Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
PROGETTI DI COLLABORAZIONE

2009 Global Junior Challenge: la scuola è protagonista

A Roma la fase finale del concorso sulluso innovativo delle nuove tecnologie per la formazione, la solidariet e la cooperazione internazionale.

di Rudi Bartolini
22 Settembre 2009

Il 2009 Anno europeo della Creativit e Innovazione sta vedendo il succedersi di numerose iniziative volte ad accrescere la consapevolezza dellimportanza della creativit e dellinnovazione in quanto competenze chiave per lo sviluppo personale, sociale ed economico.

LItalia, come stato membro UE, ha cercato di valorizzare in particolare progetti e sperimentazioni provenienti dal mondo dellistruzione e della formazione. E dalla scuola e dal mondo della formazione infatti che pu nascere quella cultura dellinnovazione che appare, oggi come non mai, in una societ in costante e veloce cambiamento, indispensabile per affrontare le sfide future.

In questo senso assume unimportante rilevanza la V edizione del concorso internazionale Global Junior Challenge, che ha visto la partecipazione di giovani e scuole di tutto il mondo e il cui evento conclusivo si terr a Roma i prossimi 7-8-9 ottobre con la prima conferenza internazionale sullinnovazione sociale, uno spazio espositivo e la premiazione dei vincitori.

Il concorso Global Junior Challenge premia luso innovativo delle moderne tecnologie per la formazione, leducazione, la solidariet e la cooperazione internazionale. 456 sono stati i progetti iscritti e 109 quelli che hanno raggiunto la fase finale.

I 109 progetti finalisti sono stati selezionati da una Giuria internazionale, presieduta da Alfonso Molina, docente di Strategie delle tecnologie allUniversit di Edimburgo (Regno Unito) e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale, lorganizzazione non profit che ogni due anni promuove il concorso Global Junior Challenge sotto lAlto Patronato del Presidente della Repubblica.

Tra i finalisti sono rappresentati ben 32 Paesi diversi, sia paesi ricchi che aree poverissime del mondo, dove i ragazzi vivono in slum e non riescono a frequentare la scuola. Ma anche dal Burkina Faso, dallUganda, dallo Zambia, paesi che gli indicatori dello sviluppo umano pongono in fondo alla classifica, sono pervenuti progetti interssanti, segno che i giovani stanno cercando di prendere in mano il destino delle loro comunit e sfruttano la risorsa strategica della tecnologia per combattere povert e disuguaglianza.
Le scuole, di diverso ordine e grado, hanno firmato oltre l80% dei progetti, spesso realizzati in cooperazione con studenti e docenti di altre parti del mondo. Ben 40 sono le scuole italiane in finale. Allindirizzo www.gjc.it possibile visionare lelenco dei finalisti e larchivio di tutti i progetti iscritti.

Il 7 e 8 ottobre, la Conferenza internazionale Social Innovation for a Better World in Our Time, promossa dalla Fondazione Mondo Digitale, verr introdotta dal professore emerito Tullio De Mauro e affronter il tema dell innovazione sociale contro la crisi e per lo sviluppo di tutti i Paesi, come acceleratore strategico per raggiungere gli Obiettivi del Millennio. Dal Canada, dallIndia, dagli Stati Uniti, dallUnione europea, per la prima volta saranno a Roma studiosi, opinion leader e personalit attive nel campo dellinnovazione sociale, per riflettere da prospettive diverse, su successi e fallimenti delle iniziative attuate sino ad ora e per individuare nuove direzioni di sviluppo

 

Di seguito, il Prof. Alfonso Molina, Docente di Strategie delle Tecnologie allUniversit di Edimburgo e Direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale, risponde ad alcune domande relative ai progetti in concorso:

Il concorso Global Junior Challenge ha visto la partecipazione di numerosissimi progetti di notevole interesse, provenienti da tutte le parti del mondo: quali sono le differenze che emergono nella visione di Creativit e Innovazione da parte di questi giovani, appartenenti a diversi continenti, diversi paesi e differenti culture?

Alla 5 edizione del Global Junior Challenge si sono iscritti 456 progetti e ne sono stati selezionati 109 provenienti da 32 Paesi. Una selezione difficile, impegnativa per la variet e la qualit delle soluzioni proposte. Oggi difficile individuare delle vere e proprie differenze culturali, perch molti progetti, anzi tanti progetti, nascono come piattaforme di lavoro comune e prendono forma gi sconfinati, sono iniziative transnazionali, che attraversano Paesi e continenti, grazie proprio agli strumenti della tecnologia. Penso, ad esempio, alle iniziative di Marsha Goren, uninsegnante della Ein Ganim Institution, a Petach Tikva in Israele. Per lei la tecnologia lo strumento pi efficace di comunicazione globale. In una delle piattaforma di lavoro cooperativo che ha creato sono coinvolti studenti e docenti di 25 scuole sparse nel mondo. In Italia, una piccola scuola di Pulsano, in provincia di Taranto, coordina un social network scolastico, in lingua inglese, tra 33 scuole di Paesi diversi (Stati Uniti, Ghana, Uganda, Ungheria, Inghilterra, Italia, Grecia, Svezia, Slovenia, Polonia, Portogallo, Ucraina, Lituania, Irlanda).
Esperienze di formazione digitale alla pari le troviamo nelle Filippine, con The Power Users of ICT - giovani tutor che si offrono volontari per insegnare informatica ad altri coetanei che hanno abbandonato la scuola o che hanno bisogni speciali per particolari disabilit cos come in Puglia, in un progetto di animazione territoriale realizzato in diverse aree degradate della regione.
Ovviamente nei Paesi pi poveri c maggiore attenzione alle tecnologie a basso costo e a basso impatto ambientale, ma nello stesso tempo luso degli strumenti digitali pi spinto, come se fossero dei veri e propri acceleratori di sviluppo sociale. Con la tecnologia si fa prevenzione sanitaria, per lAids, si costruiscono piccoli villaggi connessi per portare la scuola ovunque, si realizzano programmi di formazione dedicati alle donne soprattutto nelle aree rurali
Nei Paesi occidentali tendiamo ad avere una visione distorta e primitiva  della tecnologia, come segno di benessere, uno status symbol, oppure come strumento di controllo o di sopraffazione, ad esempio nei casi di cyber bullismo. Ricordo una ricerca dellOsservatorio permanente sui contenuti digitali che sottolineava come anche lItalia sia a rischio di digital divide e di cultural divide, perch gli italiani tendono ad usare le tecnologie in modo passivo, soprattutto come svago o come gadget. Il technofan pensa che linnovazione sia solo lultimo modello di un strumento tecnologico in commercio Al contrario, dai progetti del Global Junior Challenge, emerge una visione sana, vitale, evoluta e sempre inclusiva della tecnologia. Noi siamo convinti come tutti gli innovatori che partecipano a questa sfida internazionale - che la tecnologia al servizio dellinnovazione sociale sia uno strumento straordinario per cambiare il mondo, uno strumento di uguaglianza e di lotta alla povert e che possa contribuire a realizzare una societ della conoscenza per tutti.


40 sono le scuole italiane in finale, un risultato importante: potrebbe segnalarci quali sono le originalit emerse nei loro progetti, quali ordini di scuola hanno partecipato e ottenuto i migliori risultati e la loro di distribuzione sul territorio? Inoltre, quali sono state le categorie di concorso in cui le nostre scuole hanno eccelso?

Ovviamente i progetti delle scuole italiane concorrono soprattutto nelle categorie classiche del concorso, secondo let dei destinatari, quindi soprattutto nelle prime tre: fino a 10 anni (13 progetti), fino a 15 anni (10 progetti) e fino a 18 anni (24 progetti). Poi abbiamo un progetto nella categoria Inserimento nel mondo del lavoro e un altro nella categoria Creativit e Innovazione sociale.
Alcuni istituti, particolarmente attivi e vivaci, hanno presentato pi di un progetto, come un liceo scientifico di Livorno e un liceo classico di Matera.  I progetti sono arrivati dalle scuole di ogni ordine e grado, alcuni perfino con collaborazioni trasversali dalla scuola dellinfanzia alluniversit, e da ogni parte di Italia, Nord, Centro e Sud. E anche dai centri pi piccoli, lontani dai capoluoghi di regione.
I progetti toccano vari temi, dallalimentazione alla tutela dellambiente, a volte nascono per risolvere bisogni particolari allinterno di una classe, come linserimento di studenti stranieri, oppure per potenziare lo studio delle materie meno congeniali.
Posso fare qualche esempio: un software didattico per i bambini con difficolt linguistiche in una scuola per linfanzia di Genova, unoriginale applicazione del metodo simultaneo di letto-scrittura a Cremasco o una biblioteca musicale con trascrizioni in Braille a Ferrandina, in provincia di Matera. Al circolo didattico di Gorgonzola i ragazzi costruiscono narrazioni multimediali interattive con il motore 1001storia, realizzato dal Politecnico di Milano. LUniversit popolare di Lavagno (Verona) ha cercato il supporto dei pi piccoli per insegnare il computer agli anziani. A Terni studenti e docenti collaborano con lEnea e lIfad, per dotare di energia una scuola rurale africana. Per un progetto di robotica, che sperimenta anche gli automi in ospedale, le collaborazioni sono trasversali, tra scuole di diverso ordine e grado e con associazioni ed enti di ricerca. Tra le dolomiti friulane, a Piancavallo, c una scuola in ospedale. Gli alunni ricoverati hanno inventato una serie radiofonica per raccontare la montagna a tutti gli ascoltatori. E poi podcast, blog, webquest, media education Molti i progetti che stimolano la partecipazione attiva della nuova generazione alla vita sociale del Paese con luso consapevole dei nuovi media digitali: i ragazzi imparano a costruire videogiochi educativi, spot, video e perfino cartoni animati digitali.
Tutti i progetti, in attesa dellevento finale a Roma, 7 e 8 ottobre, si possono consultare online allindirizzo www.gjc.it. Presso listituto storico Galileo Galilei, una del prime scuole ad indirizzo tecnico della Capitale, sar allestito  lo spazio espositivo per tutti i progetti finalisti. Le scuole italiane concorrono anche al riconoscimento speciale del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che sar consegnato in occasione della Cerimonia di Premiazione in Campidoglio, nellAula Giulio Cesare, il prossimo 9 ottobre.

E' possibile scaricare il comunicato stampa dell'iniziativa in italiano e in inglese.

 

 

 
Articoli correlati

eTwinning nella formazione iniziale dei docenti
di Alexandra Tosi (02 Dicembre 2014)

Intervista a Pier Cesare Rivoltella
di Unita' italiana eTwinning (02 Dicembre 2014)

Tirocinio con eTwinning
di Loredana Messineo (02 Dicembre 2014)

La nascita di Erasmus raccontata dal suo padre putativo
di Fiora Imberciadori (16 Maggio 2012)

I 25 anni di Erasmus
di Alessia Ricci e Luisella Silvestri (15 Maggio 2012)

Leggere per amore o per forza
di Raimonda M. Morani (11 Gennaio 2012)

La recente storia di unidea: parliamo di competenze
di Fiora Imberciadori (05 Dicembre 2011)

Sviluppare la coesione sociale nella scuola
di Carlo Testi (26 Aprile 2010)

Vivere insieme, uguali e diversi
di Graziella Favaro (26 Aprile 2010)

Più scelte e più opportunità: una strategia di integrazione
di Alexandra Tosi (26 Aprile 2010)

Convention nazionale 3 Giorni per la Scuola
di Rudi Bartolini (29 Settembre 2009)

Global ICT in Education Networks: Symposium Internazionale
di Rudi Bartolini (09 Giugno 2009)

Tutti i premi e i concorsi per il 2009-EYCI
di Rudi Bartolini (09 Aprile 2009)

Ancora celebrazioni in Europa!
di Laura Franceschi (01 Giugno 2007)

Insieme dal 1957
di Laura Franceschi (25 Maggio 2007)