Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STANDARD DI APPRENDIMENTO

Laccordo tra Stato e Regioni per la definizione degli standard formativi

Intervista a Giovanni Biondi, Direttore di Indire, Istituto che ha contribuito alla definizione degli standard formativi minimi sulle competenze

di Michela Salcioli
15 Aprile 2004

Qual limportanza del Documento tecnico per la definizione degli standard formativi approvato dalla conferenza Stato-Regioni il 15 gennaio 2004?

 
Il documento del 15 gennaio 2004 un punto di partenza per la definizione del rapporto tra stato e regioni sul tema della formazione professionale. Si tratta del primo accordo passato in Conferenza Unificata Stato-Regioni, che ipotizza un percorso di raccordo tra il livello nazionale e quello regionale sul sistema delle competenze. Oltre che nella formazione professionale anche nel sistema scolastico si sta passando ad un decentramento alle regioni di compiti e funzioni. Laccordo pertanto va letto per cercare di comprendere quanto rimane al centro e quanto passa alle regioni.


Laccordo prevede la contestualizzazione regionale delle competenze per la definizione degli standard minimi e dei criteri di certificazione. Qual la sua posizione?

La contestualizzazione territoriale garantisce il riconoscimento delle competenze tra le regioni, a livello nazionale ed internazionale. Nellultima parte di questo accordo, infatti,  si fa costante riferimento agli impegni assunti in sede di Unione Europea dal nostro Paese, al fine di consentire la mobilit e il riconoscimento dei percorsi formativi.
I compiti dellambito nazionale riguardano la definizione e la classificazione delle competenze, la determinazione dei criteri generali di certificazione attraverso lutilizzo di un libretto formativo personale. La questione della certificazione presenta, a mio parere, ancora aspetti di debolezza, poich il libretto formativo personale utilizzato come strumento di certificazione soltanto un portfolio.
Un altro elemento critico del documento rappresentato dalla definizione delle aree di articolazione degli Standard definite da Indire e da ISFOL durante lestate 2003. Le aree si basano su due modelli diversi: il primo definisce gli standard rispetto al contenuto, laltro in relazione alle prestazioni dei soggetti. Si tratta di due impostazioni culturali diverse che per il documento assume senza operare alcuna scelta.
Alle regioni spettano i compiti di  contestualizzazione territoriale, di individuazione delle modalit e delle procedure di verifica oltre alla declinazione delle competenze. In realt, la contestualizzazione  rispetto a certi aspetti pi apparente che reale poich lapprendimento delle competenze di base, ad esempio, sulluso del computer uguale in tutte le regioni. Il rischio del decentramento che ciascuna regione crei, anche per problemi che sul piano dei contenuti sono uguali, un proprio sistema di riferimento. In questo momento, il governo lascia alle regioni la libert di articolarsi in modo autonomo; importante che sugli standard minimi stabiliti a livello nazionale ci sia la possibilit di dialogo interregionale e che tutti, indipendentemente dal percorso seguito,  arrivino allo stesso livello. Questo modello ha una sua storia negli Stati Uniti o nel mondo anglosassone, dove alla scuola lasciata la possibilit di crearsi anche i programmi, ma  dove esiste un forte sistema di valutazione. In Italia deve, invece, ancora nascere un sistema nazionale di valutazione, soprattutto deve svilupparsi una cultura della valutazione, che garantisca la certificazione delle competenze in maniera oggettiva.


Quali sono i vantaggi dellutilizzo degli standard minimi?

Gli standard garantiscono la flessibilit dei percorsi e permettono agli studenti di personalizzare il proprio curricolo formativo. Nel nostro modello di rappresentazione dei livelli di competenza, gli standard rappresentano un sistema dinamico e non un dispositivo per definire i traguardi che lo studente dovr raggiungere. Questo sistema consente di far conoscere ai soggetti in formazione il livello rispetto ad unarea e di seguire percorsi personalizzati. Il problema degli standard oggettivamente legato al problema della valutazione che, attualmente, orientata pi sui processi e che non sui prodotti, sui risultati. Laccreditamento dei soggetti erogatori dovrebbe poi garantire la qualit dei processi e dei risultati. Ritengo che si debba imboccare una strada nuova: non possiamo solo affidare i risultati alla qualit della progettazione. Dobbiamo cio uscire da una prospettiva che pone unattenzione elusiva al processo per preoccuparsi anche del prodotto.

 

editing di Michela Salcioli, Ufficio Comunicazione, Indire 

 
Articoli correlati

Maria Rosaria Capuano: la competenza della qualità
di Francesco Vettori (15 Marzo 2005)

Breve storia di due parole oggi sulla bocca di tutti
di Massimo Acciai (15 Novembre 2004)

Standard come 'regolatori' dei processi di formazione
di Michela Salcioli (18 Febbraio 2004)

Valorizzare il capitale delle conoscenze di ognuno
di Indire Comunicazione (06 Febbraio 2004)

Standard, competenze e mondo del lavoro
di Laura Coscia (06 Febbraio 2004)

Standard e competenze secondo il thesaurus del Cedefop
di Isabel de Maurissens (03 Febbraio 2004)

Standard: un contenuto in azione, teso al suo sviluppo
di Lucio Guasti (21 Gennaio 2004)

Standard e competenze secondo l'ISFOL
di Indire Comunicazione (21 Gennaio 2004)