Bologna Process
LLP Italia DG Istruzione e Cultura crui MiUR Agenzia Nazionale per lo Sviuluppo dell'Autonomia Scolastica ex-Indire HEA
IL PROCESSO DI BOLOGNA

Sito realizzato nel corso delle campagne di informazione sul Processo di Bologna fino al 2013.
Per il nuovo sito CHEER - EHEA 2014/2016 cliccare qui
 
> Bologna Experts
> Referenti di Ateneo
> Referenti AFAM
> Seminari nazionali
> Seminari locali
> Alta formazione Artistica e Musicale
> Cicli di studio e titoli di studio
> Crediti ECTS
> Percorsi Internazionali
> Diploma supplement
> Istruzione e ricerca
> Mobilità
> Quadri dei titoli
> Qualità
> Riconoscimento titoli
> Apprendimento permanente (lifelong learning)
> Dimensione sociale
> Occupabilità
> Partecipazione degli attori
> Conversione dei voti in Europa
> Documenti nazionali
> Documenti del processo di Bologna
> Contributi al processo
> Padova, 11 e 12 dicembre 2013, Qualità della mobilità internazionale: progressi compiuti
> Comunicato di Bucharest (2012)
> Versione italiana Standards e Linee Guida europei per la QA
> Mozione Berlinguer al Parlamento europeo sul Processo di Bologna
> Mozione della Giunta CRUI sul follow-up del Processo di Bologna
> EUA, Carta delle Università europee sull'apprendimento permanente
> Diploma Supplement (DS): il bollo non è più dovuto!!!
> ECTS - Guida per l'Utente
> Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore
> Comunicato di Budapest e Vienna (2010)
> Stocktaking 2009
> Pubblicata la nuova "ECTS User's Guide"
> Comunicato di Lovanio - 28-29 aprile 2009
> Rapporto ESIB
> Dichiarazione di Lisbona dell'EUA - traduzione italiana
> Trends V
> Settore Afam: linee guida per il Diploma Supplement sul sito del Miur
> Comunicato di Londra 2007
> Stocktaking 2007

Comunicato di Londra 2007


Towards the European Higher Education Area: responding to
challenges in a globalised world


London, 18th may 2007


1. Introduction

1.1 We, the Ministers responsible for Higher Education in the countries participating in the Bologna Process, have met in London to review progress made since we convened in Bergen in 2005.
1.2 Based on our agreed criteria for country membership, we welcome the Republic of Montenegro as a member of the Bologna Process.
1.3 Developments over the last two years have brought us a significant step closer to the realisation of the European Higher Education Area (EHEA). Building on our rich and diverse European cultural heritage, we are developing an EHEA based on institutional autonomy, academic freedom, equal opportunities and democratic principles that will facilitate mobility, increase employability and strengthen Europe’s attractiveness and competitiveness. As we look ahead, we recognise that, in a changing world, there will be a continuing need to adapt our higher education systems, to ensure that the EHEA remains competitive and can respond effectively to the challenges of globalisation. In the short term,we appreciate at implementing the Bologna reforms is a significant task, and appreciate the continuing support and commitment of all partners in the process. We welcome the contribution of the working groups and seminars in helping to drive forward progress. We agree to continue to work together in partnership, assisting one another in our efforts and promoting the exchange of good practice.
1.4 We reaffirm our commitment to increasing the compatibility and comparability of our higher education systems, whilst at the same time respecting their diversity. We recognise the important influence higher education institutions (HEIs) exert on developing our societies, based on their traditions as centres of learning, research, creativity and knowledge transfer as well as their key role in defining and transmitting the values on which our societies are built. Our aim is to ensure that our HEIs have the necessary resources to continue to fulfil their full range of purposes. Those purposes include: preparing students for life as active citizens in a democratic society; preparing students for their future careers and enabling their personal development; creating and maintaining a broad, advanced knowledge base; and
stimulating research and innovation.
1.5 We therefore underline the importance of strong institutions, which are diverse, adequately funded, autonomous and accountable. The principles of nondiscrimination and equitable access should be respected and promoted throughout the EHEA. We commit to upholding these principles and to ensuring that neither students nor staff suffer discrimination of any kind.

2. Progress towards the EHEA

2.1 Our stocktaking report, along with EUA’s Trends V report, ESIB’s Bologna With Student Eyes and Eurydice’s Focus on the Structure of Higher Education in Europe, confirms that there has been good overall progress in the last two years. There is an increasing awareness that a significant outcome of the process will be a move towards student-centred higher education and away from teacher driven provision. We will continue to support this important development.
Mobility
2.2 Mobility of staff, students and graduates is one of the core elements of the Bologna Process, creating opportunities for personal growth, developing international cooperation between individuals and institutions, enhancing the quality of higher education and research, and giving substance to the European dimension.
2.3 Some progress has been made since 1999, but many challenges remain. Among the obstacles to mobility, issues relating to immigration, recognition, insufficient financial incentives and inflexible pension arrangements feature prominently. We recognise the responsibility of individual Governments to facilitate the delivery of visas, residence and work permits, as appropriate. Where these measures are outside our competence as Ministers for Higher Education, we undertake to work within our respective Governments for decisive progress in this area. At national level, we will work to implement fully the agreed recognition tools and procedures and consider ways of further incentivising mobility for both staff and
students. This includes encouraging a significant increase in the number of joint programmes and the creation of flexible curricula, as well as urging our institutions to
take greater responsibility for staff and student mobility, more equitably balanced
between countries across the EHEA.
Degree structure
2.4 Good progress is being made at national and institutional levels towards our goal of an EHEA based on a three-cycle degree system. The number of students enrolled on courses in the first two-cycles has increased significantly and there has been a reduction in structural barriers between cycles. Similarly, there has been an increase in the number of structured doctoral programmes. We underline the importance of curricula reform leading to qualifications better suited both to the needs of the labour market and to further study. Efforts should concentrate in future on removing barriers to access and progression between cycles and on proper implementation of ECTS based on learning outcomes and student workload. We underline the importance of improving graduate employability, whilst noting that data gathering on this issue needs to be developed further.
Recognition
2.5 Fair recognition of higher education qualifications, periods of study and prior learning, including the recognition of non-formal and informal learning, are essential components of the EHEA, both internally and in a global context. Easily readable and comparable degrees and accessible information on educational systems and qualifications frameworks are prerequisites for citizens’ mobility and ensuring the continuing attractiveness and competitiveness of the EHEA. While we are pleased that 38 members of the Bologna Process, including Montenegro, have now ratified the Council of Europe/UNESCO Convention on the recognition of qualifications concerning Higher Education in the European region (Lisbon Recognition Convention), we urge the remaining members to do so as a matter of priority.
2.6 There has been progress in the implementation of the Lisbon Recognition Convention (LRC), ECTS and diploma supplements, but the range of national and institutional approaches to recognition needs to be more coherent. To improve recognition practices, we therefore ask the Bologna Follow-up Group (BFUG) to arrange for the ENIC/NARIC networks to analyse our national action plans and spread good practice.
Qualifications Frameworks
2.7 Qualifications frameworks are important instruments in achieving comparability and transparency within the EHEA and facilitating the movement of learners within, as well as between, higher education systems. They should also help HEIs to develop modules and study programmes based on learning outcomes and credits, and improve the recognition of qualifications as well as all forms of prior learning.
2.8 We note that some initial progress has been made towards the implementation of national qualifications frameworks, but that much more effort is required. We commit ourselves to fully implementing such national qualifications frameworks, certified against the overarching Framework for Qualifications of the EHEA, by 2010. Recognising that this is a challenging task, we ask the Council of Europe to support the sharing of experience in the elaboration of national qualifications frameworks. We emphasise that qualification frameworks should be designed so as to encourage greater mobility of students and teachers and improve employability.
2.9 We are satisfied that national qualifications frameworks compatible with the overarching Framework for Qualifications of the EHEA will also be compatible with the proposal from the European Commission on a European Qualifications Framework for Lifelong Learning.
2.10 We see the overarching Framework for Qualifications of the EHEA, which we agreed in Bergen, as a central element of the promotion of European higher education in a global context.
Lifelong Learning
2.11 The stocktaking report shows that some elements of flexible learning exist in most countries, but a more systematic development of flexible learning paths to support lifelong learning is at an early stage. We therefore ask BFUG to increase the sharing of good practice and to work towards a common understanding of the role of higher education in lifelong learning. Only in a small number of EHEA countries could the recognition of prior learning for access and credits be said to be well developed. Working in cooperation with ENIC/NARIC, we invite BFUG to develop proposals for improving the recognition of prior learning.
Quality Assurance and a European Register of Quality Assurance Agencies
2.12
The Standards and Guidelines for Quality Assurance in the EHEA adopted in Bergen (ESG) have been a powerful driver of change in relation to quality assurance. All countries have started to implement them and some have made substantial progress. External quality assurance in particular is much better developed than before. The extent of student involvement at all levels has increased since 2005, although improvement is still necessary. Since the main responsibility for quality lies with HEIs, they should continue to develop their systems of quality assurance. We acknowledge the progress made with regard to mutual recognition of accreditation and quality assurance decisions, and encourage continued
international cooperation amongst quality assurance agencies.
2.13 The first European Quality Assurance Forum, jointly organised by EUA, ENQA, EURASHE and ESIB (the E4 Group) in 2006 provided an opportunity to discuss European developments in quality assurance. We encourage the four organisations to continue to organise European Quality Assurance Fora on an annual basis, to facilitate the sharing of good practice and ensure that quality in the EHEA continues to improve.
2.14 We thank the E4 Group for responding to our request to further develop the practicalities of setting up a Register of European Higher Education Quality Assurance Agencies. The purpose of the register is to allow all stakeholders and the general public open access to objective information about trustworthy quality assurance agencies that are working in line with the ESG. It will therefore enhance confidence in higher education in the EHEA and beyond, and facilitate the mutual recognition of quality assurance and accreditation decisions. We welcome the establishment of a register by the E4 group, working in partnership, based on their proposed operational model. The register will be voluntary, self-financing, independent and transparent. Applications for inclusion on the register should be evaluated on the basis of substantial compliance with the ESG, evidenced through an independent review process endorsed by national authorities, where this endorsement is required by those authorities. We ask the E4 group to report progress to us regularly through BFUG, and to ensure that after two years of operation, the register is evaluated externally, taking account of the views of all stakeholders.
Doctoral candidates
2.15
Closer alignment of the EHEA with the European Research Area (ERA) remains an important objective. We recognise the value of developing and maintaining a wide variety of doctoral programmes linked to the overarching qualifications framework for the EHEA, whilst avoiding overregulation. At the same time, we appreciate that enhancing provision in the third cycle and improving the status, career prospects and funding for early stage researchers are essential preconditions for meeting Europe’s objectives of strengthening research capacity and improving the quality and competitiveness of European higher education.
2.16 We therefore invite our HEIs to reinforce their efforts to embed doctoral programmes in institutional strategies and policies, and to develop appropriate career paths and opportunities for doctoral candidates and early stage researchers.
2.17 We invite EUA to continue to support the sharing of experience among HEIs on the range of innovative doctoral programmes that are emerging across Europe as well as on other crucial issues such as transparent access arrangements, supervision and assessment procedures, the development of transferable skills and ways of enhancing employability. We will look for appropriate opportunities to encourage greater exchange of information on funding and other issues between our Governments as well as with other research funding bodies.
Social dimension
2.18 Higher education should play a strong role in fostering social cohesion, reducing inequalities and raising the level of knowledge, skills and competences in society. Policy should therefore aim to maximise the potential of individuals in terms of their personal development and their contribution to a sustainable and democratic knowledge-based society. We share the societal aspiration that the student body entering, participating in and completing higher education at all levels should reflect the diversity of our populations. We reaffirm the importance of students being able to complete their studies without obstacles related to their social and economic background. We therefore continue our efforts to provide adequate student services, create more flexible learning pathways into and within higher education, and to widen participation at all levels on the basis of equal opportunity.
The European Higher Education Area in a global context
2.19
We are pleased that in many parts of the world, the Bologna reforms have created considerable interest and stimulated discussion between European and international partners on a range of issues. These include the recognition of qualifications, the benefits of cooperation based upon partnership, mutual trust and understanding, and the underlying values of the Bologna Process. Moreover, we acknowledge that efforts have been made in some countries in other parts of the world to bring their higher education systems more closely into line with the Bologna framework.
2.20 We adopt the strategy "The European Higher Education Area in a Global Setting" and will take forward work in the core policy areas: improving information on, and promoting the attractiveness and competitiveness of the EHEA; strengthening cooperation based on partnership; intensifying policy dialogue; and improving recognition. This work ought to be seen in relation to the OECD/UNESCO Guidelines for Quality Provision in Cross-border Higher Education.

3. Priorities for 2009

3.1 Over the next two years, we agree to concentrate on completing agreed Action Lines, including the ongoing priorities of the three-cycle degree system, quality assurance and recognition of degrees and study periods. We will focus in particular on the following areas for action.
Mobility
3.2
In our national reports for 2009, we will report on action taken at national level to promote the mobility of students and staff, including measures for future evaluation. We will focus on the main national challenges identified in paragraph 2.3 above. We also agree to set up a network of national experts to share information, and help to identify and overcome obstacles to the portability of grants and loans.
Social Dimension
3.3 Similarly, we will report on our national strategies and policies for the social dimension, including action plans and measures to evaluate their effectiveness. We will invite all stakeholders to participate in, and support this work, at the national level.
Data collection
3.4
We recognise the need to improve the availability of data on both mobility and the social dimension across all the countries participating in the Bologna Process. We therefore ask the European Commission (Eurostat), in conjunction with Eurostudent, to develop comparable and reliable indicators and data to measure progress towards the overall objective for the social dimension and student and staff mobility in all Bologna countries. Data in this field should cover participative equity in higher education as well as employability for graduates. This task should be carried out in conjunction with BFUG and a report should be submitted to our 2009 Ministerial conference.
Employability
3.5 Following up on the introduction of the three-cycle degree system, we ask BFUG to consider in more detail how to improve employability in relation to each of these cycles as well as in the context of lifelong learning. This will involve the responsibilities of all stakeholders. Governments and HEIs will need to communicate more with employers and other stakeholders on the rationale for their reforms. We will work, as appropriate, within our governments to ensure that employment and career structures within the public service are fully compatible with the new degree system. We urge institutions to further develop partnerships and cooperation with employers in the ongoing process of curriculum innovation based on learning outcomes.
The European Higher Education Area in a global context
3.6
We ask BFUG to report back to us on overall developments in this area at the European, national and institutional levels by 2009. All stakeholders have a role here within their spheres of responsibility. In reporting on the implementation of the strategy for the EHEA in a global context, BFUG should in particular give consideration to two priorities. First, to improve the information available about the EHEA, by developing the Bologna Secretariat website and building on EUA’s Bologna Handbook; and second, to improve recognition. We call on HEIs,
ENIC/NARIC centres and other competent recognition authorities within the EHEA to assess qualifications from other parts of the world with the same open mind with which they would expect European qualifications to be assessed elsewhere, and to base this recognition on the principles of the LRC.
Stocktaking
3.7
We ask BFUG to continue the stocktaking process, based on national reports, in time for our 2009 Ministerial conference. We expect further development of the qualitative analysis in stocktaking, particularly in relation to mobility, the Bologna Process in a global context and the social dimension. The fields covered by stocktaking should continue to include the degree system and employability of graduates, recognition of degrees and study periods and implementation of all aspects of quality assurance in line with the ESG. With a view to the development of more student-centred, outcome-based learning, the next exercise should also address in an integrated way national qualifications frameworks, learning outcomes and credits, lifelong learning, and the recognition of prior learning.

4. Looking forward to 2010 and beyond

4.1
As the EHEA continues to develop and respond to the challenges of globalisation, we anticipate that the need for collaboration will continue beyond 2010.
4.2 We are determined to seize 2010, which will mark the passage from the Bologna Process to the EHEA, as an opportunity to reaffirm our commitment to higher education as a key element in making our societies sustainable, at national as well as at European level. We will take 2010 as an opportunity to reformulate the vision that motivated us in setting the Bologna Process in motion in 1999 and to make the case for an EHEA underpinned by values and visions that go beyond issues of structures and tools. We undertake to make 2010 an opportunity to reset our higher education systems on a course that looks beyond the immediate issues and makes them fit to take up the challenges that will determine our future.
4.3 We ask BFUG as a whole to consider further how the EHEA might develop after 2010 and to report back to the next ministerial meeting in 2009. This should include proposals for appropriate support structures, bearing in mind that the current informal collaborative arrangements are working well and have brought about unprecedented change.
4.4 Building on previous stocktaking exercises, Trends, and Bologna With Student Eyes, we invite BFUG to consider for 2010 the preparation of a report including an independent assessment, in partnership with the consultative members, evaluating the overall progress of the Bologna Process across the EHEA since 1999.
4.5 We delegate the decision on the nature, content and place of any Ministerial meeting in 2010 to BFUG, to be taken within the first half of 2008.
4.6 Our next meeting will be hosted by the Benelux countries in Leuven/Louvainla- Neuve on 28-29 April 2009.

 

 

 

COMUNICATO DI LONDRA: TRADUZIONE IN ITALIANO

 

 

Conferenza dei ministri dell’istruzione superiore
Londra, 17 - 18 maggio 2007

Comunicato di Londra
Verso lo Spazio europeo dell’istruzione superiore:
rispondere alle sfide di un mondo globalizzato

 

 

1. Introduzione

 

1.1 Noi, Ministri responsabili dell’istruzione superiore dei paesi partecipanti al Processo di Bologna, ci siamo riuniti a Londra per valutare i risultati ottenuti dopo il nostro incontro di Bergen del 2005.

1.2 Sulla base dei criteri già concordati per l’adesione di nuovi paesi, siamo lieti di accogliere la Repubblica del Montenegro fra i membri del Processo di Bologna.

1.3 A seguito delle azioni intraprese negli ultimi due anni, sono stati fatti significativi progressi nella la realizzazione dello Spazio europeo dell’istruzione superiore (European Higher Education Area - EHEA). Sulle fondamenta del nostro ricco e diversificato patrimonio culturale, stiamo costruendo  uno Spazio europeo dell’istruzione superiore – incentrato su autonomia istituzionale, libertà accademica, pari opportunità e principi democratici – che faciliterà la mobilità,  accrescerà l’occupazione e potenzierà la capacità di attrazione e la competitività dell’Europa. Guardando al futuro, ci rendiamo conto che in un mondo in continua evoluzione permane  la necessità di adeguare continuamente i nostri sistemi di istruzione superiore, per far sì che lo Spazio europeo dell’istruzione superiore  resti sempre competitivo e in grado di fronteggiare efficacemente le sfide della globalizzazione. A breve termine, riteniamo che il compito principale sia l’attuazione delle riforme del Processo di Bologna e apprezziamo il sostegno e l’impegno costante di tutti i paesi aderenti al Processo. Accogliamo con favore il contributo dei gruppi di lavoro e dei seminari che contribuiscono  all’avanzamento del Processo. Concordiamo sull’utilità di continuare a collaborare, fornendoci reciproca assistenza e promuovendo lo scambio di buone pratiche.

1.4 Riconfermiamo il nostro impegno ad aumentare la compatibilità e comparabilità dei nostri sistemi di istruzione superiore, rispettandone al tempo stesso la diversità. Riconosciamo  la grande influenza che le istituzioni di istruzione superiore esercitano sullo sviluppo delle nostre società grazie alle proprie tradizioni quali centri di sapere, di ricerca, di creatività e di trasferimento delle conoscenze; ne apprezziamo anche il ruolo chiave nella definizione e trasmissione dei valori su cui si fondano le società stesse. Ci proponiamo di assicurare che le istituzioni di istruzione superiore dispongano delle risorse necessarie per continuare a perseguire tutti i loro obbiettivi, che includono: preparare gli studenti alla  cittadinanza  attiva  in una società democratica; preparare gli studenti alla loro futura carriera professionale e consentire loro la piena realizzazione personale; creare e conservare un’ampia base di conoscenze a livello avanzato; stimolare la ricerca e l’innovazione.

1.5 Sottolineiamo pertanto l’importanza di avere delle istituzioni di istruzione superiore forti, diverse, adeguatamente finanziate, autonome e affidabili. I principi di non-discriminazione e di equità di accesso dovrebbero essere rispettati e  promossi in tutto lo Spazio europeo dell’istruzione superiore. Ci impegniamo a sostenere tali principi e ad assicurare che né gli studenti né i docenti abbiano a subire discriminazioni di alcun tipo.

 

2. Progressi nella realizzazione dello Spazio europeo dell’istruzione superiore

 

2.1 Il nostro “Rapporto di verifica 2007” (Stocktaking Report 2007), insieme al rapporto della European University Association (EUA) “Trends V”, a quello delle National Unions of Students in Europe (ESIB) “Bologna With Student Eyes” e a quello di Eurydice “Focus on the Structure of Higher Education in Europe”, conferma che negli ultimi due anni si sono fatti complessivamente dei buoni progressi. Vi è soprattutto una diffusa, crescente consapevolezza che il  risultato più significativo del Processo sarà la trasformazione dell’istruzione superiore in un sistema incentrato sull’apprendimento piuttosto che sull’insegnamento. Continueremo a promuovere questo importante elemento di sviluppo.

Mobilità

2.2 La mobilità di docenti, studenti e laureati è uno degli elementi fondamentali del Processo di Bologna, in quanto crea opportunità di crescita personale, favorisce la cooperazione internazionale fra individui e istituzioni, migliora la qualità dell’istruzione superiore e della ricerca, e realizza la dimensione europea dell’istruzione superiore.

2.3 Dal 1999 ad oggi sono stati fatti notevoli progressi, ma restano ancora molte sfide da affrontare. Fra gli ostacoli alla mobilità i più rilevanti sono i problemi relativi all’immigrazione, al riconoscimento degli studi, ai contributi finanziari insufficienti e alle  norme pensionistiche rigide. Riconosciamo che i singoli governi hanno la responsabilità di facilitare il rilascio di visti, di permessi di soggiorno e di lavoro. Ove tali misure esulino dalla nostra competenza di ministri dell’istruzione superiore, ci impegniamo a operare con i nostri rispettivi governi per ottenere un miglioramento decisivo in questo settore. A livello nazionale, ci adopereremo per utilizzare pienamente gli strumenti e le procedure di riconoscimento già concordate, e  per  trovare  incentivi  ulteriori alla mobilità dei docenti e degli studenti. Intendiamo anche favorire un aumento sostanzioso  dei programmi di studio congiunti, e la creazione di curricula flessibili, ma soprattutto  sollecitare le nostre istituzioni di istruzione superiore ad assumersi maggiori responsabilità  per una mobilità di studenti e docenti più equilibrata ed equa tra i diversi paesi dello Spazio europeo dell’istruzione superiore

Struttura dei titoli accademici

2.4 Con riferimento all’obbiettivo di articolare lo Spazio europeo dell’istruzione superiore in tre cicli, si sono ottenuti buoni risultati sia a livello nazionale che delle singole istituzioni. Il numero degli studenti iscritti a corsi di studio dei primi due cicli è aumentato considerevolmente e sono stati ridotti gli ostacoli strutturali fra cicli. È anche aumentato il numero di corsi strutturati per il  dottorato di ricerca. Rileviamo l’importanza di attuare una riforma dei curricula che porti a titoli più rispondenti sia alle esigenze del mercato del lavoro che alla prosecuzione degli studi. Gli sforzi futuri si dovrebbero concentrare sulla rimozione degli ostacoli all’accesso e alla progressione fra cicli, e a un’adeguata applicazione del Sistema europeo di accumulazione e trasferimento dei crediti (European Credit Transfer and Accumulation System - ECTS), fondato sui risultati dell’apprendimento e sul carico di lavoro degli studenti. Riaffermiamo l’importanza di migliorare l’occupabilità dei laureati e al tempo stesso osserviamo che la raccolta di dati su questo  tema deve essere ulteriormente sviluppata.

Riconoscimento

2.5 L’equo riconoscimento dei titoli di istruzione superiore, dei periodi di studio e  dell’apprendimento pregresso, incluso l’apprendimento informale e non-formale, sono elementi costitutivi dello Spazio europeo dell’istruzione superiore, sia nel contesto interno che in quello globale. Titoli accademici di facile comprensione e comparazione e informazioni accessibili sui sistemi educativi e sui quadri nazionali delle qualifiche costituiscono altrettanti prerequisiti per garantire la mobilità dei cittadini ed una duratura  capacità di attrazione e competizione dello Spazio europeo dell’istruzione superiore. Mentre apprezziamo che trentotto membri del Processo di Bologna, Montenegro incluso, abbiano ratificato la Convenzione di Lisbona (Lisbon Recognition Convention - LRC) del Consiglio d’Europa/Unesco sul riconoscimento delle qualifiche di istruzione superiore nella Regione europea, ai membri che ancora non vi abbiano provveduto raccomandiamo di procedere con urgenza alla ratifica.

2.6 Si registrano progressi nell’applicazione della Convenzione di Lisbona, del sistema ECTS e del Supplemento al diploma (Diploma Supplement), ma occorre dare maggiore coerenza ai vari  approcci al riconoscimento adottati sia a livello nazionale che delle singole istituzioni. Allo scopo di migliorare le prassi di riconoscimento chiediamo pertanto al Gruppo dei sèguiti di Bologna (Bologna Follow-Up Group - BFUG) di far sì che le reti Enic/Naric analizzino i nostri piani di azione e diffondano buone pratiche.

Quadri dei  titoli

2.7 I quadri dei titoli (qualifications frameworks) sono strumenti importanti per ottenere trasparenza e comparabilità all’interno dello Spazio europeo dell’istruzione superiore e per facilitare la mobilità degli studenti entro e fra i sistemi di istruzione superiore. I quadri nazionali dei  titoli (national qualification frameworks) dovrebbero anche aiutare le istituzioni di istruzione superiore a progettare moduli e corsi di studio basati sui risultati di apprendimento attesi e strutturati in crediti, nonché a facilitare il riconoscimento delle qualifiche e di tutte le forme di apprendimento pregresso.

2.8 Prendiamo atto che è stato fatto qualche passo iniziale verso l’attuazione dei quadri nazionali dei titoli ma riteniamo che sia necessario un impegno molto maggiore. Ci impegniamo a realizzare compiutamente entro il 2010 tali quadri nazionali, certificati rispetto al Quadro generale dei  titoli  dello Spazio europeo dell’istruzione superiore (Framework for the Qualifications of the EHEA). Poiché ci rendiamo conto che si tratta di un compito impegnativo, chiediamo al Consiglio d’Europa di agevolare la condivisione di esperienze nell’elaborazione dei quadri nazionali dei titoli. Richiamiamo l’attenzione sul fatto che essi dovrebbero essere disegnati in modo tale da promuovere la mobilità di studenti e docenti e migliorare l’occupabilità dei laureati.

2.9 Rileviamo  con soddisfazione che i quadri nazionali compatibili con il Quadro generale dei titoli dello Spazio europeo dell’istruzione superiore risulteranno  compatibili anche con la proposta della Commissione europea relativa al Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche  per l’apprendimento permanente (European Qualifications Framework for Lifelong Learning).

2.10 Riteniamo che il Quadro generale dei titoli dello Spazio europeo dell’istruzione superiore, su cui avevamo raggiunto pieno accordo a Bergen, costituisca un fattore di primaria importanza per promuovere l’istruzione superiore europea in un contesto globale.

Apprendimento permanente

2.11 Il Rapporto di verifica 2007 mostra che nei sistemi di apprendimento della maggioranza dei paesi esistono alcuni elementi di flessibilità, ma che siamo ancora a livelli iniziali per quanto riguarda lo sviluppo sistematico di percorsi flessibili finalizzati all’apprendimento permanente. Chiediamo dunque al Gruppo dei sèguiti di  Bologna di incrementare lo scambio di buone pratiche e di perseguire una visione comune del ruolo dell’istruzione superiore nell’apprendimento permanente. Attualmente, solo in pochi paesi dello Spazio europeo dell’istruzione superiore  si può dire che il riconoscimento dell’apprendimento pregresso per l’accesso o l’abbreviazione di corso sia adeguatamente utilizzato. Invitiamo il Gruppo dei sèguiti a elaborare proposte per migliorare il riconoscimento di questo tipo di apprendimento, operando in collaborazione con le reti Enic/Naric.

Assicurazione della qualità e Registro europeo delle agenzie per l’assicurazione della qualità

2.12 Gli “Standard e linee guida per l’assicurazione della qualità nello Spazio europeo dell’istruzione superiore” (Standards and Guidelines for Quality Assurance in the EHEA - ESG) adottati a Bergen si sono dimostrati uno strumento efficace e innovativo per l’assicurazione della qualità. Tutti i paesi hanno incominciato a utilizzarli e alcuni hanno fatto progressi considerevoli in tal senso. L’assicurazione esterna della qualità, in particolare, è molto meglio sviluppata di un tempo. Dal 2005 è anche aumentato il coinvolgimento della componente studentesca a tutti i livelli, sebbene occorra fare ulteriori progressi. Dal momento che le istituzioni di istruzione superiore sono le principali responsabili della qualità, esse dovrebbero continuare a sviluppare i propri sistemi interni di assicurazione della qualità. Riconosciamo i progressi fatti nei paesi partecipanti riguardo al reciproco riconoscimento delle decisioni assunte in materia di accreditamento e assicurazione della qualità, e incoraggiamo una costante cooperazione internazionale fra le agenzie nazionali del settore.

2.13 Nel 2006 il primo “Forum europeo sull’assicurazione della qualità”, organizzato congiuntamente dal Gruppo E4 (EUA - European University Association, ENQA - European Association for Quality Assurance in Higher Education, EURASHE - European Association of Institutions in Higher Education, ESIB - The National Unions of Students in Europe),  ha offerto  l’occasione di discutere gli sviluppi dell’assicurazione della qualità in Europa. Incoraggiamo le organizzazioni del Gruppo E4 a proseguire l’iniziativa del Forum su base annuale allo scopo di promuovere la diffusione di buone pratiche e di garantire l’ulteriore miglioramento della qualità nello Spazio europeo dell’istruzione superiore.

2.14 Ringraziamo il Gruppo E4 per aver risposto alla nostra richiesta di maggiori dettagli sugli aspetti pratici dell’istituzione di un “Registro europeo delle agenzie per l’assicurazione della qualità dell’istruzione superiore”. Scopo del Registro è di consentire a tutti i portatori d’interesse e al pubblico in generale il libero accesso a informazioni obiettive su agenzie di assicurazione della qualità affidabili che operino in linea con gli Standard e linee guida europei. Ciò rafforzerà la fiducia nell’istruzione superiore sia nello Spazio europeo che oltre i suoi confini, e faciliterà il reciproco riconoscimento delle decisioni in materia di assicurazione della qualità e di accreditamento. Accogliamo con piacere l’istituzione di un tale Registro da parte del Gruppo E4, frutto della loro collaborazione e basato sul modello operativo da esso proposto. Il Registro si dovrà auto-finanziare e opererà in termini di volontarietà, indipendenza e trasparenza. Le domande di iscrizione nel Registro dovranno essere valutate in base all’effettivo rispetto degli Standard e linee guida europei, evidenziato da un processo di revisione indipendente che può essere  approvato dalle autorità nazionali nei casi in cui esse richiedano tale approvazione. Chiediamo al Gruppo E4 di presentarci attraverso il Gruppo dei sèguiti un rapporto regolare sugli sviluppi della situazione, e di assicurarsi che dopo due anni di attività il Registro sia sottoposto a una valutazione esterna che tenga conto dei punti di vista i tutti i portatori di interesse.

Studi dottorali

2.15 Resta importante l’obbiettivo di stabilire un rapporto più stretto fra lo Spazio europeo dell’istruzione superiore e lo Spazio europeo della ricerca. Riteniamo valido sviluppare e conservare un’ampia varietà di corsi di dottorato nell’ambito del Quadro generale dei titoli dello Spazio europeo dell’istruzione superiore, evitando tuttavia un eccesso di regolamentazione. Al tempo stesso affermiamo che potenziare gli studi di terzo ciclo e migliorare lo status giuridico, le prospettive di carriera e le opportunità di finanziamento dei giovani ricercatori sono condizioni essenziali per raggiungere  l’obbiettivo europeo di rafforzare la capacità di ricerca e migliorare la qualità e competitività dell’istruzione superiore europea.

2.16 Invitiamo pertanto le nostre istituzioni di istruzione superiore a impegnarsi sempre di più a inserire i corsi di dottorato di ricerca nelle politiche e nelle strategie istituzionali, e a creare opportunità di carriera appropriate per i dottorandi e i giovani ricercatori.

2.17 Invitiamo l’EUA (European University Association) a continuare a sostenere la condivisione di esperienze fra le istituzioni di istruzione superiore sui corsi dottorali più  innovativi che stanno emergendo in Europa, come pure su altri fattori di cruciale rilievo quali la trasparenza dei meccanismi di accesso, le procedure di supervisione e di valutazione, lo sviluppo di competenze  trasferibili e i modi per incentivare l’occupabilità. Cercheremo di incoraggiare un maggiore scambio di informazioni sulle possibilità di finanziamento e su altri temi non solo fra i nostri governi ma anche con altri enti che finanziano la ricerca.

Dimensione sociale

2.18 L’istruzione superiore dovrebbe svolgere un deciso ruolo per favorire la coesione sociale, ridurre le disuguaglianze ed elevare  il livello di conoscenze, abilità e competenze nella società. Le strategie politiche dovrebbero quindi tendere a valorizzare al massimo il potenziale dei singoli in termini di sviluppo personale e il loro contributo alla costruzione di una società sostenibile e democratica, fondata sulla conoscenza. Condividiamo l’aspirazione delle nostre società a che l’insieme degli studenti che entrano nell’istruzione superiore, che vi partecipano e la completano a qualsiasi livello debba riflettere la diversità delle nostre popolazioni. Riaffermiamo  il principio che gli studenti debbano essere in grado di completare i loro studi senza ostacoli derivanti  dalle loro condizioni sociali ed economiche. Proseguiremo perciò i nostri sforzi per fornire agli studenti servizi adeguati, per creare percorsi di apprendimento più flessibili sia per l’accesso all’istruzione superiore che per la mobilità al suo interno, e per estendere la partecipazione a tutti i livelli secondo il principio delle pari opportunità.

Lo Spazio europeo dell’istruzione superiore  in un contesto globale

2.19 Siamo lieti di constatare che in molte parti del mondo le riforme determinate dal Processo di Bologna hanno suscitato un interesse considerevole e hanno stimolato il confronto fra istituzioni europee e quelle di altri continenti su una serie di temi, fra i quali figurano il riconoscimento dei titoli, i vantaggi della collaborazione basata su accordi di partenariato, la mutua fiducia e conoscenza, e i valori fondamentali del Processo di Bologna. Riconosciamo inoltre che alcuni paesi di altre parti del mondo hanno compiuto sforzi per avvicinare i loro sistemi all’architettura dell’istruzione superiore delineata dal Processo di Bologna.

2.20 Adottiamo la strategia “Lo Spazio europeo dell’istruzione superiore in un contesto globale” e intendiamo proseguire il nostro impegno in alcuni settori strategici: migliorare l’informazione sullo Spazio europeo dell’istruzione superiore e promuoverne l’attrattività e la competitività; rafforzare la cooperazione fondata sul partenariato; intensificare il dialogo sulle politiche; migliorare il riconoscimento dei titoli. Tale impegno dovrebbe essere visto in relazione alle indicazioni contenute nelle “Linee guida per la qualità nell’erogazione dell’istruzione superiore transnazionale” dell’Ocse/Unesco.

 

3. Priorità per il 2009

 

3.1 Nei prossimi due anni conveniamo di concentrarci sul completamento delle linee di azione già concordate, incluse le priorità già affermate del sistema a tre cicli, dell’assicurazione della qualità, del riconoscimento dei titoli accademici e dei periodi di studio. Ci concentreremo in particolare sulle seguenti aree di azione.

Mobilità

3.2 Nei rapporti nazionali per il 2009 riferiremo sulle azioni intraprese a livello nazionale per promuovere la mobilità degli studenti e dei docenti, inclusi i provvedimenti assunti  per una  futura valutazione. Ci concentreremo sulle principali sfide nazionali indicate nel paragrafo 2.3. Concordiamo inoltre sull’obbiettivo di creare una rete di esperti nazionali per uno scambio di informazioni finalizzato all’identificazione e al superamento degli ostacoli relativi alla portabilità delle borse di studio e dei prestiti.

Dimensione sociale

3.3 Analogamente, riferiremo sulle politiche e sulle strategie nazionali relative alla dimensione sociale, inclusi i piani d’azione e i provvedimenti assunti per valutarne l’efficacia. Inviteremo tutti i portatori di interesse a partecipare e a sostenere tali attività a livello nazionale.

Raccolta dati

3.4 Riconosciamo la necessità di migliorare la disponibilità di dati sulla mobilità e sulla dimensione sociale in tutti i paesi aderenti al Processo di Bologna. Pertanto chiediamo alla Commissione Europea (Eurostat) di elaborare congiuntamente a Eurostudent degli indicatori e dei dati comparabili e affidabili, allo scopo di valutare i progressi fatti nel perseguimento degli obbiettivi generali della dimensione sociale e della mobilità degli studenti e dei docenti in tutti i paesi coinvolti nel Processo di Bologna. I dati in questo ambito dovrebbero riguardare l’equità nella partecipazione all’istruzione superiore e l’occupabilità dei laureati. Il compito descritto dovrebbe essere realizzato insieme al Gruppo dei sèguiti di Bologna e un rapporto dovrebbe essere presentato alla Conferenza ministeriale del 2009.

Occupabilità

3.5 A seguito dell’introduzione del sistema di titoli su tre cicli, chiediamo al Gruppo dei sèguiti di  Bologna di esaminare in maggiore dettaglio come si possa migliorare l’occupabilità per i titoli rilasciati in ciascuno dei tre cicli e anche nel contesto dell’apprendimento permanente. Ciò richiederà il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse. I governi e le istituzioni di istruzione superiore dovranno  comunicare con maggiore chiarezza ai datori di lavoro e agli altri portatori di interesse le motivazioni e i principi che sono alla base delle riforme. Agiremo di concerto  con i nostri governi per garantire che le opportunità di impiego e la struttura  delle carriere nella pubblica amministrazione siano del tutto compatibili con il nuovo sistema di titoli accademici. Raccomandiamo vivamente alle istituzioni di istruzione superiore di coinvolgere sempre di più i datori di lavoro – attraverso partenariati e  collaborazioni strutturate – nel processo di innovazione curricolare  basato sui  risultati di apprendimento attesi.

Lo Spazio europeo dell’istruzione superiore in un contesto globale

3.6 Chiediamo al Gruppo dei sèguiti di Bologna di presentarci entro il 2009 una relazione sugli sviluppi complessivi in questo settore a livello europeo, nazionale e istituzionale. Tutti i portatori di interesse hanno un proprio ruolo al riguardo, entro i rispettivi ambiti di responsabilità. Nel riferire sull’attuazione della strategia per lo Spazio europeo dell’istruzione superiore in un contesto globale, il Gruppo dei sèguiti di Bologna dovrebbe tenere conto di due priorità: primo, migliorare le informazioni disponibili sullo Spazio europeo dell’istruzione superiore sviluppando il sito internet del Segretariato di Bologna e facendo tesoro del “Manuale per l’attuazione del Processo di Bologna” dell’EUA; secondo, migliorare il riconoscimento dei titoli dei paesi terzi.  Invitiamo le istituzioni di istruzione superiore, i centri Enic/Naric e le altre autorità competenti in materia di riconoscimento all’interno dello Spazio europeo a valutare i titoli provenienti da altre parti del mondo con la stessa apertura mentale con cui auspicherebbero che venissero valutati altrove  i titoli europei, e di fondare tale riconoscimento sui principi della Convenzione di Lisbona.

Verifica (Stocktaking)

3.7 Chiediamo al Gruppo dei sèguiti di Bologna di proseguire il processo di verifica, sulla base dei rapporti nazionali, in tempo utile per la nostra Conferenza ministeriale del 2009. Da tale processo ci attendiamo un ulteriore sviluppo dell’analisi qualitativa, con particolare riferimento alla mobilità, al Processo di Bologna in un contesto globale e alla dimensione sociale. I temi presi in considerazione nel processo di verifica dovrebbero continuare a includere il sistema dei titoli accademici e l’occupabilità dei laureati, il riconoscimento dei titoli e dei periodi di studio, l’assicurazione della qualità  – in tutti i suoi aspetti – secondo gli Standard e linee guida dell’ENQA. Al fine di promuovere  la centralità dell’apprendimento e una progettazione dei curricula basata sui risultati di apprendimento attesi, il prossimo Rapporto di verifica dovrebbe prendere in considerazione in modo integrato anche i Quadri dei titoli, i risultati dell’apprendimento, i crediti, l’apprendimento permanente e il riconoscimento dell’apprendimento pregresso.

 

4. Guardando al 2010 e oltre

 

4.1 Dal momento che lo Spazio europeo dell’istruzione superiore continua a svilupparsi e a  rispondere alle sfide della globalizzazione, prevediamo che la necessità di collaborare continuerà ben oltre il 2010.

4.2 Siamo decisi a cogliere il 2010, che segnerà il passaggio dal Processo di Bologna allo Spazio europeo dell’istruzione superiore, come occasione imperdibile  per riaffermare il nostro impegno  a favore dell’istruzione superiore, che consideriamo essenziale per rendere le nostre società  sostenibili a livello nazionale ed europeo. Considereremo il 2010 come un’opportunità per riformulare la visione che ci  ha spinti nel 1999 a mettere in moto il Processo di Bologna e a creare uno Spazio europeo dell’istruzione superiore fondato su valori e visioni che vadano ben oltre le  strutture e gli strumenti. Faremo in modo che il 2010 rappresenti l’occasione per  indirizzare i nostri sistemi di istruzione superiore verso un percorso  che vada al di là delle questioni contingenti e li renda idonei ad affrontare le sfide decisive per il nostro futuro.

4.3 Chiediamo al Gruppo dei sèguiti di Bologna di  riflettere su come potrebbe svilupparsi lo Spazio europeo dell’istruzione superiore dopo il 2010 e di riferirci su questo tema nel prossimo incontro ministeriale del 2009. Tale riflessione dovrebbe anche contenere proposte per la realizzazione di strutture di sostegno adeguate, considerando che gli attuali accordi informali di collaborazione stanno funzionando bene e hanno prodotto trasformazioni mai verificatesi in precedenza.

4.4 Prendendo spunto dai precedenti Rapporti di verifica, dai rapporti “Trends V” (EUA) e  “Bologna with Student Eyes” (ESIB), invitiamo il Gruppo dei sèguiti di Bologna a prevedere per il 2010 la preparazione, in collaborazione con i membri consultivi, di un rapporto che comprenda anche una valutazione indipendente sui progressi complessivi del Processo di Bologna nell’intero Spazio europeo dell’istruzione superiore a partire dal 1999.

4.5 Deleghiamo al Gruppo dei sèguiti di Bologna la decisione sulla natura, i contenuti e la sede di un eventuale incontro ministeriale nel 2010. La decisione dovrà essere presa entro la prima metà del 2008.

4.6 Il nostro prossimo incontro sarà ospitato dai paesi del Benelux e si svolgerà a Leuven/Louvain-la-Neuve il 28-29 aprile 2009.