Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
{TITOLO_TOPIC_DIRETTO}

I progetti d'indagine Ocse

Descrivere e misurare nuove competenze

di Lorenzo Calistri
0 {MESE}

Dal 1997 l'Ocse promuove una serie di progetti. In quell'anno si stava completando lultimo round di Ials-Sials, si stava avviando il Pisa (International Project Student Assessment) per la rilevazione sulle competenze dei quindicenni; nello stesso periodo il gruppo dei responsabili Ines (Indicators of Education System) proponeva un impegno di riflessione sulla definizione concettuale dei vari aspetti in cui si tratta il problema delle competenze, escludendo per un periodo di tempo un lavoro di rilevazione diretto alla valutazione. Del resto la necessit di uno studio approfondito, volto a costruire un accordo il pi possibile condiviso sulle modalit di valutazione di un insieme di competenze fondamentali (key competencies), faceva nascere, sempre sotto gli auspici dell'Ocse, il progetto Deseco (Description and selection of Key competencies: Theortical and conceptual foundation) che, condotto dall'Ufficio Statistico Federale della Svizzera in collaborazione con il Nces, si concluder nel 2002 con la presentazione di un rapporto curato da D.S Ryche e LH Salganik, che contiene la sintesi di un dibattito ricco di tematiche vicine a quelle di  All (Adult Literacy and Lifeskills, Letteratismo e abilit per la vita).
Immagine tratta da DIA, fornita da OlycomA partire dal 2000 lo stretto legame tra  ricerca teorica e rilevazioni dirette presente alla riflessione dei decisori politici. I Responsabili di Ines nella Conferenza generale di Tokio (2000) ribadiscono l'impegno per la ricerca e i Ministri dell'Educazione dei paesi dellOcse, sempre nello stesso anno, sollecitano il  segretariato dellOcse perch proceda a sostenere le rilevazioni riferite ai life-skills degli adulti, ribadendo che ogni successiva ricerca non potr non tener conto del quadro concettuale di Deseco e delle risultanze empiriche di Ials e di All.
Se queste sono le posizioni di principio, va anche tenuto conto che nelle sedi della decisione politica il problema tempo ha un notevole peso.
La costruzione di strumenti di una ricerca che, conservandone opzioni e metodologie fondamentali, andasse al di l di Ials-Sials, ha richiesto 5 anni di lavoro (questi i tempi della impostazione di Ilss e della successiva definizione di All). Una ulteriore indagine, che volesse andare al di l di All, richiederebbe, alla sua conclusione, che non avverr prima del 2005, almeno  altri 5 anni, ad essere ottimisti; il prolungarsi dei tempi spinge verso prospettive diverse.
Nel 2002 il documento di Ines raccoglie le posizioni dei vari paesi sui saperi necessari, sulla stessa linea si muove la conferenza conclusiva di Deseco Ginevra, febbraio 2002).
Stabiliti in linea di massima i saperi necessari, il dibattito ruota intorno a questa questione: quali le abilit che dovranno essere testate?
Finora si sono valute abilit di literacy (abilit cognitiva), queste spiegano solo alcune variabili in relazione a quanto, nella vita adulta, pu essere considerato un positivo sviluppo e ritorno lavorativo e sociale (earns in inglese); ci sono altre abilit quali pianificare e organizzare o altre che, acquisibili nel periodo della istruzione formale, sono sviluppate e rafforzate nel corso della attivit di lavoro e di relazione (autodisciplina, autoregolazione, mantenimento degli impegni ecc.); Deseco elabora modelli di costellazioni di competenze e le seleziona sulla base di due criteri: garantire lagire autonomo e consentire di stare bene in un gruppo, in una rete di relazioni sociali. Sulla stessa linea lo SMG (Strategic Management Group) di Ines ritorna spesso sulla importanza di testare abilit non cognitive.
Il lavoro preparatorio di All fa vedere quanto sia costoso, ma soprattutto difficile concettualmente andare al di l della valutazione delle abilit cognitive, identificate nelle indagini sul letteratismo.
E vero che il Consiglio dell'Educazione Australiano ha prodotto una serie di prove per testare la capacit di capire gli altri, ma non chiaro se e come sar possibile estendere a livello internazionale questo tipo di prove, stabilite per ragazzi che, in quel paese, concludono la scuola secondaria. E' vero anche che esistono test che studiano la motivazione al successo o i comportamenti autoritari, ma difficile immaginare come tradurre tutto questo in set validi a livello internazionale e comparativo.

 

Tratto da "Descrivere e misurare nuove competenze. All-Letteratismo e abilit per la vita, una ricerca comparativa" di Vittoria Gallina,
pubblicato in CADMO, Giornale Italiano di Pedagogia Sperimentale.
An International Journal of Educational Research,
IX, 1, 2003, pag. 103-122.

Alessandra Anichini, redazione webzine

Foto tratta dall'archivio immagini DIA di Indire - concessa da Olycom 

 
Articoli correlati

Non sono presenti articoli correlati
di ( )