Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
IFTS-FORMAZIONE POST-SECONDARIA NON UNIVERSITARIA

Sistema integrato per il diritto all'apprendimento

Il sistema, i bisogni del cittadino, le reti, le istituzioni: l'Educazione degli Adulti nella prospettiva toscana.

di Catia Cantini
26 Marzo 2004

Nei laboratori tematici del Convegno di Borgo San Lorenzo "Lifelong Learning: la via toscana al sistema formativo integrato" si parlato di alcuni aspetti significativi delleducazione lungo tutto larco della vita alla luce dellesperienza toscana, che pu essere assunta a modello per lintero paese. Quattro gli argomenti chiave: "il territorio come luogo di integrazione", "la programmazione interistituzionale", "la gestione in rete" e "la valutazione di sistema".

Il primo gruppo di lavoro, che aveva il compito di discutere su come leggere i bisogni integrati del territorio, ha sviluppato il concetto di integrazione a partire dalla centralit del soggetto e dei suoi fabbisogni, la cui corretta messa a fuoco potrebbe essere raggiunta mediante tre strategie: individuando azioni funzionali alla rilevazione dei fabbisogni, valorizzando ci che gi in atto e organizzando incontri di tipo assembleare che mettano in contatto il privato con il pubblico. Pare soprattutto importante rilevare i bisogni inespressi, in modo da intaccare il muro dellemarginazione sociale, compito che potrebbe essere assolto dalla scuola e dalle associazioni, ovvero dai primi attori in grado di capire e indurre la domanda. Una rilevazione che nasce, dunque, dal basso e vuole essere funzionale alla progettazione in un contesto di condivisione di informazioni e procedure, anche da parte delle istituzioni (troppo spesso inclini ad innestare meccanismi di delega). Lattenzione al soggetto in formazione pu essere stimolata anche attraverso le misure di accompagnamento che facilitano il lavoro educativo sul territorio: accoglienza, ascolto e orientamento. Cercando dei possibili prototipi da utilizzare per il loro potenziale di trasferibilit sono stati citati i Comitati locali, quali esperti di programmazione integrata, e i Circoli di studio, la cui conoscenza del territorio li rende una valida cabina di regia dei progetti.   

Il secondo gruppo di lavoro si occupato della programmazione interistituzionale ricercando i punti di forza e di debolezza della realt toscana: una realt avanzata che si fa portavoce di politiche tese a superare le divisioni interistituzionali e che combatte il rischio di autoreferenzialit dei vari attori (soprattutto della scuola) per sostenere il processo di integrazione in atto. Daltra parte non mancano punti di criticit: auspicabile, ad esempio, che sia rafforzata la funzione dellassociazionismo e degli organismi terzi, attenti mediatori tra i bisogni espressi dal basso e le istituzioni che governano il sistema. stato, inoltre, evidenziato il bisogno di maggiori risorse certe da distribuire ai sistemi locali (anche tramite criteri di incentivazione e co-finanziamento): non si pu dimenticare che al di l del Fondo Sociale Europeo  - che non una fonte certa - il processo di crescita si realizza innanzitutto a partire dal tessuto socioculturale del territorio stesso.

Il terzo gruppo ha affrontato il tema come lavorare in rete ponendo quale valore primario il fatto che una rete vive innanzitutto di relazioni: essa una forma di relazione tra realt tendenzialmente omogenee. , quindi, necessario creare un clima relazionale che tenga conto della professionalit degli attori, nel rispetto dei ruoli di ciascuno: questo significa chiarezza, trasparenza e responsabilit. Nel concetto di rete sembrano convergere due diversi modelli: la rete territoriale e quella telematica. Se la prima ha un approccio legato soprattutto alle realt locali e pu quindi garantire unimportante mappa concettuale, la seconda risponde a un quadro di lavoro ben pi vasto, consentendo il riconoscimento del patrimonio del cittadino e rendendo visibile su vasta scala la rappresentativit di ogni realt. La rilevazione dei fabbisogni locali, spesso operata dalle reti territoriali, un elemento indispensabile per migliorare la ricollocazione delladulto che rientra in formazione, rientro che dovrebbe mirare non solo alloccupabilit ma anche allo sviluppo della cittadinanza attiva e alla lotta contro lesclusione sociale. La rete telematica, intesa come ipostasi della rete territoriale, svolge funzioni differenti e non meno significative: partecipa allottimizzazione, distribuzione e valorizzazione delle risorse e si pone come spazio aperto di discussione su una delle tematiche pi delicate e urgenti delleducazione degli adulti: il riconoscimento delle competenze. Costruire una moneta di scambio europea sulla validit delle certificazioni , infatti, uno dei principali obiettivi da raggiungere in una societ flessibile e in continua espansione come quella attuale. Per fare questo serve un governo dei sistemi che consenta il raccordo dei soggetti a vari livelli: nazionale, regionale, provinciale e locale. In tal senso la rete informatica uno strumento potenzialmente adeguato a condividere le pratiche di gestione garantendo un minimo di unitariet al sistema (naturalmente, nel pieno rispetto delle diversit di ciascuno); uno dei rischi che si corrono , infatti, quello della polverizzazione delle procedure e delle esperienze.

Il quarto gruppo, il cui focus era come valutare il sistema, ha evidenziato la necessit di un rinnovamento culturale che superi il vecchio retaggio della valutazione scolastica (dove valutare significa giudicare), cogliendo nella valutazione il suo valore di attribuzione di significato, di ricerca e di ricomprensione del sistema. Intesa come facilitazione allo sviluppo del sistema, la valutazione viene ad intrecciarsi al concetto di e-governance: stato ricordato che i sistemi che vivono pi a lungo sono quelli che si autoregolano. Questo implica uno sforzo orientato a costruire i presupposti che rendano possibile una maggiore chiarezza degli obiettivi e delle linee strategiche, anche attraverso la comparabilit e la trasparenza dei risultati. Ci che invece va evitato lautoreferenzialit del sistema che si fonda spesso su logiche in cui le risorse sono distribuite proprio dove c meno bisogno.

Grazie allattenzione esclusiva riservata alla persona e alle sue esigenze, leducazione degli adulti non un semplice settore del Lifelong Learning: ne piuttosto il paradigma, e potrebbe quindi indicare allintero sistema i percorsi esemplari da seguire, anche nellottica della lotta allesclusione sociale.


 

Catia Cantini, Servizio EdA [c.cantini@indire.it]

 
Articoli correlati

Verso il Regolamento dei nuovi Istituti Tecnici Superiori
di Claudia Chellini (09 Febbraio 2011)

Gli Istituti Tecnici Superiori nelle Regioni
di Veronica Forni e Caterina Librandi (07 Febbraio 2011)

Gli ITS: la specializzazione tecnica dopo il diploma
di Paola Castellini (27 Gennaio 2011)

Lo stato dell'istruzione tecnica in quattro risposte
di Francesco Vettori (09 Marzo 2009)

Concorso nazionale per gli Istituti Scolastici Secondari Superiori
di Donatella Rangoni (07 Febbraio 2005)

IFTS - Formazione post-secondaria non-universitaria
di Claudia Chellini (23 Ottobre 2004)

Accogliere per apprendere, apprendere ad accogliere
di Catia Cantini (01 Gennaio 2003)