Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
RIFORMA

Nuove modifiche alla riforma dell'università

Ora con i nuovi corsi si diventa "dottori", "dottori magistrali" e "dottori di ricerca"

di Silvia Vecci
09 Settembre 2003

Lo scorso mese di aprile il Ministro dell'Istruzione Letizia Brichetto Moratti ha avviato formalmente le procedure per la revisione del Regolamento n.509 del 1999 che indica le norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei. Tale regolamento definiva la nuova struttura degli ordinamenti didattici universitari, anche a seguito degli impegni presi a livello europeo con la sottoscrizione della Dichiarazione di Bologna il 19 giugno 1999.

Il testo delle modifiche al Regolamento stato trasmesso al CUN (Consiglio Universitario Nazionale), alla CRUI (Conferenza dei Rettori delle Universit Italiane), al CNSU (Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari) e al CNSVU (Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario). L'iter prevede in seguito il parere del Consiglio di Stato e delle Commissioni VII di Camera e Senato. Il CUN esprimer il parere nella seduta del 9-11 settembre.

La riforma dell'universit prevista dal regolamento 509/99 (laurea + laurea specialistica) viene mantenuta, ma vengono introdotte alcune modifiche per garantire maggiore flessibilit e porre rimedio ad alcuni problemi verificatisi gi nella prima fase di attuazione della riforma.

Le principali modifiche previste dalla bozza di revisione del Regolamento 509/99 sono le seguenti:

-Gli studenti si iscrivono alle classi di laurea e, dopo una formazione comune di base di almeno 60 crediti formativi universitari (CFU), vengono orientati dalle universit verso un percorso professionalizzante (ulteriori 120 crediti) o verso un percorso di studio metodologico e scientifico (sempre 120 crediti)

-La laurea di secondo livello viene ridenominata "laurea magistralis". Ad essa corrispondono 120 crediti. Ai percorsi di "laurea magistralis" si pu accedere con il possesso della laurea sulla base di criteri definiti dagli atenei

-Oltre ai dottorati di ricerca e ai master di primo e secondo livello, le universit possono istituire corsi di perfezionamento scientifico e corsi di alta formazione permanente e ricorrente

-I titoli di studio (laurea e laurea magistralis) dovranno essere corredati, al momento del rilascio, del "supplemento al diploma", che certificher la carriera dello studente in coerenza con quanto avviene negli altri Paesi dell'Unione Europea, consentendo una maggiore trasparenza dei curricula, anche ai fini di un pi efficace inserimento nel mondo delle professioni e una maggiore mobilit in tutti gli atenei d'Europa

-Anche coloro che hanno conseguito un diploma universitario di durata triennale come previsto dalla legge 341/1990 potranno accedere direttamente ai corsi di "laurea magistralis" senza dover acquisire la laurea

-A livello nazionale verranno stabilite le attivit didattiche di base e caratterizzanti da un minimo di 50 a un massimo di 65% dei crediti formativi, lasciando agli atenei piena autonomia nella definizione della residua percentuale dei crediti formativi. Gli atenei dovranno indicare i crediti riservati agli studenti, le attivit di tirocinio e stages, l'apprendimento delle lingue e dell'informatica e le attivit per l'inserimento nel mondo del lavoro

-Viene ribadita e messa in evidenza la necessit che gli atenei definiscano la progettazione dei corsi in stretta aderenza alle esigenze del mercato del lavoro e delle professioni e in funzione degli sbocchi professionali

Viene confermato che ai laureati di primo livello viene riconosciuto il titolo di "dottore", ai possessori della "laurea magistralis" spetter il titolo di "dottore magistrale" e ai possessori del dottorato di ricerca il titolo di "dottore di ricerca".

Articolo a cura di Silvia Vecci - Indire (s.vecci@indire.it)

 
Articoli correlati

Il rilancio dellIstruzione e formazione tecnica superiore
di Alessandra Lazazzara (06 Agosto 2004)

Aumenta la domanda di personale formato e specializzato
di Alessandra Lazazzara (06 Agosto 2004)

Valutazione didattica e riforma dell'istruzione
di Francesco Vettori (08 Giugno 2004)

I sei elementi chiave della riforma dell'istruzione americana
di Stefania Chipa (04 Giugno 2004)

La riforma della scuola. Stato, attuazione e prospettive
di Isabel de Maurissens (17 Maggio 2004)

De Marchi e l'approccio umanistico alla selezione docenti
di Luigi De Marchi (10 Settembre 2003)

Il Mediatore scolastico in Svizzera
di Patrizia Lotti (09 Settembre 2003)