Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LINGUAGGI DELLA COMUNICAZIONE

Il CoderDojo: come imparare una programmazione strutturata

Avete mai visto o conoscete un giovane che non abbia un cellulare?

di Mario Boninsegni
11 Dicembre 2014

In Italia il 97% degli over 16 possiede un cellulare.

Il 50%delle famiglie ha un Computer. Quindi gran parte degli Studenti ha ambedue, e molti anche il Tablet. Nel solo 2013 sono stati 29 milioni gli Italiani che hanno avuto accesso al web da mobile, 22 milioni da smartphone e 7 milioni da tablet. Sono stati 39 milioni quelli che hanno avuto accesso ad Internet da location fisse come computer di casa, ufficio o studio.

Come risponde la Scuola a questa “invasione di tecnologie”? Ovvero come opera per mettersi alla pari con la Società?
La Didattica con le nuove e nuovissime Tecnologie è direttamente comprensibile dagli Allievi, che già sono assuefatti alle tecnologie telematiche e informatiche all’esterno della scuola, ma richiede un’accurata formazione ed aggiornamento degli Insegnanti.

Nel 1986, ben prima dell’avvento di Internet, ed anche prima del DOS, il sottoscritto, con il Prof. Paolo Coscia costruì il primo laboratorio d’informatica con PC 128 S Olivetti Prodest alla Scuola Meda Tenerani di Carrara, e dedicò il primo evento all’Aggiornamento degli Insegnanti.
Nonostante questi computer non fossero DOS, avevano un grande pregio: il Basic BBC, un dialetto basic che permetteva, attraverso la definizione di procedure, una programmazione strutturata. Allora si discuteva ancora nella Scuola se l’informatica avesse o meno valore educativo.
Ora appaiono i Phablet, dispositivi touch-screen con schermi compresi tra i 5.3 pollici e i 6.99 pollici, che combinano le caratteristiche degli smartphone e dei mini tablet.
Un phablet è più grande di un normale smartphone, ma non largo abbastanza per essere considerato un vero tablet o un mini-tablet; risulta una scelta più adatta per l'utente medio che vuole navigare tra le pagine web con uno schermo adeguato e nel contempo effettuare chiamate con lo stesso dispositivo senza troppo ingombro. Sarebbe interessante introdurne l’uso nella Scuola.

Con il CoderDojo i giovani imparano a programmare, sviluppare siti web, applicazioni, programmi, giochi e altro ancora. I ClubDojo sono fondati, gestiti e tenuti da volontari. Oltre a imparare il codice i membri si riuniscono per discutere, per presentare i progetti in corso e così via. Si organizzano inoltre visite in aziende, si invitano ospiti a parlare della loro carriera e di quello che fanno, si organizzano eventi. CoderDojo rende lo sviluppo di software e l’imparare a programmare una cosa divertente, amichevole, un’esperienza esaltante. CoderDojo promuove l’utilizzo del software open source e gratuito e dispone di una forte rete di soci e volontari a livello globale. CoderDojo ha una sola regola:il bullismo, dire bugie e far perdere tempo alle persone è da stupidi.

Software utilizzati:

Scratch - Il software di Scratch e' completamente gratuito e il codice sorgente e' disponibile con licenza Scratch License. I loghi di Scratch sono di proprieta' del MIT di Boston.

Python – adatto ad alunni con età superiore agli 11 anni. Python è completamente gratuito ed è possibile usarlo e distribuirlo senza restrizioni di copyright.

A questo punto è inevitabile fare alcuni commenti per quanto riguarda l’avviamento degli alunni alla programmazione. L'importante è che l'alunno sia messo in grado di programmare in modo corretto. La scelta cade inevitabilmente sulla programmazione strutturata, utilizzando la tecnica top-down e, per quanto riguarda la rappresentazione grafica degli algoritmi, i grafi NS.

Una novità è il design di Gioielli delle Costellazioni, che unisce Astronomia, Tecnologia, Comunicazione e Arte.

 

 
Articoli correlati

Al via le iscrizioni al corso "Didattica Digitale"
di G. Cannella, R. Carro, E. Mosa, L. Tosi (29 Febbraio 2012)

Che cosè la competenza digitale?
di Silvia Panzavolta (19 Ottobre 2010)

Il modello I-CLEEN
di Matteo Cattadori e Maddalena Macario (17 Maggio 2010)

3.0 verso il Web semantico: THINKERS WANTED!
di Silvia Dell Acqua (17 Febbraio 2010)

Dentro la Scuola: strumenti utili e motivazioni quotidiane
di Renato Montemurro (26 Maggio 2009)

Dove il libro non è il medium prevalente della conoscenza
di Francesco Vettori (29 Aprile 2009)

Francesc Pedró: per capire quel che sta accadendo
di Francesco Vettori (18 Aprile 2006)

Mai più una comunicazione "usa e getta"
di Gianluca Torrini (03 Gennaio 2006)

A un mese di distanza dalla morte di Mario Luzi
di Francesco Vettori (21 Marzo 2005)

Il valore della conoscenza, la forza della comunicazione
di Stefania Chipa (09 Febbraio 2005)

Cammina cammina
di Stefania Chipa (01 Gennaio 2005)

Strappate quella pagina
di Stefania Chipa (18 Novembre 2004)

Nuovi linguaggi: scrivere, leggere, interagire
di Antonio Sofia (12 Novembre 2004)

Il registro comunicativo ritrovato
di Giovanni Nulli (21 Settembre 2004)

Bookcrossing: una biblioteca che gira per il mondo
di Annalisa Fiaschi (06 Agosto 2004)