Questo sito è stato archiviato il 22/07/2016. Visita il nuovo sito è: eurydice.indire.it
Questo sito è graficamente più gradevole se visto con un browser (Internet Explorer, Netscape, Opera ecc) che supporta gli standard web, anche se è accessibile con qualsiasi browser o dispositivo internet.




Ricerca libera



Articoli di Eurydice

Differenze di genere: gli stereotipi rappresentano ancora la sfida maggiore per i sistemi educativi europei 15/06/2010

La rete Eurydice ha appena pubblicato un nuovo studio dal titolo 'Gender Differencies in Educational Outcomes: Study on the Measures Taken and the Current Situation in Europe', che affronta il tema della disparità di genere in ambito educativo.
Erica Cimò

Questa nuova pubblicazione rappresenta un contributo della rete Eurydice al dibattito sulle differenze di genere nel settore dell'istruzione, come richiesto dalla Presidenza svedese al Consiglio dell'Unione europea (secondo semestre del 2009).


Lo studio, appena presentato dalla Commissione europea, comprende 29 paesi e copre tutti i livelli educativi; esso prende in esame le modalità attraverso le quali i paesi europei affrontano le diseguaglianze tra i sessi in ambito educativo, e il risultato dell'analisi mostra come ancora troppe differenze sussistano nella scelta degli studi e nei risultati dell'apprendimento.


In particolare, il Commissario europeo responsabile per l'istruzione, Androulla Vassiliou, ha affermato: "La correlazione tra genere e risultato educativo è mutata notevolmente nell'ultimo cinquantennio ed ora le differenze acquistano forme più complesse. Il personale scolastico è costituito principalmente da donne, ma i sistemi educativi sono gestiti da uomini. Il numero maggiore di laureati sono donne, mentre il fenomeno della dispersione scolastica interessa per lo più i ragazzi."


Presentiamo qui di seguito alcuni risultati chiave dello studio:


I ruoli di genere e gli stereotipi sono il principale ostacolo da superare


Tutti i paesi europei, tranne alcune eccezioni, dispongono di politiche in materia di parità tra i sessi nel campo dell’istruzione o intendono dotarsene. L’obiettivo primario è superare i tradizionali ruoli e gli stereotipi legati al sesso. Tra gli altri obiettivi vi sono: l’aumento della presenza delle donne negli organi decisionali, il superamento dei modelli relativi ai risultati educativi in funzione del sesso, e la lotta alle molestie basate sul genere nelle scuole. Scarse sono le iniziative dei governi volte a informare i genitori sulle tematiche della parità tra i sessi e a coinvolgerli maggiormente nella promozione della parità di genere nel mondo dell’istruzione.


Figura 1


Le ragazze raggiungono di solito livelli di istruzione più elevati e ottengono un punteggio maggiore negli esami di diploma rispetto ai ragazzi mentre questi ultimi hanno maggiori probabilità di lasciare la scuola o di ripetere l’anno. Da indagini internazionali emerge che i ragazzi tendenzialmente non hanno buone capacità di lettura, mentre le ragazze hanno di solito maggiori problemi con la matematica: queste considerazioni riguardano circa un terzo dei sistemi educativi in Europa. Il background socio-economico rimane tuttavia il fattore maggiormente determinante.


La Commissione europea affronta la questione delle disparità di genere nel campo dell’istruzione sia incoraggiando la cooperazione politica tra i paesi dell’UE sia attraverso i suoi programmi di finanziamento. La lotta all’esclusione sociale e la disparità di genere è una delle priorità chiave nell’ambito del sostegno finanziario che l’Unione europea eroga, attraverso il programma di apprendimento permanente, a progetti e partenariati multinazionali nel campo dell’istruzione.


Figura 2


L’orientamento professionale con connotazione di genere è rivolto alle ragazze


Molti ragazzi e molte ragazze delle scuole secondarie superiori continuano a scegliere carriere che rispecchiano i ruoli tradizionali di genere. Occorre offrire un orientamento professionale adeguato per affrontare la questione e si devono sensibilizzare i consulenti che indirizzano i giovani nella scelta delle carriere per consentire loro di avere una maggiore consapevolezza delle problematiche di genere e per avere gli strumenti per mettere in discussione gli stereotipi.


Figura 3


Un orientamento che tiene in considerazione le componenti di genere è disponibile attualmente solo nella metà dei paesi europei, ed è rivolto per lo più alle ragazze piuttosto che ai ragazzi: si tratta, di solito, di incoraggiamenti alle ragazze a scegliere carriere nel campo della tecnologia e delle scienze naturali. Anche se vi sono iniziative e progetti individuali interessanti, mancano strategie nazionali di portata generale, volte a superare gli stereotipi di genere per quanto riguarda la scelta delle carriere come mancano anche le iniziative rivolte ai ragazzi.


Le politiche relative all’istruzione superiore si prefiggono per lo più di accrescere il numero di donne nel campo della matematica, delle scienze e della tecnologia


Le donne rappresentano la maggioranza degli studenti e dei laureati in quasi tutti i paesi e sono particolarmente presenti nel mondo dell’istruzione, della sanità, nel welfare e negli ambiti umanistico e artistico. Gli uomini sono maggiormente presenti nell’ingegneria, nell’industria manifatturiera e nelle costruzioni.
Circa i due terzi dei paesi hanno posto in atto politiche per la parità tra i sessi nel campo dell’istruzione superiore, che tuttavia riguardano soltanto le donne. D’altra parte, la proporzione delle donne tra il personale didattico nelle istituzioni dell’istruzione superiore cala progressivamente con l’ascesa nella piramide accademica. Tuttavia, soltanto un terzo dei paesi ha attuato politiche concrete per affrontare questo problema di segregazione verticale.


Figura 4  


Per scaricare il testo integrale dello studio Gender Differences in Educational Outcomes: Study on the Measures Taken and Current Situation in Europe in inglese clicca qui.


A breve sarà disponibile la copia cartacea dello studio in lingua inglese, che potrà essere richiesta a eurydice.italia@indire.it.


La traduzione in italiano dello studio è prevista entro il 2010.

DESCRITTORI: curricolo -

 
Erasmus Plus Italia   Indire logo Miur    

ERASMUS + AGENZIA NAZIONALE INDIRE 2015 ©