Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

Visible Thinking, Slow Learning

Strategie di apprendimento, luoghi e tempi per i NEET generation

di Isabel de Maurissens
30 Gennaio 2012

Il presente contributo presenta possibili strategie di apprendimento per i NEET generation (Not in Education, Employment or Training ) ripetenti, ma non solo. Tutti gli studenti incontrano difficolt ad un certo punto nel loro percorso di studi. In quel momento, ci deve essere una sorta fermo immagine, bisogna chiedersi cosa non va per rimediare... Anzi meglio se le strategie scovate vengono a costituire un corpus organico e meglio ancora se queste strategie vengono insegnate dai docenti e integrate nel curriculum.

Da un rapido sguardo alla rete ci si rende conto che alcune Universit italiane predispongono guide, test, tracce per aiutare gli studenti a capire il proprio stile di apprendimento e le possibili strategie da mettere in campo per affrontare meglio lo studio.
Ad esempio, la guida online dellUniversit degli Studi di Milano dal nome evocativo Lo studente strategico affrontata la gestione del tempo di studio e la sua motivazione, i luoghi, i vantaggi del lavoro di gruppo, gli appunti e le tecniche del leggere e comprendere.
C da chiedersi perch questi argomenti fondamentali non vengono affrontati in modo sistematico gi dalla scuole superiore di primo grado. Programmi come The Mind Thats Mine di Mel Levine , progetto sperimentato con la collaborazione di 400 studenti (ragazzi della V elementare alla prima media) fanno capire agli studenti i sistemi neuro-evolutivi e spiegano loro come metterli in relazione con gli obiettivi dellapprendimento.
Gli studenti imparano cos il controllo dellattenzione e come rafforzarlo, le strategie che favoriscono la comprensione dei concetti e la memorizzazione. Un altro progetto, di grande rilevanza e che potrebbe essere adottato da molte docenti e scuole pone lattenzione proprio sul tema di questo articolo: le strategie di apprendimento. Si tratta del progetto Zero della Harvard University , condotto da Howard Gardner. In particolare la ricerca-azione Visible Thinking tesa a sviluppare la capacit degli studenti di pensare attraverso le materie del curriculum. Da una parte sviluppa e rende visibile in loro la capacit di pensiero e dallaltra mette in condizione di approfondire i contenuti del curriculum.
Quando pensare diventa visibile, diventa chiaro che lattivit scolastica non riguarda memorizzare contenuti ma esplorare idee. Lidea di base che si studia meglio quello che si vede e si sente. Gardner lo spiega bene utilizzando due metafore: immaginate dimparare a ballare con tutti gli altri ballerini che siano invisibili oppure immaginate di apprendere uno sport quando i giocatori che gi conoscono il gioco non possono essere visti.
Rendere visibile il pensare a se stessi, ai pari, del docente, della comunit di riferimento motiva lo studente ad imparare e stimola la meta cognizione. Le tappe previste da Visible Thinking - che prevede anche una formazione al riguardo - sono essenzialmente tre:

1. La routine del pensare che prevedono micro-strategie;

2. Il pensare ideale che prevede quattro concetti chiave su quali riflettere: comprensione, verit, correttezza e creativit. Gli ideali sono organizzati in moduli. Ciascun modulo dura 3 mesi e si adattano bene al curriculum.

3. La documentazione, che rende visibile il pensare e sostiene i modi per renderla accessibile (come ad esempio la registrazione delle conversazioni degli studenti, i loro pensieri emergenti, le discussioni in classe, i lavori dei piccoli gruppi).

Quello che rende efficace la documentazione, non la semplice raccolta dei dati, immagini e conversazioni ma la sua analisi, la sua interpretazione e valutazione. Per questo Gardner propone due protocolli: MYST (Me, You, Space and Time) Me significa, come faccio, come docente, a rendere visibile il mio pensiero agli studenti? You come faccio come docente a rendere visibile il pensiero dello studente a tutti gli altri? Space, come utilizzo lo spazio della classe per rendere pi visibile il pensiero? Time, come docente, come faccio a dare tempo per pensare nelle mie lezioni? MYST dovrebbe diventare una routine del docente tenuto conto anche dellopportunit delle nuove tecnologie in classe.
A questo proposito, Rivoltella , nel report finale dellattivit di monitoraggio della LIM 2009-2010 constata come pur con la LIM in classe, gli insegnanti tendono ad attivare i tradizionali canali di accesso alla conoscenza (verbale/logica) in percentuale minore quella visiva e per nulla quelle cinetica, musicale, intrapersonale, naturalistica ed esistenziale.
Laltro protocollo di Gardener LAST (Looking At Student Thinking). Con questo protocollo, il docente impara a porre lattenzione sul lavoro dello studente, con un focus sui modi di pensare dello studente piuttosto che sulla valutazione del risultato finale.

A livello teorico, la tesi di Hattie , molto simile a quella di Gardner: in un ottica costruttivista, non solo linsegnamento deve essere visibile agli studenti ma anche limparare deve essere visibile ai docenti. Pi lo studente diventa il docente e pi il docente diventa lo studente maggior la possibilit di successo dellapprendere. Interessante, secondo Hattie, la tesi di Bereiter (2002) che a sua volta utilizza la tripartizione di Popper: il mondo fisico, il mondo mentale e il mondo delle idee e della loro realizzazione.
Secondo Popper questi tre mondi paralleli producono reale conoscenza. Hattie ha pubblicato le sue ricerche, approfondendo in modo sistematico lo studio dei soggetti dei fattori che influenzano la combinazione tra conoscenza superficiale, approfondita e la loro comprensione (lo studente, la casa, la scuola, il curriculum, il docente, le strategie di insegnamento).

A livello UE27, imparare ad imparare considerata una competenza indispensabile. Le competenze sono viste come realizzazione di s, in un ottica di Long Life Learning - dalla culla alla tomba - e quindi con un accento che si sposta nel tempo . Lapprendimento non pi una prerogative dellinfanzia e delladolescenza, secondo Gardner diventa il privilegio ma anche il dovere per tutta lesistenza. Non nessuna evidenza scientifica che il cervello sia meno plastico e flessibile in et adulta. Anzi lonnipresenza presenza dei media digitali rende possibile questo contatto .
Le strategie e la meta-cognizione non possono essere disgiunti da tempi e luoghi dell apprendimento. Secondo Canavaro la nozione di tempo cambiata. Dal tempo irreversibile siamo passati oggi a un tempo apparentemente senza confini e le nuove tecnologie danno infatti la possibilit del remake, del rewind delle esperienze. Gardner, ricordando un libro di Kehlman afferma che le tecnologia ci hanno collocati in un mondo senza luoghi certi. Si pu essere dappertutto e visto che non si pu controllare nulla, qualsiasi cosa si immagini, in fondo, diventa anche vera. Se nessuno pu dimostrami dove sono, se perfino io non ne sono assolutamente certo, dove pu essere listanza che decide?

Secondo Canavaro, tuttavia si tratta solo di unillusione; il nostro fisico, la nostra condizione materiale non ha una reversibilit; il tempo che vive il corpo non pu essere rivissuto. Sempre secondo Canavaro, abbiamo una minor capacit di attesa, limmediatezza della richiesta e delle prestazioni scolastiche da parte degli insegnanti, al loro volta pressati dal Programma scolastico, sono alla fonte di molte difficolt di apprendimento. Cogliere lattimo (dellapprendimento) pu richiedere tempi e luoghi diversi. Nella scuola attuale, i tempi e il luogo sono cosi definiti che davvero negata la possibilit di perdersi anche solo per pensare: eppure perdersi, come testimoniamo alcune antiche storie italiane (in primis quella di Cristoforo Colombo) a volte permette di trovare meglio la strada.

Perdersi non il contrario dellorientarsi; perdersi costituisce una rottura tra il mondo l fuori e la sua rappresentazione nel cervello . Ed forse quello che succede allo studente, spesso si perde senza per nessun cartografo interiore.
Reinhold Messner, il famoso scalatore addirittura dice: impariamo quasi solo grazie ai fallimenti. Noi uomini siamo predisposti per imparare qualcosa soltanto quando ci arriva una bella doccia fredda. Finch le cose ci riescono, finch riusciamo a realizzare i nostri progetti senza difficolt, non sappiamo affatto perch le cose ci riescono.

Slow learning non una corrente di pensiero, ma semplicemente riprende la filosofia di Slow food applicata alleducazione: sviluppare strategie per pensare; ripensare i luoghi e i tempi delleducazione. Quindi promuovere un apprendimento significativo e durevole (Ausebel, Novak), autentico (lapporto della Gestlat) riflessivo (Schon) dove il pensiero visto come produttivo (M.Wertheimer), e la memoria vista come riorganizzazione (Katona) in un ottica di Long Life Learning. Ma il concetto deve ormai essere allargato: educazione, informazione e intrattenimento sono tutto uno. Quindi leducazione, linformazione e lintrattenimento non si muovono pi in contesti rigidamente separati ma si intrecciano in modo indissolubile. (Trinit di Briggs/Burke) . Andiamo oltre alla classico schema di separazione tra apprendimento incidentale apprendimento intenzionale. Il tempo viene scandito secondo le proprie necessit; non un apprendimento isolato ma sopportato da una comunit. E laltra faccia della medaglia dellapprendimento personalizzato, perch quella la visione dallalto. Si tratta invece della visione dal basso, che mescola vita quotidiana, scolastica e di intrattenimento.

Si pu facilmente intuire che se leducazione, linformazione e lintrattenimento erano - ancora lo sono - ambiti disciplinari separati; ogni ambito tendenzialmente aveva e ha le sue specificit e soprattutto i suoi strumenti: leducazione usa la lavagna prima di gesso adesso digitale; linformazione, i giornali cartacei adesso digitale, e lintrattenimento i giochi anche elettronici. Ma gli ambiti si stanno contaminando e sfocando. Riferendosi alla post-modernit, Lyotard nota che i confini tra entit simboli e poli di attrazione di un tempo non sono pi cos chiari (lo stato-nazione, i partiti, leducazione ecc.) per cui gli individui sono capaci di plasmarsi unidentit senza appartenenza a categorie pre-definite come invece nellepoca moderna, dove tutto era omogeneo e ben definito. Ma ci vuole tempo.
Slow learning non riguarda quindi alunni certificati, ma alunni che hanno difficolt durante il percorso scolastico, alunni che vengono bocciati una o pi volte senza che siano messe in causa le loro abilit cognitive e che alla fine abbandonano la scuola, andando a nutrire il popolo degli invisibili 17 o pi comunemente chiamati NEET generation (not in education, employment, or training).
Come sottolinea Rosalba Conserva, evocando il pensiero di Gregory Bateson, comprendere come si impara come un qualsiasi organismo vivente impara di fondamentale importanza. Riferendosi alla capacit di studiare, continua la Conserva nel suo interessante libro su Bateson, la tendenza del bignami diventato ormai un modello, riassumere quello che gi era riassunto. Secondo Raffaele Simone comprendere parafrasare e cio procedere in modo inverso quindi non la riduzione ma lampliamento del testo di partenza, esplicitazione di ci che sta tra le righe, il non detto, i buchi dinformazione. Certo siamo ben lontani dai multiple choise che costringono lo spirito e lanima dello studente a crocettare il sapere. Nello stesso ordine di idee, Edward Tufte , Professore emerito presso la Yale University in statistica, critica molto luso del power point , anche nelleducazione. Secondo lui, il power point d troppo peso al formato mentre i contenuti vengono distorti e banalizzati. In particolare nella scuola, egli critica le presentazioni power point da parte degli studenti. I power point contengono 80 parole che corrispondono in 15 secondi di lettura silenziosa a fronte di una settimana di lavoro. Tuttavia Gardner nota che Il flusso di informazione che ci arriva tramite le media richiede la sintesi, non la semplificazione, ci vuole una sintesi just in time .
Secondo Gardner, non esiste legemonia di una verit e di un ordine di verit e spesso in contraddizione con il senso comune, il ruolo delleducazione quindi quello i educare ad una pluralit di verit attraverso tutte le materie disciplinari adottando delle strategie. Educare dunque al buon non senso comune e capire come i modi in cui i specialisti di ogni disciplina stabiliscono e confermano la conoscenza.


L'articolo, comprensivo delle note a pi di pagina, scaricabile in formato pdf.

Per commenti o per contattare lautrice: i.demaurissens@indire.it

Le foto sono di Ed Yourdon

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

I database digitali e la carta geografica
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)

Considerare lo sviluppo della LIM nel suo contesto olistico
di Giovanni Nulli (17 Luglio 2009)