che possono contribuire a ridisegnare l'aula come spazio di apprendimento. E certamente necessario saperla usare, affinch l'innesco possa avvenire. Ma conoscere la tecnologia una condizione sufficiente per finalizzare l'uso dello strumento all'innovazione delle pratiche di insegnamento e ai bisogni degli studenti che apprendono?

Nel predisporre un piano formazione destinato ai docenti delle classi che hanno ricevuto la dotazione tecnologica, l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica si trovata a rispondere proprio a questa domanda: cosa significa sapere usare la LIM per rinnovare le pratiche didattiche, migliorare gli apprendimenti e raggiungere gli obiettivi formativi che la scuola si pone nella societ dell'informazione e della conoscenza?

Progettare la formazione. Elementi di complessit

Il Piano un'iniziativa che riguarder molte scuole: circa 4000 sono quelle che, lo scorso gennaio, hanno presentato richiesta di partecipazione alla prima delle tre azioni previste dall'iniziativa. L'installazione delle LIM nelle aule ordinarie, in accordo con le raccomandazioni del progetto, porter tutti i docenti del consiglio di classe a confrontarsi con la tecnologia che abiter l'ambiente in cui la didattica prevalentemente si svolge. A questo confronto con la tecnologia arrivano docenti che hanno atteggiamenti ed esperienze pregresse molto diverse: insegnanti che hanno consuetudine con uso riflessivo delle tecnologie, sperimentatori che si cimentano in progetti di innovazione e valutano le ricadute sugli apprendimenti, tecnoentusiasti alla ricerca di supporto metodologico/didattico per l'uso della tecnologia, possibilisti che si avvicinano con un approccio critico, docenti interessati ma poco esperti e oppure che esprimono scetticismo e resistenza all'introduzione di questa innovazione.  
 
A questo scenario di partenza corrisponde una variet di bisogni che gli insegnanti esprimono quando, per loro, arriva il momento di andare alla lavagna. Per molti, forse per tutti, condividere le pratiche, ossia conoscere cosa si fa con la LIM nelle diverse discipline, in risposta ai bisogni e agli stili di apprendimento degli studenti o per il raggiungimento di obiettivi specifici, utile al fine di inserire la nuova tecnologia nell'ambito di un'esperienza riconoscibile e significativa.
A questa esigenza, si somma l'emergenza, spesso manifestata dai neofiti o dai docenti che esprimono resistenze, di prendere confidenza con lo strumento, di superare gli ostacoli tecnico/pratici, di sentirsi sicuri nell'utilizzo prima di esporsi e sperimentare sul piano dell'innovazione didattica: in altre parole di sapere come si fa. E, complementare al cosa e al come, i docenti esprimono il bisogno di approfondire la dimensione dei perch, ossia di individuare funzioni e potenzialit all'interno di riferimenti metodologici e finalizzare il processo di adozione alla pratica didattica.
In questo quadro complesso, riuscire ad intercettare i bisogni e le aspettative di un insegnante di fronte a questa nuova tecnologia il punto di partenza per progettare un supporto efficace alla sua adozione.

Insegnanti alla lavagna: le strategie e le criticit

L'adozione della LIM e il suo utilizzo nelle aule scolastiche un processo in atto in molte nazioni e anche in alcune realt italiane (nelle scuole del secondarie di II grado che hanno participato al progetto Digiscuola, in Lombardia, Emilia Romagna e nel Trentino Alto Adige).
Le iniziative convergono nell'identificare finalit e obiettivi simili: al centro dei progetti ricorrono la trasformazione dell'ambiente di apprendimento, la personalizzazione delle strategie didattiche, il miglioramento degli apprendimenti disciplinari e delle competenze trasversali. Per raggiungere questi obiettivi, acquistare ed installare la tecnologia nelle classi senza affrontare un percorso riflessivo e critico, non si rivela sufficiente a determinare un cambiamento positivo nella pratica educativa. Per questa ragione, molti paesi hanno accompagnato gli investimenti con azioni destinate a sostenere i docenti nel processo di integrazione della tecnologia nella didattica.
 
Il training tecnico operativo spesso considerato un passaggio obbligato per iniziare il processo di familiarizzazione. In molte realt (ad esempio Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna) questo primo contatto tra gli insegnanti e LIM affidato soggetti privati, come le aziende produttrici. Le sessioni di addestramento iniziali, solitamente intensive, presentano in rapida panoramica le potenzialit della tecnologia e del software autore, e, nei servizi con un buon livello di qualit, utilizzano materiale didattico per esemplificare alcune applicazioni. Alcuni studi (Smith et al. 2005), hanno evidenziato che un training cos congeniato riesce spesso ad interessare e motivare i docenti pi esperti di tecnologie, mentre i neofiti manifestano la necessit di un approccio pi graduale ed un supporto continuativo.

Gi nella fase addestrativa, molti modelli di formazione e accompagnamento all'adozione della LIM raccomandano la creazione una comunit e tutoraggio tra pari che possa favorire la disseminazione delle competenze tecnico pratiche tra insegnanti di uno stesso istituto o tra reti di scuole.  La condivisione tra pari e un supporto che continua nel tempo sono bisogni espressi comunemente dagli insegnanti di diversi paesi anche per quanto riguarda le ricadute dell'adozione della LIM sul piano pedagogico. In questo ambito, lo scenario internazionale presenta modelli molto diversi tra loro.
Negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, la formazione metodologica affidata prevalentemente alle scuole, che agiscono in autonomia. Alle istituzioni attribuito il compito di elaborare delle raccomandazioni e documentare le buone pratiche, come nel caso del National Educational Technology Plan. In questo modello, gli insegnanti partecipano generalmente alla scelte strategiche che il dirigente scolastico compie nell'adozione: acquisto della tecnologia, dotazione delle aule, sviluppo di progetti di ricerca, valutazione delle ricadute sugli studenti e sulla qualit dell'insegnamento. In questo contesto, gli insegnanti concepiscono tipicamente la formazione come un work in progress, adottando un modello flessibile che tiene conto dei bisogni diagnosticati in partenza e in itinere. In alcune esperienze documentate i docenti hanno optato per la creazione di summer school o workshop a carattere disciplinare e tematico, spesso intervallate da gruppi di studio, peer tutoring e comunit di pratica in presenza e online.
Il Messico, che ha avviato nel 2003 un piano di investimenti per l'integrazione dei contenuti digitali nella didattica (Enciclomedia), ha scelto invece di supportare gli oltre 180.000 insegnanti coinvolti con un attivit di formazione condotto da un'equipe di esperti di didattica disciplinare, reclutati in 32 universit. La scelta di rivolgersi alle universit per un accompagnamento in servizio stata operata anche in Francia. L'azione centralizzata ha impresso un orientamento forte alla riflessione metodologica sull'integrazione delle TIC nella didattica, ma ha mostrato elementi di criticit rispetto ai bisogni specifici. In particolare, i docenti che si sono trovati ad agire in assenza di infrastrutture e competenze tecnologiche adeguate non sono riusciti ad appropriarsi delle indicazioni degli esperti personalizzazione e lo sviluppo di metodologie attive.
Le figure esperte coinvolte nella formazione metodologica influenzano l'esito dell'iniziativa.
In Gran Bretagna, dove le LIM sono presenti in oltre il 60% delle classi, la tecnologia stata introdotta per supportare strategie di personalizzazione e provocare una ripensamento metodologico. Per conseguire questi obiettivi, alcune iniziative, come lo Schools Whiteboard Expansion Project (SWE) , hanno previsto interventi di training te  cnico pratico affidati a soggetti del settore privato e un servizio di consulenza didattica svolta da esperti.
Poich la Gran Bretagna stata pioniera nell'introduzione delle LIM, pochi consulenti didattici avevano maturato sufficiente esperienza nell'uso della tecnologia in classe e spesso il loro intervento risultato astratto, distante dalle necessit concrete degli insegnanti. Il supporto di un collega esperto cui rivolgersi per risolvere problemi contingenti di varia natura (tecnici, di progettazione didattica, di reperimento e utilizzo risorse digitali) stata invece considerata pi efficace in un processo graduale di adozione della tecnologia.
Il monitoraggio del Schools Whiteboard Expansion Project  (SWE) ha evidenziato che la gradualit di approccio alla LIM favorisce un'uso trasformativo e innovativo sul piano pedagogico. Le valutazioni operate nel 2005 (Higgins et al.) e nel 2007 (Moss et al.) hanno evidenziato tuttavia che, a dispetto delle percezioni positive degli insegnanti, entusiasti della tecnologia, si registrano effetti positivi sul rendimento degli studenti solo in presenza di docenti esperti e che, possibilmente, abbiamo maturato due anni di esperienza con la LIM in classe.

I diversi modelli di formazione sembrano evidenziare alcune tendenze generali. Per imparare la LIM, i docenti esprimono la necessit di agire su tempo lungo, acquisendo esperienze significative, pi che sul piano strettamente tecnologico, nell'ambito della riflessione metodologica. In questo percorso graduale, la pratica riflessiva sembra essere la metodologia di maggior efficacia per una trasformazione pedagogica. A supporto del professionista riflessivo che familiarizza con la LIM, la condivisione delle pratiche, ma anche delle risorse e degli spunti operativi, sembra essere pi efficace di una formazione erogativa che impartisce modelli prescrittivi per l'uso della tecnologia in classe.
 

Il modello dell'Agenzia

L'intervento dellAgenzia mira a sostenere i docenti nell'adozione della tecnologia, sviluppando conoscenze e competenze per un'efficace integrazione della LIM nella prassi didattica.
Nellanno scolastico 2009/10 i docenti, nella cui classe sar installata la LIM, avranno lopportunit di intraprendere un percorso di formazione, online e in presenza, con la guida di un tutor. Il percorso si snoder attraverso due fasi: una breve fase introduttiva di formazione metodologica e di familiarizzazione con la tecnologia (tra settembre e ottobre) e una di accompagnamento alle attivit didattiche (fino a giugno 2010).

Nella prima fase il tutor rivestir un ruolo di facilitatore in linea con le consuete azioni formative dellAgenzia: al tutor il compito, attraverso interventi in presenza e on line, di aiutare i corsisti a conoscere le potenzialit e le problematiche connesse all'integrazione della LIM nella didattica in aula, orientandoli nellimpiego della tecnologia in ambito disciplinare, attivando una riflessione sulle metodologie e moderando le attivit dei gruppi di lavoro.
Sar nella fase successiva di coaching che verr richiesto al tutor di interpretare un ruolo diverso. In questa azione il tutor-coach avr soprattutto una funzione di ascolto, di rilevazione dei problemi e di orientamento alla loro soluzione, modulando il proprio intervento sui fabbisogni dei docenti. Il tutor-coach incontrer periodicamente i corsisti nelle loro scuole e offrir la propria consulenza on line supportandoli nell'adozione della tecnologia nel proprio contesto professionale, offrendo spunti operativi, suggerendo risorse e strumenti e orientandoli verso pratiche innovative, a partire dall'impatto della LIM in classe nelle attivit quotidiane e facendo i conti anche con gli ostacoli tecnico-pratici incontrati a mano a mano.
 
Soprattutto in funzione di questa impostazione della formazione, con unazione mirata e personalizzata sulle esigenze del singolo docente, l'Agenzia ha modificato le caratteristiche del proprio intervento su larga scala passando dal tradizionale modello formativo blended a un sistema di accompagnamento e supporto on the job a pi livelli, la cui struttura poggia sul coordinamento regionale dei Nuclei territoriali dellAgenzia. Per sostenere l'iniziativa l'Agenzia ha infatti creato un gruppo di lavoro costituito dai ricercatori della sede centrale e dai ricercatori di tutti i Nuclei territoriali per garantire un intervento capillare. Per la prima volta nellambito di un progetto nazionale di innovazione ad ampio raggio (gi a partire da settembre, nella prima delle tre azioni formative previste dal piano LIM, saranno coinvolti circa 40.000 docenti) sar condotto un intervento formativo che, attraverso la complementariet delle esperienze e delle professionalit dellAgenzia e dei Nuclei, combina obiettivi di innovazione educativa condivisi a livello europeo con un intervento capillare commisurato alle diverse esigenze dei contesti regionali e del territorio.

Elementi cardine del sistema di supporto ai docenti sono le figure dei tutor-coach, selezionati tramite bando pubblico. Tra maggio e giugno 2009, infatti, circa 450 docenti o ricercatori, indivi duati in base alle graduatorie stilate dalle apposite commissioni, hanno partecipato ai seminari di formazione organizzati dallAgenzia. Oltre alla formazione sull'uso della LIM della didattica e sugli strumenti di supporto alla loro azione, ai futuri tutor stato proposto un momento di confronto a livello regionale, coordinato dai referenti dei rispettivi nuclei, per gettare le basi delle comunit regionali. Dopo i seminari le comunit regionali dei tutor hanno proseguito il lavoro on line in Edulab predisposti dall'Agenzia.

I Nuclei territoriali stanno inoltre provvedendo alla programmazione dei corsi sul territorio in sinergia con gli USR per poi monitorarne l'andamento, contribuendo a stimolare la condivisione di buone pratiche e la valorizzazione delle esperienze pi significative.

Le esperienze regionali ritroveranno poi un raccordo a livello nazionale e dal confronto tra le specificit riscontrate a livello locale potr risultare necessaria una rimodulazione in itinere dellintervento formativo in funzione delle problematiche emerse e dei fabbisogni espressi dai docenti.

Le due dimensioni, nazionale e regionale, avranno un corrispettivo nellambiente di formazione on line, dove i tutor ritroveranno gli Edulab regionali gi attivati e avranno a disposizione un nuovo spazio destinato alla comunit nazionale, per lo scambio di risorse e la condivisione di strategie di intervento.
Nella piattaforma entrer in gioco unaltra figura fondamentale: quella dellesperto disciplinare.
I corsisti saranno divisi in classi organizzate secondo due macroaree di riferimento (cfr. Indicazioni per il curricolo per la scuola di infanzia e per il primo ciclo di istruzione): una macroarea linguistico-artistico-espressiva e storico-geografica e una macroarea matematico-scientifico-tecnologica.
Per le problematiche inerenti la didattica disciplinare, il corsista avr lopportunit di rivolgersi, oltre che al proprio tutor, a un docente esperto della propria materia di insegnamento e confrontarsi con i colleghi in un forum specifico.
Il ruolo dellesperto non si esaurisce in questa funzione di consulenza on the job: l'esperto infatti parte attiva nella messa a punto dei materiali dellofferta formativa. Nell'ambiente on line saranno presenti delle aree di approfondimento disciplinare, con risorse, strumenti, materiali di studio, esempi di lezione, ecc. selezionati e commentati dall'esperto, autore anche di una guida alla fruizione dei materiali medesimi.


Bibliografia

Armstrong V., Barnes, Sutherland R., Curran S., Mill S., Thompson I ., Collaborative research methodology for investigating teaching and learning: the use of interactive whiteboard technology, Educational Review, Vol. 57, Taylor & Francis Group, 2005

Balanskat A, Blamire R., Kefala S., The ICT Impact Report. A review of studies of the ICT impact on Schools in Europe, European Schoolnet, 2006

Beauchamp G. Parkinson J., Beyond the wow factor: developing interactivity with the interactive whiteboard, School Science Review, March 2005, 86 (316)

Becta, Getting the most from your interactive whiteboard: A guide for primary schools, Becta.co.uk, 2005

Becta, Getting the most from your interactive whiteboard: A guide for primary schools, Becta, 2005

Becta, What Research says about interactive whiteboard, Becta Research Reviews, 2003, Becta, < http://www.virtuallearning.org.uk/2003research/Becta_research_paper.pdf> , visto il 22 maggio 2007

Beeland W. Jr, Student Engagement, Visual Learning and Technology: Can Interactive Whiteboards Help?, 2002, <http://chiron.valdosta.edu/are/Artmanscrpt/vol1no1/beeland_am.pdf> , visto 26 settembre, 2007

Cogill J. How is Interactive Whiteboard being used in the primary school and how does it affect teachers and teaching, <www.virtuallearning.org.uk/whiteboards/IFS_Interactive_whiteboards_in_the_primary_school.pdf> , visto il 14/06/2007

Cullar Ricardo Valerio, La pizarra digital. La enseanza del futuro, Revista digital Investigatione y Educacion ISSN 1696-7208 Revista nmero 16 de Marzo de 2005

Cuthell J., Virtual Learning. How do Interactive Whiteboards Enhance Learning?, Virtual Learning, < http://www.virtuallearning.org.uk/whiteboards/Learning_theories.pdf >, visto il 26 maggio 2007

DIM UAB, La pizarra digital interactiva, Grupo DIM UAB, 2006, < http://dewey.uab.es/pmarques/pdigital/es/investig.htm> visto il 1 giugno, 2007

Elvers G., The Digital Whiteboard As a Notes-Taking Aid, University of Dayton, 2000, < http://smarterkids.org/research/paper1.asp >, visto il 7 giugno 2007

Glover D. Miller D., Averis D. Door V., The evolution of an effective pedagogy for teachers using the interactive whiteboard in mathematics and modern languages: an empirical analyses from the secondary sector, Learning, Media and Technology, 32:1,5-20, 2007, Routledge, Taylor and Francis

Higgins, S., Falzon, C., Hall, I., Moseley, D., Smith, F., Smith, H. & Wall, K. (2005). Embedding ICT in The Literacy and Numeracy Strategies: Final Report. Centre for Learning and Teaching, School of Education, Communication and Language Sciences, Newcastle, University of Newcastle upon Tyne, < http://partners.becta.org.uk/page_documents/research/univ_newcastle_evaluation_whiteboards.pdf >, visto il 10 giugno 2007
  
Marqus P., Casals P., La pizarra digital en el aula de clase, Una de las 3 bases tecnolgicas de la escuela del futuro, 2002 <http://dewey.uab.es/pmarques/pizarra2.doc> , visto il 7 giugno 2007

Melchor G, La pizzarra digital, CNICE - Observatorio Tecnologico, 2005
<http://observatorio.cnice.mec.es/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=232&mode=thread&order=0&thold=0> , visto il 7 giugno 2007
 
Miller D., Glover D., Missioners, Tentatives and Luddites: leadership challenges for school and classroom posed by the introduction of interactive whiteboards into schools in the United Kingdom, Department of Education, University of Keele, Staffordshire, U.K, 2001, http://www.keele.ac.uk/depts/ed/iaw/Missioners.pdf, visto il 25/06/200

Miller, D.J, Glover, D. & Averis D. How can the use of an interactive whiteboard enhance the nature of teaching and learning in secondary mathematics and modern foreign languages? Becta., 2005 <http://www.becta.org.uk/page_documents/research/bursaries05/interactive_whiteboard.pdf >, consultato il 3 luglio 2007

Moss G., Jewitt C., Levaaic R., Armstrong V., Cardini A., Castle F., The Interactive Whiteboards, Pedagogy and Pupils Performance Evaluation, Department of Education and Skills, 2007, <http://www.dfes.gov.uk/research/data/uploadfiles/RR816.pdf> , visto il 28 giugno 2007
 Odic L, Richard D (a cura di), Bilan de l'opration "Usages de tableaux blancs interactifs dans l'enseignement primaire", MENESR Direction de la Technologie SDTICE, 2005.

Painter D, Whiting E., Wolters B., The Use of an Interactive Whiteboard in Promoting Interactive Teaching and Learning, VSTE Journal Spring/Summer 2005 (Volume 19, Issue 02) Presented at the VSTE ConferenceMarch 14, 2005

Red.es, La pizarra interactiva come recurso en el aula, Red.es, 2006, <http://web.educastur.princast.es/proyectos/cuate/docum/pdi_redes.pdf>, visto il 25 maggio 2007

 Smith F., Hardman F., Higgins S., The impact of interactive whiteboards on teacher-pupil interaction in the National Literacy and Numeracy Strategies, British Educational Research Journal - Vol. 32, No. 3, June 2006, pp. 443457, Routlegde Taylor & Francis 
 
Smith H., Higgins S., Wall K., Miller J., Interactive whiteboards: boon or bandwagon, Journal of Computer Assisted Learning, 21, pag 91-101, 2005, Blackwell Publishing.

Warren C., Interactive whiteboard. An approach to an effective methodology, Actis Ltd, 2002

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

I database digitali e la carta geografica
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Visible Thinking, Slow Learning
di Isabel de Maurissens (30 Gennaio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)