Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STRATEGIE COMUNICATIVE

Ernesto Balducci Edgar Morin, Ripensare la politica - (3)

E. Balducci

di Patrizia Lotti
10 Ottobre 2003

In una cronaca giornalistica letta stamani, che si riferiva a questa notte, leggo che i soldati americani sulla linea di frontiera del Golfo nell'udire il rumore dei bombardamenti che si avvicinavano all'Iraq hanno gridato, entusiasti fra di loro: " E' terribile e splendido. Stiamo facendo la storia". Questo improvviso sussulto di coscienza storica dei marines mi ha sollecitato. Sono convinto, stanno facendo la storia. Sono convinto che quello che sta avvenendo in questi giorni, che avverr nei giorni nel Golfo potr essere assunto nel futuro, anche come datazione, come inizio di unepoca nuova che succede allEt Moderna. Per altri versi noi abbiamo ormai raggiunto, nella terminologia corrente, la individuazione di una et post-moderna. Ecco, sul piano culturale-politico la guerra del Golfo segna la fine dellEt Moderna, d inizio allet post-moderna. In questo senso la coalizione multinazionale che sta operando in questi giorni, in un linguaggio farisaicamente pulito una operazione di polizia internazionale', in linguaggio realistico 'una guerra, sta portando avanti la liquidazione di unepoca storica. Possiamo dire utilizzando le suggestioni che mi sono venute prima dalla lettura dei libri di Morin, e poi da quello che ora ha detto che, s, vero, noi siamo nellet del ferro dellet planetaria ma questa et planetaria si costruita con la violenza e solo oggi essa si mostra incapace di realizzare lispirazione internazionale che lha guidata in questi cinquecento anni.
Schematizzando, potremmo distinguere la storia dellumanit, nellepoca propriamente storica, dopo lorigine della civilt, in tre tappe. Una tappa quella delle grandi isole etnologiche e culturali, separate tra loro, spesso ostili fra di loro, per dotate ciascuna di una sua logica di sviluppo. Pensiamo alla grande isola cinese, a quella indiana, a quella islamica, a quella occidentale Atene, Roma, il mondo germanico -, alle grandi civilt, che solo oggi riscopriamo, degli indios, alle stesse civilt africane. Erano isole culturali tra loro separate. Quando nata la rivoluzione scientifica, e, conseguentemente ad essa, la grande intrapresa della rivoluzione industriale, lisola occidentale ha tentato legemonia planetaria. C quasi una coincidenza cronologica. La civilt moderna nata cos si legge anche nei testi scolastici nel 1492, che lanno in cui abbiamo compiuto, nellestremo Occidente, lo sterminio.  Lo sterminio degli indios latto inaugurale della civilt moderna che ha avuto come sua caratteristica interna la distruzione dellaltro o la sua assimilazione, il disconoscimento dellaltro come tale.
Questa la nostra storia. Questa storia ha avuto un arco di cinquecento anni e adesso sta rivelando la propria consunzione nelle acque del Golfo, chiss, forse con un rogo apocalittico di petrolio che potrebbe anche allietare qualche fantasia malata che si nutre alle letture apocalittiche. Questo scenario uno scenario probabile. Chiss, una di queste mattine potremo sentir dire che i pozzi del Kuwait sono tutti in incendio e che il mare rimarr contaminato da questo incendio, come leggevo in uno scenario fatto da uno specialista, per secoli e secoli. E una possibilit gi messa in atto nelle sue cause.
Questa la fase nuova che nel mio auspicio dovr essere quella autenticamente planetaria che non implica affatto legemonia di una cultura sulle altre ma la convivenza tra le culture e la loro mutua fecondazione, vorrei che perfino la loro compresenza allinterno delluomo responsabile del futuro dellumanit, perch il futuro uno solo per tutti noi ormai.
Ebbene, accettando non posso non accettare linvito a focalizzare un discorso sul ripensamento della politica su ci che sta avvenendo in queste ore del Medio Oriente, possiamo dire che la catastrofe del Medio Oriente, almeno per molti di noi che hanno creduto, come io ho creduto, anzi credo nelle grandi conquiste della nostra civilt occidentale che sono apparse in certi momenti come conquiste per tutti gli uomini, sta facendo naufragare queste conquiste per tutti gli uomini, sta facendo naufragare queste conquiste nelle acque del Golfo. Io sono convinto che le Nazioni Unite sono una grande creazione nata dalla coscienza dei diritti umani, nata attraverso quel travaglio, che garantisce lautenticit del parto, che stata lultima guerra. Negli articoli della Carta delle Nazioni Unite, quando io li leggo, sento, per reminiscenze generiche ma sicure, approdare la sofferenza, la speranza dei condannati della Resistenza, di tutti coloro che hanno perso la vita sperando in un mondo diverso. In quella Carta c come la cristallizzazione di una epopea morale e perci ci sono attaccato, come una pagina della Bibbia, un evento messianico. Non  mi meraviglia che nel palazzo delle Nazioni Unite qualcuno abbia pensato di scrivere le parole di Isaia, in una adozione laica di una profezia messianica che del resto quando messianica e non soltanto religiosa sempre anche laica.
Cos ci eravamo appena rallegrati (io sono poi, nella misura mia modestissima, un cantore ostinato di queste conquiste), del trionfo della Carta di Helsinki. Il trionfo della Carta di Helsinki, che ha avuto i suoi effetti politici massicci nella caduta dei muri quello fisico di Berlino e di tanti altri muri ha raggiunto la sua ultima epifania straordinaria a Parigi appena due mesi fa. La Carta di Parigi, firmata dai paesi che vanno dagli Urali allAtlantico, compresi quelli di oltre Atlantico, ratifica un principio che io speravo finalmente fermo nella coscienza di tutti i popoli, almeno di quelli che hanno firmato la Carta delle Nazioni Unite nella quale scritto proprio questo stesso principio che poi ha germogliato ed fiorito nel clima di Helsinki dal 1975 in poi. Io pensavo che il principio che la guerra non strumento per la soluzione dei conflitti fra i popoli valesse anche fuori dei confini delle nazioni del Nord ed ecco che invece in questi giorni sta rivelandosi il contrario: la forza come strumento di soluzione dei conflitti. Nel Golfo vediamo venire alla luce, con una chiarezza da laboratorio chimico, quello che lelemento perverso della storia moderna gestita dallEuropa prendo il termine dalla sua assunzione culturale lata, anche gli Stati Uniti sono Europa -, cio luso ideologico del diritto.
Certo, il diritto si fonda su valori oggettivi della persona umana, per di fatto ci appelliamo al diritto sempre e soltanto quando esso funzionale ad interessi di altra natura. Morin ha ricordato le violazioni che si sono realizzate nel Medio Oriente, non le ripeto. Voi sapete che nessuna nazione si mossa. Israele non ha voluto nemmeno ricevere la delegazione dellONU. Almeno Saddam ha ricevuto Perez de Cuellar. E chiaro che il fervore straordinario con cui le nostre vestali, stracciandosi le vesti hanno voluto difendere il diritto internazionale con la forza un fervore ideologico, funzionale alla logica del mercato questo connubio che non pu non scandalizzarci e noi non possiamo non pensare che laltra parte del mondo, che la gran parte del mondo lEuropa nella percentuale della popolazione globale del pianeta cala sempre di pi: forse unastuzia della Provvidenza che guida nel segreto le cose -, ci osserva e scopre la vera natura di quella civilizzazione che volevamo rendere planetaria attraverso lintegrazione forzata: o con la forza bruta delle armi come i tempi dei conquistadores, o con laltra forza, quella della necessit economica. Non ci dimentichiamo che lEgitto passato con le sue armi nella coalizione perch gli Stati Uniti hanno condonato un debito di sette miliardi di dollari. Io che vengo da una Chiesa dove la simonia stata un terribile peccato ho il diritto di sospettare che la simonia sia anche un vizio laico. Questa potenza del dollaro terribile. Io vedo che li sta naufragando una grande speranza. La universalit che noi avevamo sancito con le grandi conquiste si svela nella sua intima natura, quella di strumento di un dominio.
Mi ricollego alle osservazioni suggestive che faceva prima Morin. Nel Medio Oriente noi abbiamo come in uno specimen condensato, la compresenza di tutti i conflitti fondamentali. Per realizzare una civilt veramente planetaria, senza egemonie coattive, noi dobbiamo risolvere quei conflitti non attraverso luso della forza ma cogliendo la verit parziale che in ogni situazione si nasconde. Nel Medio Oriente c lo specchio della verit spezzato. Ogni frammento di quello specchio va ricomposto con il resto, non basta assumerne uno solo. Questa una necessit e anche una tribolazione politica di questo momento. Mi viene in mente quanto in anni lontani amava ripetere, con quellaria un po da cristiano sognatore troppo amante del linguaggio simbolico Giorgio La Pira. La pace nel mondo si risolve nel Mediterraneo e precisamente nel Medio Oriente e questa pace nel Medio Oriente passa attraverso la pacificazione fra le tre religioni che si riconoscono in Abramo: lIslam, lEbraismo e il Cristianesimo. Fino a che diceva lui queste tre religioni non si riconoscono con fraternit e con rispetto, la pace nel Medio Oriente, anzi la pace nel mondo non ci sar. Gerusalemme il simbolo delle citt divise e quando io come cristiano ripenso alle grandi parole di Isaia su Gerusalemme sento unintima angoscia e mi domando come si verificato il contrario. A meno che non avvenga, come diceva Lutero, che Dio si riveli sotto il segno contrario. Gerusalemme il segno della divisione del mondo. L le divisioni giungono allestremo.
Voglio chiudere con questo riferimento religioso abbastanza provocatorio. Giorni fa mi sono trovato, per la lettura contemporanea di tre dati di cronaca, a fare una preghiera inconsueta. I dati di cronaca: Saddam che ha fatto mettere sulle bandiere il motto islamico: Dio solo grande, Bush cera la sua fotografia invitava gli americani a pregare Dio, i buoni pii ebrei erano al muro del pianto. Io ho pregato con Meister Eckhart: O Dio liberami da Dio. In realt noi non possiamo superare le radici del fanatismo mortale se non annientandoci in quel Venerdi Santo in qui Colui e in nome di Dio fu ucciso ci ha rivelato che il nome di Dio il  nome delluomo e che il luogo in cui si realizza il regno di Dio non nel Tempio, nel pinnacolo nei labari ma nelluomo vivente, anzi nelluomo che pi soffre. Dio dalla parte debole. Dio dalla parte della povera gente che da ricchezza a tutto il mondo senza nemmeno saperlo e resta nella miseria. Io passo attraverso questo riferimento che insieme biblico cristiano e politico. Per ricomporre lunit non c che da passare attraverso ladozione delle vittime di queste contraddizioni. Qui c la grande intuizione lontana di Marx che vedeva questo elemento debole nel proletariato. Noi lo vediamo con una visione antropologica pi profonda, nella condizione umana in cui si condensavo come un impluvio tutte le nequizie del sistema. Noi lo vediamo in coloro che soffrono, senza nemmeno averne coscienza, le pene immense di contraddizioni che vanno a scaricarsi, secondo una dinamica economica che noi conosciamo bene, la dove si trovano insieme la miseria estrema e la estrema ricchezza.

Torna a Una soglia sociologica: la comunicazione come conoscenza  Scarica RipensareLaPolitica.rtf  Torna a Dialogo tra Ernesto Balducci ed Edgar Morin

 
Articoli correlati

Consulenza filosofica a scuola
di Isabel de Maurissens (16 Marzo 2012)

La necessità di una diversa consapevolezza metodologica
di Francesco Vettori (11 Novembre 2008)

L'italiano in Second Life
di Andrea Benassi (21 Ottobre 2008)

Emotional Bandwidth, un apprendimento ben valorizzato
di Maria Guida (20 Ottobre 2008)

A scuola di creatività nel virtuale
di Francesco Vettori (17 Ottobre 2008)

I Creative commons e la filosofia dei commoners
di Silvia Panzavolta (09 Gennaio 2008)

"Condividere allo stesso modo" in una prospettiva storica
di Giovanni Nulli (09 Gennaio 2008)

Uno scambio di risorse educative
di Jim Ayre (09 Gennaio 2008)

Che cosa vuol dire fare Leadership
di Leonardo Tosi (05 Luglio 2007)

E-tutor e ambienti di apprendimento
di Elena Mosa e Leonardo Tosi (13 Dicembre 2006)

La necessità di una nuova visione
di Giovanni Biondi (12 Dicembre 2006)

Dal design delloggetto alla progettazione dellesperienza
di Alessandra Anichini (29 Novembre 2006)

Al via i corsi della Italian University Line
di Indire (22 Settembre 2006)

Indire all'Expo del Capitale Umano e dell'Innovazione
di Gianluca Torrini (13 Marzo 2006)

Le tre fasi dell'era elettrica
di Fabio Giglietto (25 Gennaio 2005)