Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
EDILIZIA SCOLASTICA

Quando lo spazio insegna

Un excursus sulla ricerca che il nostro Istituto porta avanti da vari anni sugli aspetti non solo teorici, ma anche fisici, dell'ambiente in cui avviene il processo di insegnamento-apprendimento

di Massimiliano Naldini
25 Luglio 2012

Tratto dallintervento condotto durante lincontro sul tema Tecnologie e strutture di ambienti didattici: idee per progettare una nuova scuola presso lIstituto Francesco Redi - Granacci di Bagno a Ripoli (Firenze)

L'Indire, fin dal 2006, ha concentrato le sue ricerche sull'innovazione della didattica e sui processi che tale innovazione modifica e accelera allinterno della scuola. In particolare, la riflessione stata rivolta al concetto di ambiente di apprendimento e rapporto con le nuove tecnologie. Una serie di convegni promossi dallIstituto nel corso degli anni attestano questo crescente interesse. Gi con il convegno "Re-mediare la scuola" del 2006 si mette in evidenza l'esigenza di modificare e ripensare gli spazi e la didattica, prendendo atto del fatto che le ICT e l'uso che di queste lo studente fa fuori dalla scuola mettono in crisi il modello educativo promosso fino ad oggi.

Le nuove tecnologie impiegate nella didattica, unite alla promozione e allo sviluppo dell'apprendimento a distanza nella scuola italiana, hanno evidenziato come le variabili di tempo e spazio siano influenzate e modificate nel momento in cui gli attori del processo di apprendimento utilizzano la tecnologia e l'apprendimento online. La multimedialit, l'interattivit e l'interazione online con gli altri attori hanno fatto emergere due risultati che rendono desueto il modello comune di apprendimento. La formazione con le nuove tecnologie pu essere delocalizzata: laula non pi una sola per tutti gli studenti dello stesso percorso formativo, ma pu virtualmente essere ampliata online superandone i limiti fisici. Allo stesso tempo la dimensione temporale pu perdere la sua linearit per piegarsi alle esigenze di una formazione che fruibile al di fuori dell'orario scolastico.

Se facciamo un passo indietro, possiamo ripercorrere quali sono state le tappe principali di questa riflessione. Basti ripensare a quello che stato il progetto Marinando (MARettimo IN Ambiente di appreNDimento Online) in cui una classe di Marettimo stata messa in rete con scuole fiorentine via web: l'isolamento degli studenti di Marettimo si annulla attraverso la condivisione di spazi virtuali e, arricchendo la didattica con il confronto con altre realt educative, laula si amplia e perde la sua definizione spaziale favorendo anche la socializzazione e lo scambio di informazioni. Detto questo, si pu facilmente comprendere che gli studenti non condividevano uno spazio fisico, ma obiettivi di apprendimento pur non appartenendo allo stesso gruppo-classe.

SOS Studenti  invece un ambiente online dedicato agli studenti del primo biennio del II ciclo per il recupero dei debiti formativi, concepito come un aiuto per il superamento delle difficolt di apprendimento. I materiali multimediali e i servizi online consentono allo studente di approfondire gli argomenti del curricolo anche al di fuori del "tempo scolastico": il tempo si piega alle esigenze educative del singolo o di un gruppo di studenti che, lavorando online, riporta poi i risultati del proprio studio in aula. A questo si affianca la didattica di docenti ed esperti non necessariamente legati ad uno specifico gruppo-classe, garantendo cos una variet di tipologie di insegnamento e di approfondimenti.

Partendo da queste sperimentazioni e volendo promuovere e sostenere un cambiamento nel modo di fare scuola, l'Indire ha realizzato poi il portale Scuola Digitale che raccoglie in s tre progetti: LIM per la diffusione della lavagna interattiva multimediale nelle scuole, Classi 2.0 per la diffusione e lutilizzo delle tecnologie nella didattica quotidiana; Editoria digitale per la produzione di prodotti editoriali innovativi che concilino tecnologie e trasmissione dei saperi.

L'attuazione di questi progetti ha messo in evidenza da un lato che le tecnologie non sono solo strumenti di didattica e di apprendimento, ma parte integrante di una scuola in cui lo studente al centro del processo di apprendimento e in cui sviluppa le proprie competenze in modo da raggiungere con successo gli obiettivi formativi; dall'altro che lo spazio fisico della scuola limita l'innovazione intralciandone i progressi e gli utilizzi pi efficaci.

Si evidenzia sempre pi che la scuola tradizionale - quella legata al modello industriale - con lintroduzione delle nuove tecnologie e il cambiamento delle competenze di base dello studente mostra ormai tutti i suoi punti di debolezza. A questo punto facile capire perch i ricercatori ANSAS si siano posti la seguente domanda: se le ICT modificano la didattica e l'apprendimento, possono anche aiutare a trasformare lambiente in cui la didattica e l'apprendimento hanno luogo? Nel cercare una risposta, la riflessione sugli ambienti di apprendimento stata ampliata fino a comprendere non solo il concetto "astratto" ma anche quello "reale", "fisico" dello spazio in cui avviene il processo di insegnamento-apprendimento.

Nella societ della conoscenza basata sull'uso diffusivo della tecnologia, in particolare della tecnologia dell'informazione e della comunicazione, le competenze dello studente mutano, privilegiando lesplorazione, lespressione e lo scambio di idee. Inoltre, in un contesto del genere, le ICT sono sempre meno strumenti e sempre pi forma mentis.

Ne deriva che le tecnologie, modificando il processo di apprendimento, riducono l'efficacia della modalit erogativa dellinformazione; di conseguenza, anche lo spazio fisico in cui lapprendimento avviene deve necessariamente modificarsi. Il cambio di prospettiva evidente: nella classe, dove tutte le direttrici convergevano verso la cattedra producendo una visione univoca, si cerca di trovare differenti punti di vista stimolando una personalizzazione dell'apprendimento. Lo spazio, dunque, deve aiutare lo studente a lavorare in maniera collaborativa, ma anche individuale e deve caratterizzarsi come flessibile e personalizzabile, nel senso di andare incontro ai diversi stili di apprendimento degli studenti.

In quest'ambito di ricerca l'Indire ha iniziato a individuare delle buone pratiche, cio alcune scuole italiane o estere in cui l'innovazione della didattica prende forza dalla riprogettazione degli spazi. A questo punto stato messo a punto un protocollo di ricerca che si basa sull'osservazione diretta e sulla raccolta di informazioni presso gli attori coinvolti nel processo educativo. I dati sono poi sottoposti a una rielaborazione in forma di racconto in modo da documentare scientificamente l'esperienza osservata.

Le esperienze europee sono state raccontate lo scorso 16 maggio alla presenza del Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo durante il convegno Quando lo spazio insegna. L'evento rappresenta una tappa fondamentale del percorso di ricerca dell'Indire in quanto segna la convergenza tra apprendimento online/spazio virtuale e apprendimento in presenza/spazio fisico senza contrapporli, bens integrandone le caratteristiche migliori per sviluppare una didattica innovativa che consenta a tutti gli attori del processo di raggiungere gli obiettivi formativi in modo sempre pi efficace.

 
Articoli correlati

Scuola, nuovi spazi per apprendere in modo nuovo
di Giusy Cannella e Rudi Bartolini (25 Novembre 2014)

Architetture pedagogiche
di Giusy Cannella (28 Novembre 2013)

La classe non è l'aula
di Francesco Vettori (26 Novembre 2013)

Parola d'ordine "Non c'è tempo da perdere"
di Alessandra Rucci (24 Ottobre 2013)

Quali arredi per sostenere una didattica collaborativa e un nuovo tipo di scuola?
di Nazzareno Mengoni (24 Ottobre 2013)

Come nasce un progetto di ristrutturazione innovativo e sostenibile
di Roberto Giacomucci (24 Ottobre 2013)

INNOSCHOOL: il progetto finlandese per la scuola del futuro
di Maria Grazia Mura (02 Aprile 2012)

Il successo della scuola finlandese
di Maria Grazia Mura (28 Ottobre 2011)

Modelli di learning landscape per le scuole del futuro...prossimo
di Maria Grazia Mura (25 Maggio 2011)

La progettazione di una cl@sse 2.0 a Villadossola: un percorso di ricerca-azione
di Maria Grazia Mura (27 Gennaio 2011)

Il ruolo dellarchitettura come catalizzatore sociale
di Maria Grazia Mura (05 Luglio 2010)

Le potenzialità della LIM e il principio di convergenza
di Maria Grazia Mura (26 Aprile 2010)

''Progettate scuole come centrali elettriche''
di Maria Grazia Mura (28 Aprile 2009)

Educare alla cittadinanza e alla partecipazione
di Maria Grazia Mura (19 Settembre 2008)

Scenari futuri degli ambienti di apprendimento
di Maria Grazia Mura (25 Giugno 2008)