Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

Le ricerche e le politiche EdA in Italia

Estratti dal rapporto dell'Incontro Nazionale di Lavoro svoltosi a Napoli lo scorso Dicembre

di Francesco Vettori
01 Marzo 2004

Il rapporto dell'incontro nazionale su "Le ricerche e le politiche EdA in Italia", curato da Bruno Schettini, titolare degli Insegnamenti di Pedagogia generale e sociale e di Educazione degli adulti alla Seconda Universit di Napoli e da Filippo Toriello, docente di Teoria pedagogica e di Storia delle istituzioni educative alla Scuola Interuniversitaria Campana di Specializzazione all'Insegnamento


I potenziali utenti: un bisogno emergente a macchia di leopardo

Dalle ricerche emerge chiaramente che il diritto allapprendimento permanente non segue una logica territoriale o una suddivisione politico-isitituzionale. Piuttosto, questo bisogno di formazione, riferibile a persone reali, appare dislocato in aree socio-economiche molto differenziate e caratterizzate da percorsi formativi eterogenei, oltre che, ovviamente, da bisogni personali e quindi da vincoli oggettivi e soggettivi di varia natura (Cfr, ISFOL, Lofferta di formazione permanente in Italia. Primo rapporto nazionale.Volume I. Risultati dellindagine, Roma, settembre 2003, p. 154). 
Dalla ricerca ISFOL sulla domanda sociale e i percorsi di formazione permanente emergono dati interessanti che fanno riflettere sulla situazione dellEducazione degli Adulti in Italia. La ricerca punta, per esempio, i riflettori sui titoli di studio. Il 30% degli intervistati possiede la licenza elementare; il 29/30% la licenza media; il 30% il diploma di scuola secondaria superiore; solo il 9/% possiede la laurea .
Questi dati diventano ancora  pi significativi se si considera un altro elemento emerso: il 33% del campione di et compresa tra i 45 e i 54 anni possiede solo la licenza elementare (Cfr, ISFOL, La domanda sociale e i percorsi di formazione permanente. Primo rapporto nazionale. Volume I e II).

Ma cosa accade a chi decide di rientrare nel sistema di istruzione?
Il 17/% rientrato, ma solo il 6% ha conseguito il titolo di studio per il quale ha deciso di tornare a studiare. In effetti, il livello di abbandono molto alto. Un intervistato su tre possiede competenze di lingua straniera e a livelli diversi. Il 17% ha partecipato ad attivit formative per un interesse personale, senza nessuna causa necessitante. Le aree di interesse vanno da quella estetico-musicale allo sport, da quella culinaria allinformatica.
Un dato importantissimo: i pi giovani sono quelli pi scolarizzati (fino a 44 anni): questo dato rivela limportanza della formazione iniziale. In effetti, pi si adulti pi si ha difficolt; pi si approfondisce pi si vuole approfondire.
Circa l83% della popolazione intervistata fuori dal circuito formale e non formale. Il 43% molto interessato. Linteresse scende con laumentare dellet. Gli interessi rispecchiano il percorso formativo frequentato.
Dai dati dellultimo monitoraggio sulle attivit dei CTP si osserva, infatti, una netta preponderanza dei corsi brevi di alfabetizzazione funzionale, a cui partecipa una quota consistente di diplomati, pari al 50% degli utenti complessivi; a questa si deve aggiungere una quota pari a circa il 10% di utenti con elevato titolo di studio. Quanto di pi lontano, dunque, dalla tradizione dellEdA italiana, che trentanni fa dedicava le proprie attivit al recupero dellalfabetizzazione primaria per gli esclusi dai processi formativi (Cfr, ISFOL, Lofferta di formazione permanente in Italia. Primo rapporto nazionale.Volume I. Risultati dellindagine, Roma, settembre 2003, p. 156).

Stessi risultati emergevano dallanalisi dei dati settoriali riguardanti i CTP, gli istituti scolastici, le associazioni di volontariato sociale, le universit popolari della terza et, del tempo libero, le biblioteche comunali ... Dati che fanno riflettere molto sul ruolo e sulla funzione dellEdA e sul ruolo e sulla funzione dei decisori politici e sulla necessit di un ripensamento dell'EdA stessa, intesa sia come disciplina che come prassi. I bisogni di EdA, in effetti, nel loro aspetto di domanda sociale, culturale e politica spingono a  un ripensamento del rapporto tra politica ed educazione.
In che termini questo rapporto interrotto pu costituire, grazie allEdA, un modo per riformulare obiettivi, modalit, strumenti condivisibili per il teorico della politica e quello delleducazione, per lamministratore locale e per leducatore-formatore che agisce sul campo? Qui la discussione si fa serrata.


Informazione: la maggior parte degli adulti non sa 

Dalle ricerche emerge chiaramente la difficolt di uninformazione corretta e capillare. Gli adulti, parafrasando il Libro Bianco.pdf (24960)della Cresson , non sanno, non conoscono le opportunit di offerte formative e/o i luoghi deputati alla formazione degli adulti. Dalla ricerca ISFOL, La domanda sociale [...] emerge che il 56% non sa indicare organizzazioni pubbliche o private che possano fornire informazioni o orientare lutenza verso percorsi formativi per adulti. Inoltre, un dato, che sembrerebbe secondario ma non lo , mostra che poco pi della met non conosce il dispositivo del congedo per la formazione. Quella che una grande conquista delleducazione permanente, diventata poi politica delleducazione, viene vanificata dalla scarsa informazione e comunicazione. Sicuramente, qui emerge un problema  pi generale, legato alla messa in opera di processi di orientamento che accompagnino ladulto nel corso della sua vita. Il problema di fondo non solamente individuabile nella semplicistica osservazione-richiamo alla necessit di maggiore comunicazione. Il problema riguarda un aspetto pi profondo del modo di fare-offrire formazione degli e per gli adulti [...].

Dalla ricerca ISFOL sulla domanda sociale si evince che una quota consistente del campione intervistato non conoscenza di quali siano i luoghi deputati alla formazione per let adulta e quali siano le strutture di orientamento a disposizione dei potenziali utenti per ottenere informazioni e suggerimenti sulla possibile costruzione di un iter formativo da seguire (Cfr, ISFOL, Lofferta di formazione permanente in Italia. Primo rapporto nazionale.Volume I. Risultati dellindagine, Roma, settembre 2003,p.157).


Potenziare il ruolo delle dimensione locale

E qui che si gioca la funzione del 'livello locale' dellEdA; la dimensione locale dovrebbe preoccuparsi, in maniera particolare, di far circolare linformazione riguardo alla diversa tipologia di offerte formative. Linformazione dovrebbe, inoltre, riguardare non solo i corsi attivabili, ma i possibili percorsi verso i quali gli adulti, attraverso un processo di auto-orientamento, potrebbero avviare il proprio itinerario formativo.
Solo cos ha senso il principio pedagogico della centralit del soggetto adulto (e non) che apprende, un'idea a cui molti studiosi di EdA e di educazione permanente si rifanno, cercando di sgomitolare il concetto di apprendimento permanente. Sotto questo aspetto il livello locale ha responsabilit precise e cruciali per qualsivoglia percorso di EDA. Spesso, a livello locale si osservato unanimemente si nota una sovrapposizione di offerte formative per cui si hanno situazioni del tipo: tutti gli erogatori di offerte formative propongono corsi di informatica o di lingua straniera, ecc. In ci lo scollamento domanda-offerta ben visibile. Esso si accentua, in maniera preoccupante, se si pensa che si verifica, nella maggior parte dei casi, un rapporto positivo tra domanda ed offerta solo quando la domanda medio-alta. La domanda pi debole resta, quasi automaticamente, inevasa. Ci significa che rimangono fuori dal processo di offerta formativa proprio quei bisogni, quelle domande, peraltro legate a soggetti concreti e individuabili (coloro che hanno avuto insuccessi scolastici, i soggetti pi anziani, gli emarginati di sempre) che hanno bisogno di un lavoro profondo di investigazione e di riflessione attenta.
Ancora una volta la dimensione locale su questo aspetto della formazione degli adulti pu essere decisiva, specialmente se per la domanda debole lEdA si lega allazione sociale: solo se questo legame ridiventa fattivo e costruttivo (in particolare con la realizzazione di accordi, convenzioni locali) sar possibile raggiungere e, possibilmente, soddisfare i bisogni inespressi di soggetti come i carcerati o i droup-out. Se si pensa che circa 35 mila persone escono ogni anno dalla scuola, senza licenza media si capisce perch il compito del livello locale un compito che non pu essere svolto da livelli diversi e di per s incapaci di arrivare alle persone concrete del territorio [NdC: le parole tra virgolette di questo paragrafo sono di Fiorella Farinelli, rappresentante dellA.N.C.I. nazionale allIncontro di lavoro].

Questa situazione problematica ne richiama, immediatamente, unaltra, quella riguardante la certificazione delle competenze. Riconoscere ad un adulto i crediti acquisiti nei diversi ambiti (formale, informale e non formale) significa pensare alla codificazione di indicatori capaci di legittimare tutto il processo di valutazione della certificabilit delle competenze, specialmente per quelle guadagnate personalmente .
Cosa fare affinch tutti conoscano, per evitare cos nuove divisioni ed esclusioni sociali?
Inoltre, dovremmo considerare un problema di fondo: c scarsit di informazione non solo a causa di eventuali inadeguatezze dei sistemi di comunicazione, ma anche a causa del basso livello di istruzione-formazione degli adulti. Quest'ultimo assunto sembra valido se si riflette sul fatto che in Italia avendo come dato 22 milioni e mezzo di adulti che versano nellanalfabetismo, nel semianalfabetismo o che possiedono la sola licenza elementare noi non abbiamo alfabetizzato gli adulti, abbiamo solo aspettato che morissero". Infatti, se in 10 anni abbiamo guadagnato solo un 6% (dal 46% al 40% di riduzione dellanalfabetismo) non c da stare allegri. Sono dati certamente incontrovertibili in quanto provenienti da quelli ISTAT sulle forze lavoro nel 2000. Pur con le indicazioni strategiche dellUnione Europea, che vorrebbe entro il 2010, per l80%, il raggiungimento di un titolo secondario superiore, ci si ritrova, comunque, di fronte ad una reale e accertabile tendenza: una quota ancora troppo consistente di giovani lascia il sistema formativo senza aver ottenuto il diploma o la qualifica. Tale quota andr ad ingrossare le fila di quella popolazione adulta provata dallinsuccesso formativo (Cfr, ISFOL, Lofferta [...] pag. 152).


Conclusione. Al di l dei dati

Riflettere sulle prassi, sulle politiche di EdA unoperazione di pensiero non certo facile. A parte lindubbia difficolt nellinterpretare e offrire proposte per il futuro, il problema riguarda il lavoro di riflessione che lo studioso delleducazione deve offrire per rilanciare ipotesi interpretative.
Fondamentalmente, come afferma il prof. Bruno Schettini nelle conclusioni dellincontro, c' da chiedersi a che cosa leducazione debba legarsi. Essa si lega, in definitiva, alla domanda di senso delluomo, di tutti i luoghi e di tutti i tempi della storia. Ecco, allora, che gli stessi termini-concetti quali educazione, istruzione e formazione, avendo contesti e significati diversi, lasciano il campo aperto alla ricerca che non  da considerarsi mai conclusa una volta e per tutte, cos come ci ricorda lepistemologia contemporanea.
In una societ complessa, definita con un paradigma ormai di moda, quale quello di "societ della conoscenza", opportuno chiedersi quale rapporto vi sia e quale quello pi adeguato, in termini educativo-formativi, tra formazione di base e formazione specialistica. Esse non sono alternative, non si escludono a vicenda. La formazione include la domanda di senso, di trasformazione delle persone e vi contribuisce in vari modi. Ecco, allora che, nella prospettiva della domanda di senso, va deciso quale economia privilegiare per luomo: uneconomia di produzione o uneconomia di sfruttamento?
E in base a questa scelta che ogni educatore, ogni pedagogista pu diventare un nuovo maestro del sospetto dei nostri tempi, un narratore di verit che abbiano forza emancipativa. Ecco, dunque, tre nuclei tematici su cui riflettere:

 la formazione umanistica si configura come formazione alla criticit, formazione ad una coscienza terrena, terrestre, mondiale;
 la formazione formazione alla responsabilit come capacit di porsi la domanda/e di senso. Questo significa lottare, nelle forme democratiche e civili, per riscattarsi da ogni forma di schiavit;
 la formazione azione che produce  reddito, lavoro. Per questo non c opposizione - e non vi pu essere - tra formazione umanistica, formazione scientifica e formazione tecnologica.

Qual , allora, il senso dellEducazione degli Adulti oggi? Educare gli adulti oggi significa responsabilizzarli, fare in modo che ognuno possa dare il massimo delle sue potenzialit senza, per questo, perdere la propria dignit di uomo.
La formazione  diventa, secondo Schettini, un vero e proprio cammino autobiografico individuale, esistenziale, antropologico, culturale, ma anche professionale e lavorativo nel senso pi generale e specifico del termine.

Scarica l'intero Rapporto Incontro Nazionale 51203.doc (94208) 

 

Editing a cura di Francesco Vettori, redazione di webzine [f.vettori@indire.it]


 

 
Articoli correlati

Linee di tendenza del Sistema: landamento dei CTP nellultimo decennio censito
di Catia Cantini (02 Settembre 2009)

Una fotografia dell'educazione degli adulti
di Catia Cantini (15 Ottobre 2006)

Lalfabetizzazione funzionale attraverso la riappropriazione dei linguaggi
di Catia Cantini (12 Gennaio 2005)

L'abc dell'EdA: fra tradizione e cambiamento
di Catia Cantini (11 Dicembre 2004)

Cambiamenti e prospettive nell'Educazione degli Adulti
di Catia Cantini (11 Marzo 2004)

Descrivere e misurare nuove competenze
di Alessandra Anichini (08 Marzo 2004)

"Esperienze e vissuti: potenzialità sconosciute"
di Aureliana Alberici (01 Marzo 2004)

Il Seminario sulla Formazione permanente di Benevento
di Antonella Zuccaro (03 Dicembre 2003)

All: Adult Literacy and Lifeskills
di Alessandra Anichini (04 Ottobre 2003)