Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
IFTS-FORMAZIONE POST-SECONDARIA NON UNIVERSITARIA

Gli Istituti Tecnici Superiori nelle Regioni

Il ruolo delle Regioni nella costituzione degli Istituti Tecnici Superiori

di Veronica Forni e Caterina Librandi
07 Febbraio 2011

La normativa nazionale prevede che le Regioni possano costituire gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), purch li programmino nei piani di intervento territoriali di durata triennale, da predisporre con priorit per aree e settori del proprio territorio nelle quali siano individuate particolari esigenze connesse allinnovazione tecnologica e alla ricerca  e con riferimento agli indirizzi della programmazione nazionale in materia di sviluppo economico e rilancio della competitivit in linea con i parametri europei .
Fornisce inoltre delle indicazioni generali sulle modalit di scelta dei partenariati che formeranno gli ITS: secondo procedure e criteri da loro definiti, le Regioni selezionano tramite invito pubblico gli istituti tecnici e gli istituti professionali quali enti di riferimento per la costituzione delle fondazioni di partecipazione, in partenariato con una struttura formativa accreditata dalla Regione per lalta formazione, unimpresa del settore produttivo cui si riferisce lIstituto Tecnico Superiore, un dipartimento universitario o altro organismo appartenente al sistema della ricerca scientifica e tecnologica, un Ente locale.
Tra il 2009 e il 2010 le Regioni si sono mosse, seguendo tempi e modalit diversificate, sulla base dellautonomia che le regioni hanno in materia di programmazione dellofferta formativa, ma anche della Legge n. 25  del 26 febbraio 2010, che ha previsto un ulteriore contributo di 10 milioni di euro a favore delle Regioni in cui sono state costituite fondazioni.
 
Le procedure regionali per la costituzione degli ITS sono riferibili a due fasi distinte.
La prima fase, conclusa il 31/12/2009, stata finanziata a livello nazionale con le risorse messe a disposizione dal MIUR a valere sul fondo di cui alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 875 .
La maggior parte delle Regioni che hanno iniziato liter di individuazione degli ITS nella prima fase hanno scelto lo strumento del bando pubblico.
In questa fase tutti gli Istituti Tecnici e gli Istituti Professionali hanno potuto candidarsi come ente di riferimento degli ITS, a condizione che avessero una pregressa esperienza nella realizzazione dei percorsi IFTS e/o nella attuazione delle relative misure per lintegrazione dei sistemi formativi.

Le Regioni che hanno costituito ITS in questa fase sono state: 

Abruzzo 1 ITS nellarea 
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema meccanica

Campania 2 ITS nellarea
 Mobilit sostenibile - Trasporti Marittimi  
 Mobilit sostenibile - Trasporti Ferroviari

Lazio 4 ITS nelle aree
 Tecnologie della informazione e della comunicazione
 Mobilit sostenibile - Mobilit delle persone e delle merci
 Tecnologie innovative per i beni e le attivit culturali /Turismo 
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema alimentare
   
Liguria 3 ITS nelle aree
 Mobilit sostenibile - settore trasporti marittimi/pesca
 Nuove tecnologie per il made in Italy settore meccanico/navalmeccanico - cantieristica e nautica da diporto 
 Tecnologie dell'informazione e della comunicazione
 
Lombardia 4 ITS nelle aree
 Tecnologie della informazione e della comunicazione
 Mobilit sostenibile - Mobilit delle persone e delle merci
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema moda e Nuove tecnologie della vita
 
Marche 2 ITS uno nellarea
 Nuove tecnologie per il made in Italy - moda/calzature  
 Efficienza energetica

Puglia 2 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per il made in Italy - settore meccanica/meccatronica
 Mobilit sostenibile - settore aerospazio

Sardegna 1 ITS nellarea
 Efficienza energetica
Sicilia 3 ITS nelle aree
 Tecnologie innovative per i beni e le attivit culturali
 Efficienza energetica
 Nuove Tecnologie per il made in Italy sistema alimentare
 
Toscana 3 ITS nelle aree
 Efficienza energetica
 Nuove tecnologie per il made in Italy - sistema moda 
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema meccanica

Veneto - 3 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per il made in Italy - sistema moda
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema meccanica
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema alimentare e vitivinicolo

E da notare come in questa prima fase gli ITS costituiti il 78% dei corsi afferisce alle aree tecnologiche Nuove Tecnologie per il made in Italy (con riferimento ai 4 ambiti individuati alimentare, casa, meccanica, moda, servizi alle imprese), Mobilit sostenibile e Efficienza energetica. Nellarea Tecnologie innovative per i beni e le attivit culturali sono stati costituiti 4 ITS, 3 nellarea Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, mentre solo 1 relativo allarea Nuove tecnologie della vita.

La seconda fase, conclusa il 31 dicembre 2010, stata introdotta per effetto della legge 25/2010. Lintesa approvata in sede di Conferenza Unificata il 23/09/2010  ha suddiviso il finanziamento previsto dalla legge 25/2010 fra le Regioni che nella programmazione 2004-2006 avevano costituito Poli Formativi IFTS di settore e/o realizzato il Piano CIPE IFTS/Ricerca. Le Regioni, inoltre, hanno la possibilit di istituire Istituti Tecnici Superiori finanziandoli con propri fondi.
La procedura pi utilizzata in questa seconda fase stata quella dellinvito ristretto o di un accordo territoriale, e solo gli Istituti Tecnici e gli Istituti Professionali capofila di un Polo Formativo o di un partenariato del Piano di Intervento CIPE IFTS/Ricerca hanno potuto beneficiare dei fondi a valere sulla Legge 25/2010. Pertanto il numero di scuole interessate da questa seconda fase di programmazione ridotto.
In questa fase hanno costituito ITS Regioni che non lo avevano fatto precedentemente ma anche Regioni che avevano gi costituito ITS e ne hanno voluti finanziare altri.

Abruzzo 2 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per il made in Italy - sistema alimentare 
 Efficienza energetica

Emilia Romagna 7 ITS nelle aree
 Mobilit sostenibile 
 Nuove tecnologie per il made in Italy - meccanica e materiali
 Nuove tecnologie per il made in Italy -  meccanica/meccatronica
 Nuove tecnologie per il made in Italy - meccanica-automazione industriale
 Nuove tecnologie per il made in Italy - agroalimentare
 Tecnologie della informazione e della comunicazione 
 Tecnologie innovative per i beni e le attivit culturali /Turismo 

Friuli Venezia Giulia 2 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per il made in Italy - industria meccanica e aeronautica
 Tecnologie della informazione e della comunicazione

Lazio 3 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie della vita
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema alimentare 
 Nuove tecnologie per il made in Italy servizi alle imprese
 
Lombardia 3 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema casa
 Nuove tecnologie per il made in Italy servizi alle imprese
 Nuove tecnologie per la vita Sistemi del verde
 
Marche 1 ITS nellarea
 Nuove tecnologie per il made in Italy - meccanica/servizi alle imprese

Molise 1 ITS nellarea
 Nuove tecnologie per il made in Italy settore agroalimentare

Piemonte 3 ITS nelle aree
 Mobilit sostenibile Aerospazio
 Tecnologie della informazione e della comunicazione
 Nuove tecnologie per il made in Italy sistema moda 

Puglia 1 ITS nellarea
 Nuove tecnologie per il made in Italy - sistema alimentare - Settore produzioni agroalimentari

Sicilia 2 ITS nelle aree
 Mobilit Sostenibile - Trasporti marittimi terrestri aerei 
 Tecnologie innovative per i beni e le attivit culturali 

Umbria 1 ITS nellarea
 Nuove tecnologie per il made in Italy - sistema meccanica, ambito meccatronica

Veneto 3 ITS nelle aree
 Nuove tecnologie per i beni e le attivit culturali/Turismo
 Efficienza energetica - risparmio energetico bioedilizia 
 Mobilit sostenibile - logistica e mobilit delle persone e delle merci

Anche relativamente a questa seconda fase si pu notare come il maggior numero degli ITS costituiti afferisca allarea Nuove tecnologie per il made in Italy (con solo 1 ITS che fa riferimento allambito casa). Su un totale di 29 ITS costituiti nella seconda fase, 15 sono relativi alle Nuove tecnologie per il made in Italy.
Per offrire un quadro complessivo delle differenti fasi di costituzione degli ITS Si riporta qui sotto una tabella riepilogativa in cui indicato il numero degli ITS costituiti suddivisi per Regione e fase di programmazione. (Tabella_1)

Attualmente gli Istituti Tecnici Superiori costituiti in Italia sono 57.
28 ITS sono stati finanziati a livello nazionale con risorse a valere sul fondo di cui alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 875, 22 ITS con i contributi previsti della legge del 26 febbraio 2010, n. 25 o con finanziamenti esclusivamente regionali.
Quasi la met degli ITS, con una percentuale del 47%, sono riferiti allarea Nuove tecnologie per il made in Italy, che rappresenta tradizionalmente il settore di punta dellindustria italiana.
importante sottolineare che larea Nuove tecnologie per il made in Italy racchiude ambiti molto diversi fra loro, 11 ITS sono riferiti allambito Meccanica, 8 a quello Alimentare, 5 allambito Moda, 2 ITS sono riferiti allambito Servizi alle imprese e uno allambito Casa (cfr. Grafico 1). Gli ITS dellambito Meccanica e quelli dellambito Moda sono concentrati nel centro-nord del Paese, quelli dellambito Alimentare nel centro-sud.
Come si pu notare dalla tabella (Vedi Tabella 2), solo la Campania e la Sardegna, fra le regioni che hanno attivato ITS, non ne hanno nessuno in questarea tecnologica.I soci fondatori dei 57 ITS costituiti in Italia sono 667. Come si vede dal grafico 2, il 39% dei soggetti appartiene al mondo del lavoro, componente questa, che evidenzia il forte legame con il mondo produttivo e il profondo radicamento nel territorio da parte degli ITS. Forte anche il ruolo delle scuole, presenti nei partenariati non solo come enti di riferimento ma anche come soci fondatori, in una percentuale del 19%.

Lo standard organizzativo minimo (cfr. art. 2, all. a), DPCM 25/01/2008), prevede la presenza delle seguenti tipologie si soggetti:

  • un istituto di istruzione secondaria superiore, statale o paritario, che in relazione allarticolo 13 della legge n. 40/2007 appartenga allordine tecnico o professionale, ubicato nella provincia sede della fondazione;
  • una struttura formativa accreditata dalla Regione per lalta formazione, ubicata nella provincia sede della fondazione;
  • una impresa del settore produttivo cui si riferisce listituto tecnico superiore;
  • dipartimento universitario o altro organismo appartenente al sistema della ricerca scientifica e tecnologica;
  • un Ente locale (comune, provincia, citt metropolitana, comunit montana)


    Solo 21 soggetti su 667 sono di una tipologia diversa da quelle previste. Probabilmente la spiegazione dello scarso numero di soggetti che si discostano da quelli standard va ricercata nel fatto che gli ITS si sono appena costituiti e devono ancora iniziare le attivit (Grafico).

    Per vedere lElenco degli ITS costituiti si rimanda alla seguente pagina.

     


    RIFERIMENTI NORMATIVI

    DPCM 25/01/2008, all. c.

    DPCM, 25/01/2008, art. 11, comma 1.
     
    Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative.
      
    Art. 12, comma 1 del DPCM 25/01/2008
      
    Intesa ai sensi dellarticolo 9, comma 2, lett. b, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, le Province e i Comuni e le   Comunit    montane, per il riparto del contributo del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca per la costituzione degli Istituti Tecnici Superiori di cui allarticolo 7, comma 5 quater, legge 26 febbraio 2010, n. 25, conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante: Proroga dei termini previsti da disposizioni legislative.

    Per maggiori informazioni, si pu vedere il nuovo sito ITS

  •  
    Articoli correlati

    Verso il Regolamento dei nuovi Istituti Tecnici Superiori
    di Claudia Chellini (09 Febbraio 2011)

    Gli ITS: la specializzazione tecnica dopo il diploma
    di Paola Castellini (27 Gennaio 2011)

    Lo stato dell'istruzione tecnica in quattro risposte
    di Francesco Vettori (09 Marzo 2009)

    Concorso nazionale per gli Istituti Scolastici Secondari Superiori
    di Donatella Rangoni (07 Febbraio 2005)

    IFTS - Formazione post-secondaria non-universitaria
    di Claudia Chellini (23 Ottobre 2004)

    Sistema integrato per il diritto all'apprendimento
    di Catia Cantini (26 Marzo 2004)

    Accogliere per apprendere, apprendere ad accogliere
    di Catia Cantini (01 Gennaio 2003)