Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
PORTFOLIO

Portfolio: intervista a Elena Esposito

Famiglie e docenti per preparare insieme la "valigia" del bambino

di Lorenzo Calistri
01 Dicembre 2003

Immagine tratta dall'archivio DIA Elena Esposito
Insegnante e collaboratrice per l'Emilia Romagna
del Coordinamento Nazioanle in difesa del Tempo Pieno
e Prolungato 

62elena@tiscali.it
Coordinamento Nazionale in difesa del Tempo Pieno e Prolungato

"Sono mamma di quattro figli. Vivo da 13 anni lesperienza della scuola come genitore. Ma vivo, anche, da pi di 20 anni, lesperienza della scuola come insegnante. Ci che penso e conosco della scuola risulta dallintreccio di queste due realt".

A cosa serve il portfolio delle competenze?

Sono stati pubblicati dal ministero moltissimi documenti, nei quali viene citato, con pi o meno chiarificazioni, il portfolio. Vi si legge che serve per la valutazione, lorientamento, il coinvolgimento della famiglia, il supporto alla continuit negli anni di passaggio da un ciclo allaltro. Ciascuna di queste funzioni, per, verr concretizzata in modi diversi, e di conseguenza il porfolio pu condurre ad esiti diversi. Io penso che nellintenzione del ministro debba servire per dare subito e con chiarezza a ciascun bambino quello che si merita. Spiego quello che intendo con questa affermazione nelle considerazioni che seguono.

Secondo Lei le famiglie hanno chiaro cosa sia?

Le famiglie non hanno nessuna idea di che cosa sia il portfolio, perch le informazioni su questo, come su tutti gli altri aspetti della riforma, non arrivano alle famiglie se non in forma molto generale, spesso romanzata. Le famiglie al momento ricevono messaggi unicamente finalizzati a costruire il consenso sugli aspetti della riforma, non certo finalizzati a informare in modo chiaro e preciso.
Neppure gli insegnanti hanno chiarezza sulla struttura e le funzioni del portfolio, perch i documenti nei quali se ne parla, ne contengono brevissimi accenni, o lo descrivono in modo molto sintetico.
Inoltre tali documenti non sono mai stati dichiarati ufficialmente validi. Si chiamano Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria", Raccomandazioni per l'attuazione delle indicazioni..., Linee guida, tutti nomi che  evidenziano la possibilit o meno di applicarli e di tenerne conto. Sar quello scritto l, il portfolio che poi la scuola sar tenuta a costruire ?
Lunico documento ufficiale in cui se ne trova un cenno, comunque non esplicito, il decreto approvato in settembre, per la scuola dellinfanzia e primaria, dove si parla di documentazione relativa al processo educativo

 
Di fatto ancora non esiste, come se lo immagina e come dovrebbe esser fatto secondo Lei?

Innanzitutto la scelta di un termine decisamente aziendalistico non pu essere certamente casuale: mi fa immaginare la scuola trasformata in un luogo di precoce addestramento alle logiche del mercato.
Inoltre sui documenti ministeriali che ho indicato, lo strumento del portfolio sempre legato alle funzioni di VALUTAZIONE ed ORIENTAMENTO: questo collegamento rischia di rendere il portfolio uno strumento di identificazione e mantenimento delle differenze sociali e culturali degli alunni, portando la scuola a rinunciare alla sua fondamentale funzione di colmare tali differenze.
A me sembra che voglia essere costruito come un mezzo di precoce canalizzazione dei bambini, che dallet della scuola dellinfanzia si trovano legati a documentazioni delle loro capacit, competenze, attitudini.
Ma mi chiedo: saranno documentate le loro capacit, competenze, attitudini, oppure sar documentato il pensiero e limmagine che qualche adulto soggettivamente si costruisce, fortemente influenzata da ci che egli pensa, vede, interpreta, giudica ? Il fatto che si prevede un unico docente responsabile della costruzione del portfolio (sebbene con la collaborazione degli altri docenti e della famiglia), evidenzia il rischio che si appiattisca la rilevazione delle caratteristiche e delle differenze individuali, in base alle inclinazioni, visioni, modi di pensare di una sola persona.
Questo quello che riesco tragicamente ad immaginare. Quello  che invece mi piacerebbe , innanzitutto, che non si chiamasse cos, ma che avesse un nome tratto dal mondo infantile o familiare. Poi che fosse uno strumento con finalit contenuti struttura completamente diversi. Cerco di illustrare che tipo di strumento immagino, facendo riferimento, alla pratica ormai pi che decennale, di quella che a Bologna viene definita la "Valigia di Canevaro (vedi risposta n. 5).

Che tipo di partecipazione vede nella compilazione del portfolio da parte delle famiglie?

La collaborazione con la famiglia necessaria per dare senso al processo di crescita del bambino, ma nella chiara distinzione dei ruoli, che nelle descrizioni del portfolio sembra annebbiarsi, si dice che la famiglia debba collaborare alla sua compilazione. Questo a me sembra del tutto negativo: come possono i genitori non essere fortemente coinvolti dal punto di vista emotivo e delle aspettative personali, in fase di valutazione ed orientamento del loro figlio ?
Che senso ha che la scuola accolga questo tipo di condizionamento?
E evidente che le famiglie accompagneranno i figli in ogni loro scelta, e che restano comunque liberi, ma la scuola deve poter mantenere una decisa autonomia di giudizio.
Ben diversa sarebbe la possibilit di collaborazione dei genitori nel costruire con insegnanti e bambini la valigia di cui parlavo prima, perch quella ha un ruolo narrativo di ricostruzione storica ed emotiva, non un ruolo valutativo o di giudizio. 

a conoscenza di sperimentazioni regionali simili a quelle del portfolio di recente introduzione?

La Valigia di Canevaro: luniversit, in collaborazione con numerose scuole dellinfanzia, condusse una ricerca che usava come strumento di documentazione questa valigia. Era, ed ancora in molte realt, un contenitore dove insegnanti e bambini raccoglievano le tracce di esperienze significative, tappe importanti nella vita scolastica del bambino: foto di momenti da non dimenticare, disegni, oggetti, impronte delle mani o dei piedi da confrontare a distanza di anni,  la prima parola scritta, .  Le documentazioni pi svariate e fantasiose, purch emotivamente significative per il bambino, o utili ad un confronto nel tempo della crescita fisica, della maturazione degli apprendimenti e della personalit.
Questa valigia accompagnava il bambino  di anno in anno. Si trasformava, ma manteneva come finalit quella di raccogliere il vissuto . Nulla a che fare con valutazione, certificazione di competenze, orientamento!

 
Conosce delle esperienze internazionali valide di portfolio?

No.

 

Leggi l'intervista di Franco Favilli  

 

Lorenzo Calistri, redazione webzine

[l.calistri@indire.it]

 
Articoli correlati

Da abilità a competenza: un cambiamento formale e sostanziale
di Isabel de Maurissens (21 Gennaio 2004)

Il Portfolio e i sindacati confederali
di Laura Coscia (10 Gennaio 2004)

Portfolio: intervista a Franco Favilli
di Lorenzo Calistri (01 Dicembre 2003)

Portfolio e famiglie
di Lorenzo Calistri (28 Novembre 2003)

Nuove forme di valutazione
di Michela Salcioli (28 Novembre 2003)

Il portfolio delle competenze individuali nella scuola primaria
di Silvia Vecci (24 Novembre 2003)

Portfolio: cos'è?
di Massimo Acciai (19 Novembre 2003)

Portfolio: esperienze internazionali
di Simona Baggiani (19 Novembre 2003)

Da dove viene la parola portfolio
di Massimo Acciai (19 Novembre 2003)

Partire con il portfolio giusto
di Francesco Vettori (19 Novembre 2003)