Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ISTRUZIONE

Reading Literacy, una preoccupazione condivisa

Contributi e iniziative sul tema della capacit di lettura

di Fiora Imberciadori
14 Settembre 2011

Immagine tratta dall'Archivio DIAIl mondo OECD definisce la competenza nella lettura (reading literacy) come capacit di comprendere, utilizzare, riflettere sui testi scritti al fine di raggiungere i propri obbiettivi, sviluppare le proprie conoscenze e le potenzialit per poter svolgere un ruolo attivo nella societ. Nella realt del vecchio continente, letta attraverso questi criteri, si rileva che un quindicenne europeo su cinque ha scarse capacit di lettura e che sono oltre 75 milioni gli Europei adulti nella stessa situazione e dunque incapaci a gestire la propria quotidianit sul lavoro, nel pubblico, in famiglia, nella comunit.
Dati inaccettabili, dice la Commissaria Vassiliou, considerando le prospettive e le sfide che ci attendono. Mai come in questi tempi labilit nel leggere e quindi la capacit di destreggiarsi fra la tanta informazione pu essere cruciale per le opportunit e le scelte nel lavoro, nella vita insieme agli altri e personale, poich la lettura alimento indispensabile per le capacit di apprendimento, le intelligenze, le conoscenze, la cultura di ciascuno. Tutti anche sono concordi nel dire che coloro ai quali manca la padronanza del leggere sono e saranno sicuramente pi a rischio disoccupazione in un sistema sociale gi profondamente provato.
Le proiezioni sul 2020 ci dicono infatti che il 35% dei lavori richiederanno alte qualifiche, oggi siamo al 29% . Si tratta di 15 milioni di posti di lavoro a fronte di una disoccupazione giovanile che, mediamente, in Europa si aggira attualmente intorno al 21%. La riduzione della percentuale dei giovani con scarse capacit di lettura resta dunque uno degli obiettivi chiave per lEuropa del 2020: bisogna portare la percentuale di oggi al di sotto del 15%. Ma certamente non sar facile, soprattutto in alcuni paesi, dove le percentuali sono ancora molto alte. Nonostante che le ultime rilevazioni mostrino un certo miglioramento, in Italia siamo ancora al 21%, in Bulgaria nel 2009 eravamo al 41% , in Romania al 40,4%. Paesi pi virtuosi in Europa: Finlandia (8,1), Estonia (13,3), Paesi Bassi ( 14,3).
La Commissione europea, molto attenta e molto preoccupata per le conseguenze sul futuro, in particolare, della generazione dei giovani, si sta adoperando per cercare soluzioni al problema ed arrivare allobbiettivo che il Consiglio dei Capi di Governo si posto. Numerose le iniziative intraprese: la Commissaria Vassiliou ha lanciato una campagna di promozione della lettura, assumendone anche il ruolo di principale testimonial. Labbiamo vista, in questa veste, anche a Firenze durante il Festival dEuropa, occasione per il lancio in Italia della iniziativa comunitaria Youth on the Move.
Recentemente poi sono usciti, sempre voluti dalla Commissione, due studi affidati rispettivamente ad un gruppo di esperti indipendenti ed alla rete Eurydice. Il primo Family Literacy in Europe: using parental support initiatives to enhance early literacy development, con il quale si dimostra limportanza del coinvolgimento familiare per far crescere i livelli di capacit di lettura, valutando ricerca e strategie adottate in materia e concludendo come pi a rischio, e quindi pi bisognose di attenzione ed interventi siano le famiglie in condizioni socio economiche svantaggiate. Il secondo studio , quello di Eurydice, su Teaching Reading in Europe, concentra lanalisi sulle iniziative degli stati membri in materia di approccio al problema, sugli strumenti individuati per superare le difficolt, come sul tema si formano gli insegnanti, quale siano le modalit per un pi efficace coinvolgimento degli ambienti esterni alla scuola ma comunque coinvolti nei processi educativi.

Sono emersi risultati interessanti che si raccontano in: rilevazioni di buone strategie, segnalazione di nodi importanti, come appunto il ruolo della famiglia , la funzione positiva o negativa del contesto socio culturale, la necessit di motivare, di suscitare il piacere di leggere, non obbligo ma gioia della scoperta, di attivare forme di seduzione che mantengano nel tempo la voglia di continuare a leggere.

Nel Febbraio 2011 la Commissione ha inoltre affidato ad un gruppo di esperti di alto livello, provenienti da diversi paesi, il compito di identificare gli strumenti per preparare il terreno adatto ad innalzare i livelli di capacit di lettura. I risultati del loro lavoro sono attesi per lautunno 2012. A loro stato affidato il mandato di esaminare i modi pi efficaci ed efficienti per sostenere il saper leggere e scrivere in una storia di apprendimenti che durano tutta la vita, identificare i motivi comuni del successo di programmi ed iniziative politiche per migliorare le capacit di lettura, fare proposte su come migliorare i livelli di competenza negli Stati Membri, fra studenti ed adulti. Il lavoro del Gruppo dovr dare visibilit ed importanza allacquisizione di capacit di lettura come parte delle competenze chiave nella societ della conoscenza, dovr aiutare ad analizzare realizzazioni e tendenze nei vari paesi dando alle buone pratiche una dimensione sistematica e coerente. Il gruppo presenter delle proposte sintetiche alla Commissione sui modi di innalzare i livelli nei diversi paesi. Il lavoro del gruppo deve rispecchiare il cambiamento che il 21esimo secolo chiede alla competenze nella lettura, ed il valore stesso della capacit di leggere in termini sociali, economici e culturali.

LAgenzia LLP ha le stesse preoccupazioni della Commissione ed anche la voglia di saperne di pi, sicura che una massiccia minoranza di docenti, genitori, responsabili delle politiche, intervengono nel loro agire quotidiano con iniziative per migliorare le capacit di lettura di giovani ed adulti improntate al cambiamento ed alla innovazione. Sul sito LLP abbiamo aperto recentemente uno spazio - tema in discussione - invitando i nostri lettori a riempirlo con il racconto di esperienze, storie, suggerimenti. Non molte per ora le risposte, che comunque gi danno segnali di presenza attiva sul tema e di partecipazione. Invitando chi ci legge a portare il proprio contributo alla nostra iniziativa, diciamo anche che delle risposte faremo presto sintesi da condividere, in maniera ampia anche con la Commissione, per contribuire a valorizzare impegno e risultati di tutti coloro che, protagonisti nei processi di istruzione e apprendimenti, sono consapevoli del ruolo fondamentale che ha la capacit, la voglia di leggere nella vita di ciascuno e di tutti e su questo mostrano impegno intelligente.

Riportiamo gli ultimi commenti sul tema, rimandando alla completa discussione aperta sul sito LLP.

Gabriele Alfinito

Penso che i programmi scolastici in Italia vadano ulteriormente rivisti e tarati secondo le esigenze che emergono dalle indagini riportate dall'articolo proposto. E' altres importante che in classe si porti ogni alunno a raggiungere gli obiettivi minimi richiesti dall'Europa e ad educarlo alla lettura ed alla comprensione di ogni messaggio, rendendo attraenti ed interessanti lo svolgimento delle lezioni e la fruizione dei testi e ricorrendo ad ogni approccio e ad ogni didattica utili agli scopi da perseguire.

commento del 08 - 08 - 2011, alle ore 23 : 03


Christine Dowse

Credo che si dimenticato l'importanza della lettura, specialmente quella a voce alta. Ai ragazzi non viene insegnato il piacere del suono delle parole e cos viene meno anche la comprensione, l'espressivit, e l'uso dell'intonazione per capire l'intenzione dell'interlocutore. Sappiamo che chi legge bene in L1 di solito legge bene in L2 e cos via. Oggi il suono non apprezzato e i ragazzi non riescono a cogliere anche le cose non dette, leggere tra le righe. Che i ragazzi non leggono e infatti una falsa illusione perch Internet fornisce tanti momenti per leggere, comunque la mancanza di leggere a voce alta che rende la lettura arrida, diventa solo un meccanismo spento. I ragazzi (e sfortunatamente non solo loro) leggono anche quelle poche poesie che studiano come se leggessero la lista della spesa senza emozioni. Forse abbiamo perso la capacit di provare emozioni dalla parole diventando troppo legati alle immagini.

commento del 24 - 08 - 2011, alle ore 22 : 10


Simonetta Melinelli

Come docente di lingue, ho una strategia per far amare la lettura ai giovani: farli sentire protagonisti nelle loro letture, facendo leggere loro quello che amano sia a casa che a scuola, liberamente, anche ad alta voce in classe a turno, alternando la mia lettura, per insegnanre loro le pause espressive ed a carpire significati, con sintesi scritte ed orali:. Noto che tutti migliorano nel tempo. Contattatemi colleghi per spunti e suggerimenti: simonetta.melinelli@gmail.com

commento del 08 - 09 - 2011, alle ore 09 : 35


ANGELICA

Motivare alla lettura dev'essere un obiettivo portante dei docenti, non solo nelle classi della secondaria inferiore! Il piacere di leggere pu essere incentivato inizialmente con la lettura fatta in classe: un racconto breve; una poesia; un dialogo... L'insegnante non deve trascurare di correggere il tono e il colorito della voce, specialmente nei testi in poesia; nei dialoghi (magari affidando a pi studenti le sequenze dialogate). E' importante che chi legge riesca a capire, per questo il docente deve usare tutte le strategie di analisi per far comprendere la lettura, affinch lo studente acquisisca sempre pi consapevolezza di ci che legge! Quando egli diventer autonomo nella comprensione (competente) legger di tutto, testi continui e non continui, per piacere o per necessit legger per capire, per sapere!

commento del 15 - 09 - 2011, alle ore 20 : 01

 

 
Articoli correlati

''La Buona Scuola'': le riflessioni e il contributo di Indire
di Giovanni Biondi, Presidente Indire (15 Novembre 2014)

La partecipazione ai Programmi Operativi Nazionali 2007-2013
di Samuele Calzone (13 Novembre 2014)

La Programmazione 2007-2013
di Samuele Calzone e Claudia Chellini (12 Novembre 2014)

Gli interventi per la crescita professionale del personale scolastico
di Claudia Chellini (11 Novembre 2014)

Una rete semantica per i contenuti della formazione
di Loredana Camizzi e Laura Coscia (01 Ottobre 2013)

Il progetto di formazione DIDATEC
di Valentina della Gala (16 Maggio 2013)

La Matematica e i suoi Linguaggi
di B. Bianconi, R. Borgi, M. Naldini (03 Novembre 2011)

Prove preselettive per dirigenti scolastici: elenco esperti
di Redazione (06 Ottobre 2011)

Il monitoraggio per la scuola
di Samuele Calzone (27 Settembre 2011)

Imparare a leggere sui banchi di scuola
di Alessandra Mochi (14 Settembre 2011)

Gli approcci all'insegnamento della lettura
di Lina Grossi (14 Settembre 2011)

'Implementing 21st century ways of learning and schooling'
di Rudi Bartolini & Costanza Braccesi (21 Aprile 2011)

La funzione strategica dellOrientamento lungo larco delle Vite di corsa
di Giovanna Caporaso (22 Ottobre 2010)

Proposte per un insegnamento più efficace in Scienze
di Riccardo Govoni e Anna Pascucci (11 Ottobre 2009)

Insegnare italiano è unardua professione
di Francesco Sabatini (26 Giugno 2009)