Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LEARNING OBJECTS

Oggetti Didattici: la valutazione degli insegnanti

I primi risultati degli incontri tra insegnanti svoltisi a Nancy, nellambito del progetto CELEBRATE, sono molto confortanti

di Silvia Panzavolta
29 Settembre 2003

All'interno del progetto internazionale CELEBRATE, sono state realizzate due sessioni di incontro con gli insegnanti dei vari paesi partner. L'intento era di formare e informare gli insegnanti alla costruzione, uso, riuso degli Oggetti Didattici (in inglese Learning Object). Una sessione a luglio,  (9-11) e una a settembre (3-5), denominate Summer School, presso il Ple Universitaire di Nancy, istituto partner del Consorzio, hanno visto molti insegnanti partecipi della iniziativa. Le loro opinioni in quanto fruitori e futuri creatori di Oggetti Didattici sono state raccolte e costituiscono ora una prima verifica del lavoro fin qui svolto, con indicazioni preziose per i progettisti. Queste sono le prime indicazioni.

 

In generale, il concetto di Oggetto Didattico non estraneo agli insegnanti.

Molti di essi usufruiscono di risorse web e multimediali per l'insegnamento della loro disciplina. Aspetti diversi, quali la riusabilit, la documentazione di tali risorse, il reperimento e la fruizione in ambienti di apprendimento diversi, sono invece problematiche solo sfiorate nella loro esperienza personale.

 

Durante le due sessioni di formazione, gli insegnanti si sono confrontati con modelli precostituiti per la costruzione degli OD, i cosiddetti template. Le reazioni registrate sono confortanti: i template sono stati considerati molto utili, soprattutto perch le principali difficolt incontrate sono la creazione di risorse progettate per un medium, Internet, che ha regole peculiari di comunicazione e un proprio linguaggio.

 

I principi insiti nella progettazione degli OD sono stati pienamente condivisi: gli insegnanti hanno apprezzato il concetto di riusabilit, di sistematizzazione di questi oggetti in repertori specifici e di diffusione-riutilizzo. Concettualmente, quindi, l'architettura di fondo stata apprezzata.

 

Come utilizzare, per, questi oggetti?

Gli insegnanti hanno ipotizzato vari scenari:

        fruizione in classe con proiettore. E quindi con mediazione immediata dell'insegnante che assume un ruolo di 'scaffolding' (termine metaforico che fa riferimento alla impalcatura, ai ponteggi dei muratori)

        lavoro collaborativo in classe

        modelli di peer education (l'alunno pi dotato che supporta un suo pari in difficolt)

        utilizzo degli OD in casi di recupero scolastico. Per esempio nel caso di un OD progettato per una fascia d'et e utilizzato da uno studente di et superiore, cos da proporgli un approccio pi semplice.

 

Cosa vorrebbero gli insegnanti?

Gli insegnanti sono entusiasti all'idea di avere un repertorio unico, organizzato e strutturato per la ricerca/fruizione di OD.

        Trovano utile un ambiente ricco di risorse da esplorare e da far esplorare ai ragazzi. Sembrano apprezzare le simulazioni, le animazioni e l'opinione/indicazione d'uso di altri insegnanti, mentre sono restii a leggere pagine di testo che illustrano il modello pedagogico sotteso alla costruzione di un OD.

        Hanno necessit di trovare velocemente e facilmente OD rilevanti per l'insegnamento della loro disciplina, classificate anche in base al livello d'istruzione. Un portale strutturato quindi necessario, purch sia amichevole e intuitivo.

 

Il portale DEMO

Attraverso la somministrazione di un questionario, il Consorzio ha chiesto agli insegnanti di navigare e testare il portale, visto che gli insegnanti sono una tipologia di utenti predominante del target cui si rivolge Celebrate.

        La progettazione generale stata apprezzata, anche se risultata chiara la necessit di un help online, pi per questioni prettamente tecniche che educative.

        La scheda di descrizione (metada) risultata immediatamente utile, in quanto esplicita il contenuto, l'utente al quale l'OD indirizzato e altre informazioni utili per la fruizione e il riuso.

 
La prima verifica indica quindi un certo successo tra gli insegnanti, certo una maggiore chiarezza informativa in tema di OD sicuramente necessaria. In occasione duno degli appuntamenti di Nancy abbiamo svolto una veloce inchiesta per raccogliere dalla viva voce di alcuni insegnanti di Paesi diversi, le personali opinioni sugli Oggetti Didattici. Le risposte sono da considerare con molta attenzione. L'articolo qui: Come cambier il tuo lavoro di insegnante con gli Oggetti Didattici?

di Silvia Panzavolta, Indire [s.panzavolta@indire.it]

 
Articoli correlati

Learning Object: dal dire al fare
di Massimo Faggioli (18 Luglio 2005)

La dittatura dei learning object
di Giovanni Biondi (16 Dicembre 2004)

Learning Object: parola agli insegnanti
di Antonio Sofia (10 Dicembre 2004)

Note di Antonio Fini sui Learning Object
di Francesco Vettori (03 Dicembre 2004)

Puntoedu, ambiente di apprendimento
di Silvia Martinucci (23 Novembre 2004)

Officina Puntoedu
di Giusy Cannella (23 Novembre 2004)

Learning object: storia di un oggetto in mutamento
di Valentina Tiracorrendo (05 Novembre 2004)

L.O.: messa a fuoco!
di Valentina Tiracorrendo (05 Novembre 2004)

Oggetto didattico, questo sconosciuto
di Marisa Trigari (05 Novembre 2004)

Costruire oggetti didattici con le banche dati Indire
di Silvia Panzavolta (20 Ottobre 2004)

Peer education: l'educazione tra pari che passa conoscenze
di Silvia Panzavolta (08 Ottobre 2004)

Come cambierà il tuo lavoro di insegnante con gli Oggetti Didattici?
di Francesca Sbordoni (29 Settembre 2003)

Learning Object, oggetti didattici per l'e-learning
di Silvia Panzavolta (01 Gennaio 2003)