Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STANDARD DI APPRENDIMENTO

Standard come 'regolatori' dei processi di formazione

Intervista al professor Franco Cambi dell'Universit di Firenze

di Michela Salcioli
18 Febbraio 2004

Dare una definizione univoca del termine "competenza" non semplice:  in corso un dibattito che vede coinvolti gli esperti delleducazione e delle politiche della formazione e del lavoro. Il concetto di competenza sta infatti diventando il fondamento sul quale sviluppare la formazione dei soggetti dal punto di vista delle conoscenze disciplinari (Matematica, Italiano, Inglese, Storia, Informatica, etc.) come delle pratiche professionali.

In sintesi possiamo dire che le competenze rappresentano linsieme dei saperi e delle abilit che una persona possiede o che deve acquisire, attraverso un percorso formativo o di aggiornamento professionale, in relazione a degli standard minimi. Questi ultimi per quanto concerne l'ambito lavorativo sono definiti attraverso criteri nazionali, i quali stabiliscono la struttura generale dei saperi e delle abilit richieste e da parametri regionali, che hanno invece il compito di completare il profilo rispetto alle specificit socio-economiche del territorio locale. Per quanto concerne il contesto scolastico gli standard minimi sono definiti attraverso curricoli scolastici, i quali a loro volta sono struttati secondo la logica "nazionale-locale".

Per fornire alcuni chiarimenti in proposito abbiamo intervistato Franco Cambi, uno dei pi conosciuti pedagogisti contemporanei, professore ordinario di Pedagogia Generale presso la Facolt di Scienze della Formazione dell'Universit di Firenze.

classeNell'ambito della formazione che cosa sono gli standard e per cosa si caratterizzano?

Lo standard uno strumento di controllo e di verifica necessario per equiparare i processi di formazione. Pertanto gli standard sono da definire con precisione, fissandone bene anche le funzioni. La definizione spetta a un'istituzione e/o a un istituto di ricerca, proprio perch essi servono da "regolatori". I vari standard vanno fissati nelle diverse discipline e nei vari ordini e gradi di scuola attraverso un lavoro che tenga conto dellet evolutiva (o, meglio, degli stadi di sviluppo mentale), delle strutture delle discipline (ovvero dei concetti formali e delle conoscenze di base, poi via via rese pi complesse, integrate tra loro etc. in modo da rendere posseduto un sapere nella sua specificit e articolazione), dellorganizzazione della didattica che deve svilupparsi in modo "costruttivo", cos da fare possedere in modo flessibile, applicativo, etc. le nozioni apprese e da trasformarle in competenze appunto: ovvero in conoscenze trasferibili e in capacit di dominarle in contesti diversi.

Per definire gli standard necessario che operino i vari enti di ricerca educativa nazionale: l INVALSI e lINDIRE e in particolare il primo, a cui delegato specificatamente questo compito. Un impegno conplesso, da svolgere non in modo generico e astratto, ma tenendo conto della scuola di fatto" e di quella "di diritto", in modo da fissare standard significativi per loperare scolastico concreto al fine di favorirne lo sviluppo.

 

Come saranno recepiti gli standard dal mondo della formazione?

Bene, se gestiti come punti di arrivo e non modelli e obiettivi esaustivi. Punti di arrivo significa itinerari, significa traguardi, significa obiettivi in costante evoluzione. Tali standard indicano percorsi e traguardi insieme: sono punti ad quem, ma sono (e devono essere) anche processi per ; hanno il doppio statuto di tappe e di compiti, ma proprio per questo innervano bene linsegnamento. necessario per questo, che siano indicati come obiettivi: come regolatori del processo e non solo come modelli di verifica o contenuti-base delle discipline. Per definirsi in modo cos flessibile, critico, aperto gli standard devono essere collocati, e continuamente, nelliter didattico e formativo e mai separati da questo. Per evitare lastrazione e la rigidit degli standard, che li fanno diventare solo dei regolatori formali o degli indicatori dogmatici.

 

Qual il valore pedagogico degli standard, nella scuola italiana e in quella europea?

In Italia rischiano di essere assunti come obiettivi unici. Il che un travisamento della funzione degli standard che deve essere "regolatore", come gi detto. Lo standard come regolatore si "accorpa" a tutto il lavoro scolastico: deve essere in esso ricalibrato e "fecondato"; altrimenti solo un indicatore astratto che rischia, piuttosto di vincolarlo e di omogeneizzarlo, togliendogli la funzione specifica che deve avere: indicare un punto di arrivo minimo e imprescindibile, non essere linsieme delle "cose" da insegnare. Pertanto ogni standard va ripensato nel curricolo. Se no si fa, surrettiziamente, un "programma". E la scuola dei programmi ce la siamo lasciata alle spalle, con la legge dellautonomia.

In quale rapporto gli standard si pongono rispetto al curricolo scolastico?

In posizione dialettica: in quanto devono essere dei traguardi ma non unici, infatti, i percorsi formativi in futuro saranno sempre pi aperti e al tempo stesso mirati. Quindi articolati e complessi. Gli standard devono essere compresi nel curricolo, devono porsi come "punti di crescita omogenei", ma non possono n debbono riassorbire tutto il lavoro scolastico. Allora tra standard e curricolo c tensione e integrazione insieme. E tali dispositivi devono essere attivi sulla mente/coscienza e nella professionalit degli insegnanti, rendendoli consapevoli della complessit del loro ruolo didattico. Su questi aspetti articolati dei saperi scolastici e sul loro realizzarsi tra conoscenze, competenze e riflessivit rinvio al mio testo uscito nel 2004 presso Laterza: Saperi e competenze.


Quali sono le differenze di base tra standard e competenze?

Le competenze stanno negli standard, ma anche li superano poich reclamano ri-contestualizzazioni nuove delle tecniche acquisite.
Il rapporto , anche qui dialettico. Gli standard sono "saperi minimi" che, s, richiedono conoscenze, competenze e riflessivit, ma si delineano secondo tracciati uniformi che sono meglio definibili per le conoscenze. Le competenze, infatti, reclamano trasferibilit e metaconoscenza, linearizzabili s, ma attive soprattutto nei contesti, nellaffrontare il nuovo, nel lavorare interpretando. Pertanto esse sono meno standardizzabili, se non in senso assai generale e generico, indicando stili di pensiero, atteggiamenti mentali, etc., di non facile verificabilit (anche se possibile, almeno in parte).

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi relativi all'introduzione nel mondo della scuola e della formazione degli standard e delle competenze?

I vantaggi sono chiari: creano uniformit e verificabilit. Gli svantaggi ci sono se gli standard equivalgono a tutto il lavoro scolastico reintroducendo cos la logica dei programmi rispetto a quella del curricolo. La scuola attuale ha bisogno di fissare il proprio lavoro su molti fronti: di stare dalla parte del curricolo e degli standard, di articolare il proprio operare didattico secondo conoscenze, competenze e riflessivit, di lavorare tenendo ferma la verifica (la sua funzione fondamentale) ma anche la progettazione (ancor pi essenziale). Cos, per, la professionalit docente cambia radicalmente. Ed questo che va ripensato, rispetto al rischio di un ritorno (sia pure in modo non esplicito) alla "scuola dei programmi". Quella scuola inattuale, archiviata dallo statuto dei saperi contemporanei, dallo sviluppo della didattica, dalla stessa elaborazione pedagogica, ed irresuscitabile anche se la "scuola del curricolo" ancora da costruire da organizzare in s e da "collocare" nella coscienza degli insegnanti.


 

Editing di Michela Salcioli, redazione webzine [m.salcioli@indire.it]
  

 

 

 

 
Articoli correlati

Maria Rosaria Capuano: la competenza della qualità
di Francesco Vettori (15 Marzo 2005)

Breve storia di due parole oggi sulla bocca di tutti
di Massimo Acciai (15 Novembre 2004)

Laccordo tra Stato e Regioni per la definizione degli standard formativi
di Michela Salcioli (15 Aprile 2004)

Valorizzare il capitale delle conoscenze di ognuno
di Indire Comunicazione (06 Febbraio 2004)

Standard, competenze e mondo del lavoro
di Laura Coscia (06 Febbraio 2004)

Standard e competenze secondo il thesaurus del Cedefop
di Isabel de Maurissens (03 Febbraio 2004)

Standard: un contenuto in azione, teso al suo sviluppo
di Lucio Guasti (21 Gennaio 2004)

Standard e competenze secondo l'ISFOL
di Indire Comunicazione (21 Gennaio 2004)