Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
SISTEMI EDUCATIVI EUROPEI

L'istruzione secondaria superiore in Europa

Uno sguardo comparato su modelli strutturali e curricoli

di Simona Baggiani
06 Novembre 2011

Quali percorsi di studio offrono le scuole secondarie superiori in Europa? Come sono organizzati i curricoli? Quali riforme sono state attuate negli ultimi anni in questo livello di istruzione?

Queste le principali domande a cui cerca di rispondere lultimo volume della collana I quaderni di Eurydice: Listruzione secondaria superiore in Europa - Organizzazione, curricoli, riforme in corso in Finlandia, Francia, Germania, Inghilterra, Spagna.

Lunit italiana di Eurydice ha voluto offrire, come ulteriore elemento per il dibattito politico nazionale sul riordino delle superiori, un quadro comparativo su alcuni sistemi educativi europei con lobiettivo di mettere a confronto modelli, procedure e organizzazioni strutturali e curricolari riferite a questo specifico livello educativo.

Il focus del volume costituito pertanto da monografie descrittive dei sistemi educativi di cinque paesi europei, selezionati in base a un criterio di significativit dei percorsi offerti e delle riforme scolastiche attuate, oltre che di rilevanza geografica.
Per ciascuna monografia nazionale, vengono fornite informazioni sullorganizzazione e la struttura del livello secondario superiore, anche con lapporto di un grafico dellintero sistema di istruzione, sia per quanto riguarda i percorsi della filiera generale che di quella professionale (cfr. esempio del grafico del sistema di istruzione inglese). (*)

Si passa poi ad esaminare i curricoli, fornendo anche degli esempi pratici relativi a specifici indirizzi o specializzazioni, per concludere con una breve rassegna sui dibattiti e le riforme in corso nellistruzione di secondo grado, fatta eccezione per la Spagna, in cui si gi concluso liter di riforma dellintero sistema scolastico, in seguito alla legge sullistruzione del 2006, e dove, pertanto, allo stato attuale, non sono in corso riforme sul livello scolastico preso in esame.

Il sistema educativo finlandese ha stabilito, per esempio, come suo obiettivo primario,una maggior cooperazione tra gli istituti di istruzione secondaria superiore che offrono corsi generali e quelli che offrono corsi professionali, incoraggiando anche gli studenti dei percorsi professionali a seguire contemporaneamente corsi di tipo generale e a sostenere lesame finale di studi generali in aggiunta a quello per il conseguimento della qualifica professionale.

In Francia, dopo la riforma del settore professionale, messa a regime a partire dalla.s. 2009/2010, ha preso avvio, a partire dal 2010, la riforma del livello secondario superiore generale e tecnologico, nellottica di combattere primariamente labbandono scolastico che registrava, in quegli anni, un dato abbastanza preoccupante con pi di 50.000 giovani che lasciavano definitivamente il liceo senza aver conseguito il baccalaurat e con uno studente su 2 che abbandonava gli studi al primo anno di universit. Larchitettura della riforma, la cui messa a regime si concluder nella.s. 2012-2013, si basa sugli assi principali di una maggiore personalizzazione dellorientamento e del sostegno scolastico e di un migliore adeguamento dei programmi scolastici alle sfide dellera attuale.

In Germania, per quanto riguarda i percorsi di tipo generale, ci si recentemente concentrati sullobiettivo del riconoscimento reciproco delle certificazioni finali in tutti i Lnder, uniformando la durata del percorso di studi del Gymnasiale Oberstufe e garantendo un monte ore complessivo annuale in tutti gli istituti del territorio nazionale. Daltra parte, nellambito dellistruzione e formazione professionale, stato creato a livello di stato federale (Bund) un organismo specifico per la promozione dellinnovazione, in cui collaborano Bund, Lnder, parti sociali e associazioni di settore, allo scopo primario di creare migliori opportunit di passaggio tra il sistema duale e gli altri percorsi professionali, come pure tra la formazione professionale e le scuole e istituti di istruzione superiore.

Infine, il Ministero dellistruzione inglese, ha pubblicato, nel 2008, un aggiornamento del piano di attuazione della cosiddetta riforma 14-19 del 2005 (Delivering 14-19 Reform: Next Steps) in cui vengono definite le varie fasi e il calendario della riforma fino al 2015. Contemporaneamente a questa riforma mirata a una maggiore flessibilit, semplificazione e qualit del sistema delle qualifiche, rivolte agli studenti di et compresa tra i 14 e i 19 anni, stato previsto un innalzamento dellobbligo di istruzione e formazione fino a 17 anni, a partire dal 2013, e fino a 18 anni, a partire dal 2015.

A completamento di questo corpus centrale del volume, stata premessa un'introduzione di carattere generale sul panorama europeo concernente l'organizzazione dei sistemi educativi, che include anche il livello di istruzione obbligatoria e post-secondaria. In questo caso, si offre una lettura in chiave comparata su tutti i paesi Ue, compresi i paesi EFTA e la Turchia, sulla durata e la struttura dellobbligo scolastico e sulla certificazione conseguita al termine di tale percorso. Inoltre, per quanto concerne il livello di istruzione secondaria superiore si d conto della percentuale di studenti iscritti nei paesi europei a questo tipo di istruzione, nonch della distribuzione degli studenti per tipo di programma -generale o professionale - e per sesso (si veda il grafico). Anche per questo livello di istruzione, si descrivono le certificazioni rilasciate al termine degli studi e gli aspetti su cui si basa la valutazione e lorganizzazione delle prove, qualora siano previste.

Questa parte introduttiva informa, infine, sulla partecipazione degli studenti allistruzione post-secondaria, universitaria e non, che, dal 2000 al 2008, ha avuto un incremento del 20% a livello europeo fino ad attestarsi intorno ai 20 milioni di studenti. (**)

A conclusione dellindagine, sembrato interessante proporre lo stato dell'arte, al termine del 2010, sui progressi fatti dagli Stati membri relativamente ai due benchmark stabiliti dalla Commissione europea sull'abbandono scolastico precoce e sul completamento dell'istruzione secondaria superiore che, nella maggior parte dei paesi europei sono risultati ancora lontani dagli obiettivi prefissati. Per quanto riguarda, per esempio, il completamento dellistruzione secondaria superiore, nonostante un progressivo aumento dal 2000 della percentuale di giovani tra i 20 e i 24 anni che hanno conseguito un diploma di questo grado di istruzione, la percentuale a livello europeo continua ad attestarsi al di sotto dell85%, indicata dalla Commissione come obiettivo minimo. In Europa, ancora troppi giovani abbandonano il sistema di istruzione e formazione dopo aver ottenuto al massimo un diploma di scuola secondaria inferiore, e proprio questi giovani - circa il 14% nella fascia di et compresa tra i 18 e i 24 anni - hanno molte pi difficolt a trovare un lavoro e ad inserirsi nella societ, costituendo un freno allo sviluppo economico e alla coesione sociale.

Pertanto, il benchmark europeo che stabiliva la soglia massima del 10% di early leavers (studenti che abbandonano precocemente il sistema di istruzione e formazione) viene riconfermato nel programma Istruzione e formazione 2020 e rilanciato, a ulteriore conferma dellimportanza strategica attribuitagli, dalla recente Comunicazione della Commissione europea convertita successivamente in Raccomandazione del Consiglio sulle politiche di riduzione dellabbandono scolastico.


(*) Per una panoramica di tutti i grafici dei sistemi educativi europei si veda la recente brochure della rete Eurydice: The structure of the European education systems 2011/12: schematic diagrams 2011.
(**) Per maggiori dettagli sui trend di partecipazione allistruzione terziaria in Europa si veda lultimo studio della rete Eurydice: Modernisation of Higher Education in Europe: Funding and the Social Dimension.

 
Articoli correlati

La professione docente in Europa
di Simona Baggiani (26 Febbraio 2014)

Leducazione alla cittadinanza in Europa
di Erika Bartolini (14 Giugno 2012)

Linsegnamento delle scienze in Europa
di Erika Bartolini (13 Marzo 2012)

Linsegnamento della matematica in Europa
di Erika Bartolini (01 Marzo 2012)

Costruire la Dimensione europea delleducazione
di Rudi Bartolini (19 Gennaio 2012)

Intervista a Francesca Brotto
di Francesca Brotto (18 Gennaio 2012)

Lo zoccolo comune di conoscenze e competenze in Francia
di Simona Baggiani (22 Settembre 2008)

Lidea di qualità nellorganizzazione del sistema-scuola in Francia
di Francesco Vettori (19 Settembre 2008)

Le competenze in Inghilterra sotto la lente di ingrandimento
di Alessandra Mochi (29 Luglio 2008)

Sempre più competenze nei Curricoli Europei
di Unit Italiana di Eurydice (06 Luglio 2008)

Le nuove competenze della scuola francese
di Simona Baggiani (06 Luglio 2008)

"Ogni alunno è per noi fondamentale"
di Carmela Grassi (30 Giugno 2008)

La sfida della mobilità ai sistemi d'istruzione e formazione
di Maria Vittoria Marini Bettolo Marconi (03 Giugno 2008)

La strategia di Lisbona
di Simona Baggiani (30 Ottobre 2007)

Le competenze chiave europee per l'apprendimento permanente
di Unit Italiana di Eurydice (06 Settembre 2007)