Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
ISTRUZIONE

Il progetto di formazione DIDATEC

Un diverso modello di insegnamento

di Valentina della Gala
16 Maggio 2013

Il progetto di formazione DIDATEC è indirizzato ai docenti di scuola primaria, secondaria di I grado e biennio della secondaria di II grado delle regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia)  ed è finanziato dal MIUR con fondi dell’Unione Europea. Il progetto rientra nell’azione volta ad accrescere la diffusione, l'accesso e l'uso degli strumenti della società dell'informazione nella scuola attraverso percorsi di formazione a distanza.
Fine della formazione DIDATEC è sostenere e agevolare l’integrazione delle ICT nella didattica.

Il progetto DIDATEC nasce dagli esiti del Programma Operativo Nazionale Tecnologie per la didattica 1 e 2, il programma di alfabetizzazione informatica che Indire e MIUR hanno organizzato nei secondi anni duemila.
Proprio il tempo trascorso da allora e l’esperienza accumulata nel campo dell’integrazione delle tecnologie nella didattica, hanno influito in modo determinante sulla progettazione di questo nuovo percorso. DIDATEC mostra di essere un progetto più maturo rispetto al precedente: il fine della formazione non è solo fornire ai docenti le conoscenze di base per utilizzare le ICT nella loro pratica quotidiana ma è, soprattutto, mostrare loro gli strumenti per un’inclusione critica delle nuove tecnologie in una pratica didattica che viene chiesto loro di trasformare, al di là dell’utilizzo stesso delle ICT.
Il punto di partenza è dunque un’apertura verso un diverso modello di insegnamento più attento alle esigenze di apprendimento  degli studenti; ed è solo al fine di attuare questa prospettiva, che si ricorre alla tecnologia, cioè a  strumenti che consentono: la condivisione di  risorse e la collaborazione a distanza, l’immersione in e la visualizzazione di mondi altrimenti non conoscibili in modo esperienziale diretto, la fruizione e la manipolazione dei dati, nonché l’accesso a una pressoché inesauribile fonte di informazioni.

Il progetto DIDATEC si compone di due percorsi formativi, il corso DIDATEC base rivolto a docenti che non hanno alcuna (o poca) dimestichezza con l’uso delle ICT e che prevede quindi anche una fase di familiarizzazione e il corso DIDATEC avanzato che si concentra sull’acquisizione delle conoscenze e competenze necessarie per operare una progettazione didattica che includa un uso consapevole delle ICT.
I corsisti saranno accompagnati nel loro percorso formativo da personale docente selezionato da Indire per svolgere le funzioni di tutor.
Entrambi i percorsi sono erogati in modalità blended:  cioè una parte del corso si svolgerà in presenza presso le scuole presidio cui afferiscono i docenti sulla base della minor distanza rispetto alla loro sede di servizio, e un’altra parte si svolgerà online. Per la parte online Indire mette a disposizione la piattaforma Edulab che comprende gli strumenti utili alla formazione e alla comunicazione tra tutor e corsisti: classe virtuale, chat, forum, spazio server per la condivisione del materiale, registro di classe.
La figura del tutor avrà, inoltre, il delicato ruolo di mediare tra il corsista e i materiali di studio messi a disposizione da INDIRE, il tutto entro il modello formativo progettato per DIDATEC.
Per la formazione DIDATEC, Indire ha predisposto una piattaforma di e-learning che contiene circa 170 learning object suddivisi per aree tematiche:

1. La scuola nella società dell’informazione e della conoscenza (I caratteri salienti della società dell’informazione declinati sull’istituzione scuola: evoluzione, ruoli e competenze)
2. Multimedialità a scuola (Media, linguaggi e informazioni: cosa sono e come si utilizzano nel contesto educativo)
3. Tecnologie per la didattica (Software e hardware per la didattica: tassonomia ed esperienze di utilizzo)
4. Risorse digitali per la didattica: strategie, modelli e strumenti  (Integrazione e progettazione di risorse digitali per la didattica)
5. ICT e organizzazione della didattica (ICT, ambienti di apprendimento e valutazione: caratteristiche e modelli di integrazione nella didattica)
6. ICT nella didattica curricolare e per il potenziamento delle competenze chiave (Valore ed esperienze di utilizzo delle ICT nei contesti disciplinari)

Ogni area a sua volta è suddivisa in più moduli (percorsi) che il corsista può combinare per costruire quello più adatto alle proprie esigenze.
I learning object si suddividono in materiali di studio e attività: mentre i primi forniscono le conoscenze contestuali i secondi offrono esempi di esperienze di progettazione didattica con l’uso delle ICT. A guidare i corsisti nella fruizione dei contenuti offerti sono i tutor che dovranno anche accompagnarli nell’elaborazione di una progettazione didattica da sperimentare in classe: obiettivo ultimo del corso di formazione DIDATEC.

Gli attori istituzionali coinvolti
Agli Uffici Scolastici Regionali (USR) è spettato l’onere di  individuare le scuole presidio, vale a dire le scuole dove hanno sede i corsi e che gestiscono la parte in presenza della formazione. Il MIUR ha affidato  l’incarico alle scuole presidio individuate dagli USR e fornito i finanziamenti  per la gestione della parte in presenza del corso.
Indire ha elaborato il progetto e sviluppato il modello formativo, i contenuti e la piattaforma informatica.

 

Editing a cura di Francesco Vettori, redazione Indire.

 
Articoli correlati

''La Buona Scuola'': le riflessioni e il contributo di Indire
di Giovanni Biondi, Presidente Indire (15 Novembre 2014)

La partecipazione ai Programmi Operativi Nazionali 2007-2013
di Samuele Calzone (13 Novembre 2014)

La Programmazione 2007-2013
di Samuele Calzone e Claudia Chellini (12 Novembre 2014)

Gli interventi per la crescita professionale del personale scolastico
di Claudia Chellini (11 Novembre 2014)

Una rete semantica per i contenuti della formazione
di Loredana Camizzi e Laura Coscia (01 Ottobre 2013)

La Matematica e i suoi Linguaggi
di B. Bianconi, R. Borgi, M. Naldini (03 Novembre 2011)

Prove preselettive per dirigenti scolastici: elenco esperti
di Redazione (06 Ottobre 2011)

Il monitoraggio per la scuola
di Samuele Calzone (27 Settembre 2011)

Imparare a leggere sui banchi di scuola
di Alessandra Mochi (14 Settembre 2011)

Gli approcci all'insegnamento della lettura
di Lina Grossi (14 Settembre 2011)

Reading Literacy, una preoccupazione condivisa
di Fiora Imberciadori (14 Settembre 2011)

'Implementing 21st century ways of learning and schooling'
di Rudi Bartolini & Costanza Braccesi (21 Aprile 2011)

La funzione strategica dellOrientamento lungo larco delle Vite di corsa
di Giovanna Caporaso (22 Ottobre 2010)

Proposte per un insegnamento più efficace in Scienze
di Riccardo Govoni e Anna Pascucci (11 Ottobre 2009)

Insegnare italiano è unardua professione
di Francesco Sabatini (26 Giugno 2009)