Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Guida alla consultazione dei Monitoraggi

Gli esiti dei Monitoraggi nazionali su Alternanza Scuola-Lavoro ed Area di Professionalizzazione (Terza Area)

di Antonella Zuccaro
25 Novembre 2009

I monitoraggi sono stati condotti dallAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica (ex Indire) su incarico della Direzione Generale per lIstruzione e Formazione Tecnica Superiore e per i Rapporti con i Sistemi Formativi delle Regioni del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca (MIUR).
Lindagine, attuata in diverse fasi, stata realizzata attraverso una metodologia combinata tra progettazione, realizzazione dellambiente on line e degli strumenti informatici,  avvio del  monitoraggio, raccolta dati , analisi dati, ed stata condotta on line attraverso un ambiente dedicato, ad accesso riservato , nel quale gli operatori delle istituzioni scolastiche potevano inserire direttamente i dati e validarli attraverso linvio allAgenzia Nazionale di un fax a firma del dirigente scolastico.
Conclusa la fase di raccolta,  i dati sono stati elaborati e controllati rispetto a criteri di plausibilit e di congruenza. Laffidabilit delle rilevazioni stata garantita da controlli di qualit e completezza. Il dataentry stato realizzato con sistemi di controllo che riducono sensibilmente le probabilit di errore.

Le informazioni raccolte entro il 30 settembre 2009 sono state rielaborate statisticamente e pubblicate, ad accesso riservato, a partire dal 26 ottobre 2009 allindirizzo alla voce Esiti monitoraggi.
In questa sezione i dati sono stati organizzati e riprodotti  allinterno di un programma di navigazione in cui per la.s. 2008/09 sono consultabili 80.000 tabelle per lAlternanza Scuola-Lavoro e 100.000 per lArea di Professionalizzazione (Terza Area)  a vari livelli di dettaglio territoriale: nazionale, regionale, provinciale e del singolo istituto sede di riferimento.
Laggregazione delle regioni italiane cui si fa riferimento nelle tabelle la seguente:

  • Nord (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Veneto)
  • Centro (Lazio, Marche, Toscana, Umbria)
  • Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia)
  • Isole ( Sardegna, Sicilia)

Le macro-aree tematiche prese in esame sono: Istituti di Istruzione Secondaria di II grado, Accordi, Finanziamenti, Percorsi, Imprese, Didattica, Utenza, Esito dei percorsi, Elaborazioni aggregate.
Allinterno di ciascuna macro-area sono presenti campi di ricerca con menu a tendina che consentono di reperire pi dati selezionando di volta in volta gli indicatori di struttura che si vogliono analizzare. Le tabelle possono essere visualizzate e/o scaricate in pi formati: html, pdf ed excel.

Alternanza Scuola-Lavoro
I risultati rilevati sono il prodotto delle informazioni che le istituzioni scolastiche hanno inserito direttamente nellambiente di monitoraggio messo a disposizione da questa Agenzia nello specifico attraverso una scheda, costruita tenendo conto di quanto indicato nel D.L. n.77 del 15/04/2005, condivisa dal gruppo di lavoro riunitosi presso la Direzione Generale per listruzione post-secondaria.

Le informazioni rilevate per lAlternanza Scuola-Lavoro vertono su questi temi (vedi Tabella).

Nello specifico, attraverso le informazioni raccolte possibile analizzare i dati statistici degli istituti di istruzione secondaria superiore di II grado, ripartititi per tipologia e per indirizzo, tra cui quelli accreditati come agenzia formativa, che hanno attivato percorsi di Alternanza Scuola Lavoro e stipulato accordi, ripartiti per tipologia (accordo di settore, accordo interregionale, accordo quadro, accordo specifico, accordo di rete, di programma, protocollo aggiuntivo per scambio di studenti, per gemellaggio scuole, associazione temporanea di scopo, convenzione, protocollo di intesa)  e per  livello (regionale, provinciale, locale), con soggetti coinvolti e con istituti collegati in rete.
E inoltre possibile approfondire le diverse tipologie delle fonti di finanziamento utilizzate dalle scuole per la realizzazione dei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro (MIUR, Camera di Commercio, Fondi Cipe, Fondi regionali, ecc); relativamente allarea dei percorsi, permette di conoscere la loro ripartizione in base alla durata (percorsi annuali, biennali, triennali); sulle Imprese permette di esaminare le tipologie ed i settori, gli studenti coinvolti per percorso.
Rispetto allarea della didattica possibile indagare: le tipologie e la distribuzione oraria delle modalit  didattiche utilizzate (formazione in aula, formazione in azienda, laboratorio IFS) e le figure degli operatori coinvolti nei percorsi di Alternanza (docenti interni dellistituto, docenti incaricati del rapporto con le imprese, tutor aziendali), per classe, per tipologia di istituto. Rispetto allutenza permette di conoscere gli iscritti (iniziali, in itinere, ritirati), ripartiti per tipologia e per  genere. Infine, relativamente allesito dei percorsi, possibile analizzare le informazioni sulle Attestazioni/Certificazioni rilasciate, ripartite per tipologia di attestato/certificato (attestazioni/certificati di frequenza, attestazioni/certificazioni di competenze, attestazioni, certificati crediti), per tipologia di percorso, di classe, di istituto. 

Area di Professionalizzazione (Terza Area)
I risultati rilevati sono il prodotto delle informazioni che le istituzioni scolastiche hanno inserito direttamente nellambiente di monitoraggio messo a disposizione da questa Agenzia nello specifico attraverso una scheda, tenendo conto di quanto indicato nel Decreto Ministeriale 15 aprile 1994 e condivisa dal gruppo di lavoro riunitosi presso la Direzione Generale per listruzione post-secondaria .

Le informazioni rilevate per lArea di Professionalizzazione riguardano questi temi (vedi Tabella).

Nello specifico,  attraverso le informazioni raccolte possibile analizzare i dati statistici degli istituti professionali ripartititi per tipologia e per indirizzo, tra cui quelli accreditati come agenzia formativa, che hanno attivato corsi di Terza Area e stipulato accordi, ripartiti per tipologia (accordo di settore, accordo interregionale, accordo quadro, accordo specifico, accordo di rete, di programma, protocollo aggiuntivo per scambio di studenti, per gemellaggio scuole, associazione temporanea di scopo, convenzione, protocollo di intesa)  e per livello (regionale, provinciale, locale), con soggetti coinvolti e con istituti collegati in rete.
Inoltre, permette di approfondire le diverse tipologie delle fonti di finanziamento utilizzate dalle scuole per la realizzazione dei corsi di Terza Area (MIUR; Camera di Commercio, Fondi Cipe, Fondi regionali, ); rispetto allarea dei corsi, permette di conoscere la loro ripartizione in corsi regionali e surrogatori, ed in base ai relativi profili professionali;  sulle Imprese permette di esaminare le tipologie ed i settori.
Rispetto allarea della didattica possibile indagare: le tipologie e la distribuzione oraria delle modalit didattiche utilizzate (formazione in aula, formazione a distanza, esercitazioni pratiche, stage, visite guidate, per classe di appartenenza); le figure degli operatori coinvolti nei corsi di Terza Area (docenti interni dellistituto, docenti incaricati del raccordo con la Terza Area, docenti per lo stage, tutor aziendali, consulenti esterni). Rispetto allutenza,  conoscere gli iscritti (iniziali, in itinere, ritirati) ai corsi di Terza Area, ripartiti per tipologia e profilo professionale, per classe, per  genere. Infine relativamente allesito dei corsi possibile analizzare le informazioni sulle Attestazioni/Certificazioni rilasciate, ripartite per tipologia di attestato/certificato (attestazioni/certificati di frequenza, attestazioni/certificazioni di competenze, attestazioni, certificati crediti, attestati di perfezionamento, attestati di professionalit, qualifiche professionali di secondo livello, qualifiche di livello per regione), per tipologia di corso, di classe, di istituto.

 

 

 
Articoli correlati

La riorganizzazione dellIstruzione degli Adulti
di Donatella Rangoni (13 Maggio 2013)

Lavoro e apprendimento: un binomio possibile
di Antonella Zuccaro (08 Febbraio 2013)

Primi esiti dellindagine sugli sbocchi occupazionali degli studenti in alternanza scuola lavoro
di Vera Bortot (04 Febbraio 2013)

La banca dati ITS a sostegno del sistema
di Antonella Sagazio (04 Febbraio 2013)

Un'indagine dell'ANSAS su alternanza scuola e lavoro
di Annachiara Bianchi e Vera Bortot (12 Marzo 2012)

Intervista alla Dirigente Scolastica Giuseppa Antonaci
di A. Augenti e M.G. de Judicibus (12 Marzo 2012)

Scuola e Lavoro: a che punto siamo?
di Antonella Zuccaro (12 Marzo 2012)

IFSNetwork: lesperienza della simulazione aziendale in aula
di Matteo Isoni (25 Novembre 2009)

Le imprese in Alternanza Scuola-Lavoro
di Rosalia Delogu (25 Novembre 2009)

Gli Istituti Professionali e lAlternanza Scuola-Lavoro
di Vera Bortot (25 Novembre 2009)

A che punto siamo con lAlternanza Scuola-Lavoro?
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

Scuola Lavoro: il nuovo portale
di Redazione Scuola Lavoro (24 Novembre 2009)

Educazione all'Imprenditorialità
di Antonella Zuccaro (24 Novembre 2009)

Alternanza scuola-lavoro: esperienze dal 1996
di Francesco Proia (22 Febbraio 2005)

Dal punto di vista di una Camera di Commercio
di Patrizia Rabatti (07 Febbraio 2005)