Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Gli Istituti Professionali e lAlternanza Scuola-Lavoro

Dati di un fenomeno a cavallo tra Terza Area e Territorio

di Vera Bortot
25 Novembre 2009

Gli istituti che sono stati presi in considerazione in questa breve analisi sono istituti professionali sedi di riferimento (IP) ed istituti di istruzione secondaria superiore sedi di riferimento (IISS) che hanno al loro interno istituti professionali. Su 1.062 IP e IISS presenti negli Archivi EDS, 395 (pari al 37,2%) risultano essere gli istituti professionali che hanno attivato percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro nella.s. 2008/2009 (vedi Tabella: Istituti di II grado sedi di riferimento che hanno attivato percorsi di Alternanza Scuola Lavoro).
Questi rappresentano il 36,3% dei 1.088 istituti di istruzione secondaria superiore di II grado (di cui fanno parte anche gli istituti tecnici, i licei, gli istituti magistrali, le scuole magistrali e gli istituti darte) censiti per lAlternanza.
La tabella di cui sopra evidenzia che, al Nord, la regione che presenta un maggior numero di istituti professionali sedi di riferimento e di istituti di istruzione secondaria superiore sedi di riferimento con allinterno istituti professionali impegnati nellerogazione di percorsi di Alternanza la Lombardia (65 istituti professionali su 141 scuole censite, pari al 46%), seguita dal Lazio per il Centro (37,3%), dalla Puglia per il Sud (52,2%) e dalla Sicilia per le isole (38,3%).
Tuttavia, se si considera che allinterno di un istituto di istruzione secondaria superiore sede di riferimento pu essere presente pi di un istituto professionale, il totale degli istituti professionali che erogano percorsi di Alternanza sale a 457 (vedi Tabella: Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro per istituto).
Gli istituti professionali hanno erogato complessivamente 1.428 percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, cio circa il 42% dei percorsi erogati da tutti gli istituti di istruzione secondaria superiore di II grado censiti (vedi Tabella: Studenti degli istituti professionali in Alternanza  per percorso).
Dai dati mostrati nelle ultime due tabelle risulta che le regioni che hanno erogato un maggior numero di percorsi sono: la Lombardia (con 503 percorsi attivati su un totale regionale di 935, pari al 53,8% con 6.4 percorsi erogati in media per istituto) e lEmilia Romagna (152 percorsi, pari al 54,1% ed una media di 3.2 percorsi attivati per istituto) per il Nord; la Toscana (118 percorsi, pari al 26,1% con una media di 4.4 percorsi per istituto) ed il Lazio (75 percorsi, pari al 29,8% ed una media di 2.3 percorsi per istituto) per il Centro; la Puglia (119 percorsi, pari al 55,3% ed una media di 2.1 percorsi per istituto) e la Campania (77 percorsi, pari al 35,6% ed una media di 2.4 percorsi per istituto) per il Sud. Le isole hanno erogato entrambe lo stesso numero di percorsi, con una media di 2.4 percorsi per istituto per la Sardegna e di 1.2 percorsi per istituto per la Sicilia.
Per ci che concerne le tipologie di istituti professionali, i pi attivi risultano essere gli istituti professionali per lindustria ed artigianato (581 percorsi, pari al 40,7% dei 1.428 percorsi erogati complessivamente dagli istituti professionali ed al 17,1% dei 3.404 percorsi erogati da tutti gli istituti censiti), gli istituti professionali per i servizi commerciali (300 percorsi, pari al 21,1% ed all8,8% rispettivamente) e gli istituti professionali per i servizi sociali (94 percorsi, pari al 6,6% ed al 2,8% rispettivamente).

Gli studenti degli istituti professionali coinvolti in percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro sono 28.446, cio il 41% dei 69.375 studenti complessivi impegnati in Alternanza, con una media di 19.9 allievi per percorso. Il numero maggiore di studenti si concentra nelle classi III (11.182 allievi, pari al 39,3%), nelle classi IV (8.574 allievi, pari al 30,1%) e nelle classi II (5.918 allievi, pari al 20,8%), che accolgono pi studenti delle classi V (2.666, cio il 9,4%). Pochi gli studenti delle classi I (106, pari allo 0,4% ). Il numero esiguo di studenti nelle classi I e V non deve stupire in quanto, in base alle direttive contenute nel D.Lgs.15 aprile 2005, n.77, generalmente i percorsi vengono avviati a partire dalle classi III, mentre le classi V sono probabilmente impegnate con gli esami di stato.

Scarica la versione in PDF

 
Articoli correlati

La riorganizzazione dellIstruzione degli Adulti
di Donatella Rangoni (13 Maggio 2013)

Lavoro e apprendimento: un binomio possibile
di Antonella Zuccaro (08 Febbraio 2013)

Primi esiti dellindagine sugli sbocchi occupazionali degli studenti in alternanza scuola lavoro
di Vera Bortot (04 Febbraio 2013)

La banca dati ITS a sostegno del sistema
di Antonella Sagazio (04 Febbraio 2013)

Un'indagine dell'ANSAS su alternanza scuola e lavoro
di Annachiara Bianchi e Vera Bortot (12 Marzo 2012)

Intervista alla Dirigente Scolastica Giuseppa Antonaci
di A. Augenti e M.G. de Judicibus (12 Marzo 2012)

Scuola e Lavoro: a che punto siamo?
di Antonella Zuccaro (12 Marzo 2012)

Guida alla consultazione dei Monitoraggi
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

IFSNetwork: lesperienza della simulazione aziendale in aula
di Matteo Isoni (25 Novembre 2009)

Le imprese in Alternanza Scuola-Lavoro
di Rosalia Delogu (25 Novembre 2009)

A che punto siamo con lAlternanza Scuola-Lavoro?
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

Scuola Lavoro: il nuovo portale
di Redazione Scuola Lavoro (24 Novembre 2009)

Educazione all'Imprenditorialità
di Antonella Zuccaro (24 Novembre 2009)

Alternanza scuola-lavoro: esperienze dal 1996
di Francesco Proia (22 Febbraio 2005)

Dal punto di vista di una Camera di Commercio
di Patrizia Rabatti (07 Febbraio 2005)