Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
DISPERSIONE SCOLASTICA

Dall'Opera contro l'analfabetismo alle Scuole Rurali

Nel 1921 prendevano vita i primi esempi di "scuole diurne" nelle borgate del Regno

di Sara Zambotti
04 Novembre 2003

LOpera contro lanalfabetismo, istituita con un Decreto del Re nel 1921, fu prima la prima istituzione ad aprire scuole diurne nelle frazioni e nelle borgate del Regno, rendendo possibile raccogliere almeno 20 fanciulli det compresa tra i 6 e i 14 anni all'interno di classi scolastiche. LOpera fu poi soppressa con un altro Regio Decreto il 31 ottobre 1923, e le scuole da essa fondate furono date in gestione ad enti culturali aventi giurisdizione regionale o interregionale (come lAssociazione nazionale per gli interessi del mezzogiorno dItalia). I cosiddetti enti delegati furono autorizzati ad aprire scuole nel caso che il numero degli obbligati della localit fosse compreso tra i 14 e i 40 alunni: queste scuole presero inizialmente il nome di scuole non classificate (RDL 20 agosto 1926 - n.1667), quindi di scuole rurali (RDL 20 giugno 1935 - n.1196).

Scuola rurale di Tre Cancelli nell'Agro Romano [Archivio Storico Indire - Fondo


Le scuole rurali furono istituite non tanto al fine di assicurare un tipo di scuola che soddisfacesse strutturalmente e didatticamente alcune determinate esigenze delle popolazioni rurali, quanto di risolvere una situazione critica, poich allo stato mancavano i mezzi per aprire nelle localit minori scuole di cui aveva nelle citt la gestione diretta.
 Le scuole rurali passarono da 403 con circa 15 mila iscritti nel 1922 ad 8129 con oltre 300000 iscritti nel 1941. Le scuole rurali furono soppresse nella quasi totalit col 30 settembre 1942, per effetto della legge I giugno 1942, n.675.          

 Il Maestro Felice Socciarelli davanti alla scuola rurale di Mezzaselva [Archivio Storico Indire - Fondo "Giuseppe Lombardo Radice"]

 

 

di Sara Zambotti

Editing a cura di Juri Meda, Archivio Storico Indire e Gianluca Torrini, Ufficio comunicazione Indire

 
Articoli correlati

Alfabetizzare oggi, ma in quale prospettiva?
di Bruno Schettini (01 Ottobre 2009)

Un'esperienza contro la dispersione scolastica
di Antonio Sofia (29 Settembre 2004)

Le cifre della dispersione scolastica in Italia
di Gianluca Torrini (21 Settembre 2004)