Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

A che punto siamo con lAlternanza Scuola-Lavoro?

Un fenomeno che interessa oltre il 30% delle scuole

di Antonella Zuccaro
25 Novembre 2009

LAlternanza Scuola-Lavoro stata introdotta in Italia come una delle modalit di realizzazione dei percorsi di scuola secondaria di II grado (art. 4 legge delega n.53/03). Successivamente con il D.L. n. 77 del 15 aprile del 2005, viene disciplinata lAlternanza Scuola-Lavoro quale metodologia didattica del Sistema dellIstruzione per consentire agli studenti che hanno compiuto il sedicesimo anno di et di realizzare gli studi del secondo ciclo anche alternando periodi di studio e di lavoro. La finalit prevista quella di motivarli e orientarli e far acquisire loro competenze spendibili nel mondo del lavoro. Di fatto, non un percorso di recupero per i meno dotati, ma uno strumento per rendere flessibili i percorsi nelleducazione e nella formazione, uno strumento che offre la possibilit di combinare studi formali, anche professionali, con applicazioni pratiche degli apprendimenti, e di valorizzare le competenze previste nel curriculum scolastico degli studenti nella prospettiva del life long learning.
LAlternanza Scuola-Lavoro non si sovrappone allapprendistato, che regolato da uno specifico contratto di lavoro, ma unazione formativa rispondente ai  bisogni individuali di istruzione e formazione dei giovani per favorirne lorientamento, per stimolarne le vocazioni personali e gli interessi e potenziare stili diversi di apprendimento.

Il monitoraggio dellAlternanza Scuola-Lavoro
Lattivit dellAlternanza Scuola-Lavoro erogata dagli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado sedi di riferimento viene regolarmente monitorata dal MIUR sin dalla.s. 2004/05. A partire dal 2006/07 lindagine viene realizzata dallAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica (ex Indire) su incarico della Direzione Generale per lIstruzione e Formazione Tecnica Superiore e per i Rapporti con i Sistemi Formativi delle Regioni del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca (MIUR).
Di seguito viene offerta una analisi sintetica dellAlternanza relativamente ai dati rilevati nei percorsi realizzati nellanno scolastico 2008/09.

Come si attua lAlternanza Scuola-Lavoro
Dagli anni 2004/05, il MIUR contribuisce allo sviluppo dellAlternanza Scuola-Lavoro attraverso attribuzione di appositi finanziamenti agli Uffici Scolastici Regionali, i quali ne dispongono modalit e criteri di assegnazione alle singole scuole.
Per lanno scolastico 2008/09, gli Uffici Scolastici Regionali presenti nella regione, ricevuti i finanziamenti dal MIUR, hanno emanato circolari alle scuole con le modalit di presentazione di candidature per la realizzazione di progetti di Alternanza. Le circolari, infatti, sono state, il pi delle volte, accompagnate da bandi, da formulari per la presentazione dei progetti e/o da linee guida utili per la compilazione dei progetti e per la realizzazione dei percorsi di Alternanza (si veda la Figura: Mappatura dei bandi, formulari, linee guida emanate dagli Uffici Scolastici Regionali a.s. 2008/09). Dopo averli acquisiti, gli USR hanno esaminato i progetti anche attraverso commissioni regionali e/o provinciali e hanno disposto lassegnazione dei finanziamenti. 
Dallanalisi delle fonti di finanziamento utilizzate dagli istituti scolastici per la realizzazione dei percorsi di Alternanza si evidenzia, anche per lannualit 2008/09, una concorrenza di diversi soggetti finanziatori, pur se il contributo prevalente ancora quello fornito dal Ministero della Pubblica Istruzione [72,4%]. Segue il contributo delle Regioni (9,6%), i contributi delle Camere di Commercio (2,2%), mentre significativa lentit di tipologie altro pari al 12,3%. Rispetto ai dati dellanno precedente sono in aumento i fondi del MIUR e delle Province, mentre sono in diminuzione tutte le altre tipologie di finanziamento.
(Vedi Tabella: Tipologie fonti di finanziamento utilizzate dalle scuole per lattuazione dei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, a.s. 2008/09)

Gli istituti in Alternanza Scuola-Lavoro
Per lannualit 2008/09 sono state rilevate le attivit di 1.088 istituti di istruzione secondaria di II grado, sedi di riferimento, impegnati nella realizzazione di percorsi di Alternanza Scuola Lavoro; considerato che gli istituti di istruzione secondaria di II grado in Italia, sedi di riferimento, sono 3.486 , nellannualit considerata quelli che hanno realizzato percorsi in Alternanza sono circa il 31,5%, con un incremento costante di istituti, studenti partecipanti e percorsi di alternanza rispetto agli anni precedenti. Questo valore sembra che la scelta di alternare periodi di formazione in aula e periodi di apprendimento attraverso esperienze in contesti di lavoro sia accolta sempre pi con favore dal mondo della scuola.
(Vedi Tabella: Evoluzione della partecipazione ad esperienze di Alternanza Scuola-Lavoro, a. s. 2004-2008)
Se si focalizza lanalisi sul livello regionale, emerge che, rispetto alla distribuzione degli istituti sedi di riferimento, la realizzazione di attivit in Alternanza stata superiore al Nord, con il 36,5%, ed al Centro, con il  35,8% del totale degli istituti presenti: qui il raccordo con il mondo del lavoro probabilmente favorito dalla maggiore presenza di realt aziendali. Al Sud la presenza di esperienze di istituti in Alternanza del 26% e nelle Isole del 20% del totale degli istituti presenti. Se approfondiamo lanalisi, notiamo che la modalit didattica dellAlternanza  superiore al 50% del totale degli istituti presenti nelle regioni Marche, Umbria, Toscana, Liguria e Molise.

Ma in quali istituti si  sviluppa lAlternanza?
Significativa la distribuzione dei dati per gli istituti sedi di riferimento dellAlternanza per quel che riguarda la loro tipologia e distribuzione territoriale. Importante il focus sugli istituti di istruzione superiore che comprendono al loro interno diversi corsi di studi. Considerando questa tipologia di scuole, se li scompattiamo, ai 1.088 istituti sedi di riferimento con percorsi di Alternanza si aggiungono 217 sedi non di riferimento (succursali, sedi distaccate, ...) con percorsi di Alternanza, portando il numero totale degli istituti con percorsi di Alternanza a 1.305. (Vedi Tabella: Istituti di Istruzione Secondaria di II grado, non sedi di riferimento, a.s. 2008/09).
Focalizzando lanalisi su tutti gli istituti, anche quelli non sedi di riferimento, emerge come le modalit di apprendimento in Alternanza sono state scelte in prevalenza negli istituti tecnici (46%) e professionali (35%), anche in quanto istituti che meglio rispondono alle finalit a/d/e dellart. 2 D.L. 15 aprile 2005, n. 77 (collegamento con lesperienza pratica e con il mondo del lavoro). I Licei che propongono percorsi di alternanza sono solo il 14%, ma con  un incremento rispetto allo scorso anno del 41,3% Ci potrebbe suggerire levoluzione dei percorsi verso lapplicazione delle finalit b/c/ dello stesso decreto (arricchimento personale attraverso lacquisizione anche di competenze spendibili sul mercato del lavoro; orientamento e valorizzazione delle vocazioni personali).
Si raggiunge oltre il 50% degli istituti tecnici in Abruzzo (63,6%), nel Lazio (60,2%) e nel Veneto (54%), mentre gli istituti professionali che svolgono Alternanza sono prevalentemente presenti in Basilicata (57%) e in Puglia (54%). Svolgono attivit di Alternanza oltre il 30% dei licei in Toscana (33%) e nelle Marche (30,7%).

I percorsi, le metodologie, gli operatori coinvolti
I percorsi erogati dagli istituti ammontano a 3.404. La modalit in Alternanza prevalentemente utilizzata dagli istituti tecnici e professionali. Significativi i 364 percorsi nei licei (10,5%). (Vedi Tabella: Percorsi di Alternanza Scuola Lavoro per tipologia di istituto, a.s. 2008/09).
Le regioni in cui i singoli istituti organizzano pi corsi sono la Lombardia con 6 percorsi per istituto, la Toscana ed il Friuli con 4,2.
Analizzando la distribuzione per ore complessive di attivit didattica, sembra attestarsi come significativo (il 53,5%) un  modello di percorso che prevede un numero di ore compreso tra le 100-299, con una incidenza maggiore nel Nord est (73,4%) e nelle Isole (75,5%).
Il 49,3% dei percorsi ha una durata annuale, ma si osserva la presenza di una quota importante di percorsi articolati nellarco di un triennio (31,5%). La differenziazione regionale sembra essere significativa: ad esempio  percorsi annuali sono preponderanti in Sardegna (93,1%), Basilicata (88,9%), ed Emilia Romagna (80,4%); la durata biennale si riscontra nei percorsi attivati in Campania (75,5%) ed in Piemonte (57,5%), infine i percorsi triennali sono pi diffusi in Puglia (94,4%) e nel Lazio (78,9%). (Vedi Tabella: Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, per durata, a.s. 2008/09 )
Nellanalisi della tipologia di attivit didattica dei corsi, lindagine ha preso in considerazione le seguenti voci: formazione in aula, stage, visite guidate, esercitazione pratiche, formazione a distanza. Le ore di attivit didattica erogate complessivamente  sono 460.020 di cui  il 60% di attivit in azienda per lo stage, il 32% di formazione in aula, il 5% di attivit in azienda con visite guidate, il 2,6% di laboratorio di Impresa Formativa Simulata (IFS). L11,9% del totale delle ore erogate sono state dedicate allorientamento. Incrociando i dati, importante notare come lorientamento si esplichi prevalentemente attraverso visite guidate. (Vedi Tabella: Metodologie didattiche utilizzate nei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, a.s. 2008/09).
Rispetto allo scorso anno, c un incremento della parte didattica svolta in aula. In prospettiva sembra si assista ad un passaggio da un uso dellAlternanza come addestramento professionale centrato solo sullo stage fine a se stesso ad uno come apprendimento esperienziale inteso come metodologia didattica che si svolge in contesti di lavoro: lo stage viene sempre pi inteso come attivit che tiene conto e coniuga alcuni elementi di contenuto, relazioni, comportamenti e, in quanto tale, proponibile anche nelle classi seconde; uno stage che permette di sperimentare come risolvere problemi, cosa significhi pensiero critico,  autonomia, responsabilit (imprenditivit). Dal punto di vista strategico sembra si passi da una formazione sequenziale con azioni tra loro indipendenti, ad una formazione che si sviluppa secondo un modello a spirale che mette in campo un rapporto costante tra formazione e lavoro.
Sui 3.404 percorsi, i docenti hanno dichiarato di aver progettato 1.824 percorsi tenendo conto della competenza chiave imparare ad imparare e, come seconda per importanza (1.762), spirito di iniziativa ed imprenditorialit. (Vedi Grafico: I percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro e le competenze chiave).
A fronte di tali competenze, le discipline che si dichiara siano maggiormente utilizzate sono quelle afferenti allarea giuridico economica e, a seguire, quella economico aziendale. In terza posizione per importanza le materie letterarie. (Vedi Grafico: Le discipline nei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro)
Complessivamente gli operatori della didattica sono 49.499, di cui interni alla scuola 22.870, esterni 26.579. I docenti interni che svolgono attivit didattica in aula sono 10.643, pari al 21,5%, i docenti incaricati del raccordo con lAlternanza 5.562 (11,2%), i docenti incaricati del rapporto con le imprese sono 6.665, pari al 13,4%, i consulenti esterni 4.784 (9,6%), i tutor aziendali sono 21.795, pari al 44%.

Gli studenti e le certificazioni
Gli studenti degli istituti di istruzione secondaria superiore di II grado per lannualit presa in esame sono complessivamente 1.961.467 (esclusi gli studenti delle classi prime) , mentre quelli iscritti ai percorsi di Alternanza sono 69.375, pari al 3,5%. Per inciso, da notare come il dato sia comprensivo anche degli studenti delle classi seconde che, in alcune regioni, accedono gi ai percorsi di Alternanza.
Per quanto riguarda il numero medio degli iscritti per percorso, esso  si attesta su 20,4 studenti per percorso, con punte di 23,6 studenti per percorso in Sardegna. Il numero minore in Calabria 16,3. Se poi osserviamo il numero medio dei percorsi attivati per singolo istituto, in Sicilia presente il minor numero di percorsi (1,4) a fronte della Lombardia con 6,6 percorsi per istituto. La maggior parte degli studenti in Alternanza frequenta gli istituti tecnici (43%) e gli istituti professionali (41%). Significativa la presenza degli studenti dei Licei (10%).
(Vedi Tabella: Studenti in Alternanza Scuola-Lavoro per tipologie di Istituti, a.s. 2008/09)
Considerato il rapporto tra gli iscritti (69.375) ed il numero totale di attestazioni/certificazioni rilasciate (66.018) rileviamo che il numero maggiore di attestazioni rilasciate quello relativo alle attestazioni/certificati di competenze 25.858 (39,2%), seguono gli Attestati di frequenza 25.446 (38,5%) ed infine le attestazioni/certificati di crediti 14.712 (22,3%). (Vedi Tabella: Numero e tipologia delle attestazioni e/o certificazioni rilasciate, a.s. 2008/09)
Le regioni che hanno complessivamente rilasciato il maggior numero di attestazioni sono la Lombardia (23,1%), la Campania (10,5%), la Toscana (10,4%). Il numero medio di attestazioni rilasciate per percorso di 19,3. Gli attestati vengono rilasciati con una maggiore  frequenza  nelle classi IV (48,7%), a seguire le classi III con il 33,25%, le classi V con il 15%, le seconde (6,6%). La distribuzione invariata rispetto ai dati dello scorso anno. Rispetto alla tipologia di attestati il dato relativo alla singola classe proporzionale al dato generale. Importante segnalare laumento delle attestazioni di competenza e dei crediti rispetto allo scorso anno a fronte di una diminuzione degli attestati di frequenza. (Vedi Tabella: Tipologia delle attestazioni e/o certificazioni rilasciati agli studenti in Alternanza  ripartite per classi, a.s. 2008/09 )

I soggetti ospitanti per le attivit di stage
I soggetti ospitanti (le imprese, ) coinvolti nei percorsi di Alternanza sono 26.513. A livello nazionale, confrontando il numero totale delle imprese coinvolte con il numero degli studenti,  risulta che il numero medio degli studenti per azienda del 2,9 (nello specifico al Nord del 2,6, al Centro del 2,7, al Sud del 5,9, nelle Isole del 9,1). Tuttavia, allinterno delle macroregioni,  presente una elevata variabilit del fenomeno che definiremo a macchia di leopardo: p.es. in Campania 12.54, in Puglia 3.56. Questo dato, considerato che la dimensione delle strutture ospitanti spesso molto piccola e che tale dimensione non in relazione con il numero di studenti inviati in azienda,  risulta molto importante perch pu suggerire una differente interpretazione delle modalit con cui viene organizzata lesperienza in azienda. Ci potrebbe costituire oggetto di indagini successive.

Gli accordi
I corsi in Alternanza sono progettati sulla base di diversi tipi di accordi con soggetti pubblici e privati (comma 2, art. 1 D.L.cit.). Gli accordi stipulati dalle scuole rivestono una particolare importanza perch possono essere considerati indicatori significativi dellintegrazione della scuola con altri soggetti sul territorio. Analizzando i dati relativi agli accordi stipulati dalle scuole si nota che la tipologia pi frequente la convenzione (75,5%). E interessante unanalisi del restante 24,5% perch le tipologie indicate sono rappresentative di strategie di accordi molto diversi tra loro e estremamente significativi per unanalisi dei processi di integrazione territoriale anche in relazione alle politiche attive dellarea considerata. Il numero maggiore di accordi stipulati si trovano in Lombardia  (17,7%), seguono la Toscana (13,9%) ed il Veneto (8%). (Vedi Tabella: Accordi, ripartiti per tipologia, stipulati dagli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore di II grado con percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro, a.s. 2008/09).

Come utilizzare i documenti allegati alla banca dati
Le scuole possono allegare ai dati quantitativi una documentazione sulla progettazione e realizzazione delle attivit. Per quanto riguarda la documentazione delle attivit in Alternanza, i materiali inseriti dalle singole scuole sono 10.197, di cui il 29,2% riguarda i progetti, il 16% materiale relativo alle attivit di valutazione. (Vedi Tabella: Tipologia della documentazione allegata dalle scuole Anni 2006-2008).
Si segnala limportanza che potrebbe rivestire uno studio approfondito di questa documentazione per meglio descrivere i modelli e gli strumenti adottati dalle scuole nelle singole regioni, al fine di individuarne le specifiche e caratterizzanti peculiarit e disseminare le migliori pratiche.

Conclusioni
Se osserviamo la serie storica presentata nellarco di 5 anni scolastici, emerge un quadro rappresentativo di un fenomeno che ha registrato incrementi percentuali considerevoli, soprattutto negli ultimi tre anni, sia per gli istituti coinvolti che per la partecipazione degli studenti e per i percorsi realizzati. (si veda Grafico: Trend Alternanza Scuola-Lavoro. Anni 2004-2008).
Infatti, comparando i risultati rilevati per gli ultimi tre anni  e per le variabili considerate i dati evidenziano un indice di crescita generale per:

  • gli istituti scolastici sedi di riferimento, con incrementi percentuali annui compresi tra il 14% ed il 16%;
  • il numero dei percorsi realizzati: se nel 2006/07 per ogni istituto erano attivi in media 1,8 percorsi, nellultimo anno 2008/09 il rapporto sale a 3,1;
  • gli studenti partecipanti allAlternanza, con incrementi annui compresi tra il 10,7 % ed il 36,6%; dai 45.879 del 2006/07 si passa agli oltre 50.000 dellanno successivo fino ai 69.375 del 2008/09, con un incremento complessivo per gli  ultimi tre anni del 51,2%.

Rispetto al fenomeno si segnala:

  • un aumento degli istituti tecnici rispetto ai professionali;
  • lestensione dellAlternanza agli alunni pi giovani e una conseguente sua interpretazione didattico metodologica con percorsi che si attestano su una durata significativa;
  • una conseguente interpretazione dellorientamento che abbia maggiore valore pedagogico ed educativo e  non sia direttamente mirato allinserimento lavorativo;
  • una differenziazione dellofferta dellAlternanza, che solo in parte risente delle diverse realt socio economiche, ma che sembra molto centrata sul modello organizzativo interno a ciascuna scuola (differenziazione  che abbiamo definito a macchia di leopardo);
  • limportante ruolo svolto dai tutor aziendali, sia per la quantit dei soggetti coinvolti, che per il loro ruolo strategico, in quanti facilitatori di reti di relazione tra scuola ed azienda.

Sono da approfondire:

  • le modalit con le quali si svolgono le attivit  in azienda;
  • levolversi delle certificazioni ed il rapporto tra certificati di competenza e crediti;
  • lanalisi qualitativa delle ore svolte in aula e del rapporto tra queste e le esperienze in azienda e del rapporto tra il lavoro svolto tra alcuni alunni e lintera classe;
  • i modelli di raccordo territoriale tra scuole ed aziende e soggetti mediatori (associazioni di categorie, istituzioni locali,)

Gli Esiti dei monitoraggi nazionale dellAlternanza Scuola-Lavoro e dellArea professionalizzante (Terza Area) annualit varie. I dati sono consultabili e/o scaricabili nellapposita area del portale Scuola Lavoro.

 

 

 


 

 
Articoli correlati

La riorganizzazione dellIstruzione degli Adulti
di Donatella Rangoni (13 Maggio 2013)

Lavoro e apprendimento: un binomio possibile
di Antonella Zuccaro (08 Febbraio 2013)

Primi esiti dellindagine sugli sbocchi occupazionali degli studenti in alternanza scuola lavoro
di Vera Bortot (04 Febbraio 2013)

La banca dati ITS a sostegno del sistema
di Antonella Sagazio (04 Febbraio 2013)

Un'indagine dell'ANSAS su alternanza scuola e lavoro
di Annachiara Bianchi e Vera Bortot (12 Marzo 2012)

Intervista alla Dirigente Scolastica Giuseppa Antonaci
di A. Augenti e M.G. de Judicibus (12 Marzo 2012)

Scuola e Lavoro: a che punto siamo?
di Antonella Zuccaro (12 Marzo 2012)

Guida alla consultazione dei Monitoraggi
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

IFSNetwork: lesperienza della simulazione aziendale in aula
di Matteo Isoni (25 Novembre 2009)

Le imprese in Alternanza Scuola-Lavoro
di Rosalia Delogu (25 Novembre 2009)

Gli Istituti Professionali e lAlternanza Scuola-Lavoro
di Vera Bortot (25 Novembre 2009)

Scuola Lavoro: il nuovo portale
di Redazione Scuola Lavoro (24 Novembre 2009)

Educazione all'Imprenditorialità
di Antonella Zuccaro (24 Novembre 2009)

Alternanza scuola-lavoro: esperienze dal 1996
di Francesco Proia (22 Febbraio 2005)

Dal punto di vista di una Camera di Commercio
di Patrizia Rabatti (07 Febbraio 2005)