Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STANDARD DI APPRENDIMENTO

Standard e competenze secondo l'ISFOL

L'Intervista a Gabriella di Francesco, una esperta in materia, per focalizzare i nodi cruciali del dibatto in Italia

di Indire Comunicazione
21 Gennaio 2004

Foto tratta dall'archivio immagini DIA di Indire - concessa da OlycomGabriella di Francesco, dirigente dell'Area di ricerca "Metodologie per la Formazione e la Certificazione" dell'Isfol (Istituto per lo Sviluppo della Formazione dei Lavoratori), membro del Comitato Nazionale dell'IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore), presso il MIUR, per la definizione degli standard di competenze e la sperimentazione di modelli innovativi di progettazione e certificazione. A lei, una delle massime esperte in materia, abbiamo chiesto delucidazioni su un tema oggi tanto dibattuto.


Per quale ragione vengono introdotti gli standard? Cosa sono e per cosa si caratterizzano?

Lo standard ha una funzione regolativa, in quanto introduce norme, modelli, regole con valore cogente; ha anche una funzione autoregolativa, in quanto orienta i soggetti ad adeguare prodotti, processi e comportamenti al rispetto delle norme e alla conformit alle regole indicate nello standard; ha un valore sociale in quanto la legittimazione dello standard e la sua stessa applicabilit derivano dallessere un elemento condiviso fra soggetti;  ha un valore storico e contestuale perch la sua corretta definizione dipende da una pluralit di fattori esterni ed interni al sistema oggetto di standard (quali la sensibilit dei soggetti e le priorit che in quel momento vengono assunte, la complessit dei sistemi coinvolti, il livello delle tecnologie, i contesti normativo, economico, sociale, culturale, ecc.). Ci determina una necessaria e costante revisione degli standard che ne garantisca, nel tempo, il mantenimento della validit e del senso.
Attraverso il processo di standardizzazione si va a ridurre la variet dei casi reali ad una loro forma ritenuta valida e si definisce, quindi, una norma generale; quanto viene perso in ricchezza si guadagna in trasparenza, in efficacia delle comunicazioni, in certezza delle transazioni, in tutela dei soggetti.
In campo formativo il valore degli standard (nelle diverse accezioni di cui al successivo punto 7) si concretizza nella possibilit di regolare il sistema formativo, di integrare i sottosistemi, di fare dialogare formazione e lavoro, di dare certezza agli utenti, di favorire la trasparenza e la riconoscibilit delle attestazioni, di facilitare la mobilit degli individui sia allinterno di uno stesso paese sia tra paesi diversi, di certificare le competenze e riconoscere crediti fra percorsi, sistemi e filiere, di capitalizzare nel tempo le competenze acquisite, di promuovere la flessibilit e la personalizzazione dei percorsi formativi.  



Ci parli del valore degli standard nella scuola italiana e in quella europea?

Luso dello standard ancora molto limitato nel panorama scolastico italiano, quantomeno nella accezione di standard di competenza, vale a dire come condivisione in merito ai livelli minimi degli apprendimenti per lingresso nei percorsi e per la certificazione in uscita. Mentre, al contrario, nellaccezione di standard di percorso il suo uso pervasivo e, anzi, forse viene ancora applicato rigidamente, essendo recente lesperienza dellautonomia delle scuole nella definizione dellofferta formativa, nella gestione del monte ore, ecc.
Nella formazione professionale gli standard di competenza vengono utilizzati maggiormente, ancorch in modo molto vario nei diversi territori, settori, filiere, ecc., anche per la maggiore vicinanza della F.P. con il lavoro.
Per quanto riguarda la situazione in ambito europeo, attraverso i numerosi programmi comunitari che hanno favorito lo scambio transnazionale e grazie ad intense iniziative istituzionali, si vanno definendo nei diversi Paesi, pur con le differenze che rispecchiano le diversit delle culture e dei sistemi formali, sistemi di standard che sono o simili o tali da consentire traduzioni o comunque da permettere di dialogare fra loro. Gli aspetti comuni riguardano le metodologie di derivazione delle competenze dal lavoro e il formato di rappresentazione delle competenze (ad esempio Italia, Spagna e UK utilizzano un linguaggio simile); riguardano la definizione di sistemi di competenze settoriali (es. turismo, ambiente, ICT, ecc.); inoltre funzionano accordi fra Paesi per ladozione di modelli di attestazione comuni (CVE, Europass, ecc.); un ulteriore campo comune riguarda la sperimentazione di dispositivi per la validazione delle competenze pregresse comunque acquisite (VAP e VAE; APL e APEL).
Lavere definito gli obiettivi europei per loccupazione e per la formazione in vista del 2010 (previsti dal Consiglio di Lisbona e dal Patto di Stoccolma) incentiva il riferimento a standard per monitorare, sia a livello dei singoli Paesi e poi a livello europeo, il raggiungimento di quegli obiettivi.

 
Quale il valore pedagogico intrinseco degli standard e quale valenza hanno nel tempo?

Lutilizzo di standard di competenze come livello minimo degli apprendimenti attesi attraverso un percorso formativo ha straordinarie potenzialit educative.
Gli standard forniscono la base per la definizione e condivisione del patto formativo, consentono e stimolano la partecipazione degli individui allo sviluppo dei propri saperi e li responsabilizzano nella definizione del progetto personale e nella gestione del percorso, si prestano allautovalutazione, abituano al rispetto degli impegni presi, incrementano la motivazione allo studio grazie alla trasparenza della finalizzazione dellimpegno scolastico, divenendo uno strumento per la riduzione della dispersione.

 
In quale rapporto si pongono rispetto al curriculum?

Gli standard impattano sui curricula (intesi come percorsi istituzionali) scolastici, formativi e universitari in diverse forme e in differenti momenti del loro ciclo di vita:

  • nella progettazione dei curricula. Gli standard (di competenza) definiscono con valore cogente i livelli minimi (beninteso, non i massimi, n i medi, n altro) delle competenze in uscita e dunque rappresentano il riferimento per la definizione degli obiettivi formativi del percorso, rendendo chiaro il rapporto fra corso e risultati attesi, favorendo il confronto fra corsi omologhi e la collaborazione fra progettisti e formatori;
     
  • nellanalisi e valutazione dei crediti in ingresso. Lo standard, rappresentando in modo trasparente le competenze, rende possibile valutare i saperi di cui gi i soggetti dispongono (anche maturati in contesti diversi da quelli formali) ai fini del riconoscimento di crediti per laccesso al nuovo percorso;
     
  • nel recepimento dei crediti nei percorsi. Lutilizzo dei medesimi riferimenti e dello stesso linguaggio per la progettazione formativa e per il riconoscimento dei crediti rende possibile il recepimento dei crediti, per abbuoni di parti del percorso e per la personalizzazione delliter. Possibile, non facile n automatico, almeno senza avere adeguato la struttura del percorso in modo da rendere visibile il rapporto fra segmenti dellesperienza formativa e le competenze ad essi correlate;
     
  • nelle attestazioni e nelle certificazioni intermedie e finali. E possibile certificare sia i percorsi che le competenze intermedie in caso di eventuali uscite precoci dal corso. Ci facilita la circolazione dei crediti nello spazio di spendibilit dello standard ed condizione per lapprendimento per larco della vita;
     
  • nella valorizzazione dei crediti in uscita. Le attestazioni (intermede e finali) sono trasparenti sulle competenze, facilitando la leggibilit e il riconoscimento da parte di altri soggetti e altri sistemi, in altri luoghi, in tempi differiti,  ecc.



Quali sono le differenze di base tra standard e competenze e quale il confine tra i due?

Non c, a mio avviso, opposizione fra i due concetti. Gli standard rappresentano il livello minimo delle competenze. Gli standard non presumono di definire la competenza, n pretendono di rappresentarne lirriducibile complessit n di generalizzarne lo statuto strettamente individuale e personale e neppure di significare il minimo ontologico di una disciplina (che cos il minimo della filosofia o della storia?).
Intendono invece rappresentarne quella componente descrivibile, rappresentabile attraverso evidenze, sulla quale diversi soggetti, in quel momento e non per sempre, in quellambiente e non ovunque, convengono e assumono che si tratti del minimo per riconoscere e dare credito alle risorse degli individui nei diversi contesti di impiego. Il valore dello standard di competenza nel linguaggio, nella condivisione, nella possibilit di veicolare riconoscimenti e di fondare un sistema integrato.  Le riserve alluso e alla diffusione degli standard in campo formativo nascono forse da un equivoco.


Nell'impiego degli standard quali sono i ruoli previsti, quali le responsabilit che ne verranno e come potranno esser gestite da chi le ricever?

La struttura dello standard prevede tre livelli (nazionale, regionale e locale) in coerenza con la territorializzazione del governo delleducation; in ciascun livello sono chiamati in causa diversi soggetti (parti sociali e istituzioni). Gli utenti dello standard dimostrano in genere una favorevolissima accoglienza, perch ne colgono le potenzialit non solo educative ma di elemento regolatore, di strumento per superare lautoreferenzialit e per aprire un dialogo fra istituzioni e sistemi.

 
Quali saranno gli sviluppi nel tempo rispetto ad oggi, sia in Italia che in Europa? In concreto, cosa cambier?

Allo stato attuale, a livello nazionale, sono gi disponibili e attive diverse tipologie di standard che fanno riferimento alle differenti accezioni che il termine standard identifica in ambito formativo: 

  • standard di competenza. Il livello minimo necessario affinch vi sia riconoscimento nei diversi contesti formativi dei saperi acquisiti in un determinato percorso. Sono definiti gli standard per le figure di riferimento per gli IFTS, delle quali sono inoltre in sperimentazione le competenze di base e trasversali ed imminente la pubblicazione degli standard minimi delle competenze tecnico professionali. Sono stati recentemente presentati gli standard per le figure dellindustria (OBNF); 
     
  • standard di descrizione o di formato. Nel caso italiano lo standard adottato consiste nella forma dellU.C. (Unit di competenza, Unit capitalizzabile, Unit di certificazione) che indica il set di descrittori minimi che fungono come standard di trasparenza  (consistenti nei descrittori delle competenze, ad esempio: il soggetto in grado di ; il soggetto ha bisogno di sapere come. e nei descrittori di valutazione: il soggetto deve dimostrare..; gli indicatori sono .);
     
  • standard di percorso. Comprendente le regole di composizione dei corsi delle diverse filiere (durata, struttura, competenze minime dei formatori, ecc.)
     
  • standard metodologici. Riguardano le metodologie di analisi del lavoro (analisi per processi) per definire gli obiettivi formativi; la classificazione delle competenze nelle tre note tipologie; le metodologie di progettazione dei percorsi; il rapporto fra la U.C. e la corrispondente U.F.C.; le procedure e gli strumenti di certificazione e di attestazione, ecc.

Editing a cura della redazione Webzine

Foto tratta dall'archivio immagini DIA di Indire - concessa da Olycom

 
Articoli correlati

Maria Rosaria Capuano: la competenza della qualità
di Francesco Vettori (15 Marzo 2005)

Breve storia di due parole oggi sulla bocca di tutti
di Massimo Acciai (15 Novembre 2004)

Laccordo tra Stato e Regioni per la definizione degli standard formativi
di Michela Salcioli (15 Aprile 2004)

Standard come 'regolatori' dei processi di formazione
di Michela Salcioli (18 Febbraio 2004)

Valorizzare il capitale delle conoscenze di ognuno
di Indire Comunicazione (06 Febbraio 2004)

Standard, competenze e mondo del lavoro
di Laura Coscia (06 Febbraio 2004)

Standard e competenze secondo il thesaurus del Cedefop
di Isabel de Maurissens (03 Febbraio 2004)

Standard: un contenuto in azione, teso al suo sviluppo
di Lucio Guasti (21 Gennaio 2004)