Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

Descrivere e misurare nuove competenze

Le indagini Ocse per l'analisi e l'indirizzo delle politiche sociali

di Alessandra Anichini
08 Marzo 2004

Immagine tratta da DIA, fornita da OlycomTra il 1994 e il 2000 ventuno Paesi hanno realizzato una prima indagine comparativa internazionale (Ials-Sials: International Adult Literacy Survey) sulla distribuzione, nella popolazione in et lavorativa (1665 anni), delle abilit/competenze definite come competenze alfabetiche funzionali (literacy, littratie, letteratismo); queste competenze sono state rilevate attraverso laccertamento diretto, cio attraverso interviste a domicilio, che si concludono con lesecuzione, da parte dei singoli intervistati, di alcuni esercizi di tipo cognitivo, relativi a compiti di comprensione di testi scritti, in vari formati, e l'esecuzione di calcoli. Lindagine ha permesso di dimostrare due cose:

  1. il titolo di studio posseduto dalle persone non , da solo, un indicatore valido per misurare abilit e competenze;
     
  2. il mercato del lavoro e le condizioni della vita sociale richiedono abilit e competenze ben pi vaste e complesse delle competenze alfabetiche funzionali, definite nell'indagine come capacit di capire e utilizzare informazione contenuta in testi scritti nell'attivit quotidiana domestica e lavorativa con lo scopo di realizzare i propri obiettivi e di sviluppare le proprie potenzialit e il proprio sapere. 

Lindagine Ials-Sials, inoltre, ha evidenziato che le metodologie usate in questo tipo di ricerca, che uniscono modalit di approccio proprie delle indagini demoscopiche a quelle specifiche della ricerca educativa, danno la possibilit di misurare, in via comparativa, abilit di tipo cognitivo relative alla lettura, scrittura e calcolo ed anche di fornire molte altre informazioni riferibili alla cultura della popolazione, utili per lanalisi e per lindirizzo delle politiche sociali e del lavoro.
Come conseguenza diretta di Ials-Sials, Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) nel 1999 con la collaborazione di Statistics Canada e del National Center for Education Statistics (USA-Nces), ha proposto, ai Paesi che gi avevano partecipato o che stavano partecipando a Ials-Sials, di  valutare l'opportunit di avviare una nuova indagine, che, in modo specifico, allargasse il campo di rilevazione ad un complesso di "altre" abilit definite come Lifeskills, Abilit per la vitaInternational life skills survey (Ilss) il nome proposto per la nuova ricerca.
Un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Statistics Canada e Nces, affiancato da gruppi distinti per caratteristiche linguistico/culturali, ha svolto il lavoro preliminare di esplorazione di ambiti e quadri metodologici adeguati a rilevare, attraverso l'accertamento diretto a fini comparativi, il nuovo complesso di abilit/competenze.

Il primo risultato di questo lavoro stato sostanzialmente un elenco di quello che doveva essere incluso nella nuova ricerca e degli apparati e strumenti metodologici necessari per svilupparla.
Il quadro metodologico dell'indagine Ials-Sials viene confermato per la rilevazione delle competenze alfabetiche funzionali relative alla comprensione/produzione di testi scritti in vari formati (testi in prosa, brevi, lunghi, densi, ecc., ed inoltre grafici, elenchi, tabelle, ecc.); settore autonomo di rilevazione appare, nella nuova ricerca, la numeracy, competenza matematica funzionale, riferita all'uso di linguaggi e di procedure formalizzate; a questi due ambiti, pi tradizionali nella definizione delle competenze di base, interpretate come capacit di leggere, scrivere e far di conto, si aggiunge la necessit di studiare la capacit di ragionare in modo organizzato al fine di impostare e raggiungere/trovare soluzione a problemi, ragionamento analitico e problem solving, per indicare in modo schematico l'ambito molto complesso di competenze procedurali e capacit creative.
Immagine tratta da DIA, fornita da OlycomLa diffusione dei nuovi strumenti e delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) pongono l'esigenza di costruire prove capaci di testare le nuove competenze relative ai nuovi alfabeti ed ai nuovi linguaggi, cos come le necessit della partecipazione sociale e la complessit di realt lavorative, in continuo cambiamento, propongono, come competenze/abilit essenziali, la capacit di operare in gruppo, di essere componente/leader di una squadra (team work) e di tener conto di quel sapere pratico, spesso inespresso, il tacit knowledge per citare Sternberg (1997), che condiziona fortemente i comportamenti "culturali" della popolazione adulta nei vari contesti in cui questa si esprime.

Due esigenze condizionano il lavoro di impostazione della nuova ricerca:

  • la necessit di evitare che i nuovi settori di indagine vengano inficiati da distorsioni indotte dai modelli culturali appartenenti ai vari gruppi proponenti;
     
  • il criterio di riferire le abilit per la vita all'agire efficace in ambito lavorativo e sociale e quindi entro contesti multidimensionali pu comportare la conseguenza che queste competenze/abilit non possano essere sempre osservate direttamente, poich hanno lo status di costrutti latenti, potenzialit in vista di prestazioni efficaci, performance, cui si pu avere accesso solo indirettamente attraverso indicatori, spesso non univoci.

Sono queste le difficolt che, malgrado linvestimento di un numero considerevole di esperti e risorse, hanno impedito la produzione di criteri adeguati per la definizione e la misurazione di prestazioni prodotte in tutti i campi sopra elencati e quindi sia ragioni di tempo, sia il deficit di ricerca in alcuni ambiti, hanno suggerito l'opportunit di modificare l'impianto iniziale ed il numero di abilit da includere nella ricerca da proporre in via definitiva.
Queste sostanzialmente le ragioni che hanno portato a eliminare e sostituire l'esplorazione del sapere tacito (pratical cognition) e la rilevazione diretta del lavoro in gruppo, ed anche la scelta di non testare direttamente le abilit relative alle ICT e registrarne invece la diffusione e gli atteggiamenti della popolazione.
Per ragioni simili il problem solving, come categoria generale, non stato presentato, mentre si lavorato piuttosto alla rilevazione di abilit di ragionamento analitico.
L'approccio funzionale rimane il criterio fondamentale per marcare in senso specifico il concetto di abilit/competenza, distinguendolo da altri concetti quali l'intelligenza, la predisposizione a , ecc. cos come il ruolo delle competenze alfabetiche (letteratismo) rimane centrale per garantire l'accesso e l'esercizio di altre dimensioni dell'agire efficace.
E' in questo quadro che si ridefinisce il disegno dell'indagine e, ripartendo dall'esplorazione del letteratismo, competenza alfabetica funzionale, si compone intorno a questa l'insieme delle nuove dimensioni: All (Adult Literacy and Lifeskills, Letteratismo e abilit per la vita), sar l'acronimo della nuova indagine. 

Oltre allItalia sono impegnati in questa prima tornata di  indagine gli Usa (lingua inglese e spagnola), il Canada (lingua inglese e francese), Svizzera (italiano, francese e tedesco), Bermuda, Costarica, Norvegia, Belgio, Messico.
In Italia la ricerca si sta sviluppando a due livelli: un'indagine a livello nazionale e una a livello regionale, che coinvolge cinque regioni, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Trento e Toscana. Questa positiva novit il risultato di un processo istituzionale nuovo che, in relazione alla riforma del Titolo Quinto della Costituzione attribuisce compiti, responsabilit e competenze alle Regioni in materia di educazione degli adulti, queste vedono nella ricerca compartiva internazionale un supporto significato al loro lavoro.
I risultati dovrebbero essere disponibili in via definitiva entro il 2005.

Riferimenti bibliografici

Riferimenti per le Liste di abilit

Tratto da "Descrivere e misurare nuove competenze. All-Letteratismo e abilit per la vita, una ricerca comparativa" di Vittoria Gallina, pubblicato in CADMO, Giornale Italiano di Pedagogia Sperimentale. An International Journal of Educational Research,
IX, 1, 2003, pag. 103-122.

Alessandra Anichini, redazione webzine

Foto tratta dall'archivio immagini DIA di Indire - concessa da Olycom

 
Articoli correlati

Linee di tendenza del Sistema: landamento dei CTP nellultimo decennio censito
di Catia Cantini (02 Settembre 2009)

Una fotografia dell'educazione degli adulti
di Catia Cantini (15 Ottobre 2006)

Lalfabetizzazione funzionale attraverso la riappropriazione dei linguaggi
di Catia Cantini (12 Gennaio 2005)

L'abc dell'EdA: fra tradizione e cambiamento
di Catia Cantini (11 Dicembre 2004)

Cambiamenti e prospettive nell'Educazione degli Adulti
di Catia Cantini (11 Marzo 2004)

"Esperienze e vissuti: potenzialità sconosciute"
di Aureliana Alberici (01 Marzo 2004)

Il Seminario sulla Formazione permanente di Benevento
di Antonella Zuccaro (03 Dicembre 2003)

All: Adult Literacy and Lifeskills
di Alessandra Anichini (04 Ottobre 2003)