Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

I database digitali e la carta geografica

La progettazione delle banche dati e il modello cui si richiamano

di Francesco Vettori
03 Luglio 2012

Scopo del presente lavoro una valutazione del funzionamento delle banche di dati digitali a partire dallanalisi della loro ideazione e dei passaggi che la caratterizzano: lambizione mettere in evidenza quegli elementi che condizionano il funzionamento dei database e che di solito sono passati sotto silenzio perch accettati e dati per scontati. Lauspicio una riflessione sui database, che li migliori non tanto per capacit di memoria e recupero dellinformazione ma perch strumenti utili al pensiero umano.
Lipotesi di partenza banale: i database digitali si costruiscono a partire da tabelle; meno banale aggiungere che le tabelle siano costruite dalla replica di un elemento, che chiameremo per comodit secondo luso corrente, cella.
Eimportante notare che questa cella assume la forma di un rettangolo, una figura geometrica costituita da quattro lati ad angolo retto, e chiedersi perch lelemento replicabile si moduli in forma di rettangolo e non, poniamo, di cerchio.
Questultimo infatti, per la natura della linea curva, quando si moltiplica non consente un suo completo affiancamento, mentre la linea retta genera la perfetta intersezione dei rettangoli, laccostamento di lato contro lato, in verticale e in orizzontale, producendo una loro mutua e totale comunicazione. Tale completa giustapposizione di rettangolo e rettangolo sul piano, originata dallintersezione ad angolo retto, per cui non si distinguono pi i lati di uno rispetto a quelli dei vicini, porta dal singolo rettangolo al loro insieme e crea la tabella.
La cui nascita si deve alla standardizzazione di un rapporto, con la proiezione sul piano, cio la carta, di questa prima misura, cio la disposizione in verticale e in orizzontale secondo linee ad angoli retti.
Dunque il principio costruttivo della cella la linearit - stiamo parlando della tabella, di ci che permane sempre e comunque a strutturare il database - e parimenti la comunicazione fra tutte le cella avviene secondo il criterio esclusivo della rettilinearit.
Verificheremo se, nel caso dei database, non sia semplicemente il foglio bianco la superficie piana, su cui si inscrive la tabella ma, considerate le sue propriet, che questa richiami il modello della carta geografica.

Carta geografica e tabella hanno infatti alcune propriet in comune che esplicitiamo per offrire un ripensamento degli attuali database alla luce di ci che assume la carta geografica perch possa costituirsi e funzionare.
Con la cella, il riquadro replicato che d forma alla tabella, si istituisce un rapporto e questo rapporto dato dallintersezione delle linee rette. Quel che intanto importa sottolineare, tenendo presente la tabella, lallineamento, loperazione mentale che porta alla concretizzazione sul piano della linea retta.
Lallineamento risulta infatti decisivo per la tabella: lintersezione di linee verticali e orizzontali origina il riquadro, nel database lintersezione di colonne e righe, che formano la cella. Che sia il riquadro lelemento costitutivo lo dimostra il fatto che nella prima riga del database non si d ragione alcuna per cui le colonne sono legate luna allaltra a formare in orizzontale, con i record, una riga unica. La ragione dellunificazione sta infatti nel loro allineamento, sancito dallinquadratura in tabella. Tale norma dispositiva richiama il rettangolo intemporale di Foucault la cui natura cartografica stata riconosciuta[1].

Va qui ribadito che questo rettangolo intemporale, secondo Foucault[2] servito a modello di classificazione per le scienze naturali, si costituisce sullo spazio, vale a dire entro un sistema in cui vige lequivalenza delle parti, la misura standard, la replicabilit, tutti termini che ben si addicono a ci che chiamiamo informazione.
Abbiamo detto che lintersezione di righe e colonne d origine alla cella, che si riproduce allineandosi a formare la tabella; lallineamento innanzi tutto consente di unire le celle in maniera tale che fra luna e le altre non ci siano vuoti, stiamo ovviamente parlando del riquadro, non del suo contenuto. Ogni cella legata a tutte le altre e tutte comunicano con tutte, poich colonne e righe non si separano mai.
Lo spazio della tabella dunque uno spazio continuo, come lo spazio della carta geografica.
Ma perch la tabella non ammette n salti di celle n loro sovrapposizioni?
Intanto perch ha una superficie piana, quindi bidimensionale, per cui la sovrapposizione, la verticalit viene esclusa in partenza, e questo dovrebbe far riflettere sul ruolo capitale che gioca nellideazione degli odierni database loperazione della proiezione, atto implicato in ogni processo di progettazione[3].
Atto di nuovo eminentemente cartografico, di cui una conseguenza lo schiacciamento della terza dimensione sul piano, la riduzione della tridimensionalit a bidimensionalit.
Di pi, la continuit dello spazio della tabella mette in comunicazione tutto con tutto, ogni cella essendo idealmente e fisicamente collegata alle altre, ci che consente alla macchina di compiere ricerche nel database. Anzi, visto che di database relazionali oggi si parla, le consente di eseguire ricerche condizionate, mettendo in relazione una cella con le altre e identificarne il contenuto.
Per quanto riguarda i criteri di ricerca, va per aggiunto che la posizione delle diverse celle rispetto allintera tabella risulta del tutto indifferente, poich sufficiente che tutte siano collegate le une alle altre, quindi la loro equivalenza, e che venga escluso qualsiasi spazio vuoto. In quel vuoto infatti il calcolatore ancora non riesce ad entrare, poich non ha le caratteristiche dello spazio ma di qualcosa daltro, indeterminato e non classificabile in termini di informazione.
Se torniamo di nuovo alla tabella non ammissibile che, poniamo, la prima riga con i rispettivi record sia composta da due colonne, la seconda e la terza da quattro e la quarta di nuovo da due. Nel caso avremmo una tabella incompleta, non pi tale, almeno per come le tabelle dei database oggi sono ideate.
Lo spazio della tabella quindi non solo continuo ma anche omogeneo, ancora come quello della carta geografica. Che cosa istituisce questa omogeneit nel database?
Presa la tabella nel suo insieme, abbiamo riconosciuto che il rettangolo si replica allineandosi continuamente. Osserviamo la disposizione che d alla tabella una cella di forma rettangolare: quattro lati ad angolo retto non uguali, come invece il caso del quadrato. Questo significa che una cella rettangolare origina due grandezze diverse, rappresentate dai due lati della tabella che, nel caso del quadrato, rimarrebbero uguali.
Il rettangolo, a differenza del quadrato, consente infatti di stabilire in tabella due direzioni diverse, mentre una tabella fatta di quadrati la posso capovolgere quanto voglio ma non determinare un suo orientamento, poich i lati dei suoi costituenti sono tutti uguali. Essendo uguali altezza e lunghezza, avremmo una tabella in cui verticale e orizzontale non si differenziano, rendendo cos impossibile la distinzione, cos fondamentale per il database, fra colonne e righe.
E risultando anche impossibile stabilire una qualche direzione del movimento, cio della ricerca, il problema non limitandosi a essere quello di unire cella con cella, replicandola, ma anche di determinare almeno due sensi del loro accostamento.
Per sottolineare che il secondo passaggio che costituisce la tabella - la tabella in quanto struttura geometrica del database - stabilire un primo allineamento verticale e uno orizzontale e quindi distinguerli. Cos se pensiamo al singolo riquadro non basta lintersezione ad angolo retto di due coppie di linee di lunghezza differente. Ne emergerebbe infatti una serie di linee che si intersecano ad angolo retto, ma che non necessariamente si uniscono fra di loro per formare un rettangolo: perch si formi un rettangolo, occorre che la coppia delle due linee si produca partendo luna dai vertici dellaltra e secondo un preciso principio, il principio della simmetria[4]. Per cui ad una posizione rispetto ad un lato corrisponde una e una sola posizione dal lato opposto. Equivalenza dei due lati possibile esclusivamente in uno spazio dello stesso genere.
Cos si istituisce luguaglianza delle due coppie, si forma una figura geometrica e il rettangolo si chiude.
Nel caso del rettangolo va per ribadita la differenza fra altezza e lunghezza, poich questa che permette di distinguere due lati diversi e quindi di stabilire la simmetria. Prima di aver riconosciuto una qualche differenza geometrica fra i lati, come stabilire che ad una posizione da una parte ne corrisponde esattamente unaltra sullaltro lato? Con il quadrato non possibile individuare nessuna differenza fra le due coppie di lati, poich sono uguali, mentre nel caso del rettangolo si genera un principio di opposizione fra di loro.
Aggiungiamo che la determinazione della direzione e dellorientamento operazione distintiva anche per la mappa. Lo spazio della carta geografica infatti isotropico, volto tutto nello stesso verso e secondo un unico centro.
Cos la disposizione della tabella istituita grazie al rettangolo, che porta alla distinzione di colonne e righe e infine allinserzione delle etichette, crea una struttura unidirezionale e un solo senso della sua lettura.
Lo spazio della tabella quindi isotropico ancora come quello della mappa. A queste assoceremo unultima caratteristica, la replicabilit, che richiama unaltra delle propriet fondamentali della linea retta, la sua infinitezza, il suo essere riproducibile allinfinito.
Per cui la linea retta, come lo spazio omogeneo e continuo e isotropico su cui si proietta, diviene immediatamente misura di se stessa: istituisce un criterio e un sistema del tutto coerente in se stesso che per, se accettiamo il teorema di Gdel, non per questo risulta reale n pu giudicarsi dal suo interno.
Spostiamoci ora dallanalisi spaziale al livello dei contenuti della tabella e procediamo, di nuovo, al confronto con la carta geografica: innanzitutto sappiamo che ciascun record in tabella deve contenere nella prima colonna - la prima cella di ogni record - un identificativo univoco che permetta di distinguerlo da tutti gli altri, ciascuno componendosi di celle appartenenti ad un'unica riga. Il record quindi una perfetta materializzazione dellatomismo logico di Russell e Whitehead e della loro teoria dei nomi propri e delle descrizioni definite[5].
Se infatti lidentificativo di ciascun record della prima colonna corrisponde certamente ad un nome proprio, il contenuto di ciascuna cella che lo qualifica di attributi - con le altre colonne - distinto da quello della cella vicina per la posizione che occupa. In ciascuna posizione della tabella c un unico contenuto, identificato dalla cella che, a propria volta, determinata univocamente dalla sua posizione.
Quindi non solo le celle della prima colonna, con gli identificativi dellintero record, contengono un nome proprio ma quelle di tutte le colonne funzionano come nomi propri, per cui il loro contenuto risulta sia assolutamente distinto dalle altre sia inammissibile che abbia contemporaneamente attributi diversi. Possiamo pur avere contenuti diversissimi in celle differenti di uno stesso record, oppure lo stesso contenuto ripetuto quanto vogliamo, tuttavia ogni entit occupa nella tabella una sola posizione cui corrisponde un unico identificativo.
Ma che una cosa abbia una e una sola posizione, che questa sia distinta da tutte le altre e chiamata univocamente, ancora la carta geografica ad assumerlo: sulla carta per esempio la posizione di Roma una e unica e Roma non pu chiamarsi anche Milano.
Aggiungiamo che tali caratteristiche dellentit nel database e la struttura tabellare entro cui si inserisce condizionano i criteri della sua ricerca.
Questi infatti rispondono alla stessa teoria dei nomi propri e delle descrizioni definite elaborata da Russell e Whitehead con la disposizione materializzata dalla tabella che richiama un modello spaziale ben conosciuto, un modello di citt, quella di Ippdamo di Mileto, progettata sulla carta e sviluppata secondo la logica della linea retta.
Essa di solito viene concettualmente opposta alla polis classica, allAtene di Pericle, in cui vale il modello del cerchio e delluguale distanza di tutti i cittadini dal suo centro, lagor, a significare loriginario ideale isonomico, luguaglianza vigente nellassemblea dei guerrieri di tradizione omerica[6].
La citt di Ippodamo, che si sviluppa invece per linee rette e con pi centri, progettata in questo modo per promuovere e assicurare una pi veloce trasmissione dellinformazione, sia perch essa si muove per linee rette e da pi centri, sia perch la distanza fra i singoli cittadini, e non dal centro come lo era per la citt di Pericle, rimane uguale.
Listituzione di questa distanza lineare standard assicura la velocit e la certezza di trasmissione dellinformazione.
Avanziamo lipotesi che la disposizione spaziale dei contenuti del database ricalchi quella della citt ippodamea. La tabella si sviluppa infatti per linee rette e standardizza il loro rapporto in modo che tutte le celle comunicano con tutte mentre il centro perde qualsiasi importanza e linformazione va reperita e trasmessa nel pi breve tempo possibile.
La tabella risulta essenziale anche quando si tratta di compiere ricerche nel database, poich determina il criterio, dato dalla posizione che occupa, per cui qualcosa diverso da tutto il resto.
Tanto che possiamo trovare in tabella entit uguali purch abbiano posizione diversa. Cosa del resto valida per il complessivo funzionamento del computer, per cui non possibile memorizzare informazione che abbia lo stesso nome e la stessa posizione di altra informazione, a meno di sostituirla. Non ammettendo, come il database, che due entit, banalmente due file, abbiano lo stesso nome e la stessa posizione. A segnalare, tra laltro, che essi funzionano alla stessa maniera, con degli identificativi univoci, nome e posizione.
Per i database viene allora da chiedersi come mai si assunto che la posizione delle entit che contengono risulti un importantissimo principio di identificazione mentre questo stesso non incida sulle loro caratteristiche e tanto meno valga come criterio di ricerca.
A conferma che le propriet riscontrabili nelle diverse posizioni appartengono a ci che la tradizione geografica definisce spazio in opposizione al luogo. Entro il database che una entit occupi una cella piuttosto che unaltra non fa nessuna differenza, purch rispetti la formattazione stabilita dalle etichette. La posizione di una cella non ha delle caratteristiche che la distinguano dalle altre, tali da influire sulle propriet del suo contenuto. Lentit non sta l perch ne ha di specifiche determinate dalla sua posizione.
Lunica distinzione, al limite, che la prima colonna e riga della tabella contengono identificativi ed etichette, tuttavia abbiamo gi chiarito che funzionano come i nomi propri di Russell e Whitehead, il cui significato cio sempre lo stesso indipendentemente dal contesto in cui si trovano.
Perci la prima incorniciatura in tabella segnala che in essa avremo a che fare con lo spazio, come sopra definito, e che loperativit al suo interno risponde alla logica dellallineamento e della rettificazione.
Avanziamo a questo punto qualche proposta che riguarda la progettazione dei database.
Linterrogativo che sorge come mai ci si concentrati cos tanto sulla creazione e scelta di diversi linguaggi di programmazione, trascurando di considerare la disposizione spaziale delle entit che quei linguaggi generano. Come se laver istituito quale criterio di ordinamento la tabella non avesse alcuna conseguenza.
Solitamente ci si riferisce a fasi diverse nella progettazione di un database, corrispondenti alle diverse viste, per cui si passerebbe da una prima vista concettuale ad una logica quindi, attraverso la sua mappatura, alla vista esterna del database, con cui ha a che fare lutente finale[7].
Quel che importa capire se, nelle diverse fasi, la disposizione delle entit del database risulta sempre la stessa, essendo sempre la tabella, con le caratteristiche sopra ricordate, a condizionare il loro ordine.
Stando cos le cose, sarebbe opportuno pensare a principi di ordinamento alternativi, per cui non valga soltanto lidentificazione e trasmissione di informazione nel pi breve tempo possibile ma anche un percorso, un metodo, diverso per cui lidentit non sia il punto di partenza ma quello di arrivo, come fosse possibile passare da una logica dellesclusione a quella della relazione, dal rettangolo e lallineamento al globo e la sua irriducibilit, dallo spazio al luogo. Se il genuino bisogno di classificazione delle scienze naturali stato finora soddisfatto partendo dalla disposizione spaziale che il rettangolo genera, occorre proporre altri principi di ordinamento anche in virt delle caratteristiche del digitale.
Eun fatto ormai accertato che i database abbiano una importanza non sottovalutabile quando si analizza il funzionamento degli strumenti digitali e che uno dei maggiori problemi delle banche dati consiste nel reperimento e gestione dellinformazione/conoscenza. Quando si tratta di compiere delle ricerche, come anche nel caso della rete internet, la macchina procede infatti per identificazione di ci che presente, classificato e distinto dal resto, mettendo allopera con tutta la sua forza il rettangolo intemporale di Foucault.
Se vero che le migliori teorie fanno previsioni concrete, che possono essere verificate[8], non difficile prevedere che una ricerca compiuta secondo i principi dellatomismo logico, e entro un database strutturato sul rettangolo, porti a risultati dovuti a un criterio di identificazione fondato sulla ripetizione e normalizzazione.
E il fatto che il database sia messo in Rete non cambia affatto i termini della questione, anzi in questo caso la Rete si configura come un immenso spazio in cui le differenze vengono annullate.
Se un principio di identit, con cui stabilire che cosa uguale a che cosa, risulta ineludibile poich fondativo di qualsiasi linguaggio e quindi del processo di comunicazione, a questo sono per associabili altri principi logici.
Nel caso dei database il sistema pu ripensarsi trasformando il rettangolo e la classificazione che crea. Una tabella quindi costruita non dalla giustapposizione di rettangoli ma di altro. Una struttura in cui non predomini il bisogno di mettere in relazione tutto con tutto, per cui la posizione occupata da qualcosa risulta in definitiva indifferente, prevalendo la trasmissione e il reperimento di informazione.
Una classificazione invece fondata sulla specificit di qualsiasi cosa, determinabile prima di tutto dalla posizione che occupa nel sistema e dai legami che quellentit, grazie alla sua posizione, stabilisce.
Non idea estranea alla tradizione matematica, se vero che ci che distingue il sistema di calcolo occidentale proprio la notazione posizionale, per cui una cifra risulter appartenere alle unit, decine, centinaia, etc., a seconda della posizione che occupa nella serie.
Il discorso riguarda non solo la classificazione ma i criteri di ricerca di ci che viene classificato, come il calcolo stesso e non solo le cifre sono state profondamente modificate dalla notazione per posizione.
In sostanza si propone un diverso ordine, non il rettangolo, non la tabella, non lequivalenza spaziale per i database ma altro, nella convinzione, apparentemente superata dalle ICT e dalla Rete, che intendere dove una cosa sia significa anche intendere che cosa questa stessa cosa sia.

Scarica l'articolo completo in formato PDF.


[1] Vedi Franco Farinelli, I segni del Mondo, La Nuova Italia, Firenze, 1992, pag. 57

[2] Vedi Michel Foucault, Le parole e le cose, Milano, Rizzoli, 1998

[3] Sul valore della progettazione nel contesto digitale, vedi Luca Toschi, La nuova frontiera di rete, in Derrick De

Kerckhove e Antonio, Tursi, Dopo la democrazia?, Apogeo, Milano, 2006

[4] Vedi, Hermann Weil, La simmetria, Feltrinelli, Milano, 1962 1

[5] Vedi Bertrand Russel e Alfred North Whitehead, Principia Mathematica, Oxford University Press, Oxford, 1973 (trad. it, I principi della matematica, Longanesi, Milano, 1988).

[6] Vedi Jean Pierre Vernant, Mito e societ nellantica Grecia, Einaudi, Torino, 1981

[7] Vedi per esempio, Stefano Del Furia e Paolo Meozzi, Teoria e pratica dei database. Progettazione e

linguaggio SQL, Mondadori Informatica, Milano, 2005

[8] Vedi Julian Barbour, La fine del Tempo, Einaudi, Torino, 2003

Bibliografia essenziale

Julian Barbour, La fine del Tempo, Einaudi, Torino, 2003

Stefano Del Furia e Paolo Meozzi, Teoria e pratica dei database. Progettazione e

linguaggio SQL, Mondadori Informatica, Milano, 2005

Franco Farinelli, I segni del Mondo, La Nuova Italia, Firenze, 1992

Michel Foucault, Le parole e le cose, Milano, Rizzoli, 1998

Bertrand Russel e Alfred North Whitehead, Principia Mathematica, Oxford University Press, Oxford, 1973 (trad. it, I principi della matematica, Longanesi, Milano, 1988)

Luca Toschi, La nuova frontiera di rete, in Derrick De Kerckhove e Antonio, Tursi, Dopo la democrazia?, Apogeo, Milano, 2006

Jean Pierre Vernant, Mito e societ nellantica Grecia, Einaudi, Torino, 1981

Hermann Weil, La simmetria, Feltrinelli, Milano, 1962 1

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Visible Thinking, Slow Learning
di Isabel de Maurissens (30 Gennaio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)

Considerare lo sviluppo della LIM nel suo contesto olistico
di Giovanni Nulli (17 Luglio 2009)