Dante e la Commedia

“… La Commedia - scrive Auerbach – è veramente un’immagine del mondo terreno: con tutta la sua ampiezza e la sua profondità esso é compreso nella struttura dell'aldilà, completo, non falsato e ordinato definitivamente; la confusione del suo corso non è taciuta e nemmeno mitigata, o privata delle sue qualità sensibili, ma mantenuta in piena evidenza e fondata su un piano che lo comprende e lo libera da ogni apparenza casuale. Dottrina e fantasia, storia e mito, si intrecciano nella sua struttura in un quadro difficilmente districabile, spesso un verso richiede forza e tempo quasi impossibili prima di schiudere qualcosa di quello che vi è contenuto; ma quando si è riusciti ad avere una visione d'insieme, allora i cento canti, nello splendore delle terzine, nel loro sempre rinnovato intrecciarsi e sciogliersi, svelano la leggerezza di sogno e l'inattingibilità della perfezione, che sembra librarsi senza fatica, come una danza di figure ultraterrene”.
La citazione del grande studioso mira a chiarire lo scopo della sezione, cioè offrire la possibilità di riscoprire, attraverso contributi scientifici di rilievo, la pregnanza concettuale e la bellezza di alcuni canti, di cogliere in filigrana alcune tematiche che attraversano la Commedia, o più semplicemente di condividere quanto dice Contini a proposito del grande Poeta: “L’impressione genuina del postero, incontrandosi con Dante non è d’imbattersi in un tenace e ben conservato sopravvissuto, ma di raggiungere qualcuno arrivato prima di lui” o, ancora, di chiedersi con De Sanctis “Che cosa è dunque la Commedia? E' il Medioevo realizzato, come arte ... La vita guardata dall'altro mondo acquista nuove attitudini, sensazioni e impressioni. L'altro mondo guardato dalla Terra veste le sue passioni e i suoi interessi... sono due mondi onnipresenti, in reciprocanza d'azione, che si succedono, si avvicendano, s'incrociano, si compenetrano, si spiegano e s'illuminano a vicenda, in perpetuo ritorno l'uno nell'altro." (M.F.)

Saggi critici

  Dante cittadino del mondo
 di Maria Fortunato
  La morte della pietà
 di Enrico Malato
  Paradiso, XX
 di Luca Serianni
  Lettura di Dante
 di Vittorio Coletti
  Il movimento della poesia
 di Davide Rondoni
  Inferno, XXXII
 di Luca Serianni


Studi disciplinari

  La Lingua
 di Luca Serianni
  La Teologia
 di Paolo De Benedetti
  La Poesia
 di Franco Loi
  La Filosofia
 di Salvatore Natoli
  La Politica
 di Mino Martinazzoli
  Il Diritto
 di Gherardo Colombo
  La Scienza
 di Edoardo Boncinelli

Sette conferenze pubblicate nel volume Nostro Dante Quotidiano - La commedia a Convivio, organizzata dal organizzate dal Liceo Scientifico Calini di Brescia, grazie al Rotary Club locale, con il patrocinio morale della Società Dante Alighieri, per i tipi de L’Obliquo, Brescia, 2008.

/DanteCorretto1.pdf Scarica l'intero volume.