Anno Scolastico 1998/99

CHI SIAMO

Alunni Scuola Elementare

646

 

Alunni Scuola Materna

197

 

Insegnanti Scuola Elementare

77

 

Insegnanti Scuola Materna

23

 

Personale ATA Segreteria

5

 

AGISEM

 

 

COMITATO GENITORI

 

RESPONSABILITA’ E DECISIONI

La circolare 274 indica il modello sperimentale verifica a fine anno scolastico per rinnovo triennale figure e supporto autonomia (Collaboratori e Vicario)
(vedi allegato A)

DIDATTICA

Dipartimenti disciplinari coordinamento programmazioni
I PROGETTI AUTONOMIA
LE COMMISSIONI e i progetti

  • Continuità
  • Qualità
  • ambiente

FORMAZIONE

a.s. 98-99 Aggiornamento

  • NATURA COME GIOCO (ed.ambientale)
  • INFORMATICA (Sperimentazione A e B coinvolti tutti i plessi)
  • CONVEGNO AUTONOMIA
  • SPERIMENTAZIONE 100 SCUOLE VIVES
  • AUTOVALUTAZIONE PRESTAZIONI DEL SINGOLO INSEGNANTE

VALUTAZIONE

di istituto Progetto Qualità

 

  • CLIMA INTERNO
  • SPERIMENTAZ. AUTOVALUTAZIONE

- verifiche e valutazioni disciplinari per alcune aree (1° ciclo)

TERRITORIO E RETE

CONTINUITA’

  • scuole medie, materne statali e non statali

USSL

  • Progetto Affido
  • Denti Sani oggi e domani I° Ciclo
  • La salute nel piatto II° Ciclo

ATTIVITA’ SPORTIVE

  • Pattinaggio (350 alunni partecipanti)
  • Giochi della Gioventù
  • Giochi atletici II° ciclo

L’ENTE LOCALE HA FINANZIATO

  • Progetto teatrale
  • Cento Strade
  • Progetto Associazione Nostra Città (Legge Turco)
  • Progetti Sportivi (Orienteering – Atletica II° ciclo per tutti i plessi)

VOLONTARIATO

Accordi e collaborazione con:

  • Centro Scalabrini
  • Progetto di sostegno alunni e famiglie extracomunitari

 

Anno Scolastico 1999/2000

CHI SIAMO

Alunni Scuola Elementare

679

 

Alunni Scuola Materna

196

 

Insegnanti Scuola Elementare

77

 

Insegnanti Scuola Materna

23

 

Personale ATA Segreteria

5

 

AGISEM

 

 

COMITATO GENITORI

 

RESPONSABILITA’ E DECISIONI

La sperimentazione figure a supporto dell’autonomia (circ.n.274 del 24.09.98)è stata verificata e votata nel Collegio 1° settembre ’99. Continuerà per altri due anni. Si amplierà con le figure obiettivo e le responsabilità che il Collegio darà loro.

Si dà avvio ad una riorganizzazione della segreteria.

 

LA DIDATTICA E IL SUO RINNOVO

PROGETTO IN VIA DI DEFINIZIONE si prevede la collaborazione con l’Università durante l’anno scolastico per 8 incontri di approfondimento disciplinare nell’ottica dell’apprendimento cooperativo, saranno attivati gruppi di studio in sostituzione ai precedenti dipartimenti.

LA FORMAZIONE

TERRITORIO E RETE

Continuano le esperienze dello scorso anno scolastico.

Inoltre è sorto un CENTRO TERRITORIALE PER LA FORMAZIONE C.T.F. Bassano

Come accordo di rete ai sensi dell’art. 7, comma 1 del Regolamento in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, tra un gruppo di scuole del territorio bassanese, con l’appoggio e la collaborazione, sanciti da specifici Protocolli d’intesa, del Comune di Bassano, dell’IRRSAE Veneto, delle Università del Veneto, e con l’adesione di alcune scuole statali e non. (vedi allegato B).

E’ prevista la partecipazione ad un corso di formazione attivato in rete dall’Assessorato Servizi sociali (All.C).

VALUTAZIONE

Continuano le esperienze consolidate negli anni precedenti, PROGETTO QUALITA’, CLIMA INTERNO.

Inoltre quest’anno saranno diffusi alcuni strumenti di valutazione – autovalutazione elaborati dal Gruppo Sperimentazione 100 Scuole (psicosociogramma e strumenti per l’analisi e la valutazione del comportamento verbale tra insegnante e alunni).

PROCEDURE

deliberate dal Collegio per organizzare la 1^ fase di elaborazioni P.O.F.

Il Collegio docenti del maggio scorso ha dato delega illimitata ad una insegnante (Anna Mancuso) di organizzare i lavori di Progettazione P.O.F. Ha riunito subito un gruppo su base volontaria con una decina di incontri da effettuare tra maggio e settembre.

1° Collegio di Settembre

Il gruppo relaziona al Collegio le linee emerse durante i primi incontri e allarga il gruppo con altri insegnanti che sono interessati.

2° Collegio di Settembre

Il gruppo espone le linee essenziali e la prima ipotesi di delimitazione aree per le funzioni obiettivo.

Il Collegio si divide in sottogruppi che discutono e risistemano tale ipotesi.

Si deliberano le modalità per riunire una Commissione Tecnica che valuti i criteri e le richieste da parte degli insegnanti che vogliono candidarsi come figure obiettivo. La Commissione sarà composta da un insegnante per plesso, questi insegnanti non potranno candidarsi.

Le varie considerazioni emerse nei gruppi verranno sintetizzate nel gruppo P.O.F.

3° Collegio di Settembre (16 settembre)

Il Collegio delibererà le funzioni obiettivo e insedierà la Commissione Tecnica con il compito di stabilire criteri per la scelta figure obiettivo e di relazionare al collegio di ottobre tale scelta. La delibera finale spetterà al collegio dei primi di ottobre.

In questi giorni l’insegnante utilizzato nei laboratori d’informatica cercherà di dare un’immagine chiara che unifichi i vari punti del P.O.F. che stiamo costruendo.