Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Le imprese in Alternanza Scuola-Lavoro

Cresce la partecipazione delle imprese ai percorsi di Alternanza

di Rosalia Delogu
25 Novembre 2009

La normativa vigente che regolamenta le attivit di Alternanza Scuola-Lavoro allinterno degli Istituti di secondo grado stabilisce che tali attivit debbano essere svolte sotto la responsabilit  dell'istituzione scolastica o formativa, sulla base di convenzioni con imprese o con le rispettive associazioni di rappresentanza o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con enti pubblici e privati ivi inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti [], (Legge 28 marzo 2003, n. 53, art. 4).

I dati forniti dal Monitoraggio Nazionale sui percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro svolti nellanno scolastico 2008/2009 hanno messo in evidenza che il tipo di soggetti ospitanti presso cui gli studenti hanno praticato lAlternanza sono state soprattutto le imprese.
Su un totale di strutture ospitanti di 26.513 unit, infatti, ben 14.564 (pari a circa il 55 %), sono costituite da imprese che su tutto il territorio nazionale hanno accolto in stage 38.460 studenti, quasi il 50 % di tutti quelli coinvolti in percorsi di Alternanza. Vedi la Tabella relativa alla tipologia dei soggetti che hanno accolto in stage gli studenti dei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, a.s. 2008/2009.
Subito dopo vengono i professionisti, che hanno partecipato in numero rilevante: in tutto 2.898, pari al 10,9 % dei soggetti ospitanti, con il coinvolgimento di 4.526 studenti (5,9 % del totale).
Anche la partecipazione degli enti pubblici degna di nota. Tra questi primeggiano i Comuni, con 1.242 strutture (4,7 % del totale ) che hanno ospitato 3.225 studenti (4,2 % del totale) .
Le attivit degli studenti allinterno delle strutture comunali si svolgono sia nei vari uffici, sia allinterno di tutta una rete  di servizi informativi, culturali o assistenziali gestiti in ambito comunale quali: servizi informazioni sulle attivit culturali del territorio, servizi Informagiovani, asili nido comunali, scuole dellinfanzia ecc.
Ancora fra gli enti pubblici sono da annoverare le aziende sanitarie locali e i centri ospedalieri, che spesso accolgono studenti  provenienti da istituti professionali e tecnici per i servizi sociali o per assistenti di comunit. In totale si parla di 235 strutture (0,9 % del totale) presso cui hanno svolto lo stage 1.606 studenti (2,1 % del totale).
Abbastanza rilevante la presenza delle organizzazioni di categoria datoriali, che nel complesso rappresentano il 3,8 % fra tutte le strutture che hanno partecipato. Tra queste la pi significativa quella delle organizzazioni di rappresentanza delle imprese artigiane (CNA, Confartigianato) seguita da quelle delle industrie manifatturiere (API, Confindustria, Confesercenti, Confapi).
Vi sono poi le realt appartenenti al Terzo settore: si tratta di 688 strutture presso cui hanno svolto lo stage 2.766 studenti. Tra queste, un ruolo preponderante ricoperto dalle cooperative sociali, che rappresentano in Italia un'importante realt sia sotto il profilo occupazionale, sia nell'erogazione di servizi. Le cooperative sociali infatti, in base alla definizione che ne da l'articolo 1 della Legge 8/11/1991 n. 381 che le disciplina, si occupano statutariamente della gestione di servizi socio-sanitari,  (ad esempio le residenze sanitarie assistenziali, le residenze sociali assistite, lassistenza domiciliare), ed educativi (asili nido e scuole per linfanzia): sono queste le cooperative sociali di tipo A; oltre a queste ci sono le cosiddette cooperative di tipo B, che svolgono attivit diverse, in ambito  agricolo, industriale, commerciale o di servizio, e hanno la finalit di favorire linserimento lavorativo delle persone svantaggiate.
Rientrano tra gli organismi del Terzo settore anche le associazioni  di promozione sociale (ai sensi della L.383/2000), che in questo caso sono rappresentate da ACLI (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani) e ARCI (Associazione ricreativa culturale italiana).
Si tratta di associazioni a carattere nazionale che attraverso una rete capillare di circoli, servizi, progetti e associazioni specifiche promuovono la cultura, il lavoro, la solidariet e la  partecipazione attiva  alla vita sociale e democratica.
La loro rilevanza nella partecipazione ai percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro risulta piuttosto bassa.

Partecipazione delle imprese
La raccolta dei dati e la sua analisi stata fatta con lutilizzo della classificazione delle attivit economiche Ateco 2007, in base alla quale le imprese sono catalogate attraverso una struttura ad albero: sezione, divisione, gruppo, classe, categoria, sotto-categoria.
Il quadro riepilogativo della tipologia delle imprese coinvolte rappresentato nella Tabella (Tipologia delle imprese partecipanti ai percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, a.s. 2008/2009), mostra che la maggior parte delle imprese che hanno accolto gli studenti per lo stage risultano appartenere al settore manifatturiero, seguite da quello delle attivit di servizi di alloggio e di ristorazione e da quello dalle attivit professionali, scientifiche e tecniche.
Tra le attivit manifatturiere infatti rientrano numerosi settori, tra cui aziende ad alto contenuto tecnico e tecnologico, ma anche industrie tessili e di confezione di abbigliamento, imprese che operano nella produzione degli alimenti e delle bevande, industrie chimiche, della produzione di pelli e cuoio, della lavorazione del legno.
Le attivit di servizi di alloggio e ristorazione, ossia alberghi e ristoranti, sono quelle invece pi interessanti in termini assoluti: 2169 strutture che hanno accolto un totale di 5.172 studenti. Si tratta di dati particolarmente significativi: 2.169 aziende infatti corrispondono al 15% del totale nazionale delle imprese e all 8.2 % del totale nazionale delle strutture ospitanti; 5.172 studenti, significa pi del 13% degli studenti che hanno svolto lo stage presso aziende e  il 6.7 % di tutti quelli che hanno partecipato a percorsi di Alternanza.

Un altro contributo interessante quello dato dalle attivit professionali scientifiche e tecniche operanti nellambito dellIngegneria, delle Scienze Naturali e Umanistiche, anche con attivit di Ricerca e Sviluppo.
Degna di nota infine la partecipazione delle imprese operanti nel settore del commercio, sia allingrosso che al dettaglio, delle agenzie di viaggio, dei servizi di supporto alle imprese, delle imprese che si occupano di Informatica e Comunicazioni.

Scarica la versione in PDF

 

 
Articoli correlati

La riorganizzazione dellIstruzione degli Adulti
di Donatella Rangoni (13 Maggio 2013)

Lavoro e apprendimento: un binomio possibile
di Antonella Zuccaro (08 Febbraio 2013)

Primi esiti dellindagine sugli sbocchi occupazionali degli studenti in alternanza scuola lavoro
di Vera Bortot (04 Febbraio 2013)

La banca dati ITS a sostegno del sistema
di Antonella Sagazio (04 Febbraio 2013)

Un'indagine dell'ANSAS su alternanza scuola e lavoro
di Annachiara Bianchi e Vera Bortot (12 Marzo 2012)

Intervista alla Dirigente Scolastica Giuseppa Antonaci
di A. Augenti e M.G. de Judicibus (12 Marzo 2012)

Scuola e Lavoro: a che punto siamo?
di Antonella Zuccaro (12 Marzo 2012)

Guida alla consultazione dei Monitoraggi
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

IFSNetwork: lesperienza della simulazione aziendale in aula
di Matteo Isoni (25 Novembre 2009)

Gli Istituti Professionali e lAlternanza Scuola-Lavoro
di Vera Bortot (25 Novembre 2009)

A che punto siamo con lAlternanza Scuola-Lavoro?
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

Scuola Lavoro: il nuovo portale
di Redazione Scuola Lavoro (24 Novembre 2009)

Educazione all'Imprenditorialità
di Antonella Zuccaro (24 Novembre 2009)

Alternanza scuola-lavoro: esperienze dal 1996
di Francesco Proia (22 Febbraio 2005)

Dal punto di vista di una Camera di Commercio
di Patrizia Rabatti (07 Febbraio 2005)