Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Un'indagine dell'ANSAS su alternanza scuola e lavoro

Percorsi significativi per la qualit del servizio scolastico

di Annachiara Bianchi e Vera Bortot
12 Marzo 2012

Nellinstabile Immagine tratta dall'Archivio Diapanorama attuale, le esigenze del mondo del lavoro diventano sempre pi importanti, anche e soprattutto in relazione al sistema scolastico: necessario un continuo adattamento, e, ancora di pi, unintegrazione delle esperienze di apprendimento. I bisogni formativi del territorio devono essere recepiti dalla scuola, al fine di creare una sinergia tra le due realt, in unottica collaborativa per lo sviluppo, in ultima analisi, di professionalit allineate (ma non subordinate) alla domanda del mercato.
Lalternanza scuola lavoro unattivit privilegiata per favorire questo processo, in quanto rappresenta una delle modalit pi efficaci per favorire il collegamento tra scuola e mondo del lavoro: si tratta di costruire percorsi formativi integrati che abbiano funzione di orientamento (per lo studio o per il lavoro) e che consentano lo sviluppo di competenze trasversali e trasferibili, secondo le direttive europee.

Principale scopo dellalternanza, che non si riduce pi al semplice stage, quello di promuovere un miglior apprendimento attraverso un percorso che prevede uninterazione maggiore tra listituto scolastico e il mondo del lavoro, si legge nel progetto dellistituto professionale alberghiero Citt di Bergamo.

A questo proposito, Ansas-Indire ha svolto unindagine settoriale limitata ai percorsi di alternanza scuola lavoro in cui gli studenti hanno svolto almeno 100 ore. La scelta delle 100 ore stata fatta al fine di comprendere se il requisito di una certa durata (ovviamente non prescrittiva, ma indicativa) pu far emergere, grazie ad una sufficiente persistenza nel tempo, la valenza didattica dellesperienza di alternanza scuola lavoro, una metodologia nuova rispetto ad altre pratiche di stage o tirocinio, pur valide nella loro realt ma non complete, perch non totalmente integrate nella didattica curricolare. Nel testo che descrive un progetto di alternanza scuola lavoro, dellistituto di istruzione superiore P. Levi di Brescia, viene prefissato lobiettivo di correlare lofferta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio, obiettivo ambizioso che, ovviamente, richiede un adeguato sviluppo temporale.

Dalle prime rilevazioni effettuate nel corso dellindagine, si evince che le attivit di alternanza vengono realizzate tenendo conto della correlazione con il curricolo e quindi, ad esempio, gli studenti che frequentano un istituto professionale ad indirizzo alberghiero svolgono lattivit di stage in una struttura che si occupa di fornire servizi di alloggio e ristorazione, oppure gli studenti di un istituto tecnico commerciale ad indirizzo ragioneria effettuano lo stage in studi di commercialisti (o sedi analoghe).
Le attivit svolte in alternanza risultano essere significative e correlate con il curricolo. Ad esempio, gli studenti dellistituto professionale alberghiero F. Bottazzi di Casarano (LE) hanno effettuato, nella fase dello stage, un affiancamen to operativo per la preparazioni di colazioni, antipasti caldi e freddi, primi piatti, secondi piatti a base di carni e pesci, contorni e guarniture, pasticceria, e hanno svolto servizio daccoglienza e gestione del cliente nei diversi reparti dellalbergo . In modo analogo, sempre durante lo stage, una studentessa dellindirizzo giuridico economico aziendale dellistituto tecnico commerciale P.F. Calvi di Belluno dichiara di aver codificato fatture emesse e ricevute secondo il piano dei conti dellazienda, per poterle immettere nel database informatico, imparando cos le pi importanti norme che regolano lIVA e di aver compilato i moduli per il controllo e linserimento dei dati relativi alle retribuzioni (dei lavoratori che si avvalgono dellazienda in cui la studentessa ha effettuato lo stage per la tenuta della contabilit).
Lintegrazione delle attivit pratiche svolte in stage per lo sviluppo di competenze, con unadeguata formazione curricolare in aula e con una durata significativa del percorso produce, sul piano scolastico, risultati che vanno nella direzione di quanto voluto dai piani europei e nazionali per listruzione (ad es. il Piano dazione per il raggiungimento degli obiettivi di servizio nel settore istruzione, MIUR, del settembre 2009 e le Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento di istituti tecnici ed istituti professionali, a norma del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 88, articolo 8, comma 3 e del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6), e cio linnovazione dei sistemi di istruzione e formazione nazionali, linnalzamento dei livelli di conoscenze, capacit e competenze degli studenti, e, in ultima analisi, il conseguente miglioramento della qualit del servizio scolastico.
Nel contesto di una seria riflessione a pi voci sullalternanza, il ricordo dei giorni di Job Orienta ci rimanda un flash, listantanea di un giovane, studente dellallora classe quinta ad indirizzo Igea dellI.T.C. Amerigo Vespucci di Livorno, attualmente matricola alla facolt di Giurisprudenza della Facolt di Pisa.

Ci ricordiamo di lui per la disinvolta, brillante esposizione della sua esperienza di alternanza.
Contattato in seguito ci ha parlato di come gli insegnanti della sua scuola lo hanno avviato ad una esperienza- il progetto di alternanza Skills for Job presso lINPDAP di Livorno: 20 giorni passati a condividere la vita lavorativa di un dipendente pubblico. Potrebbe sembrare una attivit non particolarmente esaltante, ma per un ragazzo che sta concludendo un altro percorso della vita, quello scolastico, tuffarsi in qualcosa che sembra veramente utile, anzi, veramente reale ha un valore di stimolo, per quanto breve sia stata la prova.

Edoardo aveva una idea chiara del suo progetto di vita: voleva ad ogni modo proseguire gli studi, eppure quei venti giorni vissuti da grande! Lo hanno reso pi consapevole, pi esperto.

E questa non la minore delle opportunit che offre una esperienza di alternanza.

 
Articoli correlati

La riorganizzazione dellIstruzione degli Adulti
di Donatella Rangoni (13 Maggio 2013)

Lavoro e apprendimento: un binomio possibile
di Antonella Zuccaro (08 Febbraio 2013)

Primi esiti dellindagine sugli sbocchi occupazionali degli studenti in alternanza scuola lavoro
di Vera Bortot (04 Febbraio 2013)

La banca dati ITS a sostegno del sistema
di Antonella Sagazio (04 Febbraio 2013)

Intervista alla Dirigente Scolastica Giuseppa Antonaci
di A. Augenti e M.G. de Judicibus (12 Marzo 2012)

Scuola e Lavoro: a che punto siamo?
di Antonella Zuccaro (12 Marzo 2012)

Guida alla consultazione dei Monitoraggi
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

IFSNetwork: lesperienza della simulazione aziendale in aula
di Matteo Isoni (25 Novembre 2009)

Le imprese in Alternanza Scuola-Lavoro
di Rosalia Delogu (25 Novembre 2009)

Gli Istituti Professionali e lAlternanza Scuola-Lavoro
di Vera Bortot (25 Novembre 2009)

A che punto siamo con lAlternanza Scuola-Lavoro?
di Antonella Zuccaro (25 Novembre 2009)

Scuola Lavoro: il nuovo portale
di Redazione Scuola Lavoro (24 Novembre 2009)

Educazione all'Imprenditorialità
di Antonella Zuccaro (24 Novembre 2009)

Alternanza scuola-lavoro: esperienze dal 1996
di Francesco Proia (22 Febbraio 2005)

Dal punto di vista di una Camera di Commercio
di Patrizia Rabatti (07 Febbraio 2005)